Blog
Un blog creato da vocedimegaride il 09/11/2006

La voce di Megaride

foglio meridionalista

 
 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

FIRMA E DIVULGA LA PETIZIONE
 
www.petitiononline.com/2008navy/petition.html 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

"mamma" della MARINA MILITARE ITALIANA


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

FAMIGLIE D'ITALIA

"ARGO" (dim.di LETARGO) il caporedattore de "LA VOCE DI MEGARIDE"/blog, coraggioso foglio indipendente, senza peli sulla lingua... ne' sullo stomaco!
ARGO

Il social family project di Umberto Napolitano
http://famiglieditalia.wordpress.com/

 

IL BLOG DI ANGELO JANNONE

LE NOSTRE VIDEO-NEWS

immagine
L'archivio delle video-news e delle interviste filmate per "La Voce di Megaride" è al link http://www.vocedimegaride.it/Fotoreportages.htm

********* 

 

SFIZIOSITA' IN RETE

 Il traduttore online dall'italiano al napoletano
http://www.napoletano.info/auto.asp

*********

Cliccando http://www.box404.net/nick/index.php?b  si procede ad una originalissima elaborazione del nickname ANCESTRALE di una url. "La Voce di Megaride" ha ottenuto una certificazione ancestrale  a dir poco sconcertante poichè perfettamente in linea con lo spirito della Sirena fondatrice di Napoli che, oggidì, non è più nostalgicamente avvezza alle melodie di un canto ma alla rivendicazione urlata della propria Dignità. "Furious Beauty", Bellezza Furiosa, è il senso animico de La Voce di Megaride, prorompente femminilità di una bellissima entità marina, non umana ma umanizzante, fiera e appassionata come quella divinità delle nostre origini, del nostro mondo sùdico  elementale; il nostro Deva progenitore, figlio della Verità e delle mille benedizioni del Cielo, che noi napoletani abbiamo offeso.
immagine

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

 

« Rivendicazioni dei disab...Ordinamento feudale dell... »

Joe Petrosino

Post n°451 pubblicato il 17 Settembre 2007 da vocedimegaride
 

Quell’eroe sudista due volte sfigato
( di Marina Salvadore )

Joe Petrosino, padre storico dei nostri investigatori dell’anti-mafia, ebbe la malasorte di venire al mondo nel piccolo e operoso comune di Padula nel 1860, esattamente nell’anno dell’annientamento del glorioso Regno delle Due Sicilie, sua Patria. A 13 anni, in sostanza sul finire delle cruente lotte dei piemontesi invasori contro i partigiani sudisti, definiti oltraggiosamente “briganti”, Giuseppe, il padre Prospero, sarto, e tutta la famiglia fanno i bagagli e partono per l’America, scegliendo d’essere “emigranti” e non “briganti: le due uniche possibilità offerte dalla demagogia fatta governo dal Regio Invasore di allora. Per ironia della sorte, Giuseppe Petrosino diventerà il vero “eroe dei due mondi”, a cavallo tra il Mezzogiorno d’Italia e l’America, in netto contrasto con “l’errore dei due mondi”, Peppe Garibaldi. Due “Peppini” molto diversi tra loro e dai destini tragicamente annodati sullo scenario della neonata, malferma Italia Unita: l’uno, che combatterà dall’”altro mondo” la Mafia, l’altro che se n'è servito, invece, per il “prodigioso” sbarco in Sicilia col suo codazzo di transfuga! Come poteva, mai, Joe Petrosino invecchiare e morire di morte naturale, se è stata la classica farfalla finita nelle trame della tela di un ragno? Come tutti sanno, morì nel 1909, risparmiandosi così la pena di assistere ad un altro “sbarco in Sicilia”, garantito – anche quello – dalla collaborazione mafiosa. A Padula gli hanno eretto un busto in piazza, intorno al suo personaggio che sublima sempre più nel mito…perché in questa Nazione si ha la fetente abitudine di relegare nelle patrie galere ed in processi kafkiani i migliori “Serpico” di Stato… associazioni ispirate alla legalità ed alla giustizia, si muovono sul filo diretto di manifestazioni ed eventi tra l’Italia e l’America. Siamo stati nella sua casa natale, ora Casa-Museo e sede del “Centro Studi Ambiente e Legalità”, religiosamente curata come un sacrario da Nino Melito, il suo pronipote, la cui madre Gilda, negli anni, si premurò di conservare ogni traccia, ogni pietra, ogni arnese, foto…documenti… che offrissero alla gente la piena memoria e la più infallibile fonte identitaria di Giuseppe-Joe. Abbiamo anche raccolto qualche “lamentela” da parte dell’angelo custode Melito, a proposito, per esempio, dell’ultima fiction televisiva prodotta dalla Rai TV sull’illustre antenato, impersonato magistralmente da un altro “Peppino” che di cognome fa Fiorello! Nino Melito è molto dispiaciuto del fatto che la storia di Joe Petrosino, nella fiction, prende avvio direttamente sul suolo americano, tralasciando i luoghi natii, le testimonianze storiche ed il relativo assunto socio-politico, la medesima casa che è un vero monumento nazionale… ma soprattutto perché, ignorando queste cose e questi luoghi da parte della Produzione, alcuna promozione turistica di Padula e della stessa Casa-Museo è stata possibile, quasi che Joe Petrosino sia d’esclusiva figlio degli States. Come si può scrivere…e leggere… la biografia di ognuno se non rapportandolo a quelle che sono le sue origini? Abbiamo provato a spiegarglielo, secondo il nostro cattivissimo e lucido punto di vista identitario che la semplicità d’animo del signor Melito non ha nemmeno lontanamente sfiorato, essendo egli uno dei tanti meridionali cui la storia patria è stata negata persino sui banchi di scuola. Che cosa può rappresentare per l’Italia, sorta dalla collusione tra Potere e Mafia, l’eroe Petrosino, che dall’America prende a combattere proprio la Mafia…e torna, poi, nell’amato Mezzogiorno, si ferma – gonfio di struggimento - a cena, una sera, nella sua casetta di Padula dove, come Gesù Cristo in un’altra storica cena, viene tradito… poi, viaggia fino a Palermo a farsi ammazzare? La storia contemporanea, che è divenuta un necrologio di Stato, un elenco telefonico di pompe funebri, non è forse un’ininterrotta catena d’omertà che da Petrosino, lungo lo stesso sentiero passa per la lunga fila dei sepolcri del generale Dalla Chiesa… Cassarà… Falcone…Borsellino… fino ai sottoscala del Potere dove attendono di morire, imbavagliati, i Petrosino-Contrada… ed altri eroi sconosciuti, Petrosino-investigatori?  Gli italiani ignorano quanti eccellenti Petrosino e Serpico sono costretti ingiustamente, come Bruno Contrada, in un carcere o nelle aule di Tribunale a dissolversi, nell’indifferenza totale, pestati sotto il tacco dello Stivale! Personalmente, oltre Contrada, noi de “La Voce di Megaride”, ne conosciamo altri tre, ed è lapalissiano che ben quattro simili casi costituiscano ormai un FENOMENO dilagante, con grandi numeri da statistica, indicativo dell’eterna collusione tra Mafia e Politica. Chissà come mai Beppe Grillo, non ha inserito anche quest’orribile pagina di denuncia nel dossier del suo V-Day…non può essergli sfuggita!… Per questa ragione, onesto e buon signor Melito, come potrebbe mai quest’Italia - che di fronte all’opinione pubblica internazionale non può fare a meno di riconoscere benché tiepidamente l’eroismo di Joe Petrosino, lasciando Padula libera di erigergli busti e musei…purché non “sconfini” e destabilizzi con ulteriori approfondimenti storici il suo già precario equilibrio all’atto della fondazione – fare ammenda e scoprirsi il volto? E gli americani, poi, che magnificano contrariamente a noi l’eroe Joe Petrosino, come potrebbero giustificare, senza inimicarsi i direttori di macchina della loro più grande nave portaerei nel Mediterraneo, il trito e ritrito copione dell’eroico sbarco alleato in Sicilia, dopo la vergognosa fuga del re “Pippetta”, in quell’ancor più vergognoso OTTO SETTEMBRE… che abbandonò alla strage gli italiani tutti, soldati e sudditi? Fratelli contro fratelli... “Corsi e ricorsi storici”, li definirebbe il Vico: frequentissimi in ogni pagina della Storia d’Italia ed ormai inoccultabili. Certo, se Petrosino fosse nato in Piemonte… avrebbe tante statue in tante piazze, come Garibaldi… ma forse non sarebbe stato JOE PETROSINO... forse, solo l'anonimo figlio di un anonimo sarto...e lei, cordialissimo signor Melito, non sarebbe - oggi - l'ignaro custode del più importante monumento nazionale alla Verità Storica d'Italia ed alla Vandea del Mezzogiorno!

(immagini tratte da www.joepetrosino.org )

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

PREMIO MASANIELLO 2009
Napoletani Protagonisti 
a Marina Salvadore

Motivazione: “Pregate Dio di trovarvi dove si vince, perché chi si trova dove si perde è imputato di infinite cose di cui è inculpabilissimo”… La storia nascosta, ignorata, adulterata, passata sotto silenzio. Quella storia, narrata con competenza, efficienza, la trovate su “La Voce di Megaride” di Marina Salvadore… Marina Salvadore: una voce contro, contro i deboli di pensiero, i mistificatori, i defecatori. Una voce contro l’assenza di valori, la decomposizione, la dissoluzione, la sudditanza, il servilismo. Una voce a favore della Napoli che vale.”…

 

PREMIO INARS CIOCIARIA 2006

immagine

A www.vocedimegaride.it è stato conferito il prestigioso riconoscimento INARS 2006:
a) per la Comunicazione in tema di meridionalismo, a Marina Salvadore;
b) per il documentario "Napoli Capitale" , a Mauro Caiano
immagine                                                   www.inarsciociaria.it 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

versione integrale

 

DEDICATO AGLI EMIGRANTI

 

NOMEN OMEN

E' dedicato agli amici del nostro foglio meridionalista questo video, tratto da QUARK - RAI 1, condotto da Piero ed Alberto Angela, che documenta le origini della Nostra Città ed il nome del nostro blog.

 

IL MEZZOGIORNO CHE DIFENDIAMO

immagine

vuoi effettuare un tour virtuale e di grande suggestione tra le numerose bellezze paesaggistiche, artistiche ed architettoniche di quel Mezzogiorno sempre più obliato dalle cronache del presente?
per le foto:
http://www.vocedimegaride.it/html/Articoli/Immagini.htm
per i video:
http://www.vocedimegaride.it/html/nostrivideo.htm

 

VISITA I NOSTRI SITI

 

I consigli di bellezza
di Afrodite

RITENZIONE IDRICA? - Nella pentola più grande di cui disponete, riempita d'acqua fredda, ponete due grosse cipolle spaccate in quattro ed un bel tralcio d'edera. Ponete sul fuoco e lasciate bollire per 20 minuti. Lasciate intiepidire e riversate l'acqua in un catino capiente per procedere - a piacere - ad un maniluvio o ad un pediluvio per circa 10 minuti. Chi è ipotesa provveda alla sera, prima di coricarsi, al "bagno"; chi soffre di ipertensione potrà trovare ulteriore beneficio nel sottoporsi alla cura, al mattino. E' un rimedio davvero efficace!


Il libro del mese: