Community
 
Pastorellos...
   
 

Pastorello's World

Un viaggio attravero il mio mondo!!! E che mondo...

 

I'M A COUNTRY BOY

 

ADESSO SIAMO IN ...

visitor stats
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

NON VOGLIO MICA LA LUNA...

Punta sempre la Luna... per male che vada incontrerai milioni di stelle!

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 6
 

 

« Post n.68Post n. 70 »

Post n.69

Post n°69 pubblicato il 25 Agosto 2010 da Pastorellos_Life
 
Tag: Libri

Io, prigioniero in Russia – Vincenzo Di Michele

Il titolo di questa biografia non lascia spazio ad interpretazioni, e in poche parole raccoglie tutto lo sgomento e la disperazione della più imponente e sanguinosa disfatta bellica che l’Italia ha subito nella Seconda Guerra Mondiale.

L’autore propone dopo una breve propria presentazione il racconto scritto dal padre Alfonso, di proprio pugno, dell’esperienza vissuta durante il servizio militare, che lo ha costretto per più di tre anni lontano di casa, confinandolo in una dimensione disumana e irreale ai limiti della sopravvivenza.La storia comincia con piacevoli ricordi di infanzia e adolescenza trascorse nel paese natale, Intermesoli sull’Appennino abruzzese alle pendici del Gransasso. E poi la chiamata alle armi negli alpini alla Brigata Julia e la partecipazione alla terribile campagna i Russia.Il racconto diventa sconvolgente, nonostante vengano volutamente omessi i dettagli più macabri, assume un’incisività tremenda riuscendo a trasmettere al lettore un incredibile senso di angoscia e sgomento, forse anche a causa di alcune premesse che sottolineano come la durezza di quei momenti non fosse nulla rispetto a quanto la vita avrebbe riservato al protagonista nei mesi a venire. La guerra “finisce”, e comincia la deportazione con massacranti marce in mezzo al nulla a -45 gradi sottozero con i soldati che incalzavano il ritmo per coloro che camminavano, e “lasciavano andare” quelli che non vi riuscivano: tanto in mezzo alla steppa, senza cibo, senza acqua (perché mangiare la neve non serve) a quelle temperature restare indietro voleva dire morire.
E poi l’arrivo al terribile campo di Tambov da dove per puro caso il protagonista riesce ad essere allontanato dopo soli tre mesi ad un pelo dalla fine, quando ormai il corpo e l’animo erano stremati.Commovente il ritorno a casa, e soprattutto il ricordo di coloro che attendevano i reduci alla stazione con in mano una foto del proprio figli/marito/fidanzato e la speranza che qualcuno di quei sopravvissuti potesse custodirne qualche informazione.E’ una lettura veramente forte, scritta con parole semplici e dirette, che forse anche per questo colpiscono come un pugno in faccia. Nonostante questo ritengo che sia una lettura assolutamente indispensabile, per riconoscere onore a chi a perduto la vita in quella folle missione, e soprattutto per non dimenticare cosa significa la guerra, anche oggi, quando è una parola che non va più di moda e si preferisce chiamarla “missione di pace”.

E’ una lettura che segna, esattamente come tante più famose quali “Il sergente nella neve” di Mario Rigoni Stern, ma che forse proprio perché meno annunciata da recensioni e commenti assume un’incisività davvero unica. La lettura è velocissima, e al suo interno parecchie foto e cartine rendono tutto ancora più reale, sottraendo alla fantasia ogni interpretazione.

Se fosse una canzone “Sul cappello che noi portiamo”.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: Pastorellos_Life
Data di creazione: 23/10/2006
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Pastorellos_Lifemros77manu.rossanaonirapsatatina1984.gbmarypoppins1975Scorpioncettokremuzioantropoeticofernandez1983spaspagraficajumbonika2010non.sono.ioRue_Morgue2
 
 

ULTIMI COMMENTI

L'ho letto, mi è molto piaciuto...
Inviato da: tatisposi
il 03/06/2009 alle 17:21
 
da non perdere di hassel 'maledetti da dio' e...
Inviato da: fiorisullapelle
il 25/09/2007 alle 22:49
 
conosco sven hassel di nome. ora vivo da solo ma fino...
Inviato da: apocalipse1now
il 27/08/2007 alle 23:29
 
bellissimo.... ne fu tratto anche un buon film... se non...
Inviato da: gabry0079
il 24/07/2007 alle 11:44
 
metto in elenco :)
Inviato da: nalya
il 22/06/2007 alle 08:51
 
 

I WANT YOU

immagine
 

THE GREAT KENNY ROGERS