Creato da orion971 il 19/12/2005

Idee

Pensare con la propria testa non fa male

 

 

C'era una volta Silvio

Post n°201 pubblicato il 03 Giugno 2011 da orion971

C'era una volta Berlusconi. Nel 1994 scese in campo agitando lo spauracchio dei comunisti e promettendo di cambiare il Paese con una rivoluzione liberale. Vinse le elezioni e, con alcune interruzioni, governò per parecchi anni. 
Già, anni: gli anni passavano e non succedeva nulla. Gli slogan rimanevano gli stessi, ripetuti fino alla nausea, ma della rivoluzione liberale neanche l'ombra. La riduzione delle tasse veniva sempre promessa e mai attuata, la burocrazia e le corporazioni rimanevano forti come prima e più di prima. Come se non bastasse, lo Stato italiano diveniva succube dei dettami della Chiesa come non era mai stato nemmeno ai tempi della DC.

Non ci si può meravigliare della sconfitta del centrodestra alle elezioni amministrative. Che non può non essere accolta con soddisfazione soprattutto da chi è di destra o leghista, che non può continuare a votare Pdl o Lega come se niente fosse: non si può dire che va tutto bene quando non va bene niente. 
Berlusconi non sarà ricordato come il Reagan o la Thatcher italiano, ma solo come l'uomo dai mille processi, tutt'al più come il primo puttaniere d'Italia. Le chiamate alle armi contro il comunismo non attaccano più, anche chi in passato si è preso gli insulti sui blog per difenderlo è arrivato al punto di dire basta. Rimane quest'uomo ormai ridotto ad una caricatura di se stesso, chiuso nella sua megalomania e nel suo mondo surreale, che lo porta a ripetere le sue tiritere sui giudici persino al G8, pensando che Obama e gli altri grandi del mondo possano solidarizzare con lui... E che rende ridicola e umilia l'intera nazione, come quando costringe il Parlamento a votare su Ruby nipote di Mubarak. Circondato non da collaboratori validi ma da una schiera di mezze tacche che fanno a gara a chi lecca di più, Berlusconi non si è reso conto del solco sempre più profondo tra la realtà e il suo mondo. 

Due parole su Milano. In una competizione elettorale dove l'elemento personale è fondamentale, candidare una signora snob come la Moratti è semplicemente demenziale. Aveva vinto nel 2006 perché il centrodestra era ancora forte, ma in un momento come questo la sconfitta sonora era inevitabile e soprattutto prevedibile. Oltre tutto la signora ha governato talmente male che per tutta la campagna elettorale non ha mai ritenuto di dover parlare del proprio operato, limitandosi ad attaccare l'avversario in maniera più o meno fantasiosa. Bugiarda nel dire che Pisapia era stato condannato per furto d'auto, vigliacca nell'aspettare l'ultimo secondo del confronto per dirlo, è riuscita persino a sconfessare i suoi stessi provvedimenti, come l'Ecopass. Il manifesto "Pisapia vuole l'ecopass a dieci Euro, Letizia invece lo ha abolito" è stato l'apoteosi: non era vero che Pisapia voleva portarlo a dieci euro, non era affatto vero che "Letizia" lo aveva abolito e non si capisce come, concettualmente, la signora si potesse vantare di abolire un provvedimento che lei stessa aveva voluto e introdotto. Oltre tutto, il suo stesso programma fino al giorno prima prevedeva proprio il rafforzamento dell'Ecopass...
Già, ma tanto i programmi non li legge nessuno e gli elettori sono scemi, devono aver pensato lei e Silvio. Facciamogli credere che con Pisapia le tasse aumenteranno, come se nessuno si fosse accorto che con "Letizia" parcheggiare è diventato a pagamento in tutta la città periferie comprese, facciamogli credere che con Pisapia ci sarà l'invasione degli zingari come se nessuno si accorgesse che gli zingari ci sono già oggi eccome, facciamogli credere che con Pisapia Milano diventerà islamica come se la cosa dipendesse dal Sindaco.... A quanto pare Letizia e Silvio si sono sbagliati.

 
 
 

Il volto di Giuda

Post n°200 pubblicato il 20 Novembre 2010 da orion971

Che volto avranno avuto Caino, Bruto o Giuda? Un'immagine consona la si può trovare guardando in faccia Gianfranco Fini, perché lui è tutti e tre assieme.

Non ci si può esimere dal manifestare il disprezzo, umano prima ancora che politico, verso l'ex leader della destra. E' scandaloso che un governo con una maggioranza così ampia decretata dalle urne debba cadere, con tutte le conseguenze negative per il Paese, a causa delle ambizioni irrefrenabili e della frustrazioni di un solo uomo. Non ci sono parole.
Ho già avuto modo di sottolineare le incredibili contraddizioni che hanno contraddistinto tutta la carriera politica di Fini, ma ciò nonostante riesce sempre, se non a stupire, quantomeno a colpire. Lui e i suoi scagnozzi parlano adesso di Berlusconi al pari dei più accaniti antiberlusconiani, come se non fossero stati legati al suo carro per sedici anni: una faccia tosta incredibile, esattamento come ha fatto quando ha liquidato il MSI: lui era come se fosse sempre stato antifascista e coloro che erano rimasti fedeli a quelle che erano state le sue stesse idee fino al giorno prima venivano trattati come dei rimbambiti.

La sua disonestà intellettuale lo sta ormai portando a fare anche figure da persona poco intelligente. "Non capisco come ci si possa indignare se qualcuno dice che la mafia è anche al nord": anche un bambino capisce che Saviano con il suo "la mafia al nord interloquisce con la Lega" ha detto qualcosa di molto diverso, oltre che falso e diffamatorio.

Un segno di maturità politica del popolo italiano sarebbe se alle prossime elezioni il re dei voltagabbana prendesse solo i voti dei suoi familiari.

 
 
 

Gli straordinari vantaggi delle tariffe minime per i nuovi "liberali"

Post n°199 pubblicato il 11 Aprile 2010 da orion971

Avete presente come è fatta la parcella di un avvocato? Oltre ai pingui onorari vi è immancabilmente un addebito di spese, vere o presunte, minuzioso fino alla pedanteria: l'ultima che mi è capitata conteneva addebiti di 3,50 euro per ogni e-mail inviata dallo Studio e di 2 euro per ogni e-mail da loro ricevuta (!), tutte elencate giorno per giorno. Questo da sempre, e siccome non bastava, dal 2004 c'è anche una legge che consente agli avvocati di addebitare un bel 12,50% sul totale degli onorari a titolo di non meglio precisate "spese generali" che si va ad aggiungere a tutto il resto.
La cosa è già assurda di per sé, dal momento che gli onorari o prezzi di vendita che dir si voglia, in qualsiasi attività economica già comprendono la copertura delle spese generali, se si vuole conseguire un profitto... E' così dalla preistoria, quando ancora l'economia aziendale non esisteva.
Poi l'addebito delle spese forfettario dovrebbe essere tutt'al più in alternativa alle spese addebitate analiticamente, mica andare addirittura a sommarsi...

Fatte le dovute premesse, è di questi giorni la notizia che il Ministro Alfano vuole reintrodurre le tariffe minime per i professionisti, abolite dal Decreto Bersani, una delle pochissime cose decenti fatte dall'indecente Governo Prodi. Il regalo a spese dei cittadini del 2004 non bastava più, va bene, e tutti sanno che le tariffe minime e gli interessi corporativi sono i comandamenti di ogni liberale degno di questo nome: quello che lascia interdetti sono le motivazioni addotte. Cioè, secondo il ministro siculo l'abolizione delle tariffe minime avrebbe favorito i più forti... Come questo sia concettualmente possibile è un mistero... ma forse l'osservazione della realtà potrebbe esserci di aiuto: si immagini ad esempio una consulenza fiscale dello Studio Tremonti che, grazie all'abolizione delle tariffe minime, può essere svolta a prezzi stracciati con i quali lo studio del Rag. Rossi non potrebbe competere. Il Rag. Rossi è senz'altro costretto a praticare tariffe più alte dello Studio Tremonti e quindi finisce col perdere i clienti... ma certo, è così che funziona!
Oppure è possibile che "i più forti che vengono avvantaggiati" siano per il siculo i comuni cittadini che finiscono col pagare un pochino di meno (forse) i poveri avvocati, commercialisti e via dicendo...
Altrettanto spettacolare l'On. Maurizio Lupi, che a Ballarò è arrivato a dire che "per i cittadini è un vantaggio avere delle certezze sulle tariffe che vanno a pagare"! E' straordinario venire a sapere che il vantaggio per il cittadino non è pagare di meno ma sapere che meno di tot non può pagare... I casi sono due: o l'On. Lupi pensa che la gente è demente oppure si è confuso e crede che Alfano voglia introdurre le tariffe massime...

Sta di fatto che per dire certe cose in pubblico ci vuole coraggio.  E tanto anche.
 

 
 
 

Manifestazioni "democratiche"

Post n°198 pubblicato il 14 Marzo 2010 da orion971

Non mi piace il comportamento del Pdl su questa storia delle liste: sarebbe bello che in un Paese come l'Italia chi è al governo lanciasse il messaggio che le regole devono essere rispettate, magari adoperandosi semplicemente e simbolicamente per un rinvio delle elezioni. A condizione però che di violazione delle regole si tratti e non di applicazione pretestuosa di stupidi cavilli, come non considerare una lista presentata nei tempi perché chi la deve consegnare è uscito un attimo a prendere una boccata d'aria...

Ma nemmeno impegnandosi il centrodestra riesce ad essere ridicolo come la sinistra, che per cercare di vincere è costretta ad attaccarsi a queste cose facendo di tutto per correre da sola... Va bene fare la manifestazione per "il rispetto delle regole", ma lo slogan della "difesa della democrazia" proprio mentre si chiede a gran voce l'esclusione dalla competizione elettorale del principale partito del paese no, è troppo... E' troppo anche per chi ha ampiamente dimostrato negli ultimi anni di non avere il senso del ridicolo. E meno male che si sono chiamati "Partito Democratico"...

 
 
 

Vite sacre e vite meno sacre

Post n°197 pubblicato il 13 Febbraio 2010 da orion971

Berlusconi si è rammaricato per non aver pouto salvare Eluana Englaro... rispetto e buon gusto avrebbero imposto il silenzio nel giorno dell'anniversario, ma evidentemente è stato più forte di lui. Peccato che si è dimenticato di dire che avrebbe potuto "salvarla" benissimo se solo avesse voluto, se avesse fatto una legge nei tanti mesi precedenti (o anni) in cui si parlava della vicenda, invece di aspettare l'ultimo minuto con il famoso decreto che sembrava fatto apposta più per fare scena che altro... ma anche la memoria di un grande come lui ogni tanto può fare cilecca, non importa.

Il problema è un altro: è il suo concetto di sacralità della vita che sembra un po' strano... o forse funziona a intermittenza. Anni fa c'è stato un uomo la cui moglie ha abortito addirittura al settimo mese perché il bambino non sarebbe stato sano... e pare che i due si chiamassero Silvio Berlusconi e Veronica Lario. E per quanto possa sembrare incredibile pare anche che non si tratti di omonimia!!!
Volendo fare l'avvocato difensore si potrebbe dire che magari sarebbe stato un parto a rischio per la madre, invece no: la stessa Veronica Lario ha addotto come motivazione proprio  le malformazioni del nascituro, nient'altro.
Dunque, ricapitoliamo: un vegetale sotto forma di corpo umano martoriato è una vita sacra che va assolutamente tutelata (addirittura "poteva anche avere dei figli"); un bambino non sano, invece, non merita nemmeno di venire al mondo in quanto tale. Non sappiamo quali problemi avesse, eppure è difficile pensare che la sua vita sarebbe stata peggiore di quella che Eluana (non) ha vissuto negli ultimi diciassette anni. Ci sono tanti genitori che mettono al mondo bambini non sani, con malformazioni anche molto gravi, eppure li crescono fin quando possono con sacrifici immensi e li amano come dei figli normali.
Forse che i coniugi Berlusconi non avevano le possibilità economiche per assisterlo adeguatamente?

 
 
 

Quando la matematica diventa un'opinione

Post n°196 pubblicato il 30 Gennaio 2010 da orion971

«Le nostre statistiche dimostrano che le percentuali di criminalità di italiani e stranieri sono analoghe, se non identiche».
Queste le parole del segretario generale della Cei, monsignor Mariano Crociata, in risposta alle parole del Premier secondo il quale "una
diminuzione degli extracomunitari significa anche meno forze che vanno a ingrossare le fila delle organizzazioni criminali".

Approfitto dell'autorevolezza  del mio blog per chiedere al Monsignore di mostrare le proprie statistiche e, dato che ci siamo, se ci dice anche se e dove ha fatto la scuola elementare.


 
 
 

Il transessuale della politica italiana

Post n°195 pubblicato il 02 Dicembre 2009 da orion971

Se i più giovani dovessero vedere un filmato del Gianfranco Fini fino ai primi anni novanta, penserebbero probabilmente ad un caso di omonimia o ad un fratello gemello. 
L'ex leader del partito neofascista, delfino fedelissimo di Alimirante, oggi in prima fila alle manifestazioni del 25 aprile...l'ex-ammiratore di Jean Marie Le Pen oggi paladino a oltranza degli immigrati...
Mi ricordo quando per la prima volta stupì tutti esprimendosi pubblicamente a favore del voto amministrativo per gli immigrati regolari: era il 2004 e furono in molti i militanti di AN, sorpresi con ancora in tasca i volantini del loro partito con scritto "Voto agli immigrati? MAI!", che stracciarono la tessera del loro partito.
Meno nota è la vicenda di Marco Tarchi, che fu espulso dal MSI nel 1981 per le sue posizioni "eretiche" contro la pena di morte e per un superamento della liturgia neofascista. Si potrebbe pensare che l'odierno difensore della democrazia e dei diritti umani fosse dalla sua parte... invece no: tra i più accaniti nel cacciarlo vi fu proprio Gianfranco Fini. Del resto, ancora nel 1992, non un secolo fa, l'attuale Presidente della Camera chiedeva a gran voce l'applicazione del codice penale militare - cioè la pena di morte - per i mafiosi in Sicilia. 

Il caro Gianfranco suscita sempre ammirazione con le sue infinite svolte, per il suo presunto "coraggio"... però ... se è vero che solo gli idioti non cambiano mai idea, altrettanto vero sarà che solo gli idioti si sbagliano su tutto e la cambiano sempre. Non è per essere pignoli, ma passare dal neofascismo irriducibile duro e puro a farsi bello definendo il fascismo "male assoluto"... beh, insomma, non è che si sia sbagliato di poco... Invece di applaudirlo bisognerebbe chiedergli come mai lui abbia impiegato più di quarant'anni (li aveva già passati quando definì Mussolini "il più grande statista del secolo") per capire quello che alla stragrande maggioranza degli altri era parso ovvio non appena acquisito il senso del discernimento. E lo stesso su un sacco di altre cose: nel corso della sua carriera politica ha detto tutto e il contrario di tutto. I casi sono due: o è in malafede o è un cretino.

 
 
 

Il dovere della memoria

Post n°194 pubblicato il 11 Novembre 2009 da orion971

L'espressione retorica del titolo di questo post viene di solito riferita alla memoria dei mali del fascismo e del nazismo; io invece mi riferisco al Muro di Berlino, visto che in questa settimana è l'anniversario della sua caduta.
E' paradossale che i comunisti, che oggi ci fanno una testa così con i diritti, l'accoglienza, i ricongiungimenti familiari, ripetendo che "in un mondo nel quale i capitali si muovono liberamente devono muoversi liberamente anche le persone" (stronzata senza pari), sono gli stessi che hanno eretto quel Muro che è stato invece crudele divisione di famiglie, filo spinato, tortura, morte.
Altrettanto paradossale è che ancora oggi, 64 anni dopo la fine della seconda guerra mondiale, si dia una patetica caccia ai criminali nazisti superstiti oggi centenari, mentre nessuno cerca i criminali comunisti, ancora giovani e per delitti molto più recenti.
I più giovani che non hanno vissuto la Guerra Fredda sono abituati a considerare i comunisti semplicemente come dei sognatori. Magari idioti, ma non pericolosi e non cattivi. E' bene invece ricordare e insegnare loro che quella ideologia significa terrore, morte e odio, oggi come ieri. E che il comunista è un individuo pericoloso per se stesso e per la società.

 
 
 

Marrazzo/Berlusconi

Post n°193 pubblicato il 28 Ottobre 2009 da orion971

Fa ridere l'opposizone (tanto per cambiare) quando pretende di paragonare le vicende di Marrazzo e di Berlusconi. Soprattutto quando dicono che Berlusconi dovrebbe prendere esempio da Marrazzo e dimettersi...

Per prima cosa, Berlusconi non ha ammesso di essere stato a conoscenza del mestiere di certe signore, quindi non si capisce perché dovrebbe dimettersi. Si trovino al limite gli assegni firmati da lui come quelli di Marrazzo e poi se ne riparla, se proprio ci si tiene.

Secondo, è folle pensare di attribuire ad una D'Addario qualsiasi il potere di far cadere un governo (che è una cosa leggermente diversa da una giunta regionale).

Terzo, e soprattutto, c'è un piccolo particolare: andare con una prostituta, soprattutto se si è un uomo sposato, può non essere la cosa più bella del mondo, ma non è niente rispetto ad essere beccati con un transessuale. Il signor Marrazzo non si è dimesso perché ha un maggior senso delle istituzioni rispetto a Berlusconi, come vorrebbero far credere: si è dimesso semplicemente perché non avrebbe più la faccia di presentarsi in pubblico. Perché è sputtanato. Non prendiamoci per i fondelli. Se poi aggiungiamo il fatto che per fare quello che ha fatto ha usato l'auto blu pagata dai contribuenti, si configura oggettivamente il reato di peculato. Per carità di Dio, mi sembra ragionevole che i magistrati non aprano un procedimento contro di lui per questo, tuttavia è lecito domandarsi se sarebbero stati altrettanto "non fiscali" se al suo posto ci fosse stato Berlusconi.

 
 
 

Domande spontanee

Post n°192 pubblicato il 10 Ottobre 2009 da orion971

Ma se il Lodo Alfano è incostituzionale perché viola l'art. 3 sull'uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge... allora non è stata la stessa Costituzione ad essere incostituzionale per quasi mezzo secolo visto che per così tanto tempo ha contemplato l'immunità dei parlamentari???

La notizia più spettacolare è però quella del Premio Nobel per la pace dato al Comandante in capo di un esercito attualmente impegnato in ben due guerre! :-)

Visto che il Premio Nobel è ora ufficialmente una cosa non seria, non sarebbe il caso di abolirlo o di relegarlo nei trafiletti da ultima pagina? E se tanto mi dà tanto, pure la Corte Costituzionale...

 
 
 

Come si spiega?

Post n°191 pubblicato il 05 Settembre 2009 da orion971

Che cosa succede o succederebbe se tutti si conformassero ai precetti della Chiesa cattolica o lo avessero fatto in passato? Vediamo un po', giusto qualche esempio:

-  Ancora oggi crederemmo che il Sole ruota attorno alla Terra...
- La ricerca sulle cellule staminali e chissà quanti altri tipi  di  ricerca scientifica sarebbero bloccate...
-  Scordatevi il sesso, se non a fini procreativi: una delle cose più belle al mondo, se non la più bella, non verrebbe praticata perché è "peccato". Non si capisce cosa ci sia di male, ma è peccato... E' così!
-  Il preservativo non verrebbe usato, con tutte le disastrose conseguenze di un pianeta già sovraffollato: dissesto ambientale, fame nel mondo, AIDS...

Per non parlare del fatto che questi signori, presi dalle loro fobie contro il sesso ci raccontano ancora oggi - nel 2009! - di una donna che avrebbe generato un figlio pur essendo vergine (nonostante che i vangeli scrivano che proprio quel figlio aveva dei fratelli)... e che il corpo di questa donna (non solo l'anima!) sarebbe risorto in cielo...
Per non parlare del fatto che, secondo loro, in virtù del dogma del "peccato originale" che graverebbe su ogni essere umano per colpa di Adamo ed Eva (!) non si può conseguire la "salvezza" senza avere ricevuto il battesimo...che quindi anche un bambino che muore innocente senza però aver avuto il tempo di bagnare la testolina con due gocce dell'acqua che vogliono loro non merita di conseguire la "salvezza"...
E si potrebbe continuare...

Nonostante tutto questo, in Italia i media riportano con deferenza ogni affermazione del Papa o della CEI, e la classe politica si vede più o meno costretta a tenerne conto, spesso con implicazioni pesantissime.
Quello che si può agevolmente osservare è che l'influenza della Chiesa è inversamente proporzionale al livello di istruzione della popolazione: eppure, ancora oggi vi sono molte persone (anche avvedute) che gli vanno dietro. Nel 2009 come si può spiegare?

 
 
 

W!

Post n°190 pubblicato il 03 Settembre 2009 da orion971

Finalmente Boffo si è dimesso.
Onore a Feltri che ha smascherato un moralista che non aveva nessun titolo per esserlo. Raramente si è visto uno sputtanamento pubblico così divertente! Il tutto reso ancora più spettacolare dall'autodifesa del soggetto in questione!
Per la Chiesa l'ennesima dimostrazione che questi signori predicano bene e razzolano male.

Certo che sono davvero ridicoli: si scandalizzano per Boffo davanti a fatti accertati in sede giudiziaria mentre continuano a dire peste e corna di Berlusconi per fatti non confermati e perlopiù non penalmente rilevanti.
Coerenza e onestà intellettuale vorrebbero che se si ritiene la vita privata inviolabile e di non interesse pubblico, questo dovrebbe valere sempre: se invece si inizia per primi a tirare in ballo cose che non c'entrano niente con la vita pubblica del paese, non ci si può meravigliare se poi qualcuno risponde pan per focaccia. Bisogna dire 1-1 palle al centro, mica frignare come i bambini che prendono una sberlettina dopo ore che fanno i monelli.

Idem per querele e richieste di risarcimento danni: dove sono tutti questi difensori della libertà di stampa quando a querelare sono D'Alema e Prodi?

 
 
 

Terzo Mondo e luogocomunismi

Post n°189 pubblicato il 26 Agosto 2009 da orion971

Molti, moltissimi sono convinti che la situazione dell'Africa e degli altri Paesi del Terzo Mondo sia stata creata dagli occidentali... che la colpa sia per così dire "nostra", e che saremmo quindi a maggior ragione obbligati ad accogliere i migranti. Ma è davvero così?
I capisaldi di questa posizione sono principalmente due: il colonialismo di ieri e le multinazionali di oggi che "sfruttano".
Riguardo al primo punto, verrebbe da dire che anche l'Italia allora, colonizzata ed occupata per secoli più o meno da tutti, dovrebbe essere un Paese arretrato e in miseria, invece di essere uno dei più sviluppati del mondo. In realtà il tempo passa e le giustificazioni del passato non reggono. E passa anche molto in fretta: si pensi ad esempio alla Germania nel 1945. Un paese smembrato, mutilato di estesi territori a est, un unico cumulo di macerie, milioni di morti e decine di milioni di senzatetto: eppure, pochissimi anni dopo l'ovest era già la principale potenza economica d'Europa.
Altrettanto bene funzionano gli esempi di segno contrario: lo Zimbabwe, quando si chiamava Rhodesia ed era amministrato dai bianchi, era un Paese prospero che veniva chiamato la "Svizzera d'Africa". Cacciati i bianchi all'insegna dello slogan "l'Africa agli africani", è diventato uno dei più poveri al mondo, e la speranza della vita dal 1990 ad oggi si è addirittura dimezzata, scendendo a 34 anni! Qualcuno arriva a dire che anche questo è colpa del colonialismo? Interessante è anche notare che in qualsiasi paese europeo uno come Mugabe sarebbe in prigione da tempo, mentre lì continuano ad eleggerlo Presidente nonostante gli immani disastri. Anche questo è colpa degli occidentali?
Si può chiudere il primo punto con una domanda: qualcuno è davvero tanto ingenuo da credere che se non ci fosse stato il colonialismo quei Paesi sarebbero oggi più prosperi, democratici e con societa civili avanzate? Non sarà invece che quel poco che hanno lo devono proprio al lascito di quel  passato coloniale? Che senza quello molte di quelle genti sarebbero ancora oggi con foglia, arco e frecce?
Il secondo punto non merita che vengano spese troppe parole, essendo il Leitmotiv no-global: chi in quei Paesi lavora per le multinazionali se la passa meglio di chi è sotto un datore di lavoro locale.
La realtà è che non tutti i popoli hanno le stesse capacità e le stesse attitudini: al mondo esistono le differenze. Ma questo da un lato non suona bene e dall'altro non è facile da ammettere. Molto più facile è trovare il capro espiatorio.


 
 
 

"La questione meridionale"

Post n°188 pubblicato il 04 Agosto 2009 da orion971

Di tutte le stronzate che si sentono una delle più belle è certamente quella del "partito del sud"... non si capisce cosa vogliano di più e in che cosa si sentano dimenticati, discriminati o simili. Forse che la pioggia incessante di miliardi regalati nel corso dei decenni non basta? Oppure non bastano gli oltre ventimila dipendenti della Regione Sicilia contro i 4mila della Lombardia, tanto per fare un esempio???
Di certo i rimedi proposti dal governo sono la cura peggiore del male: di tutto si sente la necessità tranne che di un "nuovo ente" e di una "Banca per il Mezzogiorno": quale migliore garanzia per perpetrare lo status quo? E il bello è che si lamentano che l'agenda di governo viene dettata dalla Lega...
Tutte palle: per risolvere la "questione meridionale" bisogna prima di tutto introdurre la pena di morte senza se e senza ma per mafiosi, camorristi e 'ndranghetani, successivamente elargire ancora degli aiuti (gli ultimi) e alla fine lasciarli che si arrangino una volta per tutte. Altro che nuovi enti!

Colgo l'occasione per esprimere, con un po' di ritardo, la mia solidarietà a Matteo Salvini per gli spropositati attacchi che ha dovuto subire per una semplice  canzoncina. I napoletani non vogliono sentire certe canzoni? Va benissimo: non hanno che da gestire anche loro l'immondizia come si fa in tutte le altre città del mondo civile.

 
 
 

Il genio

Post n°187 pubblicato il 08 Giugno 2009 da orion971

Non servono analisi per spiegare i risultati delle elezioni. Basta sentire Franceschini che finge di esultare: "Il Governo è minoranza nel Paese". Anche uno che volesse votare PD non ci riuscirebbe perché la sua mano in cabina elettorale si rifiuterebbe per orgoglio.
Da Prodi a Veltroni, da Veltroni a Franceschini: non c'è davvero limite al peggio. Roba che Prodi in confronto a Franceschini era uno statista...
Fossi Berlusconi mi annoierei anche a vincere così...

 
 
 

Noemi e l'innocenza

Post n°186 pubblicato il 02 Giugno 2009 da orion971

Non se ne può più di questa storia di Noemi. Se anche fosse tutto vero, che male ci sarebbe? A parte il fatto che in ogni caso dai sedici anni di età non è reato e quindi sono fatti privati, non si può fare finta che il mondo non sia cambiato: anche le pietre sanno che i 17-18 anni di oggi non sono più quelli di una volta. Oggi a quell'età la fanciullezza se la sono già scordata da un pezzo e sono delle donne a tutti gli effetti. Nel caso specifico,  c'è qualcuno che guardando le foto della ragazza può dire che è una bambina di cui bisogna preservare l'innocenza?

Istintivamente viene da dire che PD e IdV (immobiliari) sono degli imbecilli, ma forse non è del tutto vero. Almeno non questa volta. Perché sul terreno squisitamente politico non hanno nessuna chance di recuperare il divario con Pdl e Lega e questa potrebbe essere per loro un'occasione forse unica. Sanno che all'estero vicende analoghe sono riuscite a spezzare carriere politiche trionfali e giustamente provano a cavalcare quest'onda: non dimentichiamo che siamo anche in un paese cattolico e ipocrita. Può darsi che per loro si trasformi in un boomerang come dice Berlusconi, ma tanto che hanno da perdere? Potrebbero essere messi peggio di così?

Da parte mia, invece delle dieci domande moleste di Repubblica a Berlusconi ne farei una sola: perché la buffonata del "family day"? Ma per il resto, se a 72 anni si fosse fatto una di 18, potrei solo stringergli la mano.

 
 
 

Potevano dargli un altro nome...

Post n°185 pubblicato il 28 Marzo 2009 da orion971

Alessandra Mussolini...periodicamente abbandonava An ad ogni svolta che questa faceva per affacciarsi nell'area nostalgica riempiendosi la bocca con "mio nonno qui, mio nonno lì": negli anni novanta andò ad abbracciare Rauti al congresso del Ms Fiamma Tricolore scaldando la platea dicendo peste e corna di Fini; più recentemente ha fondato Alternativa Sociale dando vita ad un'aggregazione unica con le formazioni più radicali della destra. Tutte le volte ha preso per il culo per un po' di tempo quei poveracci che al nonno sono rimasti fedeli sul serio, poi, appena capito che le poltrone da quella parte non arrivavano, è tornata in AN come se niente fosse. E ieri ecco il suo faccione sorridente al congresso di fondazione del Pdl... Un personaggio urticante per la sua parlata e per i discorsi da mercato del pesce, disgustoso per il suo comportamento.

Pdl: popolo della libertà. La sua nascita ufficiale coincide più o meno col ddl sul "testamento biologico": prima si stabilisce che alimentazione e idratazione non possono essere sospesi in nessun caso, neppure in presenza di una accertata volontà del diretto interessato in tal senso; poi la presa per il culo che il testamento biologico, per tutti gli altri casi, non sarà comunque vincolante per i medici. Carta straccia, in parole povere. In sostanza, in nome dei loro principi (o più probabilmente di quelli di qualche altro), obbligano chiunque alla perdita della dignità e ad essere sottoposto a tempo indeterminato a quella che può essere una vera e propria tortura. Come concetto di libertà è un po' singolare...ma forse per capirne di più possono essere di aiuto le parole del Sen. Quagliariello, il più convinto sostenitore del Ddl: "Assieme alla magistratura, a sfidare il Parlamento è stata una lobby che vuole ideologizzare tali temi allo scopo di spostare più in là la frontiera dei diritti". Bisogna riconoscergli una certa dose di senso dell'umorismo, sperando che sia l'unica dose della quale è fornito! 

 
 
 

Crimini e scomuniche

Post n°184 pubblicato il 07 Marzo 2009 da orion971

Scomunica: sentenza inappellabile della Chiesa cattolica brasiliana contro i medici che hanno fatto abortire una bambina di nove anni, stuprata dal patrigno e incinta di due gemelli.

E il violentatore? Basterà che si confessi e chieda l’assoluzione…

 
 
 

Stupri

Post n°183 pubblicato il 23 Febbraio 2009 da orion971

Ma PD sta per Partito dei dementi? Delle persone sane di mente possono seriamente pensare di opporre a Berlusconi... Franceschini??? Dico Fran-ces-chi-ni... roba che Veltroni in confronto era uno con una spiccata personalità e un trascinatore di folle :-)
Se Silvio dovesse campare fino a 120 anni, governerà per altri 50 anni.

E può permettersi anche di governare con la pancia: sarò forse impopolare, ma il carcere obbligatorio per gli accusati di stupro è quanto di più sbagliato. Prima di tutto, la Costituzione stablisce la presunzione di non colpevolezza per chi ancora non è stato condannato e il Cpp prevede che la custodia cautelare debba essere subordinata a determinate condizioni da valutare caso per caso, secondariamente i casi di stupro sono tra quelli che più si prestano alla possibilità che l'imputato si scopra poi essere innocente, sia per le difficoltà oggettive che possono esserci nel riconoscere il colpevole (al pari di altri reati), sia per altri motivi. Perché a volte la donna è consenziente: c'è il caso di quella che alla festa è ubriaca o fatta esattamente come il presunto violentatore, ci sta alla grande e poi il giorno dopo scopre di essere stata "stuprata", ad esempio. Oppure la donna che per vendetta o ripicca accusa il suo ex. Non saranno certo la maggior parte dei casi, ma ci sono.
Governare seriamente, in questo caso, significherebbe adoperarsi per la certezza della pena per chi è stato condannato, misure serie contro l'immigrazione clandestina e altro. Non inseguire gli umori dell'opinione pubblica perché i media hanno lanciato la "moda" dello stupro e perché un accusato è stato messo agli arresti domiciliari e giornali e televisione hanno fatto sembrare che è stato liberato.
Ma dall'altra parte c'è l'elezione di Franceschini che è anche quello uno stupro... uno stupro contro la logica. Quindi il centrodestra può stare tranquillo.

 
 
 

Mi spiace ammetterlo...

Post n°182 pubblicato il 13 Febbraio 2009 da orion971

...ma dalla vicenda di Eluana la sinistra ne è uscita molto meglio della destra, sia nei toni che nei contenuti. Su una questione tanto delicata la diversità di opinioni avrebbe dovuto essere naturale e legittima, ma l'integralismo di una delle due parti ha trasformato il dibattito in una indegna gazzarra.
A parte il fatto che non si capisce perché si sia trasfomato un caso di coscienza in una polemica politica (forse Silvio non era stato informato dai suoi sondaggisti che c'erano tante persone di destra favorevoli all'interruzione del trattamento e tante di sinistra contrarie), il governo e i suoi accoliti hanno dato davvero il peggio di sé:

- strumentalizzazione politica di una tragedia umana e familiare;
- lecchinaggio della Chiesa oltre i limiti della decenza;
- ignoranza totale sul trattamento medico al quale la donna era sottoposta (come se nello stato vegetativo permanente non si somministrassero farmaci);
- grida becere, accuse infamanti e totale mancanza di rispetto del dolore altrui;
- l'arroganza incredibile di conoscere la volontà di una persona sconosciuta meglio dei suoi genitori.

Il tutto ben esemplificato dalle grida di Quagliariello e soprattutto di Gasparri, quest'ultimo evidentemente non conscio del fatto che è meglio tacere e passare per stupidi piuttosto che aprire la bocca e togliere ogni dubbio. Coatti e buzzurri. Oppure da Emilio Fede, che accusava il signor Englaro di aver fatto uscire il suo libro il giorno stesso della morte della figlia, quando in realtà era già in giro da mesi.
Si aggiungano i bachi concettuali in diverse argomentazioni ("non sappiamo cosa vorrebbe oggi") o le palle in circolazione che volevano la poveretta "con le guance paffute e braccia e gambe ben tornite", assurdità riconoscibili come tali anche da un bambino al quale ancora non è stato spiegato che Cappuccetto Rosso e Babbo Natale non esistono...
E si aggiunga soprattutto il disegno di legge che se approvato così com'è obbligherà tutti, in casi estremi, ad essere sottoposti ad alimentazione artificiale, anche contro una volontà certificata. Fantastico!
Sono pericolosi per tutti: la prossima volta bisognerà pensarci molto seriamente prima di votare questa gente.

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 36
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

mariomancino.miannaconematteoninokenya1penelope1981nirvana2008gverminoalmagesto75ceghedaccioSpartana2011d.Ckiwaiorion971davide19581Dana73Tokatana.gio
 

ULTIMI COMMENTI

thank you
Inviato da: diyet
il 02/07/2014 alle 09:46
 
thanks
Inviato da: online diyet
il 02/07/2014 alle 09:46
 
thank you
Inviato da: ramazan diyeti
il 02/07/2014 alle 09:46
 
grazie.!
Inviato da: diyetler
il 02/07/2014 alle 09:45
 
thank you
Inviato da: ramazan diyeti
il 29/06/2014 alle 12:34
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom