Creato da lanevenellanima il 29/01/2015

LA NEVE NELL'ANIMA

Ciò che sono oggi ...

 

 

Ossignur ...

Post n°37 pubblicato il 29 Maggio 2015 da lanevenellanima

 

Ho affrontato una delle mie paure più terribili. Un trauma subito da ragazzina che mi ha veramente terrorizzata.

Ebbene si. Mi sono decisa ad andare dal dentista ... Non ridete, che voi siete abituati ma non avete idea cosa si prova quando ti estraggono due denti di forza e l'anestesia non ha preso; ero ricoverata in ospedale e mi hanno riportata in stanza che ero più morta che viva . Da allora ho evitato i dentisti come la peste ...

Se non che, a forza di gengive sanguinanti e fastidi vari, ho chiesto a mio cugino se lui conosceva un bravo dentista e mi ha portato dal suo. Mi ha accompagnata con la manina, come si fa con i bambini ...

Quando mi ha detto "Si sieda" volevo scappare e quando mi ha fatto aprire la bocca ero attaccata al bracciolo con le unghie ...

Fatto sta che ovviamente ho la bocca in condizioni pietose e adesso mi sta facendo un lavoro di pulizia talmente profondo che anche oggi mi ha fatto 3 anestesie di cui una con il vaso-costrittore. Quindi se scrivo qualche cavolata non fateci caso più di tanto (buona la scusa eh ... ).

Poi siccome sa che sono terrorizzata mi dice le cose a rate e giusto oggi mi ha prescritto una lastra specifica per vedere in che condizioni è l'osso in un punto perché potrebbe anche essere che mi debba fare una specie di intervento. Che solo quando me l'ha descritto ho sbarrato gli occhi stile Shining .

Però ce l'ho fatta eh ... soprattutto merito del dottore che ha capito perfettamente il mio trauma e allora fa le cose piano piano e mi tratta come una bambina ... ogni tre per due mi chiede se mi fa male e cerca sempre di parlarmi per distrarmi.

Poi fa niente che anche oggi quando sono uscita non sentivo tutta la parte inferiore della faccia, mi sembravo Alba Parietti e non riuscivo a dire né la f né la s ...

 
 
 

Considerazione del giorno ...

Post n°36 pubblicato il 25 Maggio 2015 da lanevenellanima


 

Giusto oggi ho finalmente compreso il perché di molte cose ...

 
 
 

La neve nell'anima

Post n°35 pubblicato il 11 Maggio 2015 da lanevenellanima

 

Tante persone che mi contattano mi chiedono cosa significhi il mio nick.

Giusto oggi riflettevo su questa cosa. Quando ho riaperto, con profilo e blog nuovi poco più di tre mesi fa, mi sentivo come se un uragano di pioggia e di ghiaccio avesse investito la mia vita. Raggelato la mia anima, spezzato il mio cuore e annientato il respiro. Non sapevo più chi ero e dove stavo andando. Mi sentivo come se una fitta coltre di neve si fosse depositata sul mio sentire, e io non fossi più in grado di percepire altro se non un terribile dolore. E questo nick mi è venuto "di pancia".

Oggi sto decisamente meglio. Direi praticamente che sto bene, anche se ogni tanto ho ancora qualche momento no, soprattutto in concomitanza con determinate ricorrenze.

Mi verrebbe da dire che la neve si è sciolta, quasi del tutto. Perlomeno per come sentivo questa cosa tre mesi fa. E' arrivata la primavera, gli alberi sono in fiore e gli uccellini cinguettano (e i motori rombano ). E' spuntato un bel sole e il cielo è di un blu terso. Ogni tanto passa qualche nuvola ma, voglio dire, ci sta.

Qualcuno mi ha fatto notare che la neve è anche sinonimo di tranquillità, di pace e di silenzio. E, in questa accezione, pensavo giusto oggi che il nick mi calzerebbe ancora. Perchè la mia anima sta viaggiando verso quella direzione. Piano piano sto facendo pace con il mio passato, mi sto costruendo un presente che mi piace e mettendo così le basi per il mio futuro. Ma vivendo molto nel qui e ora. In certi momenti mi sento davvero in pace con me stessa, con quel silenzio tipico di quei giorni in cui nevica e tutti i rumori sono ovattati.

E questa è una bellissima immagine. Mi fa sentire ancora più in pace.

 
 
 

Amarsi ...

Post n°34 pubblicato il 08 Maggio 2015 da lanevenellanima

 

"Amarsi è l'opera d'arte di due architetti dilettanti di nome Io che, sbagliandosi e correggendosi a vicenda, imparano a realizzare un progetto che non esisteva. Noi."

 

(cit. da "Avrò cura di te", di M. Gramellini e C. Gamberale)

 
 
 

Io e Carlo Cracco

Post n°33 pubblicato il 06 Maggio 2015 da lanevenellanima

 

Essendo cresciuta in cucina con la mia nonna che era mantovana e che mi faceva tagliare i tortelli con la rotella (che era la cosa che adoravo di più e per la quale bisticciavo sempre con mio fratello, tant'è che ad un certo punto quella santa donna ci aveva comprato una rotella per uno ), ho sempre avuto una grande passione per il cibo e per tutto quello che gli ruota intorno.

E mi è sempre molto piaciuto cucinare per gli amici. Riprodurre le ricette della mia nonnina e poi inventare qualcosa di nuovo. Ho anche frequentato un paio di corsi di cucina che mi hanno aiutata ad affinare alcune tecniche e, essendo appassionata di ristoranti belli e dove si mangia bene, ho anche stretto amicizia con chef di un certo livello che mi hanno insegnato un po' di segreti.

Tutto questo molto prima che scoppiasse la moda dei vari MasterChef, Cucine da Incubo e via discorrendo.

Ho sempre pensato che chi arriva a certi punti è perché ha le doti, e frequentando molti ristoranti blasonati ho avuto la certezza di questa mia convinzione. Ci sono poi anche le eccezioni, ma che secondo me non fanno altro che confermare la regola.

Indi per cui, ero molto curiosa di andare a pranzo al ristorante di Carlo Cracco. Perché su di lui e sulla sua cucina si sentono versioni contrastanti, sia nell'ambito degli "addetti al settore" che in quello dei clienti. Qualcuno dice che lui sia un genio, qualcun altro che non valga la pena andare fino a Milano. Ma io sono dell'idea che le cose vadano sempre provate sulla propria pelle prima di esprimere un giudizio definitivo.

Quindi, dopo aver stracciato i maroni a mio cugino per un po' di tempo, finalmente un giorno si è deciso (evidentemente non mi sopportava più ). Mi ha caricato in macchina e siamo andati a Milano. In centro, che ci abbiamo messo di più dall'uscita della tangenziale ad arrivare in via V. Hugo (che è adiacente a Piazza Duomo) che dal lago di Garda a Milano Est. Come sempre.

Va beh ... non mi dilungo che tanto è inutile. Il ristorante è bellissimo. Molto pulito ed essenziale. Il servizio cortese e per nulla ingessato. Ma, cosa più importante, il cibo ... fotonico . Ho mangiato davvero divinamente, mi sono rimasti impressi tutti i piatti ed i sapori.

Mentre stiamo amabilmente conversando e bevendo, il quesito latente, ovviamente, é: ma Carlo Cracco, sarà in cucina, oppure in giro a fare il divo da qualche parte ? Prima del dolce ci arriva la risposta. Si aprono le porte scorrevoli della cucina e chi ti esce? Lui, in carne ed ossa, con la divisa sporca (qualche maligno sostiene che se la sia sporcata prima di uscire ) e i capelli in piedi. A salutare i clienti e a sedersi al tavolo con loro per parlare del più e del meno. E' stata un'immagine molto bella.

Io ho sempre detto a tutti "Ma figurati ... Carlo Cracco sarà mica un bell'uomo ...". Molto bene. Ad un certo punto sono andata in bagno, che sta al piano di sopra. Nel tornare, scendendo una lunghissima scala a curva con un abito strettissimo e il tacco 27 (non è vero, era un tacco 13, ma lo champagne che avevo bevuto me lo faceva sembrare più alto ) cercando di non cadere, incrocio lui. Che sta accompagnando dei clienti all'uscita.

Mi guarda, mi sorride con quegli occhioni da cerbiatto e mi dice "Buongiorno ...". Io stavo cadendo dalla scala . Sono riuscita a balbettare un buongiorno biascicato mentre mio cugino si sbellicava dalle risate a vedere la mia faccia.

Mamma mia ragazzi che fascino. Sono rimasta fulminata . Mi sono venuti gli occhi a forma di cuore e dopo qualche notte me lo sono sognato che mi insegnava a fare il risotto alla milanese ...

I miei amici mi stanno tirando per il kiul ancora adesso ...

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

alberto9virtute81jackwizscoiattolo68CherryslLIN_EAprinvale6Dolce_Anima_Affineles_mots_de_sableGianFrusagliaincisionerupestreisrybabbochiccocampari100rovo28
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 29
 

ULTIMI COMMENTI

ciao sono un ragno mandato da isry dove mi piazzo?
Inviato da: isry
il 18/05/2016 alle 00:17
 
...stai a scorazzar con la tua spiderina? stai imbrattando...
Inviato da: alberto9
il 28/02/2016 alle 18:40
 
... forse... ^_____________^
Inviato da: isry
il 08/02/2016 alle 20:50
 
alloooora hai detto te che non ci saremmo liberato...
Inviato da: isry
il 08/02/2016 alle 20:49
 
E adesso?? no credo che le...faccende nn ti diano un minuto...
Inviato da: avvbia
il 25/12/2015 alle 19:34
 
 

ULTIMO LIBRO LETTO

 

ULTIMO FILM VISTO

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom