Creato da silvia_2010 il 13/02/2010
pensieri sogni musica e poesia

Il potere...dell'amore....

 

Solo...il tempo...lo potrà dire....

 

Chissà?...Solo il tempo....

Chi può dire dove finiscono le strade
dove i giorni iniziano,solo il tempo
e chi puo dire se il tuo amore aumenta
quando il cuore fa la sua scelta,solo il tempo.

Chi puo dire perchè il tuo amore rimpiange ciò da cui il tuo cuore è fuggito
e chi puo dire perchè il tuo cuore piange quando l'amore fa la sua scelta,solo il tempo

Chi può dire se quando le strade s'incontreranno questo amore sarà nel tuo cuore
e chi puo dire quando i giorni finiscono se la notte trattiene tutto il tuo cuore
La notte trattiene tutto il tuo cuore

Chi può dire se il tuo amore aumenta quando il cuore fa la sua scelta
-Solo il tempo
E chi può dire dove finiscono le strade
dove iniziano i giorni...


Chi sa?solo il tempo


 

 

Ho dato tutto.....

 

Questa è la mia vita....

 

E...pensare...che....

 

Ora...ti rispondo...così....

 

Hihihihi....

Carello & Carella

 

Ma...considerando...ke l'amore non ha prezzo....

 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 10
 

Ultime visite al Blog

ixtlannDolce.PiccantElemento.Scostanteil_parresiastare_della_forestapasseggero511Subimagogaleone4vagisilviololatarantinoakumarsottile500BONO_X_DAVVEROLorenzAdd1979nadia.caldarola
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

TUTTO CIO'...E'...DEPRECABILE....

Post n°3164 pubblicato il 15 Maggio 2014 da silvia_2010
 

Deprecabile. Dino Grano papà della piccola Cloe minacciato

 

Deprecabile. Dino Grano papà della piccola Cloe minacciato.

La settimana scorsa centinaia di persone hanno accompagnato la piccola Cloe, la bambina di 4 mesi morta per presunta negligenza dei medici dell’Annunziata di Cosenza che, dopo averla visitata al Pronto Soccorso, per ben tre volte hanno ritenuto che non avesse nulla di grave.

Da li a poco, invece sarebbe iniziato il viaggio della speranza verso Napoli dove la bimba è morta. La magistratura ha aperto un’inchiesta per fare luce sulla vicenda mentre, il papà di Cloe, Dino Grano affida le sue dichiarazioni a Gazzetta de Sud. Ed è proprio Gazzetta che ha pubblicato una notizia inquietante ed incredibile ma, purtroppo vera: il papà di quella piccola creatura sarebbe stato minacciato da due sconosciuti tanto che ha sporto querela. La minaccia si sarebbe consumata a Rende nei pressi di un bar dove Dino sarebbe andato per prendere un caffè. Così scrive Gazzetta del Sud: “Due uomini sconosciuti (dei quali è stata però fornita una dettagliatissima descrizione fisica) si sono avvicinati con passo deciso verso il papà di Cloe. Uno dei due ha quindi preso la parola tradendo, almeno così l’ha riconosciuto Dino, un accento tipico dell’Alto Tirreno cosentino, quella zona compresa più o meno tra le località di Cetraro e Scalea: «Senti qua –riferisce la vittima nell’esposto precisando che si tratta d’una citazione testuale –cerca di finirla, sinnò ti va male, ne simu capiti. Saluti ».” Un atto deprecabile sul quale gli inquirenti sono chiamati a fare immediatamente piena luce perché non si può perdere una figlia per presunta negligenza e poi essere minacciato solo perché si cerca la verità.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 

TUTTI DEVONO SAPERE....

Post n°3162 pubblicato il 15 Maggio 2014 da silvia_2010
 
Tag: notizie

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Che...VIA CRUCIS....

Post n°3161 pubblicato il 15 Maggio 2014 da silvia_2010
 
Tag: notizie

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Minchia....

Post n°3160 pubblicato il 19 Febbraio 2014 da silvia_2010

Foto

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Un vero...leader....

Post n°3159 pubblicato il 07 Dicembre 2013 da silvia_2010
 

"I veri leader devono essere in grado di sacrificare tutto per il bene della loro gente

Nelson Mandela"




 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 
 

"Non c'è...equità"....

Post n°3156 pubblicato il 11 Novembre 2013 da silvia_2010
 
Tag: notizie

L.stabilita': Cgil, non c'e' equita', servirebbe una patrimoniale

Roma - "Non c'è equità, risponde a logiche che non risolvono la maggior parte dei problemi che riguardano i lavoratori ed i pensionati". Così Vincenzo Scudiere, segretario confederale Cgil, commenta la legge di stabilità ai microfoni de "L'Economia prima di tutto" del Gr Rai all'alba della settimana di scioperi.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Emergenza...al sud....

Post n°3155 pubblicato il 11 Novembre 2013 da silvia_2010
 
Tag: notizie

Crisi e povertà, per 4,1 milioni di italiani
quest'anno niente cenone di Natale

Nuovo allarme della Coldiretti: in tre anni sono aumentati del 47% coloro che, con le proprie forze, non riescono neanche a mangiare. Cresce anche il numero dei bambini in forte difficoltà: 428mila sotto i 5 anni hanno avuto bisogno di aiuto per poter bere latte. Emergenza al sud.

ROMA - A Natale non potranno permettersi né pranzi né cenoni. Perché quello delle nuove povertà è un numero che in Italia aumenta di anno in anno. Bambini compresi. Salgono a quota 4,1 milioni gli italiani indigenti che, in vista delle festività di fine anno, per mangiare dovranno ricorrere all'aiuto delle istituzioni, delle organizzazioni o dei singoli cittadini. Rispetto al 2012 la cifra è in aumento del 10 per cento. Ma negli ultimi tre anni l'incremento è addirittura del 47 per cento. Il record è al sud, dove ci sono 4 affamati su 10 (+65% in tre anni). E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti, sulla base del 'Piano di distribuzione degli alimenti agli indigenti 2013', divulgata in occasione del primo baratto della solidarietà.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Qui piove....

Post n°3154 pubblicato il 11 Novembre 2013 da silvia_2010
 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Uffff....

Post n°3153 pubblicato il 08 Luglio 2013 da silvia_2010
 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 
 

Va salvaguardata l'onorabilità del Paese....

Post n°3150 pubblicato il 27 Marzo 2013 da silvia_2010
 
Tag: notizie

Marò, Terzi da le dimissioni, Napolitano irritato, Monti al colle.

ROMA - Il ministro degli Esteri Giulio Terzi, nella bufera per la gestione del caso marò, ha dato le dimissioni, in disaccordo con la decisione di rimandare in India i due fucilieri di Marina accusati di aver ucciso due pescatori indiani. Un atto che coglie di sorpresa sia il governo, che soprattutto il Quirinale. Il presidente della Repubblica ha convocato il presidente del Consiglio  per chiarimenti.

"La mia voce è rimasta inascoltata", ha detto il ministro annunciando la sua decisione mentre riferiva alla Camera sul caso. "Mi dimetto perché per 40 anni ho ritenuto e ritengo oggi in maniera ancora più forte che vada salvaguardata l'onorabilità del Paese, delle forze armate e della diplomazia italiana. Mi dimetto perché solidale con i nostri due marò e con le loro famiglie", ha spiegato in Parlamento. "Saluto con un sentimento di profonda partecipazione e ammirazione i marò Latorre e Girone. Ancora ieri le loro parole hanno dato uno straordinario esempio di attaccamento alla patria", ha detto il ministro alla Camera in apertura della sessione durante la quale il governo è stato chiamato a riferire sul caso dei due militari italiani al centro di una lunga contesa giudiziaria con l'India.

«Riportate a casa mio marito»: è stata la moglie di Salvatore Girone a urlare queste parole dalla tribuna di Montecitorio, dove si trovava per assistere insieme alla sorella di Massimiliano Latorre all'informativa del governo Monti sulla vicenda dei due marò accusati dall'India di omicidio, e recentemente ricondotti a Nuova Dehli dopo un tentativo d'atto di forza.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

"In Parlamento troie che farebbero tutto"....

Post n°3149 pubblicato il 27 Marzo 2013 da silvia_2010
 
Tag: notizie

Battiato, frase shock da Bruxelles
"In Parlamento troie che farebbero tutto"

Ci sono troie in giro in Parlamento che farebbero di tutto, dovrebbero aprire un casino". Una frase shock che Franco Battiato pronuncia a Bruxelles, nella sede del Parlamento europeo, durante un incontro istituzionale dedicato ai "Nuovi percorsi fra turismo e cultura in Sicilia". Il cantautore, da quattro mesi assessore al Turismo della giunta Crocetta, è costretto a precisare che si riferiva alla precedente legislatura e alludeva alle donne come agli uomini. Ma è tardi, perché le sue parole hanno già scatenato una bufera. E provocato la reazione sdegnata dalla neopresidente della Camera Laura Boldrini: "Parole volgari e offensive. Respingo nel modo più fermo l'insulto che arriva da Battiato alla dignità del Parlamento".

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Non siamo immuni...da rischi....

Post n°3148 pubblicato il 27 Marzo 2013 da silvia_2010
 
Tag: notizie

Fmi: «Il sistema finanziario italiano?
Resistente, ma non immune da rischi»

Il sistema finanziario italiano ha mostrato una «notevole resistenza» ma «anche se stabilizzato non è immune ai rischi», quali la «continua debolezza dell'economia reale e il legame fra il settore finanziario e il quello sovrano». Lo afferma il Fondo Monetario Internazionale (Fmi) al termine di una missione di esperti incaricata di valutare lo stato del nostro settore finanziario.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Il caos....

Post n°3147 pubblicato il 27 Marzo 2013 da silvia_2010
 
Tag: notizie

Cipro: continua caos, prelievo arriva a 40%

NICOSIA - Tutte le banche cipriote restano chiuse, per il decimo giorno consecutivo, dopo la decisione del ministero delle Finanze, intervenuta dietro suggerimento della Banca Centrale, per evitare assalti agli sportelli da parte dei clienti che vogliano chiudere i conti. E il contante continua a scarseggiare perché l'importo che si può prelevare dai bancomat è sceso tra i 100 e i 120 euro al massimo a seconda della banca. In un primo tempo si era deciso di far riaprire gli sportelli alle banche non interessate alla pesante ristrutturazione prevista dal piano di salvataggio concordato da Nicosia con l'Eurogruppo e di lasciare chiuse sino a tutto domani la Cyprus Bank e la Laiki Bank. Alla fine, come osservano analisti locali, deve aver prevalso l'opinione espressa dall'ex presidente della Repubblica George Vassiliou, uno stimato economista, il quale aveva ammonito che le banche avrebbero dovuto riaprire tutte insieme in quanto un'apertura differita avrebbe creato soltanto maggiore inquietudine tra i clienti e sui mercati.
Le perdite per i correntisti con depositi di oltre 100 mila euro potrebbero arrivare a toccare il "40%". Lo ha detto il ministro delle Finanze cipriota, Michael Sarris, in un'intervista alla Bbc precisando che i controlli sui conti e i movimenti di capitale "si protrarranno per alcune settimane".

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 

Habemus Papam....

Post n°3145 pubblicato il 13 Marzo 2013 da silvia_2010
 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »