Creato da quotidiana_mente il 17/11/2005

Quotidianamente...

Vita di ufficio... ma quella è un'altra storia...

 

 

.

Post n°526 pubblicato il 30 Ottobre 2009 da quotidiana_mente
 








  1. Festeggiare Halloween fuori dal continente americano è una scelta al limite del buon gusto;
  2. se manderai tuo figlio a chiedere caramelle ai vicini, prima fai un giro del condominio per distribuirle;
  3. Halloween non è carnevale: lascia stare il costume da coniglietta di Playboy e vestiti da strega vecchia e brutta;
  4. quando un bambino insiste per avere una zucca intagliata, è bene avvertirlo che poi mangerà risotto alla zucca per una settimana;
  5. non sprecare energie a remare contro Halloween, ricorda che il vero nemico è sempre e solo San Valentino.

 

Le regole, Internazionale del 30 ottobre 2009





 
 
 

.

Post n°525 pubblicato il 13 Ottobre 2009 da quotidiana_mente
 








E’ stato definito il calendario in base alle esigenze degli iscritti alle varie lezioni in palestra. A furore di popolo le lezioni di fitboxe sono state spostate alle ventuno e solo per mezzora, perché non riscuotono successo. Il giovedì, invece, la durata è di un’ora e con inizio alle diciannove, il che mi va bene e poi l’istruttore, questo, mi è simpatico, o meglio non mi è antipatico.

L’altro, una sera, mentre faceva lezione di pilates mi ha chiamato “amore”. Ho smesso di respirare e ho detto: “capisco che non ti puoi ricordare i nomi di tutte ma amore a me non lo dici”. Ha girato i tacchi e ha iniziato a ignorarmi. Difficile dargli torto.

E così ho iniziato a frequentare le lezioni dell’istruttore “gnapetto”: ancora non abbiamo avuto modo di bisticciare.

La settimana scorsa, prima dell’inizio della lezione di fitboxe, sono andata da lui e ho chiesto: “dopo quante lezioni potrò uscire per strada e urlare Adrianaaaa?”. Mi ha guardato dritto negli occhi e mi ha risposto: “mai”. Ci sono rimasta male.

Qualche lezione prima, avevo chiesto se dopo tanta fatica tra fitboxe, tonificazione e altre diavolerie, sarei diventata più alta, bionda e con gli occhi verdi. La sua risposta è stata efficace: “mi hai guardato?”. Ero quasi tentata di salutarlo e lasciare per sempre quel luogo di sudore. Invece, persisto pur sapendo che non vedrò mai esauditi miei desideri più reconditi. Ma, prima o poi, urlerò “Adrianaaaa” alla Rocky Balboa, così.

Che poi ci penso e mi chiedo: ha senso spendere soldi per sudare? No, certo che non ha senso. E’ vero che dopo le lezioni di ginnastica, sopporto meglio qualsiasi cosa, un po’ come se diventassi di gomma e tutto rimbalzasse, ma dura poco. Troppo poco.

Ho smesso di andare a letto presto perché mi svegliavo all’alba. Quando al telefono l’ho detto a mia madre, lei mi ha risposto che l’alba è l’ora migliore per godere dello spettacolo della rugiada sulle piante. Le ho ricordato che vivo in condominio e in una grande città. Mi ha risposto che non sono mai contenta. Ci sono rimasta male.

Sì, ultimamente rimango male facilmente. Non è permalosità, ma una sensazione diversa, come se il mio carapace si fosse indebolito, o meglio si fosse sfilacciato e tutto mi ferisca. E’ una sensazione fastidiosa.





 
 
 

.

Post n°524 pubblicato il 29 Settembre 2009 da quotidiana_mente
 













Non esco, non vedo gente e non faccio cose. In compenso vado a letto presto.









 
 
 

Breccia di Porta Pia

Post n°523 pubblicato il 20 Settembre 2009 da quotidiana_mente
 




La presa di Roma (20 settembre 1870) comportò l’annessione di Roma al Regno d’Italia, e decretò la fine dello Stato Pontificio e del potere temporale dei Papi (fino al 1929 quando i Patti Lateranensi di fatto lo ripristinarono sulla Città del Vaticano). L’anno successivo la capitale d’Italia fu trasferita da Firenze a Roma.

(click)









 
 
 

.

Post n°522 pubblicato il 09 Settembre 2009 da quotidiana_mente
 






Da qualche giorno ho l’impressione che una nuvola nera si aggiri sopra la mia testa. Come se una tempesta fosse in attesa di scaricare tutta la sua potenza negativa su di me. Sono certa che si abbatterà solo su di me, lasciando indenne tutto (e tutti) quanto mi sta intorno. Non è proprio piacevole. Ogni sera rimango stupita del fatto che la tempesta ancora non si sia scatenata. Il perché di questa sensazione non mi è chiaro. Continuo come se niente fosse, ma intanto la nuvola nera è lì. Ferma in attesa. Non la vedo, ma la percepisco.

La settimana scorsa ho trovato nella cassetta della posta una pubblicità per l’inaugurazione di una palestra. Ho guardato l’indirizzo: vicino a casa, molto vicino, troppo vicino. Poi, come spesso mi accade, ho ignorato il tutto.

Ieri, rientrando a casa, ho ripensato alla pubblicità. Ho pensato che questa volta la montagna era venuta a Maometto: la palestra è praticamente nell’atrio di casa. Cavoletti, una vera disfatta!

Sono andata a vedere: la ragazza al ricevimento era molto gentile e disponibile. “E’ il suo lavoro”, ho pensato, la palestra odorava ancora di nuovo, era spaziosa e molto luminosa. Una vera congiura. La ragazza mi ha parlato di promozioni sugli abbonamenti e mi ha mostrato gli orari, ho iniziato a controllare quelli che facevano al mio caso e quando, scherzando, ho chiesto se potevo fare una lezione di prova, lei mi ha risposto di sì, ho capito di non avere più scampo. Mi ha presentato un allenatore e abbiamo fissato una lezione di fit boxe per domani. Perché fit boxe proprio io che volevo solo fare ginnastica? Perché in quel preciso momento, ho capito di avere bisogno di sfogare i miei bassi istinti, di dare sfogo alla rabbia che, ultimamente, mi porto dentro. Ho chiesto all’allenatore se potevo portare una foto da attaccare sul sacco per meglio colpire. Lui ha risposto di sì, che potevo persino tappezzare il sacco di fotografie. Ho risposto di no, che grazie, ma una foto era più che sufficiente. Ha sorriso. Non ho capito perché, che ne sa lui di chi voglio colpire?

Domani farò la prova e dopo valuterò. Tutto al più mi metterò a fare ginnastica dolce come si conviene a una signora sul viale del tramonto. Ma sì. Intanto un punto della “lista dei buoni propositi” è in fase di realizzazione. Un altro è già miserabilmente fallito: sabato ho comprato due libri. Giuda ballerino!

Un dubbio sorge spontaneo: riuscirà mai un bonsai (pacifico) a colpire un sacco di fit boxe?






 

 
 
 

.

Post n°521 pubblicato il 30 Agosto 2009 da quotidiana_mente






Come ogni anno, al mio rientro in ufficio, troverò sulla scrivania le cartoline natalizie dell’UNICEF. Ormai sono tre anni che è così, perché dovrebbe essere diverso proprio lunedì prossimo? Ho deciso, anch’io, di portarmi avanti con il lavoro e così ho preparato la lista dei miei buoni propositi per l’anno nuovo.

Lo so, è presto. Ma Natale (e peggio ancora l’anno nuovo) arriva in un attimo e quando il calendario verrà sostituito, in un baleno, arriverà anche Pasqua. Sì. Meglio non farmi trovare impreparata. Questa è la lista dei miei buoni propositi per l’anno nuovo. Lista che, ovviamente, potrà subire modifiche, ma almeno a dieci punti voglio tenere fede. Dieci punti? L’ambizione, oggi, è al suo massimo storico! Sarà un work in progress (che fa sempre tanto trendy).

 

1) Prendere lezioni di guida per re-imparare (ammesso che io abbia mai saputo guidare);

2) andare in palestra (noooo, la palestra no! Noooo, la palestra no!);

3) mantenere, almeno per un mese, la promessa di non comprare nemmeno un libro. Almeno per un mese;

4) fare almeno 25 km di bicicletta durante il fine settimana per poter affrontare Vienna – Budapest lungo il Danubio (da fare quanto prima);

5) mettere soldi da parte per il regalo di matrimonio del “Piccolo” e iniziare a cercare la tariffa migliore anche se lui si sposa a maggio e non aspettare, come al mio solito, l’ultimo minuto per prenotare;

6) organizzare con Womanonthemoon un week-end a Livorno per “par condicio”;

7) organizzare le vacanze d’agosto a gennaio come fanno tutti (non ci riuscirò mai, lo so);

8) non leggere più in modo compulsivo;

9) boh;

10) mah.

 

Essendo una lista in “cammino”, qualche punto verrà sostituito da un altro, e qualcuno non verrà per niente rispettato. Mi conosco e la coerenza non è proprio il mio forte, non per quanto riguarda i miei buoni propositi.








 
 
 

.

Post n°520 pubblicato il 27 Luglio 2009 da quotidiana_mente
 
Tag: Scoop!





Prima


Dopo il nostro passaggio:




noi:







 
 
 

.

Post n°519 pubblicato il 26 Luglio 2009 da quotidiana_mente
 






Womanonthemoon e io abbiamo deciso che:



Certo, si dovrebbe anche andare a Livorno per mettere un punto finale alla discussione se meglio l’una o l’altra città. Newsinedicola sostiene che dopo un soggiorno (anche breve) a Pisa non si torna più come prima. Infatti, io sono tornata più intelligente (la mia è un'illusione), più alta e persino bionda e con gli occhi verdi! E’ ovvio che News essendo di Livorno è di parte, noi no.







 
 
 

.

Post n°518 pubblicato il 20 Luglio 2009 da quotidiana_mente
 









Io sono ancora al lavoro, continuo la mia vita quotidiana, ma i miei (scarsi) neuroni si sono dati alla macchia: scappati per chissà dove. Quello che mi inquieta di più è che non spediscono nemmeno una cartolina oppure un semplice sms per comunicarmi le loro intenzioni. Ingrati!

Sarò un caso per la medicina del futuro. Immagino i luminari a chiedersi come abbia fatto una donna mediamente capace a vivere senza neuroni. Sempre che la scienza abbia intenzione di occuparsi del mio cervello…










 
 
 

.

Post n°517 pubblicato il 02 Luglio 2009 da quotidiana_mente
 






Copiato dal blog di Tesi89.

Si tratta di rispondere alle domande con il titolo di un libro. Sembra semplice e facile? Sembra. Provare per credere. 


1. Sei maschio o femmina?

La ragazza del secolo scorso di Rossana Rossanda


2. Descriviti:

Uno, nessuno e centomila di Luigi Pirandello 

3. Cosa provano le persone quando stanno con te?

Probabilmente allegria di José Saramago

(Titolo puramente indicativo e del tutto egocentrico perché la domanda andrebbe fatta agli altri e non a me) 

4. Descrivi la tua relazione precedente:
Ieri di Agota Kristof

5. Descrivi la tua relazione corrente:
Una questione privata di Beppe Fenoglio

6. Dove vorresti trovarti?
Ristorante alla fine dell’Universo di Douglas Adams

7. Come ti senti nei riguardi dell'amore?
Di cosa parliamo quando parliamo d’amore di Raymond Carver

8. Com'è la tua vita?
Caos calmo di Sandro Veronesi

9. Che cosa chiederesti se avessi a disposizione un solo desiderio?
La banalità del bene di Enrico Deaglio

10. Di' qualcosa di saggio...
L’arte di tacere di Abate Dinouart

11. Una musica:
La musica del caso di Paul Auster

12. Chi o cosa temi?
Il lato oscuro dell’anima di Joe Lansdale

13. Un rimpianto:
Diario di scuola di Daniel Pennac

14. Un consiglio per chi è più giovane
La strada di Comac McCarthy

15. Da evitare accuratamente:
Febbre di guerra di James G. Ballard






 
 
 

.

Post n°516 pubblicato il 23 Giugno 2009 da quotidiana_mente







« Je fais souvent ce rêve étrange et pénétrant… »

No, quella frase non c’entra niente. Quella è una poesia di Verlaine ed era all’esame di quarta media (perché in Francia le medie durano quattro anni). No. Di rado sogno oppure sogno come tutti ma da sveglia non rimane traccia di quanto vissuto durante la notte.

Invece questa volta, qualche traccia è emersa lentamente durante la giornata. Era un sogno strano, forse non penetrante ma strano di sicuro.

La proprietaria di casa mi voleva sfrattare. Lei non appariva mai nel sogno, e mai si è parlato di questo, ma io dovevo andare via, e lo sapevo. Ovviamente, non volevo sgomberare e continuavo la mia vita quotidiana come se niente fosse andando a lavorare ogni mattina e rientrando ogni sera a casa. Il rientro era sempre una sorpresa perché durante la mia assenza la casa cambiava: il bagno era al posto della cucina, la cucina al posto del salotto e la stanza da letto al posto del bagno. Non mi stupivo che tutto rientrasse nei vari ambienti anche se molto più piccoli di quelli all’origine edificati per loro. Nel bagno la stanza da letto trovava perfettamente il suo collocamento. Apparentemente tutto questo non mi disturbava: avevo pure sempre il mio habitat naturale anche se spostato e la vita continuava.

Una sera al mio rientro mi sono accorta che c’erano delle nicchie nelle pareti dell’appartamento e tutte le stanze erano state trasferite lì. Avevo una casa vuota con delle nicchie. Dovevo cercare nei vari vani, dove erano stati spostati gli ambienti. Aprivo ogni nicchia e trovavo il bagno, la cucina, il salotto e persino la stanza da letto, aprendo la porta di quello che doveva essere lo sgabuzzino, trovavo la Signora S. che avevo svegliato accendendo la luce. Lei mi guardava stralunata e sussurrava il mio nome con un punto interrogativo. Le rispondevo che le avrei spiegato ogni cosa il mattino seguente e che continuasse pure a dormire.

Il sogno si è interrotto e mi sono svegliata di colpo, di soprassalto ho acceso la luce, guardandomi intorno e non trovandoci niente di anomalo. Ero stata svegliata dal mio nome trasportato da un sussurro, un sussurro soffiato dentro al mio orecchio, un sussurro inquietante. Ho spento la luce e ho cercato di dormire. Non ricordavo nemmeno più di aver sognato. Era la seconda volta in poche notti che ero svegliata da “qualcosa”. La prima volta era stato come un soffio sulla mia guancia, un soffio dolce come una carezza ma pur sempre qualcosa di “estraneo” alla notte.

Non riuscendo più a riaddormentarmi, mi sono ricordata di quando ero bambina e mia madre mi raccontava che, di notte, il respiro poteva essere rubato. Non ricordo da chi. Passai molte notti in preda allo spavento. Non ricordo perché potesse succedere, ma sapevo che “qualcuno” (o “qualcosa”) si poggiava sul petto del malcapitato e il respiro veniva rubato da questa entità non definita. Una mattina mi sono svegliata madida di sudore perché avevo avuto l’impressione che fosse successo: “qualcuno” aveva tentato di rubarmi il respiro. Da quel giorno mia madre mi vietò di dormire con il gatto sul letto, perché secondo lei era stato lui a poggiarsi sul mio petto e niente di più.

Ancora oggi, per me, è un mistero. Perché mia madre raccontava “leggende” degne di togliere il sonno al più giusto dei bambini per poi trovare una spiegazione del tutto razionale quando il terrore prendeva il sopravvento?

La sera precedente non avevo mangiato la peperonata né tantomeno l’impepata di cozze, ma una misera insalata. Questa è la conferma che mangiare leggero di sera non giova al mio organismo e ancora meno al mio stato mentale.






 
 
 

.

Post n°515 pubblicato il 12 Giugno 2009 da quotidiana_mente
 






Una mattina, Puzzola arrivò in ufficio con voglia di parlare e, ovviamente, decise che le mie orecchie erano quelle più adatte ad ascoltare le sue chiacchiere. Quella mattina mi confessò che voleva andare in ferie. Lo incitai a partire quanto prima. Lui era indeciso tra un soggiorno in barca (lui al timone) nei pressi delle Seychelles e un soggiorno in Cina. Non avendo chiesto il mio parere, gli ho consigliato la Cina, anche se l’idea di andare fino alle Seychelles non mi lasciava indifferente. Il suo problema era la moglie: non voleva partire. Non ho imprecato perché mi so trattenere, ma ho detto che: chi ha il pane non ha denti e viceversa. Una vera ingiustizia!

Qualche giorno dopo ha annunciato che sarebbe partito per la Cina per due settimane. Ho provato un po’ di invidia. Qualche libro su quell’immenso paese l’ho letto e riuscivo a immaginarmi in giro per le strade molto affollate a degustare ogni tipo di cibo, forse non proprio tutto, ma qualcosa sì. Mi ha sempre incuriosito sapere com’è il cibo cinese mangiato in Cina: sono convinta che quello che si mangia qui, in Europa, sia poco meno che un surrogato. Certo, ho anche altre curiosità, ma quella legata al cibo è, per il momento, la più grande. Sì, mi piacerebbe andare a Shangai sulle tracce di Ballard, ma so già che non troverei niente di quanto lui ha vissuto. Poi, mi piacerebbe andare fino a Macao per visitare il cimitero e controllare se è vero che ci sono lapidi con nomi portoghesi con ritratti cinesi e ritratti portoghesi con nomi cinesi. Così, una curiosità come un’altra. Sì, in quel momento invidiavo Puzzola e il suo viaggio. Non riuscivo, però, a vederlo nei panni di un novello Marco Polo.

Quando ho parlato di cibo, sul suo viso si è disegnata un’espressione simile al disgusto e ha subito precisato che lui avrebbe mangiato solo in albergo. Da cinque stelle in su. Ovviamente. Che gusto c’è ad andare così lontano per mangiare internazionale? Non mi ha risposto.

E’ stato via per due settimane: nonostante io non abbia sentito la sua mancanza, è tornato.

Il suo ritorno era pieno di ricordi… cinesi. Sembravano scatole: ne apriva una e subito un’altra si scoperchiava. Quasi una tortura. Cinese. Sono tre giorni che parla della Cina, che racconta della Cina. Ieri, è arrivato in ufficio con una busta. E’ entrato nella mia stanza con l’aria guardinga. Sembrava una spia con il nemico alle calcagna. Ha aperto la busta e sulla mia scrivania sono apparsi tre foulard: potevo scegliere quello che mi piaceva di più prima che arrivasse la mia collega. Ho scelto. Di sua spontanea volontà mi ha regalato una scatola con dei pettinini in bambù con dei “dadi” che non sono dadi; mi ha spiegato che c’è tutta una tradizione dietro a quei pettinini ma non sapeva quale. Ho ringraziato educatamente, ma aveva ancora voglia di parlare e ha iniziato a raccontarmi dell’importanza della numerologia in Cina. Ascoltandolo, ho scoperto che il quattro è il numero peggiore che ci sia. Persino le guide turistiche non accettano gruppi composti da tre persone, almeno che non siano accompagnati anche da un autista oppure da una seconda guida oppure siano disposti all’aumento consistente della loro parcella. Tutto purché si vada oltre il numero quattro. Ho meditato un po’ e ho detto che nella mia data di nascita il numero quattro è molto presente. Il suo sguardo è stato di orrore: non vada mai in Cina, mi ha risposto, lì sarebbe considerata la persona più sfigata dell’universo. Dell’Universo? Mi è sembrata un’affermazione un po’ forte. Mica sarò l’unica con il numero quattro ripetuto all’infinito (o quasi) nella data di nascita. Lui non ha risposto. Per accentuare la mia sfiga universale ho precisato di essere anche femmina, il che, in Cina, non è la condizione migliore. L’avrebbero affogata appena nata, ha detto Puzzola. Altro che stupore. Non l’ho degnato né di uno sguardo, né di una parola.

Per compensare tanto orrore, ha confessato che lui non era piaciuto alle donne cinesi. Volevo precisare che, secondo me, nemmeno alle donne italiane piace, ma non ho avuto il tempo, perché si è sentito in obbligo di spiegarmi il perché, come se ce ne fosse bisogno! Non piace, secondo lui, perché è troppo abbronzato e villoso. Secondo me, i motivi sono altri, ma anche in questo caso ho taciuto.

E’ bello arrivare alla mia veneranda età e scoprire di essere perseguita dalla sfiga (universale). Ora mi spiego perché merito tutto questo: questo direttore, questa collega, questa classe politica e tante altre cose di cui non starò a raccontare. Però, se sono arrivata alla mia veneranda età nonostante la sfiga (universale) senza grandi danni e grossi traumi, non vedo perché iniziare ad angustiarmi proprio ora.

Ah, ovviamente, il numero fortunato in Cina è l’otto… che sarebbe due volte quattro il che, secondo me, lo rende un po’ meno sfigato. Così, perché ho deciso. Così, perché io non sono cinese.

Ora dovrò rivolgermi a qualche cinese doc per capire come funzionano i “dadi” e i pettinini. Ci deve essere un nesso, ma forse il nesso non c’è. Forse sono semplici pettinini anche se molto graziosi e i dadi solo spiegazioni sull’uso dei pettini.

Potrei raccontare altro del viaggio di Puzzola che ha tenuto a precisare che la sua camicia, in pura seta, è costata due Euro… non oso immaginare quanto abbia pagato i foulard. Ma è il pensiero che conta. Ovvio.





 
 
 

.

Post n°514 pubblicato il 10 Giugno 2009 da quotidiana_mente











AAA – Idea cercasi.  Anche usata.








 
 
 

Accuse al Cavaliere nel libro Einaudi rifiuta Saramago

Post n°513 pubblicato il 29 Maggio 2009 da quotidiana_mente
 

 

 

 

 Il Nobel: con lui c’è da temere per la democrazia

MILANO — Einaudi non pubblicherà Il quaderno, il libro che raccoglie testi let­terari e politici scritti sul blog dallo scrittore porto­ghese José Saramago, pre­mio Nobel per la letteratura nel 1998. Ne dà notizia «L’Espresso» oggi in edico­la anticipando che l’editore della raccolta di saggi sarà sempre torinese, Bollati Bo­ringhieri, ma soprattutto svelando il motivo della momentanea rottura tra l’autore di Cecità e la casa dello Struzzo. «La nuova opera — scrive Mario Porta­nova — contiene giudizi a dir poco trancianti su Silvio Berlusconi, che di Einaudi è il proprietario». Sarama­go è severo con Berlusconi ma anche con gli italiani, il cui sentimento «è indiffe­rente a qualsiasi considera­zione di ordine morale». Ma «nella terra della mafia e della camorra che impor­tanza può avere il fatto pro­vato che il primo ministro sia un delinquente?». L’au­tore del Quaderno arriva a paragonare il nostro capo del governo a «un capo ma­fioso ».

«L’Einaudi — spiega per parte sua un comunicato della casa editrice che ha pubblicato quasi tutti i ro­manzi del premio Nobel — ha deciso di non pubblicare O caderno di Saramago per­ché fra molte altre cose si dice che Berlusconi è un 'delinquente'. Si tratti di lui o di qualsiasi altro espo­nente politico, di qualsiasi parte o partito, l’Einaudi si ritiene libera nella critica ma rifiuta di far sua un’ac­cusa che qualsiasi giudizio condannerebbe».

Saramago, 87 anni, che in questi giorni è nella sua casa di Lanzarote, nell’arci­pelago delle Canarie, ha ac­cettato di rispondere via e-mail ad alcune nostre do­mande. «Non pubblico la mia nuova raccolta di saggi con Einaudi — ci scrive il premio Nobel — perché in essa critico senza censure né restrizioni di alcun tipo Berlusconi, il quale è il ca­po del governo ma anche il proprietario della casa edi­trice, come di tanti altri mezzi di comunicazione in Italia. La verità è che quella che si è creata potrebbe es­sere definita una situazione pittoresca se il fatto che un politico accumuli tanto po­tere non facesse temere per la qualità della democra­zia ».

Lo scrittore portoghese, che si rivelò nel 1982 con Memoriale del convento e che non ha mai nascosto le sue simpatie per la sinistra (si iscrisse clandestinamen­te al partito comunista por­toghese nel 1969 riuscendo a evitare le galere del ditta­tore Salazar), ci scrive che nessuno gli ha mai propo­sto di cancellare i passaggi su Berlusconi: «Ho cono­sciuto la censura durante la dittatura portoghese, l’ho sofferta e combattuta e nes­suno in una situazione di apparente normalità demo­cratica mi potrebbe chiede­re di amputare una mia ope­ra ».

Facciamo notare che cer­ti giudizi ci sembrano quan­tomeno eccessivi. Sarama­go non si scompone: «Le qualificazioni che ho dato di Berlusconi non nascono dalla mia testa ma si basa­no su informazioni giornali­stiche che ogni giorno appa­iono sulla stampa europea. Io semplicemente osservo e concludo. Con dispiacere, naturalmente». Insistiamo: perché arrivare a paragona­re Berlusconi a un «capo della mafia»? Saramago ri­sponde: «Davvero le sem­bra esagerato? È sicuro? Al­meno mi concederà che ha una mentalità mafiosa».

L’autore del Vangelo se­condo Gesù è severo anche con l’Italia: «Quando tutte le opinioni che si diffonde­vano sulla capacità creati­va, sulla modernità e talen­to artistico erano favorevo­li, non ricordo nessuno che si lamentasse di questi giu­dizi. Ora le cose sono cam­biate. L’Italia non è più il Pa­ese che emoziona, ma sor­prende non certo per le mi­gliori ragioni. Né l’Italia né coloro che amano questo Paese meritano lo spettaco­lo politico di fascinazione malata per Berlusconi».

Saramago pubblicherà il suo prossimo romanzo da Einaudi? «Del mio nuovo romanzo, che credo vedrà la luce in autunno, non si è ancora parlato e non so do­ve porterà questa faccen­da ».

Il premio Nobel non sa che altre opere di critica a Berlusconi sono state rifiu­tate da Einaudi, dalle poe­sie politiche postume di Giovanni Raboni al Duca di Mantova di Franco Cordel­li, sino al Corpo del capo di Marco Belpoliti, che l’auto­re ha preferito pubblicare da Guanda, però commen­ta: «Dev’essere duro vivere quando il potere politico e quello imprenditoriale si riuniscono. Non invidio la sorte degli italiani, però in­fine è nella volontà degli elettori mantenere questo stato di cose o cambiarlo».

Dino Messina
 

Il Corriere della Sera, 29 maggio 2009

 

 

 

 

 
 
 

.

Post n°512 pubblicato il 27 Maggio 2009 da quotidiana_mente
 
Tag: Bacheca

 

 

 

 

(click)

 



 

 

 
 
 

 

UMORE DEL GIORNO


"Ad ogni angolo di strada il sentimento dell'assurdità potrebbe colpire un uomo in faccia"

(Albert Camus)

 

AREA PERSONALE

 

OSSESSIONE DEL GIORNO


 

LIBRI E DINTORNI

ULTIME VISITE AL BLOG

intheoriabvbtendesoniaren77ariel63mre1233franco_cottafavinewsinedicolaicy.n.deepmpt2003selvaggi_sentieriAnanke300unlumedaunnumemipiace1956pantaleoefrancaverdepalude
 

SUL COMODINO

 

FACEBOOK

 
 

...GIÀ SANTA...

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 100
 

TAG

 

SAUDADES

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom