FERNANDO ONLINE

Di Zorzella Fernando

Creato da FernandoIR il 14/04/2011

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2015 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

I miei link preferiti

 

2° LETTERA GIA’ SPEDITA AL RPESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Post n°4528 pubblicato il 24 Gennaio 2015 da FernandoIR
Foto di FernandoIR

Lettera già spedita!!!

13 SETTEMBRE 2014

Egregio Presidente, sono  Fernando Zorzella, sono il Commissario Straordinario della Serenissima Repubblica di Venezia.

Mi duole constatare che lei non mi ha ancora chiamato, come avevo scommesso, e ancor di più mi duole constatare che non state facendo niente per migliorare l’andamneto futuro della vostra nazione.

Sono entrato a conoscenza che lei ha detto e dichiarato al Presidente del Consiglio dei Ministri di far bene e di prendersi tutto il tempo che gli serve.

Io le ricordo che tempo non ne ha più, questo non è il tempo di prendere tempo, occorre fare in fretta.

Questo non è il tempo di andare a fare viaggi in europa per farsi dare i compiti da fare a casa, questo è il tempo di stare in ufficio e lavorare, decretare, decretare, decretare, questo è il tempo che ogni giorno deve arrivare alla fine con un decreto che migliori la vita della gente.

L’Italia è fatta di italiani e non da altri popoli, quindi, bisogna far lavorare per far star bene gli italiani.

Aspetto sue comunicazioni in merito, cordiali saluti.

Zorzella Fernando, Commissario Straordinario della Serenissima Repubblica di Venezia.

Cellulare 3289232363

 

Mail fernandozorzella@gmail.com

 
 
 

VOGLIO IN PAESE UN GRADO DI TRASPARENZA CHE NON C’E’ DA NESSUN’ALTRA PARTE: 1° PARTE

Post n°4527 pubblicato il 24 Gennaio 2015 da FernandoIR
Foto di FernandoIR

AGGIUNGO: “ ….. E NON INDIETREGGERO’ MAI DI UN METRO SU QUESTO!!!”

Il giorno in cui DIO dedicherà un po’ di tempo al nostro paese, dopo tutte le miserie che deve risolvere, ci troveremo trasformati in frazione di Bovolone, o peggio di Oppeano, o peggio Uniti ovvero fusi con 3 comuni che sono più piccoli ed insignificanti rispetto a Noi.

Noi “Isola Rizza”, dovremmo spadroneggiare nella bassa, dovremmo essere l’esempio imprescindibile per gli altri comuni, Noi dovremmo essere il terrore dei piccoli comuni che abbiamo attorno, perché è giusto dirlo fuori dai denti paesi come Roverchiara e Roverchiaretta, non dovrebbero più esistere, ma essere frazioni di Isola Rizza.

SI PUO’ ARRIVARE A QUESTO?

SI! MA DOBBIAMO ESSERE UN’ALTRA COSA!!!

La trasparenza di questa amministrazione è una realtà e non si può negare, ma non è sufficiente.

La mia non è una critica, però, ma uno stimolo.

Aumentiamo di più, il grado di trasparenza e di coinvolgimento della gente nella vita sociale del paese.

CREIAMO UN COMITATO DI GESTIONE DEL PAESE CHE AFFIANCATO ALL’AMMINISTRAZIONE AIUTI A PRENDERE LE DECISIONI E AD ESSERE SEMPRE PIU’ VICINI E COLLABORARE.

QUESTO E’ UNO STIMOLO UN INCORAGGIAMENTO PER LA MAGGIORANZA A FARE SEMPRE DI PIU’ LA DIFFERENZA.

PERCHE?

Perché siete bravi, e come si fa con LA GENTE BRAVA, vi voglio incoraggiare e spronare ad essere sempre meglio, non vi voglio veder cedere mai neanche un secondo.

CREATE IL CONSILGIO DI AMMINISTRAZIONE CITTADINO!!!

VI DIRO’ COME FARE LA PROSSIMA SETTIMANA GIORNO PER GIORNO!!!

 

 

 
 
 

IL VANGELO DELLA DOMENICA ED IL COMMENTO

Post n°4526 pubblicato il 24 Gennaio 2015 da FernandoIR
Foto di FernandoIR

Di seguito il vangelo di domani!

Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo».
Passando lungo il mare di Galilea, vide Simone e Andrea, fratello di Simone, mentre gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. Gesù disse loro: «Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini». E subito lasciarono le reti e lo seguirono. 
Andando un poco oltre, vide Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, mentre anch’essi nella barca riparavano le reti. E subito li chiamò. Ed essi lasciarono il loro padre Zebedèo nella barca con i garzoni e andarono dietro a lui.

Di seguito l’omelia!

Le letture di questa domenica ci invitano a una profonda conversione interiore. Nella prima lettura abbiamo ascoltato l'incarico che Dio diede al profeta Giona di andare a Ninive, una grande città pagana, per predicare e rivolgere a tutti l'appello alla conversione. I niniviti, pur essendo pagani, ascoltarono docilmente le parole di Giona e diedero segni di conversione. «Ancora quaranta giorni e Ninive sarà distrutta» (Gio 3,4), proclamava il profeta, e – continua il testo – «i cittadini di Ninive credettero a Dio e bandirono un digiuno, vestirono il sacco, grandi e piccoli» (Gio 3,5). Allora «Dio vide le loro opere, che cioè si erano convertiti dalla loro condotta malvagia» (Gio 3,10) e non li castigò.
Questo appello alla conversione risuona anche nella predicazione di Gesù. Il Maestro Divino, iniziando la sua predicazione in Galilea, disse con forza: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete al Vangelo» (Mc 1,15). Queste parole sono rivolte a ciascuno di noi, a noi che ogni domenica andiamo alla Messa, che tante volte pensiamo di essere dei buoni cattolici. Ogni giorno possiamo e dobbiamo convertirci. Non ci sarà mai un momento nel quale potremo dire di aver raggiunto il nostro obiettivo: ci sarà sempre da migliorare. Per alcuni sarà una conversione dal peccato alla vita di grazia; per altri, una conversione dalla mediocrità al fervore; per i più generosi si tratterà di una conversione da una vita di fervore alla santità.
La vita cristiana è un po' come risalire la corrente di un fiume: se non si rema si torna inevitabilmente indietro. Alla stesso modo, se non ci si converte continuamente, se non si cerca in tutti i modi di migliorare, inevitabilmente si torna indietro verso la mediocrità e il peccato. Pertanto, le parole di Gesù sono rivolte a tutti noi. Ogni giorno dobbiamo ripetere quelle belle parole del Salmo: «Fammi conoscere, Signore, le tue vie, insegnami i tuoi sentieri» (Sal 24,4).
Tante volte noi sentiamo l'ispirazione e il desiderio di migliorare, ma commettiamo il grande errore di rimandare a domani ciò che possiamo fare oggi, e così passano i mesi e gli anni e noi rimaniamo sempre quelli di prima, anzi, torniamo sempre più indietro. San Paolo pertanto ci dice: «Fratelli, il tempo si è fatto breve [...] passa la figura di questo mondo» (1Cor 7,29-31). Con queste parole, l'Apostolo delle genti ci invita a usare con prudenza e moderazione i beni che passano, per non perdere i beni eterni.
Come abbiamo potuto notare, sia nella prima lettura che nel Vangelo, la conversione dei niniviti e la conversione dei primi Discepoli di Gesù è iniziata dall'ascolto della predicazione della Parola di Dio. Non c'è conversione se non vi è ascolto; e non c'è ascolto se non vi è predicazione. La predicazione illumina le menti affinché esse possano conoscere la verità tutta intera, senza menomazioni di sorta. Per questo motivo, san Francesco scrisse nella sua Regola che i frati dovevano predicare semplicemente, parlando dei vizi e delle virtù, della pena e della gloria. Le anime hanno il diritto di conoscere la verità interamente, senza compromessi e accomodazioni. Ai giorni d'oggi, forse, si tende a tacere alcune verità "scomode" come quelle che riguardano i Novissimi, in particolare il Giudizio e l'inferno, per non spaventare i fedeli. San Francesco non era di questo parere e voleva che si annunciasse semplicemente la verità in modo integrale, per il bene di tutti fedeli.
Per questo motivo così egli esortava: «Il piacere è breve: la pena eterna. La sofferenza è poca: la gloria infinita... tutti saremo giudicati. Fratelli, finché abbiamo tempo, operiamo il bene». Il tempo passa e noi ci avviciniamo inesorabilmente al giorno del nostro Giudizio. Viviamo su questa terra senza perdere di vista questa verità che è l'unica cosa certa della nostra vita.
Predicando e invitando tutti alla conversione, Gesù chiamò i suoi primi Discepoli. Chiamò Andrea e suo fratello Simone, e chiamò i figli di Zebedeo, Giacomo e Giovanni. La cosa che colpisce in modo particolare è la prontezza di questi uomini nel lasciare tutto per seguire il Signore. Di Andrea e Simone, il Vangelo dice che «subito, lasciarono le reti e lo seguirono» (Mc 1,18); di Giacomo e Giovanni, il testo dice che «essi lasciarono il loro padre Zebedeo nella barca con i garzoni e andarono dietro a lui» (Mc 1,20). La risposta dei primi Discepoli è stata davvero generosa, e Gesù promette loro qualcosa di molto grande: «Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini» (Mc 1,17). Seguire Gesù significa diventare suoi collaboratori nell'opera della Redenzione.
Preghiamo dunque affinché ci siano sempre numerose e sante vocazioni, per la salvezza e il bene delle anime.

>>> IMPORTANTE <<<

C’E’ DA FINIRE DI RIPARARE IL TETTO DELLA PARROCCHIA, ABBIAMO LA FORTUNA CHE IN PAESE C’E’ DON ANGELO CHE E’ CAPACE DI REALIZZARE E FINIRE GRANDI LAVORI.

PARTECIPIAMO ALLA MESSA TUTTI E SIAMO GENEROSI E TUTTO SI SISTEMERA’ SENZA GROSSI ESBORSI.

Siamo in 3000 e passa in paese, se facciamo i conti che 2000 siano cristiani credenti, andando tutte le settimane a messa e dando 1 euro a persona in un anno senza accorgersi diamo alla parrocchia 104.000 euro, dai ce la possiamo fare.

 

DAI AMICI RESTIAMO UNITI CON IL NOSTRO PARROCCO.

 
 
 

IL SEGRETO – COSA VEDREMO LA PROSSIMA SETTIMANA

Post n°4525 pubblicato il 24 Gennaio 2015 da FernandoIR
Foto di FernandoIR

GIORNO PER GIORNO TUTTI I SEGRETI DELLA PROSSIMA SETTIMANA

Fernando Online ogni sabato vi presenta le anticipazioni sulle puntate della prossima settimana della Soap che sta mietendo un numero di successi impressionante.

Ecco i principali avvenimenti che caratterizzeranno le puntate dal 25 al 31 gennaio 2015:

·         Domenica 25 gennaio 2015: Raimundo, inconsapevole del rischio che sta correndo vivendo a stretto contatto con Francisca, informerà Don Anselmo della sua decisione, ovvero costruirsi una vita con la Montenegro, mentre le indagini sulla violenza subita da Maria diventeranno sempre più complesse e complicate per Gonzalo. Mariana ritroverà dei guanti nascosti da Fernando Mesia in un armadio e nella sua mente riecheggeranno le parole pronunciate dal giovane sacerdote, secondo cui il violentatore di Maria potrebbe essere una persona ben nota alla ragazza.

·         Lunedì 26 gennaio 2015: Raimundo, dopo il forte malore, inizierà a sentirsi meglio, mentre i preparativi delle nozze di Maria e Fernando proseguiranno senza sosta e Gonzalo sarà sempre più affranto perché presto dovrà celebrare il matrimonio della donna che ama. Intanto Maria chiederà, dati i continui malori di Raimundo, di posticipare la data delle nozze

·         Martedì 27 gennaio 2015: Finalmente, per la felicità di Tristan ( e di Olmo) Soledad farà ritorno a Puente Viejo e sarà uno spirito libero. Maria, invece, inizierà a sospettare di Fernando mentre Mariana sarà sempre più convinta che ad avere abusato della nipote sia stato proprio Fernando. Candela riceverà una proposta inaspettata da parte di Tristan: l’ex soldato vuole che l’accompagni al matrimonio di Maria.

·         Mercoledì 28 gennaio 2015: Alfonso è preoccupato per le condizioni di salute di Raimundo, mentre Gonzalo confesserà a Don Anselmo di amare profondamente la figlia di Emilia. Soledad, invece, incontrerà Olmo Mesia ma l’uomo resterà di stucco quando la giovane si mostrerà a lui con una forte indifferenza.

·         Giovedì 29 gennaio 2015: Mariana scoprirà che Lisardo era insieme a Fernando la stessa notte che la dolce figlioccia di Emilia ha subito l’aggressione, per questo si metterà sulle sue tracce. Lo ritroverà?

·         Venerdì 30 gennaio 2015: Nella puntata pomeridiana, che andrà in onda dalle 16,20 alle 17,00 circa, Mariana riuscirà a ritrovare Lisardo, il quale, in cambio di una giornata a letto, le prometterà di raccontarle tutta la verità. Gonzalo, invece, sarà sempre più disperato, perché è consapevole che presto perderà per sempre Maria. Nella puntata serale, invece, Soledad, con i suoi modi di fare, alimenterà chiacchiericci ed incomprensioni in Paese, mentre Mariana sarà al corrente della verità riguardo allo stupro della nipote.

 

·         Sabato 31 gennaio 2015: Raimundo continuerà ad essere avvelenato da Francisca, mentre Quintina vivrà dei momenti difficili a causa di Rogelio. Hipolito, che riceverà delle lezioni di boxe da parte di Mauricio, si offrirà di ringrazialo, ma l’uomo lo ricambierà con molta freddezza.

 
 
 

NEWS COMUNALE DA RICORDARE IL SABATO

Post n°4524 pubblicato il 24 Gennaio 2015 da FernandoIR
Foto di FernandoIR

Istituzione dell’elenco dei volontari individuali per progetti di servizio civico di pubblica utilità nel Comune di Isola Rizza

http://www.comune.isolarizza.vr.it/dettaglio_news.php?id=477&ln=it

BANDO AFFITTI 2014 RELATIVO AL CANONE DI LOCAZIONE 2013. SCADENZA DOMANDE 11 FEBBRAIO 2015

http://www.comune.isolarizza.vr.it/dettaglio_news.php?id=473&ln=it

BANDO DI CONCORSO PER L'ASSEGNAZIONE DI UNA BORSA DI STUDIO A.S. 2013/2014

http://www.comune.isolarizza.vr.it/dettaglio_news.php?id=480&ln=it

 

 

 
 
 

COMMISSIONE CARITAS

Post n°4523 pubblicato il 24 Gennaio 2015 da FernandoIR
Foto di FernandoIR

CALENDARIO ATTIVITA’ :

Cliccando sul link qui sotto troverete l’opuscolo informativo

 

https://docs.google.com/file/d/0B__abHivD4zBRUd2aWpxQUtTeC1JMC1FWTF2dFlHUQ/edit

 
 
 

IL COMUNE VERRA’ CHIUSO PER PROTESTA

Post n°4522 pubblicato il 24 Gennaio 2015 da FernandoIR
Foto di FernandoIR

Io domani non potrò essere presente perché sono in malattia e non posso rischiare problemi sul lavoro, ma E’ UNA MANIFESTAZIONE GIUSTA, che tutti i primi cittadini dovrebbero seguire, o almeno tutti quelli del Veneto.

E’ giusto che tutte le persone che riescano ad andare ci vadano, ma soprattutto è giusto non lamentarsi se il Municipio è chiuso al pubblico, perché è l’esempio migliore e che rende meglio per capire che fine stiamo facendo e che fine stanno facendo i nostri piccoli comuni.

Siccome nessuno ha ormai più le palle per dire come devono andare veramente le cose, si creano delle situazioni che sono deleteree per tutto, prima di tutto per la sicurezza.

Sicurezza in senso lato a 360 gradi, un esempio lampante è la sicurezza idrogeologica, ma è un esempio estremo.

Il nostro Sindaco, parlando di sicurezza ha spiegato molto bene che a mancare sono i soldi per garantire anche una più semplice sicurezza stradale, o igienico sanitaria.

Per noi a Isola Rizza, è normale tenere il paese in ordine e curato, è la prima cosa che si chiede a chi va ad amministrare ma qui è in ballo proprio la capacità di gestire questi lavori.

QUINDI SE AVETE POSSIBILITA’ PARTECIPATE ALLA MANIFESTAZIONE DI CHIUSURA DEL MUNICIPIO AL PUBBLICO MARTEDI’ 27 GENNAIO E MARTEDI’ 3 FEBBRAIO.

E’ importante per il nostro comune.

 

“Bon piovego fradei!”

 
 
 

IL BLOG “FERNANDO ONLINE” APRE UN GRUPPO FACEBOOK

Post n°4521 pubblicato il 24 Gennaio 2015 da FernandoIR
Foto di FernandoIR

IL BLOG “FERNANDO ONLINE” E’ DA OGGI ANCHE UN GRUPPO FACEBOOK, ISCRIVETEVI TUTTI.

Faccio un passo importante, un passo che qualche tempo fa non avevo nessuna intenzione di fare, ma che ora penso sia maturo.

Ho deciso di aprire un gruppo face book collegato al blog, perché ho intenzione di cominciare ad ascoltare di più quello che dovete dirmi.

Quello che verrà scritto nel gruppo verrà elaborato e trasformato in articoli per il blog, se ritenuti interessanti.

Già rispondete bene via mail, spero che rispondiate altrettanto bene anche via face book.

Non verranno pubblicati sul gruppo gli articoli del blog, ma verranno raccolti i vostri commenti,.

ISCRIVERSI  AL GRUPPO FACEBOOK DI “FERNANDO ONLINE” E’ COME ENTRARE A CASA MIA UFFICIALMENTE!!!

 

VENITE VI ASPETTO!!!

 
 
 

737° FIERA AGRICOLA SAN BIAGIO

Post n°4520 pubblicato il 24 Gennaio 2015 da FernandoIR
Foto di FernandoIR

Cliccando sul link qui sotto troverete il sito internet informativo

 

http://www.fierasanbiagio.it/

 
 
 

IL SAPORE DELLA TERRA

Post n°4519 pubblicato il 24 Gennaio 2015 da FernandoIR
Foto di FernandoIR

NUOVO ROMANZO SCRITTO INTERAMENTE DA ZORZELLA FERNANDO!!!

VENERDI’ PROSSIMO 30 GENNAIO 2015 IN CORRISPONDENZA CON IL MIO 40 COMPLEANNO INIZIERANNO LE PUBBLICAZIONI!!!

Scritto interamente da Zorzella Fernando e presentato qui, solo per Isola Rizza.

Il romanzo racconta l’intreccio di storie sociali, amorose, passionali, poliziesche con intrecci legati ai servizi segreti che girano attorno ad un Agriturismo, nelle campagne del Rodigino, gestito da 3 sorelle rimaste senza padre ne madre. Le nostre tre amiche si troveranno dentro un vertice senza capire in realtà do dove è iniziato tutto quanto.

Riusciranno ad affrontare tutto sempre a testa alta?

Lo scoprirete solo leggendo mensilmente le nuove puntate del “IL SAPORE DELLA TERRA” di Zorzella Fernando.

Buona lettura!

 

IMPORTANTE : RIBADISCO IN MODO CONVINTO E PRESSANTE CHE I luoghi, i nomi di persona, gli edifici, le vicende, le situazioni, tutto il romanzo è frutto di PURA PURA PURA fantasia e non ha nessuna nessuna nessuna attinenza con la realtà. Per Informazione telefonate al 3289232363.

 
 
 

UNA PREGHIERA PER DOMANI

Post n°4518 pubblicato il 23 Gennaio 2015 da FernandoIR
Foto di FernandoIR

SUL LINK QUI SOTTO TROVI UNA RIFLESSIONE

http://www.laparola.it/laparoladidomani.php

LA PREGHIERA PER LA FAMIGLIA

Grazie Signore,

perché ci hai dato l’amore,

capace di cambiare,

la sostanza delle cose.

Quando un uomo e una donna,

diventano uno nel matrimonio,

non appaiono più come creature terrestri

ma sono l’immagine stessa di Dio.

Così uniti non hanno paura di niente.

Con la concordia, l’amore e la pace,

l’uomo e la donna sono padroni,

di tutte le bellezze del mondo.

Possono vivere tranquilli,

protetti dal bene che si vogliono,

Secondo quanto Dio ha stabilito.

Grazie Signore,

per l’amore che ci hai regalato.

UNA PREGHIERA AL GIORNO PER RICORDARE:

Segno della Croce
Nel nome del Padre
e del Figlio
e dello Spirito Santo. Amen
Sotto la tua protezione
Sotto la tua protezione 
cerchiamo rifugio,
santa Madre di Dio:
non disprezzare le suppliche 
di noi che siamo nella prova, 
ma liberaci da ogni pericolo, 
o Vergine gloriosa e benedetta.
Benedictus
Benedetto il Signore, Dio d'Israele,
perché ha visitato
e redento il suo popolo,
e ha suscitato per noi
una salvezza potente
nella casa di Davide, suo servo, 
come aveva promesso
per bocca dei suoi santi profeti 
d'un tempo:
salvezza dai nostri nemici,
e dalle mani di quanti ei odiano. 
Cosi egli ha concesso misericordia 
ai nostri padri
e si è ricordato
della sua santa alleanza,
del giuramento fatto ad Abramo, 
nostro padre, di concederci, 
liberati dalle mani dei nemici,
di servirlo senza timore,
in santità e giustizia al suo cospetto, 
per tutti i nostri giorni.
E tu, bambino, sarai chiamato 
profeta dell'Altissimo
perché andrai innanzi al Signore
a preparargli le strade,
per dare al suo popolo
la conoscenza della salvezza
nella remissione dei suoi peccati, 
grazie alla bontà misericordiosa
del nostro Dio,
per cui verrà a visitarci dall'alto
un sole che sorge,
per rischiarare quelli che stanno 
nelle tenebre e nell'ombra 
della morte e dirigere i nostri passi sulla via della pace.

 

Segno della Croce
Nel nome del Padre
e del Figlio
e dello Spirito Santo. Amen

 
 
 

L’AUTO AD ACQUA NON E’ PIU’ UN MIRAGGIO

Post n°4517 pubblicato il 23 Gennaio 2015 da FernandoIR
Foto di FernandoIR

L’ingegnere italiano Lorenzo Errico rifacendosi ai progetti di Stanley Meyer ha costruito un’auto eccezionale ibrida che dopo l’avvio riesce a fare UN KILOMETRO per UN MILLILITRO d’acqua usata.

Ecco il comunicato stampa dell’ingegnere che annuncia l’imminente uscita sul mercato e i risultati straordinari:

Iniziati i TEST del KIT Low cost per i Diesel e Turbodiesel con risultati veramente impressionanti….Vetture in test : BMW 525 Touring, BMW X5 , Golf 1.9 Tdi 110 cv, Chroma 1.900 Tdi 150 cv.

I Test in urbano e autostradali hanno confermato la veridicità e la validità del sistema Hydromoving anche nei Kit Low cost…con medesima Tecnologia hydromoving.

il sistema  composto da tre celle , una centralina  con dispaly ed un mono/doppio iniettore è stato sottoposto a long run Test. La tecnologia Hydromoving anche se Low cost è sinonimo di prestazioni certificate.

Per il momento,  sarà applicabile su tutti i motori Diesel, provvisti di Filtro Antiparticolato , DPF o FAP, Filtro SCR. ..etc….Per i motori Benzina è in preparazione e sarà pronto per Marzo  2015.

Fra i primi 1000 Clienti …, disponibili a fare da TESTER e redigere un report settimanale sui consumi , riserveremo uno sconto speciale sull’ eventuale installazione del più sofisticato Sistema Hydromoving

Tutti coloro che hanno già inviato l’adesione per i motori Diesel o TDI saranno informati dei costi  e della data d’installazione via mail. Le installazioni avranno inizio entro Febbraio 2015

Per approfondire la tecnologia ed essere informati per l’istallazione sul proprio veicolo vedi http://www.hydromoving.com/

Biografia di Lorenzo Errico

Lorenzo Errico, nato nel 1950, mostra sin da giovane una profonda passione per le materie scientifiche ed in particolar modo per l’Elettronica.

A dodici anni , da autodidatta, comincia ad applicare le proprie conoscenze pratiche di elettronica, lavorando attivamente alla realizzazione di un sistema salvavita , molto artigianale. Nel 1974/75 , terminato il ciclo naturale degli studi, sviluppando in maniera esponenziale la sua passione e le sue conoscenze cominciò a metterle in pratica, ottenendo riconoscimenti molto importanti, relativi alle sue sperimentazioni nell’ambito dell’Elettronica e della Meccanica.

Nel 1975, comincia a progettare e costruire impianti e apparecchiature per trasmissioni via radio ad Alta frequenza, riuscendo a divenire in breve un riferimento per qualità e affidabilità in tutta Europa, che in maniera molto silenziosa iniziava il suo cammino verso la liberalizzazione delle frequenze radio e televisive, già avvenuta in Italia. Seguono in maniera cronologica , impianti radio e televisivi all’avanguardia, apparecchiature ricetrasmittenti per il servizio radiomobile sulle frequenze indicate dalla legge, per le grosse aziende con grandi flotte di automezzi, telefoni a largo raggio ed impianti satellitari, i primi in Italia con parabole da 4,5 metri di diametro .

Nel 1981 realizza il primo impianto a controllo elettronico d’Iniezione d’acqua su una vettura Saab 9000 Turbo Sport , incrementando notevolmente potenza e fluidità al motore della stessa vettura, dando inizio ad una distribuzione capillare di una centralina modificata per vetture Saab Turbo che rimodulava la potenza da 185 cv a circa 250 cv, senza alcun effetto collaterale per la vettura.

Dal 1984 fino all’anno 2001, una bellissima fabbrica di UPS, ha coronato la passione di progettista elettronico a 360 Gradi.

Il progetto , allo stato embrionale a partire dall’anno 2005 ” matura ” nel 2007 ,dopo avere approfondito , sperimentato e replicato tutto ciò che di Elettrolisi era stato sperimentato in tutto il mondo , in primis, seguendo e imparando a memoria tutti i Patent ( Brevetti) del grande Stanley Meyer, e di tutti gli americani che si erano cimentati in questa bellissima branca della Chimica / Fisica.

Nell’anno 2009 , fu interpellato dalla Marangoni, in persona del suo referente per i progetti di Tuning il sig. Simone Neri della TRC ITALIA, che credendo fortemente , in questa innovazione, si adoperò tantissimo per l’installazione di un Kit HH-O su una vettura Nissan 370 Z, fino ad allora a Lorenzo sconosciuta.

Il successo a livello internazionale è stato acquisito con un nuovo  sistema poi denominato ” HYDROMOVING “, e realizzato per Nissan Europe su una vettura Ufficiale Nissan 370 Z -Hydromoving system.

Lorenzo Errico è lo Stan Meyer italiano, l’inventore del motore ad acqua morto in circostanze misteriose

L’elettrolisi avviene a bordo dell’auto, senza la necessità di accumulare l’idrogeno in bomboloni, quindi evitare di avere una bomba sotto il sedere. La macchina percorre 184 Km circa con 4 litri d’acqua.

Stan Meyer è considerato tra i migliori inventori del secolo, dopo Tesla.

Questo video, è un segmento della programma Equinox di Stanley, trasmesso nel dicembre 1995 (approssimativamente). Guarda l’intero programma, intitolato “It Runs on Water”, raccontato da Artur C. Clarke.

Stan, riceveva delle minacce…inoltre, non voleva vendere la sua invenzione all’Arab Oil Corp.s. I militari volevano usare la sua invenzione per i loro mezzi.

Fu avvelenato nel marzo del 1998: fu ritrovato in un parcheggio, nei pressi di un ristorante, nella sua città natale, di Grove City, Ohio.

Dopo una settimana, gli squali si erano appropriati dell’auto e tutti gli strumenti di sperimentazione, secondo quanto racconta suo fratello Steve.

Ottenne i brevetti, per la sua invenzione, ed era pronto per la produzione. Con 1500$, avrebbe trasformato la nostra auto, in una water car. A Stan, venne offerto un milione di dollari, da un arabo, per archiviare la sua invenzione. Ma Stan rifiutò: “ la tecnologia è al servizio delle persone”

Chi avrà avvelenato Stan? A chi la sua invenzione ha rovinato gli affari? Perchè i media non ne parlano?

Le nuove proposte, per risolvere i problemi di inquinamento, prendono in considerazione l’idrogeno, ottenuto dagli idrocarburi e delle relative pompe di distribuzione: ma quanto ci costerà?

Nessuno parla della sua invenzione.. e pure, se fosse applicata, molti problemi, a livello mondiale, potrebbero essere risolti…!

 

Purtroppo, gli interessi politici ed economici sono indirizzati altrove… Per maggiori informazioni, visita il sito http://waterpoweredcar.com/stanmeyer.html (in inglese): qui, vengono menzionati i casi di progetti di ricerca e di applicazione delle invenzioni, che ci renderebbero indipendenti dal petrolio, bloccati dalle autorità.

 
 
 

1° LETTERA GIA’ SPEDITA AL RPESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Post n°4516 pubblicato il 23 Gennaio 2015 da FernandoIR
Foto di FernandoIR

Lettera già spedita!!!

06 SETTEMBRE 2014

Egregio Presidente, mi chiamo Fernando Zorzella, sono nato il 30 Gennaio del 1975 a Bovolone in provincia di Verona e ora risiedo nella “SERENISSIMA REPUBBLICA DI VENEZIA” ex Via F. De Andrè, 339 presso il Comune di Isola Rizza (VR).

Sono marito e padre di un bellissimo Bambino di 3 anni, sono infermiere professionale, presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona, presso la sala operatoria.

Ho deciso che dal 18 LUGLIO 2014 casa mia non è più Italia. Ho ammainato la bandiera italiana e ho esposto la bandiera della Serenissima Repubblica di Venezia.

Io a tutti gli effetti non abito più in Italia, sono cittadino con cittadinanza Italiana e ho attivato le pratiche per diventare cittadino del mio nuovo stato..

Se vuole fare dei controlli su di me le comunico il mio codice fiscale: ZRZFNN75A30B107Q, così che lei passandolo alle forze dell’ordine e ai servizi segreti possa rendersi conto che sono una persona rispettabilissima con la testa sulle spalle e che sa perfettamente ciò che dice e scrive.

Se mi vuole contattare di persona, ma scommetto una cena di carne ai ferri qui a casa mia che non lo farà, perché l’unico a farlo sarebbe “SUA EMINENZA PAPA FRANCESCO” che sicuramente è distante da lei “ANNI LUCE”, le lascio i miei recapiti telefonici 3289232363 e di posta elettronica fernandozorzella@gmail.com!!!

Non mi considero più italiano ma veneto e appartenente ad un altro stato, perché ho visto che ormai il “vostro fare quotidiano” è completamente distaccato dalla normalità della gente che amministrate e mi rendo conto che nessuno, ma proprio nessuno all’interno dei palazzi del potere è più in grado di sapere quale futuro dare al paese e al sistema Italia.

Io però sono una persona costruttiva, sono una persona che sa combattere per gli ideali veri e sa sempre, ma proprio sempre arrivare a risultati concreti che portano al miglioramento delle vite delle persone che mi stanno accanto.

Per questo ho deciso che settimanalmente le scriverò per esortarla e per consigliarla a prendere decisioni reali e pratiche per il miglioramento della vita del paese.

Anzi, faccio di più, proprio, perché sono costruttivo mi rendo io a disposizione per venire li e consigliarla, ad aiutarla e a fare ciò che voi non siete in grado di fare.

Mi rendo disponibile anche per venire a trovarla e disquisire con lei tutte le teorie che le elencherò.

Mi ascolti, non sono un criminale, non so prendere in mano un arma e non so far del male alla gente, il massimo reato che ogni tanto mi scappa di fare è qualche contravvenzione per eccesso di velocità, mi ascolti se le dico che l’Italia può farcela, ma voi, lei per primo dovete fare passi che non siete più in grado di fare.

Partiamo quindi dall’inizio.

PRIMA DI TUTTO ALL’ITALIA SERVE UNA POTENTE ED INCREDIBILE DIMINUZIONE DELLA SPESA PUBBLICA PER LIBERARE RISORSE DA RIDISTRIBUIRE SUBITO ALLE IMPRESE E ALLA GENTE.

Eliminazione della camera del senato. Il parlamento deve essere formato solo da un’unica assemblea, ovvero quella dei Deputati. Il numero di deputati deve essere 500. Il sistema di assegnazione dei posti deve essere quello proporzionale. Il premio di maggioranza deve essere fissato al 40% e il partito che la raggiunge avrà il 51% di posti in aula. La soglia di sbarramento deve essere fissata al 5%.

Taglio dello stipendio di tutti i politici di ogni ordine e grado. Deputati, Senatori, Presidenti di Camera e Senato, Ministri e Presidente del Consiglio, e per ultimo il Presidente della Repubblica devono percepire uno stipendio massimo lordo di 10.000 euro al mese lordi e basta.
Eliminazione completa di tutti i privilegi di cui godono i politici.
Eliminazione completa del vitalizio post mandato. La pensione la devono percepire come tutti gli altri cittadini, durante gli anni di mandato pagano le tasse pensionistiche per la pensione come tutti i cittadini.
Eliminazione completa del finanziamento pubblico ai partiti.
Eliminazione completa del finanziamento pubblico all’editoria

Eliminazione completa del finanziamento pubblico ai sindacati

Eliminazione completa di tutti i contributi elargiti per salvare questo e quest’altro ente pubblico.
Chiusura di tutte le sedi distaccate dei Ministeri. Presidenza della Repubblica, Governo, Ministeri e Parlamento hanno uniche sedi a Roma, in cui devono essere praticate manovre di contenimento della spesa nella gestione incredibilmente pesanti.

Chiusura di tutte le sedi di proprietà ed a uso esclusivo delle istituzioni come il “Lido balneare riservato al Presidente della Repubblica ed al suo staff.”
Eliminazione del maggior numero di Auto Blu. L’Auto Blu istituzionale deve essere usata solo da Presidente della Repubblica, Presidente del Consiglio, Ministri, Presidente di Camera e Senato. Tutti i politici devono cominciare a spostarsi con propri mezzi e a proprie spese.
Chiusura completa delle Provincie, e loro cancellazione, con passaggio delle competenze, delle proprietà mobili ed immobili e dei dipendenti ai Comuni e alle Regioni. Questo si può praticare, commissariando tutte le provincie da subito, e dando ordine ai Commissari di iniziare anno dopo anno lo smantellamento. Si risparmierebbero da subito tutti i soldi per gestire i Consigli, le Giunte , tutti i politici Provinciali che verrebbero automaticamente a decadere e tutti i soldi che i politici amministrano con fare da puro clientelismo.
Ritiro dei nostri militari da tutte le operazioni di guerra per scopi più o meno umanitari.
Taglio a tutte le maxi pensioni. L’assegno della pensione elargito più ricco, non deve superare i 5000 euro al mese.

Taglio di tutti gli stipendi pubblici che non devono superare i 10 mila euro al mese lordi, tranne che per il comparto sanitario perché è il comparto in cui si salvano le vite umane.

Taglio e riduzione delle posizioni dirigenziali nel pubblico impiego per la diminuzione reale dei posti dirigenziali.

Il Consiglio nazionale dell’economia va abolito
Chiusura delle sedi distaccate dell’INPS, snellimento delle pratiche e conferimento dell’esecuzione di tutte le pratiche ai comuni, tramite l’ufficio anagrafe. Una unica sede a Roma per tutto lo Stato.

Chiusura di tutte le sedi degli uffici di collocamento, snellimento delle pratiche e conferimento dell’esecuzione di tutte le pratiche ai comuni, tramite l’ufficio anagrafe. Una unica sede a Roma per tutto lo Stato.

Chiusura di tutti gli enti e società partecipate che non fanno ricerca conseguendo dei risultati e che non creano valore aggiunto ma sono una sola mera spesa per lo Stato.

Abolizione di tutte le detrazioni, per privati ed imprese perché, si deve puntare ad una diminuzione della tassazione per avere un dialogo serio e preciso tra stato e cittadino.

Aspetto sue comunicazioni in merito, cordiali saluti.

Zorzella Fernando, Commissario Straordinario della Serenissima Repubblica di Venezia.

Cellulare 3289232363

 

Mail fernandozorzella@gmail.com

 
 
 

BON PIOVEGO FRADEI!!!

Post n°4515 pubblicato il 23 Gennaio 2015 da FernandoIR
Foto di FernandoIR

Uno dei detti veneti di buon auspicio, è proprio “Bon Piovego Fradel!”.

La parola “piovega” è un’antica parola veneta che trova la sua concretezza, in quella leggera pioggerellina che ogni tanto cade, lenta e lunga, che bagna bene la terra e fa molto bene alle piante.

Da sempre si dice, che la pioggia giusta è una pioggia che non da dilavamenti, che non riempie la terra in modo da trasformarla in fango, ma che la bagna arricchendola e non annegando le piante.

Augurare “Bon Piovego!” ad una persona vuol dire augurarle che succeda un qualcosa che faccia star bene lui e gli altri.

 

Quindi “Bon piovego fradei!”

 
 
 

“BOSS IN INCOGNITO” UNA TRASMISSIONE RILASSANTE MA SURREALE

Post n°4514 pubblicato il 23 Gennaio 2015 da FernandoIR
Foto di FernandoIR

A me le trasmissioni di politica piacciono, ma ogni tanto va bene anche osservare trasmissioni e film rilassanti e defaticanti.

“Boss in Incognito”, trasmessa da Ria Due è una di queste, ma più che i pro sono da sottolineare i contro.

Già quando si parla di televisione, c’è poco da stare tranquilli, e si fa veramente fatica a capire cosa c’è di vero o falso, o meglio costruito, ma su questa trasmissione traspare troppo che è veramente costruita, e calcolata.

Anche se non sembra lascia troppo poco spazio alla realtà delle cose che succedono.

Ma fermiamoci un attimo e sottolineiamo bene tutti i contro:

- il così detto capo viene mascherato per bene, non c’è niente da dire, soprattutto se si tratta di ditte grandi, è veramente probabile che un dipendente non abbia mai visto il suo vero capo, ma viene vestito in modo indecente quando si presenta al lavoro, è inverosimile che normalmente uno si presenti in certi situazioni lavorative, vestito come viene vestito dal programma.

- la trasmissione dice che il dipendente tutor sa che in quel momento si sta facendo un reportage sul tipo di lavoro, che si fa in quella linea produttiva, ma in realtà la trasmissione non si sviluppa come un vero reportage, ma sembra proprio che il nuovo arrivato debba veramente imparare a lavorare.

- io non mi confiderei mai in modo così intimo con il primo che capita e davanti ad una telecamera, almeno di non essere preparato prima, almeno mi deve essere chiesto se sono d’accordo che mi vengano fatte domande personali da un pinco pallino qualunque che non vedrò mai più.

- i giudizi del tutor sulla persona che dovrebbe imparare sono fuori luogo.

- i giudizi del padrone sul dipendente sono fuori luogo a meno che non sia preparato prima il dipendente.

- i premi sono assurdi, e molte volte sembrano più fatti per pagare la brutta figura che viene fatta fare al dipendente, ma poi c’è anche un’altra cosa da dire, quale dipendente va dal proprio capo in riunione con una telecamera davanti se non viene preparato prima? Ma poi i premi sono proprio la ditta che li da o sono sovvenzionati dalla trasmissione? Possibile che “Boss in incognito” sia l’unica trasmissione in sui si fanno regali e premi e non ci rimetta mai la direzione televisiva? Guardate, “C’è posta per te” di Maria di Filippi ha anche delle lacune, ma quando i regali vengono finanziati dalla trasmissione o in parte o in toto Maria lo dice sempre. Sabato scorso un ragazzo ha regalato un anello ad una ragazza, un brillante e Maria lo ha detto che era stato acquistato in  toto dalla Trasmissione. Quindi è giusto dare a Cesare quel che è di Cesare.

 

BOSS IN INCOGNITO GUARDATELO, MA CON MOLTA CRITICA.

 
 
 

150 MILIONI DI EURO 98° PUNTATA

Post n°4513 pubblicato il 23 Gennaio 2015 da FernandoIR
Foto di FernandoIR

Le puntate verranno messe in linea sempre di VENERDI’

Ecco a voi il secondo romanzo scritto interamente da Zorzella Fernando e presentato a puntate settimanali, qui, solo per Isola Rizza.

Il romanzo racconta la storia di Andrea, un giovane trentenne che si ritrova in mano una grande fortuna da usare nel miglior modo possibile. Progetti, passioni, amori, seduzione, eros e tanto altro ancora in un romanzo a sfondo sociale ma con qualche puntatina piccante e rosa che non guasta mai.

Ma chi ha dato tutta questa fortuna ad Andrea e perché? Che progetti ha?

SCOPRITELO SEGUENDO LE PUNTATE DI “150 MILIONI DI EURO”

IMPORTANTE : RIBADISCO IN MODO CONVINTO E PRESSANTE CHE I luoghi, i nomi di persona, gli edifici, le vicende, le situazioni, tutto il romanzo è frutto di PURA PURA PURA fantasia e non ha nessuna nessuna nessuna attinenza con la realtà. Per Informazione telefonate al 3289232363.

VOLETE DIRE LA VOSTRA SUL ROMANZO SCRIVETE A FERNANDO ALL’EMAIL fernandozorzella@gmail.com.

I commenti dei lettori verranno tutti pubblicati senza censura.

98° PUNTATA

 

https://drive.google.com/file/d/0B__abHivD4zBZjlKX1V2LVZSSHM/view?usp=sharing

 
 
 

REVOLUTION 103° PUNTATA

Post n°4512 pubblicato il 23 Gennaio 2015 da FernandoIR
Foto di FernandoIR

Le puntate verranno messe in linea sempre di VENERDI’

Scritto interamente da Zorzella Fernando e presentato a puntate settimanali, qui, solo per Isola Rizza, il romanzo racconta la storia di una comunità del Basso Veronese e del suo Sindaco Jenny, che dovrà far fronte a mille difficoltà dopo che il mondo è stato investito da una tremenda catastrofe naturale.

Sempre più avvincente e sempre più personaggi in una storia che è tutta ancora all’inizio.

Buona lettura!

IMPORTANTE : RIBADISCO IN MODO CONVINTO E PRESSANTE CHE I luoghi, i nomi di persona, gli edifici, le vicende, le situazioni, tutto il romanzo è frutto di PURA PURA PURA fantasia e non ha nessuna nessuna nessuna attinenza con la realtà. Per Informazione telefonate al 3289232363.

SE VOLETE DIRE LA VOSTRA SUL ROMANZO SCRIVETE A FERNANDO ALL’EMAIL fernandozorzella@gmail.com.

I commenti dei lettori verranno tutti pubblicati senza censura.

103°  PUNTATA

 

https://drive.google.com/file/d/0B__abHivD4zBeVBSUkJZU3hSbnc/edit?usp=sharing

 
 
 

LA STORIA DI NIBIRU’ ED IL SUO POPOLO : 33° PUNTATA

Post n°4511 pubblicato il 23 Gennaio 2015 da FernandoIR
Foto di FernandoIR

TESTO FRUTTO DI UNA RICERCA PERSONALE, CHE COMUNQUE SI SVOLSA E SI APPROFONDIRA’ TENENDO SEMPRE PRESENTE IL MIO CREDO E LA MIA FEDE, CHE NIENTE E NESSUNO FARA’ MAI E POI MAI VACILLARE. DIRE CHE PER ME DIO ESISTE SAREBBE RIDUTTIVO, DIRE CHE LA MIA FEDE NEL SVOLGERE QUESTA RICERCA NON SARA’ MAI SCALFITA RENDE MEGLIO L’IDEA,

BUONA LETTURA.

>>>>> TESTO DELLA RICERCA !!!!!

La supremazia di Yam, tuttavia ebbe vita breve.

Equipaggiato con due "armi divine", Baal combatté con Yam e

lo sconfisse, per poi essere a sua volta sfidato e vinto da Mot

("colui che colpisce"). Ma la loro sorella Anat non volle

accettare la sconfitta definitiva di Baal: allora «prese Mot, il

figlio di El, e con una lama lo colpì».

La conseguenza dell'eliminazione di Mot fu, secondo la

leggenda canaanita, la miracolosa risurrezione di Baal. Gli

studiosi hanno cercato di fornire una spiegazione razionale

della vicenda ricorrendo all'allegoria: il conflitto

rappresenterebbe cioè l'annuale lotta che si svolge nelle regioni

medio-orientali tra l'estate calda e asciutta che fa inaridire la

vegetazione e l'avvento del piovoso autunno, che fa rivivere o

"risuscitare" il mondo vegetale. Non vi è dubbio, però, che per

i Cananei il racconto non avesse alcun intento allegorico e

riportasse invece avvenimenti che si credevano realmente

accaduti: la battaglia tra i figli della divinità principale, la falsa

sconfitta di uno dei due, che era poi ricomparso ed era

diventato l'erede ufficiale, con grande gioia di El:

El, il benevolo, il misericordioso, gioisce.

Posa i piedi sullo sgabello.

Apre la bocca e ride;

Leva la voce e grida:

«Mi siederò e prenderò fiato,

L'anima avrà finalmente pace nel mio petto;

Perché il potente Baal è vivo,

Il Principe della Terra vive ancora!».

Anat, secondo la tradizione canaanita, affiancò dunque suo

fratello Baal, il Signore, nella sua lotta all'ultimo sangue con il

malvagio Mot; ed è fin troppo evidente, a questo punto, il

parallelismo tra questa tradizione e quella greca della dea

Atena che sta dalla parte del dio supremo Zeus nella lotta

mortale con Tifone. Atena, come abbiamo visto, era chiamata

"la vergine perfetta", pur avendo avuto molte storie d'amore

clandestine. Analogamente, le tradizioni canaanite (precedenti

a quelle greche) utilizzavano l'appellativo "la vergine Anat", e,

ciononostante, non si astenevano dal raccontare le sue svariate

storie d'amore, specie con il suo stesso fratello Baal.

Un testo, per esempio, descrive l'arrivo di Anat alla dimora

di Baal: allontanate in fretta le sue mogli, Baal si gettò ai piedi

della sorella; i due si guardarono negli occhi, e ognuno unse le

"corna" dell'altro; poi

Egli prende e stringe il ventre di lei...

Ella afferra e stringe le sue "pietre"...

E così la vergine Anat... concepì e partorì.

Non stupisce, allora che Anat sia spesso raffigurata

completamente nuda, per accentuare i suoi attributi sessuali,

come in questo sigillo che mostra Baal, con l'elmetto in testa,

che combatte contro un altro dio.

Come la religione greca e i suoi diretti precursori, il

pantheon canaanita comprendeva una dea madre, consorte

ufficiale della divinità principale, che si chiamava Ashera e

corrispondeva alla greca Era. Astarte (la biblica Ashtoreth)

corrispondeva invece ad Afrodite ed era spesso considerata

consorte di Athar; questi era associato a un luminoso pianeta,

ed era probabilmente il corrispettivo di Ares, fratello di

Afrodite. Vi erano poi altre divinità minori, maschili e

femminili, di cui non è difficile individuare i corrispondenti

 

astrali o cultuali greci.

 
 
 

UNA PREGHIERA PER DOMANI

Post n°4510 pubblicato il 22 Gennaio 2015 da FernandoIR
Foto di FernandoIR

SUL LINK QUI SOTTO TROVI UNA RIFLESSIONE

http://www.laparola.it/laparoladidomani.php

LA PREGHIERA PER LA FAMIGLIA

Grazie Signore,

perché ci hai dato l’amore,

capace di cambiare,

la sostanza delle cose.

Quando un uomo e una donna,

diventano uno nel matrimonio,

non appaiono più come creature terrestri

ma sono l’immagine stessa di Dio.

Così uniti non hanno paura di niente.

Con la concordia, l’amore e la pace,

l’uomo e la donna sono padroni,

di tutte le bellezze del mondo.

Possono vivere tranquilli,

protetti dal bene che si vogliono,

Secondo quanto Dio ha stabilito.

Grazie Signore,

per l’amore che ci hai regalato.

UNA PREGHIERA AL GIORNO PER RICORDARE:

Segno della Croce
Nel nome del Padre
e del Figlio
e dello Spirito Santo. Amen

Salve, Regina
Salve, Regina,
madre di misericordia,
vita, dolcezza e speranza nostra, salve. 
A te ricorriamo,
esuli figli di Eva;
a te sospiriamo, gementi e 
piangenti in questa valle di lacrime.
Orsù dunque, avvocata nostra, 
rivolgi a noi gli occhi
tuoi misericordiosi.
E mostraci, dopo questo esilio, Gesù, 
il frutto benedetto del tuo Seno.
O clemente, o pia,
o dolce Vergine Maria!

Magnificat
L'anima mia magnifica il Signore
e il mio spirito esulta in Dio,
mio salvatore,
perché ha guardato l'umiltà
della sua serva.
D'ora in poi tutte le generazioni
mi chiameranno beata.
Grandi cose ha fatto in me 
l'Onnipotente e santo é il suo nome: 
di generazione in generazione
la sua misericordia
si stende su quelli che lo temono.
Ha spiegato la potenza del suo braccio, 
ha disperso i superbi nei pensieri
del loro cuore;
ha rovesciato i potenti dai troni,
ha innalzato gli umili;
ha ricolmato di beni gli affamati,
ha rimandato i ricchi a mani vuote. 
Ha soccorso Israele, suo servo,
ricordandosi della sua 
misericordia, come aveva promesso ai nostri padri, 
ad Abramo e alla sua discendenza, 
per sempre.

Segno della Croce
Nel nome del Padre
e del Figlio
e dello Spirito Santo. Amen

 
 
 

IL 2015 CI PORTERA’ UN NUOVO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Post n°4509 pubblicato il 22 Gennaio 2015 da FernandoIR
Foto di FernandoIR

Tutti i politici invocano un Presidente della Repubblica super partes e sopra le righe, ma voi ci credete che vorrebbero veramente questo?

Chi di voi, nel momento che si trovasse a fare il Presidente del Consiglio dei ministri, vorrebbe un Presidente della Repubblica contro di lui o comunque non collegato alle proprie idee?

Guardate, io penso sinceramente nessuno.

Guardiamo assieme per ora cosa dice la costituzione sul Presidente della Repubblica.

TITOLO II

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Articolo 83

Il Presidente della Repubblica è eletto dal Parlamento in seduta comune dei suoi membri.

All'elezione partecipano tre delegati per ogni Regione eletti dal Consiglio regionale in modo che sia assicurata la rappresentanza delle minoranze. La Valle d'Aosta ha un solo delegato.

L'elezione del Presidente della Repubblica ha luogo per scrutinio segreto a maggioranza di due terzi dell'assemblea. Dopo il terzo scrutinio è sufficiente la maggioranza assoluta.

Articolo 84

Può essere eletto Presidente della Repubblica ogni cittadino che abbia compiuto cinquanta anni di età e goda dei diritti civili e politici.

L'ufficio di Presidente della Repubblica è incompatibile con qualsiasi altra carica.

L'assegno e la dotazione del Presidente sono determinati per legge.

Articolo 85

Il Presidente della Repubblica è eletto per sette anni.

Trenta giorni prima che scada il termine, il Presidente della Camera dei deputati convoca in seduta comune il Parlamento e i delegati regionali, per eleggere il nuovo Presidente della Repubblica.

Se le Camere sono sciolte, o manca meno di tre mesi alla loro cessazione, la elezione ha luogo entro quindici giorni dalla riunione delle Camere nuove. Nel frattempo sono prorogati i poteri del Presidente in carica.

Articolo 86

Le funzioni del Presidente della Repubblica, in ogni caso che egli non possa adempierle, sono esercitate dal Presidente del Senato.

In caso di impedimento permanente o di morte o di dimissioni del Presidente della Repubblica, il Presidente della Camera dei deputati indice la elezione del nuovo Presidente della Repubblica entro quindici giorni, salvo il maggior termine previsto se le Camere sono sciolte o manca meno di tre mesi alla loro cessazione.

Articolo 87

Il Presidente della Repubblica è il capo dello Stato e rappresenta l'unità nazionale.

Può inviare messaggi alle Camere.

Indice le elezioni delle nuove Camere e ne fissa la prima riunione.

Autorizza la presentazione alle Camere dei disegni di legge di iniziativa del Governo.

Promulga le leggi ed emana i decreti aventi valore di legge e i regolamenti.

Indice il referendum popolare nei casi previsti dalla Costituzione.

Nomina, nei casi indicati dalla legge, i funzionari dello Stato.

Accredita e riceve i rappresentanti diplomatici, ratifica i trattati internazionali, previa, quando occorra, l'autorizzazione delle Camere.

Ha il comando delle Forze armate, presiede il Consiglio supremo di difesa costituito secondo la legge, dichiara lo stato di guerra deliberato dalle Camere.

Presiede il Consiglio superiore della magistratura.

Può concedere grazia e commutare le pene.

Conferisce le onorificenze della Repubblica.

Articolo 88

Il Presidente della Repubblica può, sentiti i loro Presidenti, sciogliere le Camere o anche una sola di esse.

Non può esercitare tale facoltà negli ultimi sei mesi del suo mandato salvo che essi coincidano in tutto o in parte con gli ultimi sei mesi della legislatura.

Articolo 89

Nessun atto del Presidente della Repubblica è valido se non è controfirmato dai ministri proponenti, che ne assumono la responsabilità.

Gli atti che hanno valore legislativo e gli altri indicati dalla legge sono controfirmati anche dal Presidente del Consiglio dei ministri.

Articolo 90

Il Presidente della Repubblica non è responsabile degli atti compiuti nell'esercizio delle sue funzioni, tranne che per alto tradimento o per attentato alla Costituzione.

In tali casi è messo in stato di accusa dal Parlamento in seduta comune a maggioranza assoluta dei suoi membri .

Articolo 91

Il Presidente della Repubblica, prima di assumere le sue funzioni, presta giuramento di fedeltà alla Repubblica e di osservanza della Costituzione dinanzi al Parlamento in seduta comune.

CONSIDERAZIONI DI FERNANDO ZORZELLA

Io penso che onestamente, è arrivato il momento in cui il Presidente della Repubblica e del Consiglio dei Ministri siano la stessa persona, occorre sicuramente una stabilità di governo, ma occorre anche che non succeda più che ci siano Presidenti della Repubblica, che hanno visto succedere di tutto sotto il loro naso senza proferire parola e senza fare moniti.

Preferisco andare a votare anche ogni due anni, se questo serve, per avere sempre una persona chiara che comandi, e non avere più un bamboccio che pur di non portare il paese alle urne di nuovo, faccia tutto ed il contrario di tutto per mandare avanti il paese.

Un Presidente della Repubblica super partes non farebbe niente di più di quello che c’è scritto nella costituzione, lasciando il paese a marcire nella rovina, se ce n’è di bisogno.

Basta Presidenti della repubblica museo, ma Presidenti veri con veri poteri.

 

Nel finire del 2014 io ho scritto varie lettere al Presidente della Repubblica, a cui, naturalmente non ho ricevuto nessuna risposta, ora quando sarà insediato quello nuovo, vedremo di ricominciare, perché occorre fare in modo che rimangano con i piedi saldamente piantati per terra.

 
 
 
Successivi »