Community
 
ladestracal...
   
 
Creato da ladestracalolzio il 16/08/2008

LA DESTRA CALOLZIO

blog libero

 

 

« Notizie dal ComuneOil plunge! »

Figuraccia italiana 

Post n°55 pubblicato il 15 Ottobre 2008 da ladestracalolzio
 

Certo che ciò che è accaduto a Sofia, nel corso della partita Italia-Bulgaria ha qualcosa d’inverosimile. Tifosi presi un po’ da tutta Italia, qualcuno ha scritto persino da Napoli, sono andati a portare la nostra inciviltà anche lassù, come se non bastassero i fatti recenti della “monezza” e della prova caricaturale che sta dando il nostro governo agli occhi del mondo sia a est sia ad ovest. La vista di quei ragazzi allo stadio che ostentavano a volto scoperto tutta la loro rabbia, o soltanto stupidità, servendosi di simboli che nulla hanno a che vedere con il gioco del calcio, hanno lasciato sgomenti. Una cosa che a me che sono di una destra sociale lascia intendere due cose: la prima che il clima che s’è creato in Italia, soprattutto da chi insieme all’acqua sporca ha buttato via anche il bambino, ha spinto le frange più estremiste ad essere orgogliosi di stare dalla parte sbagliata, a palesarsi con manifestazioni pubbliche assurde e vergognose. Il fatto, poi, di mischiare simboli diversi e di diversa provenienza storica la dice lunga sulla confusione che regna nelle teste di molti ragazzi.
  Preoccupante, nella situazione attuale e per il prossimo futuro, sembra tuttavia, non essere più un ritorno al fascismo mussoliniano, ma al nazismo hitleriano o nuovi tipi di estremismi, ben peggiori che li racchiude un po’ tutti. Se così dovesse accadere la gente capirebbe una volta per tutta la differenza estreme che contraddistinguevano le varie dittature.
  La seconda cosa, che è forse quella in cui sperare, anche se un pochino utopica, è che sia in atto un processo denigratorio a danno del La Destra, visto che per ora La Sinistra non mangia più i bambini (a dire il vero non mangia più niente). Sembra però essere in corso un’azione volta a delegittimare storicamente un partito che accoglie persone che non né vogliono sapere di rinunciare ad alcuni valori che contrastano profondamente con il modus operandi delle forze al governo, anche se poi tendenzialmente vengono definiti “fascisti” tutti quelli “contro”, o perché vestiti alla moda o soltanto perché non ti fanno entrare in un locale (ho sentito dare del fascista al signore che regolava l’ingresso di un locale di Milano sabato sera, perché non ha fatto entrare alcuni ragazzi) poi si governa per decreti, si va a stringere la mano indistintamente a Putin, Mubarrak, o  Gheddafi, che stinchi di santo non sono e si osanna Bush, quasi fino allo svenimento, come un grande statista. Questi sarebbero i democratici. Da vomitare.
  Tornando a monte, penso che non si possano bruciare bandiere di nessun colore, di nessuno Stato. Quelli che abbiamo visto a Sofia, bruciare la bandiera bulgara (e poi a che pro) non sono fascisti, non sono Italia, però sono italiani, italiani di m..., senza cultura e forse come ho scritto sopra, prezzolati per screditare qualcun altro. Non so! Qui non c’è onore, non c'è orgoglio, non c'è un bel niente. Soltanto voglia di apparire, come massa pecorona. Io sono del parere che la bandiere si possono conquistare, ma mai bruciare. Purtroppo, non dobbiamo dimenticare (e come si può) che altri italiani allo stadio arrivarono a fischiare l'inno dell'Argentina ai mondiali del 1990, in Italia, per la faccenda Maradona, dopo che lo avevano tanto osannato (italian style).
  Ora, mi chiedo, si possono esprimere pareri, è legittimo, ma come si fa a fischiare un inno, per futili motivi, davanti a tutto il mondo? Come si fa a non rispettare una bandiera o addirittura bruciarla? Sono cose lontane da me, da noi di Destra. Inconcepibili. Non moltissimi anni fa abbiamo visto tutti in televisione altri italiani bruciare le bandiere americane e di Israele nelle manifestazioni di piazza e “Credo sia uno scempio gravissimo” scrive un blog 
amico, che poi aggiunge argutamente “ma penso che tutto l'eco che si sta dando oggi a questo fatto in Bulgaria serva a nascondere qualcosa che accade in Italia e i giornalisti si voltano dall’altra parte”. Come biasimarli! Basta un taglio ai fondi per l’editoria e si ritrovano non più a scrivere di migliaia di persone buttate in mezzo alla strada, ma in mezzo ad una strada a parlare di loro stessi. Poi vedi dove vanno a finire i loro bei sorrisetti stupidi, davanti alle telecamere, soprattutto quando ostentati in programmi che trattano di crisi internazionale o di cultura economica o di drammi della nostra società. Un vero affronto a chi lotta per sopravvivere nel nostro paese. Questo succede in Rai, in Mediaset, come in La7, o nelle TV private e devo dire che, se a me, un pochino da fastidio, forse a qualcun altro fa incazzare.
  Per concludere non scorderò mai quello che accade in RAI alcuni anni fa durante il minuto di raccoglimento per commemorare i morti di Nassirya prima della partita Polonia – Italia del 2003: mandarono la pubblicità. Alla faccia del rispetto per le bandiere.
  Credo che presi singolarmente come capacità di eroismi o genialità gli italiani nel mondo sono impareggiabili, ma credo non vi sia nulla di peggio degli italiani in massa. Da un secolo e mezzo l’Italia è stata fatta, purtroppo gli italiani sono ancora da fare. Il problema è che non siamo ancora nazione e per noi la bandiera è rimasta un’identità astratta, non inconfondibile. E non solo per noi. Pensiamo alla sfacciata somiglianza con quella messicana e ungherese, che ha visto, nel corso della premiazione del Gran premio di Australia di MotoGP, vinto da Stoner, questultima salire sul pennone del 2° posto di Valentino Rossi, perché  laggiù pensavano fosse la stessa cosa. Gulp! Per una volta non sono stati gli italiani a fare la figura di cacca.

        Italia-1861            Ungheria-1848           Messico-1823

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

Un politico pensa alle prossime elezioni; un uomo di Stato alle prossime generazioni.
- John Clarke

Che grande uomo politico sarebbe stato Giuda!
- Achille Tournier

 

La politica è una faccenda troppo seria per essere lasciata ai politici.
- Charles De Gaulle

 

Desidero condividere con te una geniale intuizione che ho avuto, durante la mia missione qui. Mi è capitato mentre cercavo di classificare la vostra specie. Improvvisamente ho capito che voi non siete dei veri mammiferi: tutti i mammiferi di questo pianeta d'istinto sviluppano un naturale equilibrio con l'ambiente circostante, cosa che voi umani non fate. Vi insediate in una zona e vi moltiplicate, vi moltiplicate finché ogni risorsa naturale non si esaurisce. E l'unico modo in cui sapete sopravvivere è quello di spostarvi in un'altra zona ricca. C'è un altro organismo su questo pianeta che adotta lo stesso comportamento, e sai qual è? Il virus. Gli esseri umani sono un'infezione estesa, un cancro per questo pianeta: siete una piaga. E noi siamo la cura (dal film MATRIX).

E' tempo di sapere quale futuro vogliamo per il nostro pianeta, per noi, stessi e per le generazioni che ci seguiranno.

E' giunto il tempo per i cittadini di smettere di fidarsi ciecamente al modo con cui i politici gestiscono il mondo, servendo esclusivamente interessi personali.

Per ridare un senso alla democrazia, i cittadini devono smettere di essere passivi e spettatori, come il docile gregge che si vorrebbe che siano. Devono riflettere a ciò che vogliono veramente ed assumere in modo coerente il ruolo di stipendiato, consumatore, contribuente, elettore, dimostrando di non essere più pecora delle pecore.

Le direzioni prese dall'economia, la società, la tecnologia e l'ambiente non sono inevitabili

 
 
 

     Translate

             Aggregatore

            

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

ULTIME VISITE AL BLOG

gianpierocerizzamauroacquarimarghe.zuccaladestracalolziomultisex2romeosliderpackmarcobozzoloelisnailattiliorossi38studiolegmorettiburanefalltiziana.marianimanitu7wilder30glazzzer1
 

        vai al sito del Comune      entra nel blog

 

     

 

        

 

 

sei nel blog da...

ladestracalolzio
Min: :Sec
 
Contatori visite gratuiti
 

I MIEI ARTICOLI

- Legge salva processi
- From the horse's mouth...
- I° Congresso de La Destra
- PRINCIPI FONDAMENTALI
- Lezione McCain
- PD, nuova corrente
- Democrazia: requiescant in pace
- Considerazioni semiserie
- Italia, la tomba del diritto
- Congresso provinciale di Lecco
- Ancora E.R.C. spa
- Superenalotto! Nessun commento
- Seconda battaglia di El Alamein
- Oil plunge, again!
- Meloni... di giornata!
- Figuraccia italiana
- La II battaglia di EL ALAMEIN
- Balla I.V.A.
- Manifestazione di Milano
- Good-by man
- DIRITTI DEI CITTADINI
- Crisi, recessione, stagflazione
- Torniamo alla preferenza
- Nessuna crisi ne La Destra
- Soldi e risorse buttati al vento
- La Destra è una sola
- Statali a spasso
- Quanto ci costa il Quirinale
- Fini G. come Forrest Gump
- Italiani...sveglia!
- Fini...che fine da badogliano
- 8 Settembre: polemiche inutili
- COSTITUZIONE parte III
- Federalismo Fiscale...Mah?!
- Su con la vita!
- Discorso di Robert Kennedy
- Sanità:toglierla alle regioni?
- ERC s.p.a...
- Guai a toccare gli extracomunitari
- Malinteso Alemanno
- I nostri amici americani?
- Lettera aperta di STAITI
- Chi incassa una rendita petrolifera? (2)
- Fallimento governo Berlusconi
- Guerra in Iraq... per il petrolio o i petrolieri?
- Che ne è della credibilità?
- A proposito di Tibet
- 1° Trofeo Master Cup (finali)
- Cosa sta succedendo?
- Tagli alla sicurezza
- Impronte digitali
- 16 gen 1969. Jan Palach
- Altrochè nuove provincie
- Cosa aspettiamo?
- Eccoli di nuovo...
- ALITALIA: italian job.
- Giornata Internazionale per il No alla Violenza Contro la Donna
- Fuck off, politicians!
- HANNO PRIVATIZZATO L'ACQUA!
- Lettere da Pescarenico
- Onore a Giovanni Parisi
- No alla Turchia in Europa
- In memoria dell'ultimo eroe
- Divulgare, divulgare, divulgare
- Ettore Muti: presente!