Creato da kayfakayfa il 10/01/2006

LA VOCE DI KAYFA

IL BLOG DI ENZO GIARRITIELLO

 

 

« CIRCO ZUZZURELLONI, CRES...RENZI DA BERLINGUER, DET... »

BOMBE D'ACQUA, ALIBI BIPARTISAN

Post n°1840 pubblicato il 11 Settembre 2017 da kayfakayfa

Da alcuni anni – credo non più di quattro/cinque al massimo – i meteorologi italiani hanno coniato il termine bomba d'acqua per indicare “un gavettone di pioggia dannoso e imprevedibile” conseguenza del riscaldamento globale.

Da quando questo “neologismo” s'è diffuso, gli enti locali, comuni e regioni, hanno trovato un alibi di ferro per giustificare le proprie inadempienze nella prevenzione dei danni prodotti da quello che non è altro se non il nubifragio di vecchio stampo. Nemmeno tanto imprevedibile per l'intensità della pioggia che scaricherà in terra, considerando i costanti bollettini meteo diffusi dall'aeronautica militare per allertare le zone che saranno interessate dal fenomeno affinché gli amministartori prendano i dovuti provvedimenti per evitare il peggio.

Provvedimenti come la pulizia delle caditoie e dei tombini fognari o la pulizia degli alvei dei fiumi e dei torrenti e il rafforzamento dei loro argini, che per la verità dovrebbero essere effettuati periodicamente, a prescindere dall'allerta meteo, al fine di non farsi trovare impreparati quando la natura, soprattutto a fine estate, si scatenerà. Come puntualmente avviene ogni anno, da che mondo è mondo.

Come dicevamo l'utilizzo di questo neologismo s'è rivelato un alibi di ferro per gli enti locali i quali, ogni qualvolta la furia del maltempo provoca distruzione e morte, allargano le braccia desolati, dando ad intendere che nulla possono contro l'imprevedibilità e la forza della natura. Pazienza che a smentirli ci sarebbero i bollettini di allerta meteo diffusi loro dalla protezione civile.

Ogni anno Liguria, Toscana, Lazio, Campania, solo per citare alcune delle regioni maggiormente martoriate dalla furia degli elementi tra settembre e novembre, subiscono vere e proprie tempeste tropicali con violente precipitazioni che in poche ore riversano al suolo la stessa quantità d'acqua che solitamente si riversa nel corso di alcuni mesi. Con danni ingenti per persone e cose prodotti dall'otturazione delle fogne, dallo straripamento dei fiumi, dal crollo dei ponti e delle strade, dallo smottamento del sottosuolo con violente frane.

Tutti questi danni non sono però imputabili alla natura ma alla negligenza umana: fiumi e torrenti che tracimano perché chi avrebbe dovuto non s'è premurato di dragare gli alvei per pulirli dai detriti che li ostruiscano al fine di rendere fluido il corso dell'acqua alla foce, oppure perché non si sono rafforzati gli argini, o perché, se lo si è fatto, si sono rotti in quanto consolidati con il polistirolo; ponti e strade costruiti con materiali scadenti, pertanto incapaci di resistere alla forza della natura, che vengono giù come birilli, mietendo spesso vittime; frane che si verificano in zone dove d'estate la mano criminale dei piromani ha appiccato incendi, bruciando flora e fauna, privando il terreno delle radici degli alberi che, fungendo da filtro, drenano l'acqua dal sottosuolo evitando che ristagni nel terreno fino a farlo franare; strade e piazze metropolitane invase dall'acqua e dal fango perché nessuno ha avuto il buon senso di dare mandato agli addetti al servizio fognario di sturare tombini e caditoie dalla sporcizia e di spurgare le fogne per evitare che con le prime piogge si ingrossino facendo saltare i tombini e fuoriuscendo per le vie, allagando negozi, box auto, sottoscale, sottopassi, rendendo un inferno la vita dei cittadini.

Tutto ciò non si può certo imputare alla natura ma alla sprovvedutezza umana che, anziché intervenire a monte per evitare il peggio, interviene solo dopo che i danni sono stati fatti, attribuendo la responsabilità alla forza della natura. Non alla propria dabbenaggine.

Qualunque sia il colore delle amministrazioni, da nord a sud della penisola, isole incluse, tutte le volte che il maltempo fa danni, malgrado sia evidente che le cause dei disastri contigenti sono da addebitarsi alla mancanza di prevenzione di chi amministra, tutti scaricano le responsabilità sulla forza della natura.

Forse convinti che i cittadini hanno la memoria corta e che, una volta passata la tempesta, quando sarà il momento opportuno, nell'urna rinnoveranno la fiducia a chi, davanti al disastro, non ha saputo fare di meglio che versare lacrime di coccodrillo, chiamando il medico quando ormai per il paziente non c'era più niente da fare!

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrā pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non puō superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

- Abbandonare Tara
- pensieri nel vento
- Il diario di Nancy
- sciolta e naturale
- Per non dimenticare
- il posto di miluria
- Arte...e dintorni
- dagherrotipi
- C'era una volta...
- passaggi silenziosi
- le ali nella testa
- Grapewine
- FAVOLE E INCUBI
- critica distruttiva
- GallociCova
- estinzione
- Starbucks coffee
- L'angolo di Jane
- In Esistente
- Comunicare
- Writer
- Chiedo asilo.....
- antonia nella notte
- Quaderno a righe
- come le nuvole
- Contro corrente
- Scherzo o Follia?
- La dama della notte
- MARCO PICCOLO
- Fotoraccontare
- epochč...
- considerazioni
- ESSERE E APPARIRE
- Oniricamente
- prova ad afferrarmi
- Nessuno....come te
- confusione
- io...Anima Fragile.
- evalunaebasta
- La MiA gIoStRa
- ...spiragli
- CORREVA L' ANNO...
- LE PAROLE
- SPETTA CHE ARRIVO
- (RiGiTaN's)
- esco fuori
- ....bisogni
- La Mia Arte
- pEaCe!!!
- Ginevra...
- Like A Wave
- BLOG PENNA CALAMAIO
- Amare...
- Sale del mondo....
- Praticamente Io
- Imperfezioni
- Mise en abyme
- Due Destini
- manidicartone
- acqua
- BRILLARE!!!!!
- Osservazioni
- XXI secolo?
- justificando.it gag comiche
- Di palo in frasca...
- montagneverdi...
- Verit&agrave;... Piero Calzona
- osservatorio politic
- Geopolitica-ndo
- Lanticonformista
- Riforme e Progresso
- LAVOROeSALUTEnews
- Ikaros
- ETICA &amp; MEDIA
- Canto lamore...
- Pino
- MY OWN TIME
- Tatuaggi dellanima
- cos&igrave;..semplicemente
- Acc&ograve;modati
- Il Doppio
- arthemisia_g
- senza.peli
- marquez
- Cittadino del mondo
- Quanta curiosit&agrave;...
- entronellantro
- iL MonDo @ MoDo Mio
- LOST PARADISE Venere
- Frammenti di...
- La vita come viene
- Mondo Alla Rovescia
- Pietro Sergi
- StellaDanzante
- Polimnia
- e un giorno
- Parole A Caso
- tuttiscrittori
- Dissacrante
- Artisti per passione
 
Citazioni nei Blog Amici: 61
 

ULTIME VISITE AL BLOG

pinodellasantalindgl2desy1977gianfrancocardia62giorgiolucaiolikayfakayfaAquila964arturino55mago.letteriuscile54Volo_di_porporaHomoPocoSapiensolatel.villaongam_v
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom