Community
 
lauretta85LI
Sito
Foto
   
 

CARPE DIEM

il blog per chi ama sognare

Creato da lauretta85LI il 29/05/2006

10 anni... e sembra ieri...

Se fossi stato al vostro posto, ma al vostro posto non ci so stare...

 

Ricordiamoci di lei...

 

Non abbiamo altro in nostro potere che giustizia, verità, sincerità.


Dalai Lama

 

 

 

quanto ancora hai da insegnarci....

FABRIZIO DE ANDRE'

LA BALLATA DELL'EROE

Era partito per fare la guerra
per dare il suo aiuto alla sua terra
gli avevano dato le mostrine e le stelle
e il consiglio di vender cara la pelle

e quando gli dissero di andare avanti
troppo lontano si spinsero a cercare la verità
ora che è morto la patria si gloria
d'un altro eroe alla memoria

era partito per fare la guerra
per dare il suo aiuto alla sua terra
gli avevano dato le mostrine e le stelle
e il consiglio di vender cara la pelle

ma lei che lo amava aspettava il ritorno
d'un soldato vivo, d'un eroe morto che ne farà
se accanto nel letto le è rimasta la gloria
d'una medaglia alla memoria.

 

www.troviamoibambini.it

Bambini scomparsi - Troviamo i Bambini

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultimi commenti

Grazzie!
Inviato da: Blog teddy bears
il 13/08/2013 alle 10:27
 
Ciao Lauretta. Anche io non ci sono spesso. Spero che ogni...
Inviato da: eugeniot
il 04/07/2012 alle 15:24
 
Io rappresento la vostra attenzione il film: La strategia...
Inviato da: ConoscenzaPower
il 02/06/2011 alle 01:13
 
secondo me la poesia invictus è una cosa spettacolare è una...
Inviato da: silvia
il 30/05/2011 alle 15:23
 
ben tornata laura si sentiva la tua mancanza
Inviato da: iononsonoio2
il 06/03/2011 alle 10:54
 
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

- Il Blog di FABIONOMADE
- Il blog di GIOVANNI MAIOLO
- Il blog di ATUTTOMUSICA
- Il blo di QUALEDIO
- Luce Emergente
- COME MI GIRA
- pensieri positivi
- IL MONDO DI LAURA
- Another World
- Un pò di me...
- Deliri (?!?)
- ..cazzotti e guai..
- piazza alimonda
- pensieri disordinati
- Stairway To Heaven
- GIORNALE ALTERNATIVO
- Hactor
- frammenti
- naufragointerra
- Prodi vs SilvioB 3-0
- IL GIORNO DEI GIORNI
- a t i s h a
- vampiro bianco
- Yin / Yang
- musica e altro
- CUPIDO 1989
- Mondo Jazz
- Gli appunti di danny
- alogico
- Cose di Vita
- Melanzane bianche
- Se passi saluta
- dodecalogue
- Omnia munda mundis
- Birra Amici Libertà
- giorno dopo giorno
- ESSERE E APPARIRE
- Che fortuna!!!
- Blog del Giorno
- L'uomo illustrato
- come le nuvole
- musica e cinema
- SUSSURRI NELL'ANIMA
- HAPPY HOUR
- Stella Danzante
- Sale del mondo....
- ilSalerno
- La Toga Strappata®
- sissunchi
- radio star
- BLOG PENNA CALAMAIO
- Discorsi metafisci
- Semplicemente me..
- Scritti Corsari!
- IL MIO MONDO .......
- storia..di una donna
- Filosofia & Esistenza
- particelle
- CORSARI D'ITALIA
- Meravigliosa Creatura
- Incancellabile
- Writer... Blog di narrativa
- Dead Elvis: L'edicola dei morti viventi roccheggianti
- MUSICA & PAROLE
- Counselling di Yaris
- Il mondo intorno
- Pensieri
- UOMO e AMBIENTE
- MANARA
- SVEGLIAMOCI!
- Movie Sat
- A muso duro
- libere idee
- La via sull'albero
- Semplicemente..Gioia
- pulce nel cuore
- IL Blog DI ZAYRA
- break on througt
- Punta il naso a nord
- Ci sono sogni.....
- Le ali della libertà
- AMICI DELLA COMITIVA
- ilBlogdellaProf
- RIFLESSIONI
- Sono qui
- PENSIERI IN LIBERTA
- GUARDA FUORI...
- IL MONDO DI TURI
- ArabeFelici®
- latinoamericana
- *STAGIONI*
- Ineluttabile
- la vita
- ZenSoul
- Religioni, Filosofie
- Cantautori poeti
- La via che non presi
- la mia vita
- SOSanimali
- Contraclub
 

BLOG AMICI: parte III

MEDITERRANEA

 BURLAMACCO  

IL PESCATORE DI STELLE

 
Citazioni nei Blog Amici: 78
 

 

« AIUTIAMOLO! PASSA PAROLA!BUONA PASQUA... »

CHI NE PARLA?

Post n°551 pubblicato il 28 Marzo 2010 da lauretta85LI

Le foreste riprendono fiato
ma metà pianeta è a rischio

I dati di uno studio Fao: diminuisce la deforestazione, anche se ogni anni sparisce un'area grande quanto la Grecia. Ma l'erosione viaggia a ritmi ancora alti: a farne le spese soprattutto ALe foreste riprendono fiato ma metà pianeta è a rischiomerica del Sud e Africa, in rosso pure l'Oceaniadi ANTONIO CIANCIULLO

 

 

Una ruspa nella foresta amazzonica

LA buona notizia è che la deforestazione è diminuita. La cattiva notizia è che si mangia ancora ogni anno una superficie grande quanto la Grecia. Negli anni Novanta sparivano 16 milioni di ettari di alberi all'anno, nel primo decennio del nuovo secolo si è scesi a 13 milioni. Sono le cifre contenute nel rapporto che la Fao ha appena reso pubblico: uno studio condotto ogni cinque anni che ha utilizzato il contributo di 900 specialisti in 178 paesi.

Il mantello verde del pianeta, fino a qualche decennio fa ancora dominante, si è progressivamente ristretto fino ad arroccarsi sul 31 per cento delle terre emerse. Ma questo dato, come tutti quelle precedenti, è destinato a essere rapidamente superato da un'erosione che continua a viaggiare a ritmi alti. Le perdite maggiori si sono registrate in America del Sud (4 milioni di ettari) e in Africa (3,4 milioni di ettari). In rosso anche l'Oceania, dove si continua a pagare lo scotto di un terribile periodo di siccità che ha colpito l'intero decennio. L'Asia invece ha i bilanci in positivo grazie a alla politica di rimboschimento sostenuta da Cina, India e Vietnam, anche se l'attacco alle foreste primarie non si è fermato. Stabile l'America del Centro Nord e in crescita la quota verde dell'Europa.

Il giudizio di Eduardo Rojas, vicedirettore della Fao è complessivamente positivo: "Per la prima volta il tasso di deforestazione mondiale sta scendendo grazie a sforzi condotti sia a livello internazionale che locale. I paesi non hanno solo migliorato le loro politiche di utilizzo delle foreste ma ne hanno anche assegnato l'uso alle popolazioni locali. Il tasso di deforestazione resta comunque alto e gli sforzi vanno raddoppiati".

In particolare vanno salvaguardate le foreste primarie, quelle non ancora intaccate, che costituiscono la roccaforte della biodiversità terrestre: oggi rappresentano il 36 per cento delle foreste totali ma hanno perso 40 milioni di ettari in 10 anni a causa del degrado, del taglio e della riconversione a usi agricoli. L'altro caposaldo della conservazione sono i boschi della rete dei parchi che dal 1990 è cresciuta di 94 milioni di ettari raggiungendo il 13 per cento della superficie complessiva delle foreste.

Nonostante il leggero miglioramento, la situazione dunque resta preoccupante. Gli incendi e gli attacchi dei parassiti colpiscono ogni anno l'1 per cento delle foreste. E, in assenza di un valido piano di intervento, il dato è destinato ad aggravarsi a causa dei cambiamenti climatici che stanno alterando il ciclo idrico. La deforestazione a sua volta accelera il processo del cambiamento climatico: a livello globale si calcola che nel periodo 2000 - 2010 lo stock di carbonio contenuto nella biomassa delle foreste si sia ridotto di 500 milioni di tonnellate.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

Liberare i nostri pensieri.
Liberare i nostri sogni.

 

ORA BASTA!

 

GUAI AL POPOLO CHE NON HA MEMORIA!!!

Non ho più avuto una vita normale. Non ho mai potuto dire che tutto andasse bene e andare, come gli altri, a ballare e a divertirmi in allegria...
Tutto mi riporta al campo. Qualunque cosa faccia, qualunque cosa veda, il mio spirito torna sempre allo stesso posto. È come se il "lavoro" che ho dovuto fare laggiù non sia mai uscito dalla mia testa...
non si esce mai, per davvero, dal Crematorio.

Shlomo Venezia

 

Quando sei a un bivio e trovi una strada che va in su e una che va in giù, piglia quella che va in su. È più facile andare in discesa, ma alla fine ti trovi in un buco. A salire c'è speranza. È difficile, è un altro modo di vedere le cose, è una sfida, ti tiene all'erta.

TIZIANO TERZANI

 

quanto me la canto!!!

FRANCESCO GUCCINI

QUELLO CHE NON...

La vedi nel cielo quell' alta pressione, la senti una strana stagione?
Ma a notte la nebbia ti dice d' un fiato che il dio dell' inverno è arrivato.
Lo senti un aereo che porta lontano? Lo senti quel suono di un piano,
di un Mozart stonato che prova e riprova, ma il senso del vero non trova?

Lo senti il perchè di cortili bagnati, di auto a morire nei prati,
la pallida linea di vecchie ferite, di lettere ormai non spedite?
Lo vedi il rumore di favole spente? Lo sai che non siamo più niente?
Non siamo un aereo né un piano stonato, stagione, cortile od un prato...

Conosci l' odore di strade deserte che portano a vecchie scoperte,
e a nafta, telai, ciminiere corrose, a periferie misteriose,
e a rotaie implacabili per nessun dove, a letti, a brandine, ad alcove?
Lo sai che colore han le nuvole basse e i sedili di un' ex terza classe?

L' angoscia che dà una pianura infinita? Hai voglia di me e della vita,
di un giorno qualunque, di una sponda brulla? Lo sai che non siamo più nulla?
Non siamo una strada né malinconia, un treno o una periferia,
non siamo scoperta né sponda sfiorita, non siamo né un giorno né vita...

Non siamo la polvere di un angolo tetro, né un sasso tirato in un vetro,
lo schiocco del sole in un campo di grano, non siamo, non siamo, non siamo...
Si fa a strisce il cielo e quell' alta pressione è un film di seconda visione,
è l' urlo di sempre che dice pian piano:
"Non siamo, non siamo, non siamo..."

 

QUANTO E' ATTUALE!!

ANTONELLO VENDITTI

PENNA A SFERA

Penna rossa, penna gialla, penna bianca, penna nera
per gli amici solamente penna a sfera
il tuo nome è diventato una bandiera.
Tutto comincia in un verde mattino
due brioches e un cappuccino
e poi di corsa trafelato giù al giornale
e questa volta certamente per un colpo sensazionale
si tratterebbe di spubblicare questo dice il direttore
un onesto e benvoluto cantautore
tanto per non fare un torto al professore
solo due fotografie magari in primo piano
mentre fa pipì oppure fa l'indiano
ma l'importante è calcare molto la mano;
poi parlarono di soldi, ragione della sua vita,
centomila più le spese di trasferta
e tutto il resto a sua discrezione personale
penna rossa, penna nera prese a volo un taxi
e le due civette con i flash alle calcagna
e arrivarono alla reggia del cantautore
non c'erano carri armati né polizia privata
fu facile penetrare nel giardino
ma nella notte il destino stava tendendo un tranello
penna a sfera decise di agire
si tramutò in un albero di mele
Pollicino e il Gatto con gli stivali
del cantautore, del cantautore nemmeno l'ombra
telefonò in tutti gli alberghi
e perfino nel piano bar
pensando che stesse bevendo ancora una coppa di champagne.
Il cantautore era al Milite Ignoto
penna rossa, penna gialla, penna bianca, penna nera
per gli amici solamente penna a sfera
il tuo nome è diventato una bandiera.
Sono il re dei festivals, delle feste padronali
delle crociere promozionali, dei giornali musicali
qui c'è sotto, qui c'è sotto un tradimento, tradimento
decise di rilassarsi i nervi
alla prima di un film qualsiasi
dove tutti lo aspettavano perciò non c'era rimasto nessuno
ferocemente gridò nel buio: "Stampa!"
il film era molto brutto
ma degno di tre pallini
ma segno indiscutibile di una stampa libera ed obbiettiva
lui si sentì un fallito
andò in via del Campo Marzio a comprare una pistola
e poi ancora giù di corsa al suo giornale
e
certamente questa volta per un colpo sensazionale
Direttore direttore smettiamola di fare la farsa
non sono nato per fare il servo o lo spione
e fino a prova contraria sono un grande scrittore
e la pistola fece clic come tutta la sua vita
quattro anni sono lunghi da passare in galera
anche con la solidarietà della stampa intera
penna rossa, penna gialla, penna bianca, penna nera
per gli amici solamente penna a sfera
il tuo nome, il tuo nome è diventato una bandiera.

 

BANDABARDO'

SOGNI GRANDIOSI

Bisognerebbe fare sempre sogni grandiosi
e con la faccia verso il cielo,
viaggi avventurosi
ma mi dirai "Ah, poesia!!
Non si mangia, sai, con la poesia!!"
Bisognerebbe fare sempre sogni grandiosi
e con la faccia verso il cielo,
viaggi avventurosi
pensa se la gente, invece del potere,
pensasse all'amicizia come modo per godere
E come capi indiani, magia,
si fuma per la pace
ma tu mi dirai "Poesia,
non si mangia con la poesia!!"
basta! Per me questo è un duello
devo salvar la testa perché dentro c'è il cervello!
E come un aquilone
volare via spezzando il filo...
...Lo vedi si può volare
e non smetter di pensare
animo, animo, i tempi duri passano
Bisognerebbe fare sempre sogni grandiosi
per combattere la noia e la nevrosi
e se ancora non ci credi fa come vuoi
io mi lancio verso il cielo, apro le braccia
e poi...
...Lo vedi si può volare

 

NOBEL A GINO STRADA!!!!

 immagine
 “Credo che la guerra sia una cosa che rappresenta la più grande vergogna dell'umanità. E penso che il cervello umano debba svilupparsi al punto da rifiutare questo strumento sempre e comunque in quanto strumento disumano. ”
 

Ultime visite al Blog

eric65vtundelandrea_bianchinimipiace1956pignataroslorenzob79azzonzomenevofranchilidianinokenya1orguzhud2anna.tangoccibrunaverdonelabodentropitafleurs