Sale del mondo

Non la fede, non la fame, non la giustizia: datemi la verità.

 

CENTINANIA DI PRODOTTI BIOLOGICI E NATURALI

Acquista _nline su SorgenteNatura.it

 

SANTISSIMA VERGINE DEL ROSARIO DI POMPEI.

 

I heart FeedBurner  

 

 

 

 

Profilo Facebook di Michele Melchiorre

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

I MIEI LINK PREFERITI

TAG

 

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: joiyce
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 29
Prov: SA
 

ULTIME VISITE AL BLOG

carlusvernamoschettiere62joiyceStolen_wordsSky_Eaglemorris204ladymaria45onlyemotions71costanzatorrelli46cruelangelsclauid0Elemento.ScostanteannaincantoFanny_Wilmotguido.bassi
 

FACEBOOK

 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIMI COMMENTI

Citazioni nei Blog Amici: 159
 

ALLA MEMORIA DI MIO PADRE È DEDICATO IL BLOG.

La famiglia ha in se un elememto di bene raro a trovarsi altrove, la durata. Gli affetti vi si estendono intorno lenti, inavvertiti, tenaci e durevoli. Come l'edera intorno alla pianta, ci seguono di ora in ora,s'immedesimano taciti con la nostra vita. Noi spesso non li distinguiamo, poichè fanno parte di noi, ma quando li perdiamo, sentiamo come se un non so che d'intimo, di necessario, che al vivereci manca. (Anonimo)

 

COSI' HANNO AMMAZZATO IL MARE.

 

 

 

 

Le ecoballe della terra dei fuochi bruceranno in un cementificio a ridosso del parco regionale dei monti picentini.

Il primo regalo del "sindaco decaduto e condannato ma poi riiabilitato" de luca, da neo governatore della Campania, alle comunità dei picentini.
Conoscete le ecoballe della terra dei fuochi?
Una roba da non credere unica al mondo: milioni di cubi di spazzatura impacchettata (ovviamente anche rifiuti tossici e speciali, radioattivi...) e sparsi su centinaia di metri quadrati di terreno di sette diversi comuni ricadenti nelle provincia di Napoli e Caserta, su quegli stessi territori, che soli 30 anni fa producevano prodotti di eccellenza dell'agricoltura campana: prugne, pesche, fragole, pere, uva asprigna... primizie campane che tutta l'italia ci invidiava, oggi ospitano veri e propri cimiteri di munnezza. Taverna del Re, Giugliano, Villa Literno oggi simboli dell'emergenza rifiuti, della corruzione, del degrado, del marcio della politica collusa con la camorra e col malaffare.
La Campania è la prima regione d'italia per malati e morti causati da malattie cancerose e non a caso il boom si è avuto negli ultimi 20 anni e soprattutto nelle province di Napoli e Caserta! L'inquinamento dei territori e degli ambienti che ci ospitano, è una delle causa dirette di malattie tumorali, e non solo quelle!
Anche nel mio comune di residenza e in quelli limitrofi, ricadenti nella zona dei picentini, e quindi apparentemente lontana dalla "terra dei fuochi" si è avuta un'escalation di morti e malati di malattie tumorali.
Chi di noi purtroppo nelle nostre famiglie, nella nostra cerchia di amici parenti o conoscenti, non ha avuto a che fare con persone che si sono ammalate di cancro?
Le comunità dei picentini insieme alla stragrande maggioranza dell'elettorato campano, hanno voluto promuovere un sindaco "decaduto e condannato", da 30 anni inchiodato sulla sua poltrona e a mio modesto avviso il simbolo, la sintesi, della vecchia politica, della corruzione del malaffare del voto di scambio! Potevamo dare un taglio netto al passato ma lo avete riabilitato con un MILIONE preferenze, di cui centinaia di migliaia espresse anche dalle comintà dei picentini: che tristezza! Sarete contenti nel sapere che il vostro sindaco ha preso in considerazione di voler bruciare, dopo il nulla di fatto della vicenda legata al termovalorizzatore e per il quale è stato anche condannato, le ecoballe nel cementificio di Cupa Siglia alle porte di Campigliano..

 
 
 

Eco-reati: il DDL diventa legge: 5 i nuovi delitti contro l'ambiente

Post n°1496 pubblicato il 20 Maggio 2015 da joiyce
 

È arrivato ieri, 19 maggio 2015, il sì definitivo del Senato al ddl Ecoreati (atto 1345) che introduce, nuovi delitti contro l'ambiente all'interno del nostro ordinamento.
Una nota del Senato ci spiega il contenuto del DDL e le modifiche effettuate durante l'esame parlamentare, con particolare riferimento all'articolo 1 comma 1 del ddl che introduce nel libro II del codice penale il Titolo VI-bis, "Dei delitti contro l'ambiente".

Sono 5 i nuovi delitti contro l'ambiente:
Inquinamento ambientale;
Disastro ambientale;
Traffico e abbandono di materiale ad alta radioattività;
Impedimento del controllo;
Omessa bonifica
"Finalmente grazie al MoVimento 5 Stelle l'Italia può avere una legge che punisce i delitti ambientali e che porta la prima firma del nostro Salvatore Micillo. Con l'approvazione della legge sugli Ecoreati del M5S realizziamo uno dei punti più importanti del nostro programma. È una data storica perché ci sono voluti venti anni per avere finalmente nel codice penale italiano cinque tipologie di reati contro l'ambiente. Era necessario che entrasse il MoVimento 5 stelle in parlamento per ottenere una legge che nessuno prima ha avuto il coraggio di fare. Abbiamo iniziato due anni fa a lavorare in commissioni e in aula, abbiamo ascoltato associazioni, comitati, cittadini, ambientalisti, magistrati e tutti coloro che hanno potuto dare un contributo costruttivo a questa legge. L'abbiamo fatto per realizzare uno dei punti più importanti del nostro programma e oggi quello che sembrava un sogno è diventato realtà.
Da domani nessun inquinatore potrà scampare alla legge. È una vittoria che dedichiamo a tutto il popolo inquinato, alle vittime delle sentenze per prescrizione, lo dedichiamo alle vittime di Eternit, della Terra dei Fuochi, dell'Ilva e lo dedichiamo a chi verrà dopo di noi e alle future generazioni."

"E' passata la legge sugli Ecodelitti.
Ha sfidato sabotatori palesi e occulti, massimalisti ottusi, narcisisti malmostosi, puristi inconcludenti.
È passata nonostante quelli che "con una legge così nessuno investirà più in Italia"; ma anche a dispetto di quelli che, di fronte a ogni aggettivo speso per chiarire che cosa devi fare per meritarti una pena di 15 o 20 anni, gridano che "così è impossibile la prova".
E' stata approvata con un testo migliorato ad ogni passaggio parlamentare.
E' passata e, poiché ci ho lavorato parecchio e quei passaggi li ricordo tutti, permettetemi di esserne orgoglioso!"
cit Raffaele Piccirillo giudice di cassazione
M5S Parlamento

credits: INSIC

 
 
 

Stop ai 50 nuovi cementifici-inceneritori in Italia!

Post n°1455 pubblicato il 07 Febbraio 2013 da joiyce
 

 

Cari amici, tra pochi giorni in Italia, nel completo silenzio e a Camere sciolte, sta per essere approvato un decreto legge che permetterà a più di 50 cementifici di co-incenerire rifiuti facendoli diventare veri e propri inceneritori. Il decreto viene giustificato con la "continua crescita della quantità di rifiuti", ma i dati dell'Ispra certificano che i rifiuti prodotti in Italia nel 2010 sono inferiori a quelli del 2006, e i dati del 2012, complice la crisi, evidenziano un ulteriore calo, cui ha dato risalto recentemente anche Il Sole 24 Ore.Con questo decreto i rifiuti solidi urbani diventeranno, da un giorno all'altro vere e proprie merci che potranno essere acquistate e vendute in tutto il Paese e oltre.
La possibilità di trasformare i cementifici in impianti di co-incenerimento è soltanto un “regalo” offerto all'industria del cemento, in grave crisi a causa della riduzione di produzione e consumo a discapito della salute umana.
Questo grave tema dovrebbe essere affrontato con Aitec (Associazione Italiana Tecnico Economica del Cemento) nel corso della prossima legislatura, per andare verso una progressiva riduzione del numero di impianti presenti, a partire da quelli che, per localizzazione, presentano particolari problematiche ambientali (perché siti in luoghi densamente abitati, come le città capoluogo, o di pregevoli caratteristiche ambientali, o particolarmente concentrati).
Lo scorso Gennaio questo decreto ha avuto parere favorevole dalla commissione "Territorio, ambiente, beni ambientali" del Senato, dopo una fase “istruttoria” durata appena due giorni lavorativi.Il prossimo 11 Febbraio lo stesso decreto verrà sottoposto all'attenzione dei membri della commissione Ambiente della Camera.

Abbiamo pochi giorni per agire! Sostieni questa campagna per sensibilizzare i deputati alla commissione Ambiente della Camera chiedendo loro di attendere la prossima legislatura per affrontare il tema.

Invia la mail che trovi sotto ai Parlamentari della Commissione Ambiente:

alessandri_a@camera.it, margiotta_s@camera.it, tortoli_r@camera.it, mondello_g@camera.it, pizzolante_s@camera.it, aracri_f@camera.it, benamati_g@camera.it, bocci_g@camera.it, bonciani_a@camera.it, braga_c@camera.it, brambilla_m@camera.it, bratti_alessandro@camera.it, cosenza_g@camera.it, dibiagio_a@camera.it, dicagnoabbrescia_s@camera.it, dionisi_ a@camera.it, dussin_g@camera.it, esposito_s@camera.it, foti_t@camera.it, ghiglia_a@camera.it, gibiino_v@camera.it, ginoble_t@camera.it, iannarilli_a@camera.it, iannuzzi_t@camera.it, lanzarin_m@camera.it, lisi_u@camera.it, marantelli_daniele@camera.it, mariani_r@camera.it, misiti_a@camera.it, morassut_r@camera.it, motta_c@camera.it, nucara_f@camera.it, piffari_s@camera.it, pili_m@camera.it, pizzimbone_p@camera.it, realacci_e@camera.it, scilipoti_d@camera.it, stradella_f@camera.it, togni_r@camera.it, vatinno_g@camera.it, vella_p@camera.it, vessa_p@camera.it, rodolfo_g@camera.it, zamparutti_e@camera.it

e per conoscenza a:
Se puoi, inoltra questa email a tutti i tuoi contatti sensibili al problema, posta su facebook, twitter #noaicss , se hai un blog inserisci un post!
TESTO DA INVIARE

8< ----------------------------------------------------------------------

Oggetto: Che fretta c'è? Rinviate alla prossima legislatura la discussione sui rifiuti nei cementifici

Stimati commissari,
in vista della riunione del prossimo 11 febbraio, nella quale sarete chiamati ad esprimere un parere in merito allo "Schema di decreto del Presidente della Repubblica concernente il regolamento recante disciplina dell'utilizzo di combustibili solidi secondari (CSS), in parziale sostituzione di combustibili fossili tradizionali, in cementifici soggetti al regime dell'autorizzazione integrata ambientale"
v'invito a considerare che:
  • il provvedimento viene giustificato con la "continua crescita della quantità di rifiuti [che] costituisce un problema ambientale e territoriale comune a tutti i paesi industrializzati, ma con connotati più gravi per l’Italia e, in particolare, per alcune aree del nostro Paese che fanno ancora ampio ricorso allo smaltimento in discariche, di cui molte fra l’altro in via di esaurimento", mentre i dati dell'Ispra certificano che i rifiuti solidi urbani prodotti in Italia nel 2010 sono inferiori a quelli prodotti nel 2006, con un ulteriore calo nel 2012 legato alla situazione di crisi attualmente in atto;
  • la destinazione dei rifiuti a pratiche di incenerimento è contraria alla recente raccomandazione del Parlamento europeo (A7-0161/2012, adottata a Maggio 2012) di rispettare la gerarchia dei rifiuti e di intraprendere con decisione, entro il prossimo decennio, la strada dell’abbandono delle pratiche di incenerimento di materie recuperabili in altro modo;
  • attraverso la trasformazione in CSS, i rifiuti solidi urbani, per cui vige il principio della gestione e della "chiusura del ciclo" a livello territoriale, vengono trasformati in rifiuti speciali, il cui sistema di tracciabilità, Sistri, è ancora un miraggio, un problema evidenziato anche nella relazione della Commissione parlamentare d'inchiesta sul ciclo dei rifiuti e sulle attività illecite ad esso connesse;
  • i cementifici sono impianti industriali altamente inquinanti con e senza l’uso dei rifiuti come combustibile e i limiti di legge per le emissioni di questi impianti sono enormemente più permissivi e soggetti a deroghe rispetto a quelli degli inceneritori classici; ad esempio, considerando solo gli NOx, per un inceneritore il limite di legge è 200 mg/Nmc, mentre per un cementificio è tra 500 e 1800mg/Nmc;
  • la combustione di rifiuti nei cementifici comporta una variazione della tipologia emissiva di questi impianti, in particolare in merito alla emissione di diossine/composti organici clorurati e metalli pesanti. La produzione di diossine è direttamente proporzionale alla quantità di rifiuti bruciati. Da un'analisi comparata dei decreti legislativi 152/2006 e 133/2005, inoltre, risolta che il limite per le diossine passa da 0,1 nanogrammi/mc negli inceneritori a 0,01 milligrammi/mc nei cementifici;
  • nella prossima legislatura potrebbe essere approvato il ddl promosso dal ministro dell'Agricoltura Mario Catania in merito al contenimento del consumo di suolo agricolo, che comporta, tra l'altro, una moratoria triennale rispetto all'edificazione di nuovi terreni agricoli, con una conseguente riduzione del fabbisogno di cemento pro-capite e quindi dell'attività dei cementifici, e ciò potrebbe comportare un'auspicabile nuova configurazione dell'intero comparto produttivo;
per quanto sopra esposto vi chiedo di esprimere un parere negativo, e di far pressione sull'esecutivo affinché il provvedimento venga discusso in maniera più ampia durante la prossima legislatura.
Luogo:
Data:
Firma:



8< ----------------------------------------------------------------------

RICORDATI LUOGO, DATA E FIRMA!

 

 
 
 

I LUOGHI DEL CUORE 2012

Post n°1399 pubblicato il 09 Giugno 2012 da joiyce
 

Prende il via la sesta edizione del Censimento dei luoghi italiani da nondimenticare promosso dal FAI-Fondo Ambiente Italiano  in collaborazione con Intesa Sanpaolo,  per  la prima volta aperto ai cittadini di tutto il mondo, perché la bellezza non ha confini…

“Conosci la terra dove fioriscono i limoni?” scriveva Goethe rapito dalla bellezza del paesaggio italiano. È solo una delle tante prestigiose testimonianze di come il nostro Paese, con la sua storia millenaria e il suo straordinario patrimonio d’arte e natura, da secoli incanti l’animo di ogni viaggiatore, diventando spesso la “seconda patria” per ciascun cittadino del mondo.

Ed è proprio ai cittadini di ogni nazionalità, italiana o estera, che si rivolge la sesta edizione de “I Luoghi del Cuore”, il Censimento che invita a segnalare, fino al 31 ottobre 2012, il proprio luogo italiano del cuore, quel luogo unico, a cui ci si sente legati, che si vuole proteggere e tutelare per sempre.

La storia del Censimento insegna che i Luoghi del Cuore più votati, nelle precedenti edizioni, sono quelli attorno ai quali si genera un vero e proprio movimento civico, grazie anche all’azione di Comitati spontanei nati sul territorio, che coinvolge i cittadini attorno a un sogno comune, quello di contribuire in maniera concreta alla salvaguardia dei beni che più si amano.

Ancora di più quest’anno, quindi, sarà importante attivarsi, anche valicando i confini nazionali, per raccogliere più segnalazioni possibili: attraverso il sito dedicato www.iluoghidelcuore.it, le cartoline - che si trovano in tutte le filiali di Intesa Sanpaolo e le Banche del Gruppo, presso le Delegazioni e i Beni FAI sul territorio - fino alle raccolte firme spontanee che si potranno organizzare a fianco di Comitati e Associazioni locali.

Quante più persone si mobiliteranno spontaneamente per un luogo, tanto più il FAI potrà agire nel concreto per dare seguito alla segnalazione, sollecitando le Istituzioni locali e nazionali competenti affinché mettano a disposizione le forze necessarie per salvaguardarlo, o intervenendo direttamente, quando possibile, nel suo recupero.

Non perdere dunque l’opportunità di far conoscere a tutti il luogo italiano che più ami e di coinvolgere i tuoi amici. Perché la bellezza non ha confini ed è nostro dovere preservarla per sempre e per tutti.

Vota subito il tuo Luogo del Cuore!

 
 
 

22 Aprile 2012 Giornata Mondiale della Terra

Post n°1383 pubblicato il 21 Aprile 2012 da joiyce
 

Azioni del Buon Senso per salvare il nostro pianeta

- Ridurre i nostri consumi: prima di comprare qualcosa, chiediamoci se ci serve davvero
- Comprare prodotti con meno imballaggi possibili e che non vengano da molto lontano
- Unisciti ad altri in un Gruppo di Acquisto Solidale
- Per la spesa, usare sacchetti di stoffa o iuta, eliminando il sacchetto di plastica
- Riutilizzare e Riparare
- Bandire dalle nostre case l’Usa e getta
- Utilizzare tovaglioli di stoffa con le iniziali ricamate
- Fare bene la raccolta differenziata
- Usare detersivi alla spina e biodegradabili, li si può anche produrre da sehttp://www.tuttogreen.it/guida-allautoproduzione-dei-detersivi/
- Usare le saponette al posto dei saponi liquidi
- Bere acqua del rubinetto
- Chiudere il rubinetto mentre ci si insapona
- Raccogliere l’acqua di lavaggio di frutta e verdura per innaffiare le piante
- In cucina, riciclare gli avanzi del giorno prima per inventarsi nuove ricette
- Mangiare meno carne
- Auto-prodursi: pane, marmellate, conserve...
- Allestire un piccolo orto sul proprio balcone e/o unirsi ad altri per un orto sociale
- Spegnere le luci quando si va da una stanza all’altra
- Non lasciare televisori ed elettrodomestici in stand-by
- Preferire i piedi, la bicicletta e i mezzi pubblici alla propria automobile
- Se proprio necessario, organizzati con altri per viaggiare insieme
- Difendi il trasporto pubblico

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: joiyce
Data di creazione: 15/06/2006
 

CENTINANIA DI PRODOTTI BIOLOGICI E NATURALI

Acquista _nline su SorgenteNatura.it

 

Non vi è corazza più forte di un cuore incontaminato! Tre volte armato è chi difende il giusto; e inerme, sebbene coperto di ferro, è colui la cui coscienza è corrotta dall'ingiustizia. (da Enrico VI, atto III, scena II)

E chi per esser suo vicin soppresso spera eccellenza e sol per questo brama ch'el sia di sua grandezza in basso messo(superbia); è chi podere, grazia, onore e fama teme di perder perch'è altri sormonti, onde s'attrista sì che'l contrario ama (invidia); ed è chi per ingiuria par ch'aonti, sì che si fa de la vendetta ghiotto e tal conviene che 'l male altrui impronti (ira). Dante Alighieri.

 

SAN MICHELE ARCANGELO PROTETTORE DI SALEDELMONDO

ATTO DI CONSACRAZIONE A SAN MICHELE ARCANGELO
O grande Principe del cielo, difensore fedelissimo della Chiesa, San Michele Arcangelo, io, quantunque indegno di apparire dinanzi a te, confidando tuttavia nella tua speciale bontà, mi presento a te, accompagnato dal mio Angelo Custode e, in presenza di tutti gli Angeli del cielo che prendo a testimoni della mia devozione verso di te, ti scelgo oggi come mio protettore e particolare avvocato e mi propongo fermamente di onorarti quanto più potrò. Assistimi durante tutta la mia vita, affinché mai io offenda Dio né in opere né in parole né in pensieri. Difendimi contro tutte le tentazioni del demonio, specialmente riguardo la fede e la purezza, e nell'ora della morte infondi la pace alla mia anima e introducila nella Patria eterna. Amen.

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

PageRankTop.com  web tracker Visitor Map Locations of visitors to this page

Contatori visite gratuiti