Creato da tommypa84 il 07/08/2006
La satira è l'indice della democrazia di una nazione.
 

Contatta l'autore

Nickname:
Se copi, violi le regole della Community Sesso:
Età:
Prov:
 

FACEBOOK

 
 

Milady R.Vecchioni

 
Citazioni nei Blog Amici: 66
 

Area personale

 
 
 

Tag

 
 

Eugenio Montale

 
 

La Rana Ridarella


Un sorriso rallegra la vita!
 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

immagine


 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

rosainsnavarromundobrasilmariella.laddasaggialillaautiliaanna72Bluedeep_Seagiuliano.elio0lo_snorkiLouloubelledeblasiadeleemanuela.ridolfomariomancino.milike06tommypa84flyermes
 

Alessandro e il mare



 
page counter
 

 

La mia donna!

 

Alda Merini


 
 

mai più

immagine
 

 

« Cara libertà di espressi...Report: mafia e parrini »

Oggi idratazione e nutrizione forzata, domani olio di ricino.

Post n°294 pubblicato il 12 Marzo 2009 da tommypa84

In Commissione Sanità del Senato, bocciando gli emendamenti dell’opposizione, la maggioranza ha approvato l’ennesima limitazione delle libertà personali. Nutrizione e idratazione saranno da considerarsi definitivamente sostegni vitali, senza alcuna possibilità d’appello. Sebbene nel resto del mondo sia possibile rifiutare questi trattamenti, il cittadino italiano, che sfortunatamente si ritrovasse in una situazione di coma, sarà costretto a essere nutrito e idratato anche contro la propria volontà per tutto il tempo che gli resta. Questo vale anche nel caso di stato vegetativo permanente.
Con una mossa autoritaria unilaterale, la maggioranza di centro-destra legifera da sola su una materia che riguarda la persona umana nella sua complessità, arrogando a sé una presunta superiorità morale ancora da dimostrare. La volontà del singolo cittadino verrà, quindi, totalmente ignorata e sbeffeggiata. Ma prepariamoci, ancora la legge non è completa, il peggio deve ancora arrivare. Chissà come verranno affrontate le problematiche relative alla dichiarazione anticipata di trattamento. Già la bizzarra trovata del notaio per dichiarare la propria volontà (poi sistematicamente smentita dalla maggioranza, tanto ormai ci siamo abituati!) ha fatto capire come verrà trattata la questione.
L’ennesima svolta autoritaria, l’ennesima limitazione della liberta del singolo cittadino. Forse, dopo qualche mese, tanto per essere coerenti definiranno questa legge una “porcata” o chissà che domani il governo che anche l’olio di ricino debba rientrare tra i trattamenti sanitari obbligatori e tutti saremo curati con questo antico metodo.

Commenti al Post:
BARABEL1
BARABEL1 il 15/03/09 alle 12:10 via WEB
Mi sta venendo il sospetto, che stiamo tornando al tempo del fascismo! Un bacio tesoro, è sempre bello ed intressante leggerti.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.