Creato da key_y il 15/05/2014
per dirti che ..
 

 

Ma dove vai ?

Post n°9 pubblicato il 01 Luglio 2015 da key_y

Io - Ma cosa fai ?
Lui - Non vedi ?  
Io - Si che vedo
Lui - E ti piace ?
Io - Cosa ?
Lui - Le mie dita sul tuo capezzolo
Io - Ah ...  e cosa pensi di fare ?
Lui - di stuzzicarti il desiderio
Io - In quel modo li ?
Lui - Bhè ... si ... ti piace vero ? dimmi che ti eccito ... dai dimmelo ...(ha il respiro forte)
Io - (se gli dico di no rischio di infrangere la sua auto stima di maschio, ma se non  glielo dico so per certo che userà con altre donne la sua metodologia inefficace, e farà annoiare a morte ogni donna che frequenterà)  .... (il mio silenzio per lui equivale a un si, e non posso comunque lasciargli credere che usare i miei capezzoli alla maniera delle manopole di un elettrodomestico possa eccitarmi) 
Lui - si .... si ..... ti piace vero ?
Io - Cosa ?
Io - (e se me ne andassi ? ....  potrà capirlo da se, si, penso che lo capirà quando me ne sarò andata) 

Crudele io ?   mah ....  e lui ? 

 
 
 

Che genio di un genitale

Post n°8 pubblicato il 11 Maggio 2015 da key_y

" Se non si riesce nell'impresa si tentano strade diverse, e se l'impegno è notevole il risultato diventa ragguardevole "

Il senso delle sopra citate parole nasce da un fatto che mi ha davvero sorpresa.
Uscire con un uomo non era nei miei programmi di sabato, ma a volte inaspettatamente capita e diventa piacevole scoprire che l'uomo sconosciuto non lo è più dopo che ci parli per quattro ore di fila, e per giunta senza annoiarti. La mancata noia mi ha fatto accettare di rivederlo il giorno seguente, cioè ieri.

Ritrovarsi per un caffè è stata la scusa che ha dato vita alla motivazione, e dopo i convenevoli intinti di sguardi che accendevano i sensi mi sono ritrovata a casa sua che non erano ancora le 16,00. Facile immaginare il seguito, ma tra le varie cose una più di tutta mi ha stupita tant'è che avrei voluto abbandonare il " letto "

E' inutile girarci intorno, lo dico: il suo membro era poco evidente, anzi pochissimo evidente, praticamente piccolissimo. Sfido qualunque donna, che trovandosi di fronte a un uomo nudo con un membro di dimensioni ridottissime non avrebbe avuto l'idea di fuggire seduta stante senza nemmeno portarsi dietro sensi di colpa come strascico.

Ebbene, in me regnava la delusione in quel momento, e ammetto che sarei potuta essere crudele se me ne fossi andata, e invece sono rimasta, e sono rimasta con lui sino alle 2 del mattino senza mai smettere di fare sesso con l'uomo che di ridotto aveva solo il pene e non le capacità di appagarmi.

Da qui ho capito che lasciarsi confondere dalle apparenze genitali non va fatto, e che anche i " piccoli "  si comportano come si deve,  senza per questo essere da meno dai " grandi "

 
 
 

uomo o Uomo

Post n°7 pubblicato il 10 Agosto 2014 da key_y

Mi domando se servono atteggiamenti tipici a sottolineare quanto ci si propone o si voglia  in un rapporto tra due individui, che in realtà  demarcano  situazioni atte a determinarne il contenuto al quale si ambisce.
Sono casi del tutto unici, fuori dall'ordinario, quelli a carattere tipicamente subordinato alla dominazione, e si aggiungono tuttavia al numero sempre crescente  di esperienze da provare.

Polsi legati da seta o da catene risultano simili nel contenuto.
Corde aggrovigliate o sinuose piume che attraversano il corpo hanno la medesima valenza. Il soggiogare la mente per limitarne la libertà insieme allo scuotere minacciosamente il corpo rende vittime.

Indicano predominio. E non è sempre accettabile se si diventa una vittima da sopraffare.

Perchè un uomo tende a sottomettere una donna con mezzi che trova consoni e utili, a suo dire, per ricavarne piacere e di conseguenza concederne  ?

Spesso costoro amplificano il loro modo di confrontarsi nel loro rapporto, adducendo addirittura che quanto compiono è del tutto desiderato, e pertanto di sicura accettazione. Una donna che ambisce a lasciarsi colpire da oggetti, che sovente sostituiscono mani nude non può pensare di rendersi schiava di un individuo che sostiene di essere uomo.
Non può. Sono altri gesti a cui deve ambire, e non a fruste e manette che umiliano la parte più nuda di se stessa.

Un uomo è Uomo solo quando riesce a esserlo

 

 
 
 

Cose da dire

Post n°6 pubblicato il 10 Agosto 2014 da key_y

Le cose dette sono sempre quelle che hanno il potere di rimanere impresse, se ovviamente risultano interessanti. E' un dato di fatto, le parole colpiscono, e come tali imperversano generando emozioni di diverso tipo. Oltre alla parole esistono gli atteggiamenti che regolano le situazioni e di conseguenza quanto ne deriva.

Dopo un tale preambolo potrebbe sembrare che io abbia le intenzioni di adoperarmi ancora in litanie e quant'altro generi discussioni ed elucubrazioni mentali inutili e spesso vane. 
Invece no. Mi fermo, perchè quello che in realtà voglio dire è ben altro, e a dirla tutta un pò di timore ce l'ho, e non perchè non sia capace di esprimere idee e pensieri, ma soltanto per timore di essere censurata. E' già accaduto, e vi assicuro che non è piacevole, tuttavia dopo vari ripensamenti ho deciso di nuovo di pormi con la mente nuda di fronte a queste pagine, che con così tanta solerzia imprigionano pensieri ed esperienze della scrivente, me medesima. Potrei ridere, o sorridere o addirittura piangere, se solo ne fossi capace potrei si, farlo, ma non mi appartengono le lacrime dato che sono restia a rendere evidenti certe emozioni, pertanto mi propongo per come sono  pronta a dire si quando lo ritengo possibile.

A lui l'ho detto. 

Tipico uomo con l'idea in testa di essere geniale, evidentemente solo sua dato che non raccoglieva molti consensi dopo averlo conosciuto attraverso il tempo che scorreva, ma questo è un altro punto a suo sfavore, un tempo lo ammiravo, ora mi è indifferente.

 
 
 

Il codardo non si spegne mai

Post n°5 pubblicato il 07 Agosto 2014 da key_y

Credere alle favole è ancora d'uso comune ?

Alla domanda rispondo con un assenso decisamente spontaneo, anche se dovrei ricredermi per via di deludenti ed evidenti realtà che si presentano come saette precipitate dal cielo in un giorno assolato. La verità è che non ne vale la pena di perdersi dietro a uomini che come unico scopo sembra che abbiano quello di regalare amarezze alle donne.
Forse loro non sono poi colpevoli, forse sono solo degli idioti poveretti con problematiche legate alla personalità del tutto superficiale, dovuta alla scarsa presenza di neuroni nel loro misero cervello, e siamo noi che erroneamente gli abbiamo conferito una alta considerazione, commettendo un grosso errore di valutazione, purtroppo.

Ecco perchè non sarebbe giusto accusarli, perchè coloro che sono diversamente intelligenti meritano soltanto compassione sebbene risultino patetici e immorali.

Tuttavia non riesco a comprenderli, e ancor meno a perdonare gesti del tutto meschini quando di mezzo ci sono sentimenti che vengono compromessi.

Perchè mai un uomo deve assumere l'identità che non gli appartiene ?

Perchè costui si arroga la facoltà di mentire adducendo che quello che vuole è te e solo te ?

Perchè un uomo diventa vigliacco ?

Di risposte ne avrei parecchie, ma l'unica che emerge forte e vigorosa è quella che costui merita solo disprezzo

 
 
 
Successivi »
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

Ultime visite al Blog

minieri.francescorapida_mente_64key_yGiuseppeLivioL2disilluso70The_Alpha_Maleilovedonnamaturafrattale58chepizzastiblogfrancesca632MarquisDeLaPhoenixxenix1Elemento.ScostanteIrrequietaD
 

Ultimi commenti

RSS (Really simple syndication) Feed Atom