Creato da buknowski il 11/09/2006
disconnected speech

Area personale

 
 

Ultime visite al Blog

 
buknowskiPinkturtlenottealta78gen_rosabluCallyphoraio86darklubopodavide_falconeout_of_rangelillim56Alcox73filippo_migliorinitoniimpaOssimoroTossic0umamau0
 

capolavoro

 

 

aforisma

 

il mondo
non è altro
che un immenso
ospedale

 

thanx to:

 
- pier paolo pasolini
- bertolt brecht
- carmelo bene
- dresden dolls
- Località-ITalia-FIrenze-via de' BArdi (1980-1989)
- sonic youth
- renato curcio
- margherita cagol
- mao tze tung
- thom yorke
- fëdor michajlovic dostoevskij
- fausto bertinotti
- frank capra
- alexandro jodorowsky
- luis buñuel
- fabrizio de andré
- piera degli esposti
- johnny cash
- vinicio capossela
- roberto herlitzka
- giulietta masina
- federico fellini
- alberto moravia
- kim ki-duk
- marcel carné
- jean gabin
- buster keaton
- ezra pound
- la crus
- dead can dance
- the smiths
- talking heads
- tears for fears
- charles bukowski
- ettore scola
- bernardo bertolucci
- wim wenders
- jeff buckley
- krzysztof kieslowski
- werner herzog
- david lynch
- rainer werner fassbinder
- woody allen
- marco bellocchio
- robert smith
- air
- nina simone
- gian maria volontè
- modena city ramblers
- vladimir il'ic ul'janov
- damien rice
- stanley kubrick
- ingmar bergman
- orson welles
- luigi comencini
- martin gore
- paolo sorrentino
- micheal haneke
- giordano bruno
- lars von trier
- polly jean harvey
- mario monicelli
- tod browning
- anathema
- harvey keitel
- gabriele salvatores
- patty smith group
- peter greenway
- david cronenberg
- costantin costa-gravas
- vittorio gassman
- nino manfredi
- giuliano montaldo
- elio petri
- vittorio de sica
- ludwig wittgenstein
- dario argento
- henry james
- matteo garrone
- aldo fabrizi
- john fante
- cat power
- claude chabrol
- marco ferreri
- andrej arsen'evic tarkovskij
- pink floyd
- monty python
- umberto eco
- damiano damiani
- louis malle
- ivan sergeevic turgenev
- carlo lizzani
- josé saramago
- vasco rossi (1978-1990)
- renzo arbore
- bent hamer
- amy jade winehouse
- coldplay
- eduardo
- antonio pietrangeli
 

visti e rivisti

 














 
Citazioni nei Blog Amici: 45
 

salle cinematographique

 







 

visti e rivisti

 




 

ho avuto molte donne nella mia vita ma tutte insieme non ne hanno fatto un uomo

 

visti e rivisti

 








 

visti e rivisti

 


 

visti e rivisti

 




 

ozon

 





 

capolavori

 

 

 

FACEBOOK

 
 
 

 

'Can everybody write on this blog? can everybody publish their comments?
i don't think so'.
 
Allan Stewart Königsberg

 
 

 

 
« pietàScritto sociologico sul ... »

L'anno del terrore

Post n°112 pubblicato il 21 Settembre 2010 da buknowski


Il sequestro Moro visto dagli americani, un filmaccio da vedere. Quando, nel bel mezzo del pathos, è spuntato Fabio Traversa nei panni di un capo brigatista (il "triste squallido" di Ecce Bombo, per intenderci) non ho potuto fare a meno di ridere: è il limite di molti attori, soprattutto italiani, caratteristi loro malgrado ed incapaci per questo di uscire dai ruoli impostigli da chi prima li usa e poi li getta (vedi Moretti, Verdone). Qualche spunto è però interessante, considerato l'anno di uscita: il 1991. In un paese come l'Italia, telecomandato a distanza, è addirittura probabile che la verità - o la cosa più simile ad essa - possa venire proprio dall'estero. Meglio ancora se dagli Stati Uniti, paese in cui il sequestro Moro è stato prima concepito e poi pianificato. Assolutamente improbabili gesta e atteggiamenti brigatisti, incarnati dall'uomo coi pugni in faccia, Lou Castel, e da quel poveraccio di Mattia Sbragia, capro dimostrativo di una generazione di illusi e col phisique du role del perfetto brigatista (vedi Il Caso Moro e Guido che sfidò le Brigate Rosse). Su Valeria Golino nulla da dire, è stata più che distrutta in altre sedi; sorprende più che altro l'enorme sproporzione tra quantità e qualità del suo Cinema, mai si era vista attrice così pessima lavorare tanto con firme pure prestigiose (Montaldo, Salvatores). Viene da pensare: dov'è finita la Magnani? Ah già, è morta.

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: