Creato da: sebregon il 12/01/2008
Commento alle letture della liturgia del giorno

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Tag

 

Ultime visite al Blog

sebregonDonna81tGraphic_UserMANonTHEmoonMilanoinevasalost4mostofitallyeahsoulesouljakdgl15robi19700bbcocoTarasiabarbaracervatioscardellestellelarosanigraSky_Eagle
 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

Ultimi commenti

Saluti
Inviato da: cp2471967
il 10/10/2014 alle 17:11
 
..
Inviato da: sebregon
il 08/10/2014 alle 00:27
 
Perché Cristo vede la necessità di redarguire i seguaci...
Inviato da: sebregon
il 03/12/2011 alle 23:10
 
Cara Ale il brano termina con Gesù che davanti a tutti va...
Inviato da: sebregon
il 22/11/2010 alle 15:05
 
Un bellissimo post. Ciao.
Inviato da: francesconapoli_fn
il 08/10/2010 alle 19:59
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 06/05/2012

 

TUTTI NOI PORTIAMO AVANTI LE NOSTRE PAROLE. IL GRANDE GESU' NON LE SUE MA QUELLE DEL PADRE.VOGLIAMO IMPARARE DALLE DIFFERENZE?

Post n°543 pubblicato il 06 Maggio 2012 da sebregon

 

 V SETTIMANA DI PASQUA - LUNEDÌ

 

 

Gv 14, 21-26

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi è colui che mi ama. Chi ama me sarà amato dal Padre mio e anch’io lo amerò e mi manifesterò a lui».Gli disse Giuda, non l’Iscariòta: «Signore, come è accaduto che devi manifestarti a noi, e non al mondo?».Gli rispose Gesù: «Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato.Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto».

Anche oggi Gesù non si manifesta al mondo, ma a ciascuno di noi personalmente. L’incontro con Gesù dà inizio alla circolarità e alle corrispondenze della Santa Trinità, con la novità eccezionale del suo manifestarsi a me, perché è Lui che mi viene donato.

.

.

Questa è la sua promessa. Inizio questa meditazione delle parole del Vangelo di Giovanni introducendomi al mistero del mio amore per Gesù che mi apre all’Amore del Padre. Io sento il soffio dello Spirito nelle parole del padre Francois Varrillon  che così si esprimeva in una sua conferenza su Dio Onnipotente: ”Il mistero della Trinità è il mistero di Dio che non è che Amore. Dio NON E’ CHE Amore, mettete maiuscolo NON E’ CHE. E tutto è qui. Se non vogliamo deviare e tutto forzare. Dio NON E’ CHE AMORE.

.

.

Se voi dite: Dio è onnipotente! Io dico No. Dio è Infinito! No. Dio NON E’ CHE Amore, ma, l’Amore è onnipotente e infinito. “. Sono parole che ci mettono in una prospettiva diversa.

Ivan Valleverde

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso