Blog
Un blog creato da vocedimegaride il 09/11/2006

La voce di Megaride

foglio meridionalista

 
 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

FIRMA E DIVULGA LA PETIZIONE
 
www.petitiononline.com/2008navy/petition.html 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

"mamma" della MARINA MILITARE ITALIANA


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

FAMIGLIE D'ITALIA

"ARGO" (dim.di LETARGO) il caporedattore de "LA VOCE DI MEGARIDE"/blog, coraggioso foglio indipendente, senza peli sulla lingua... ne' sullo stomaco!
ARGO

Il social family project di Umberto Napolitano
http://famiglieditalia.wordpress.com/

 

IL BLOG DI ANGELO JANNONE

LE NOSTRE VIDEO-NEWS

immagine
L'archivio delle video-news e delle interviste filmate per "La Voce di Megaride" è al link http://www.vocedimegaride.it/Fotoreportages.htm

********* 

 

SFIZIOSITA' IN RETE

 Il traduttore online dall'italiano al napoletano
http://www.napoletano.info/auto.asp

*********

Cliccando http://www.box404.net/nick/index.php?b  si procede ad una originalissima elaborazione del nickname ANCESTRALE di una url. "La Voce di Megaride" ha ottenuto una certificazione ancestrale  a dir poco sconcertante poichè perfettamente in linea con lo spirito della Sirena fondatrice di Napoli che, oggidì, non è più nostalgicamente avvezza alle melodie di un canto ma alla rivendicazione urlata della propria Dignità. "Furious Beauty", Bellezza Furiosa, è il senso animico de La Voce di Megaride, prorompente femminilità di una bellissima entità marina, non umana ma umanizzante, fiera e appassionata come quella divinità delle nostre origini, del nostro mondo sùdico  elementale; il nostro Deva progenitore, figlio della Verità e delle mille benedizioni del Cielo, che noi napoletani abbiamo offeso.
immagine

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

 

« Contrada: ...e mo' arre...GLOBOLOBOTOMIA SELVAGGIA »

sull'eutanasia per Contrada

Post n°652 pubblicato il 17 Aprile 2008 da vocedimegaride
 

ULTIMISSIME: Non appena pubblicato questo redazionale, lo Studio Legale LIPERA ci comunicava l'avvenuto ricovero d'urgenza, nella tarda mattinata odierna, di Bruno Contrada presso l'ospedale di S.Maria Capua Vetere, per un malore. Domani, vi terremo aggiornati. Una preghiera:...sì, vi chiediamo proprio una preghiera!

________________________________________
Sin dalle ore 2,10 di questa notte eravamo in possesso di copia dell’istanza di autorizzazione all’eutanasia per Bruno Contrada e del mandato legale a firma della sorella Anna.  Avevamo deciso di non pubblicare questi documenti, anche perché nella nostra umile qualità di Comitato Bruno Contrada - inutilmente attivo da lungo tempo e con la sola soddisfazione di aver riportato all’onore delle cronache il vergognoso caso d’ingiustizia ch’era sprofondato nell’oblio – abbiamo ritenuto, per una sola volta di non condividere l’azione dei suoi congiunti e questo gesto estremo che non smuoverà affatto la coscienza (ove presente) dei carnefici di Contrada, ben noti per la crudeltà mentale tipica degli aguzzini. In secondo luogo, perché rigettiamo la sola idea dell’eutanasia… almeno fino a quando il destino non ci costringerà ad invocarla, perché la fede in Dio è grande ed è il destino di un uomo, la sua leggenda personale, a santificare o a dannare una vita, confidando – soprattutto nella maniera in cui in Italia  i fallibili UOMINI applicano la Giustizia – nella sola ed  infallibile GIUSTIZIA DIVINA; quella, con cui saranno giudicati soprattutto gli aguzzini… che già tantissima gente semplice ha provveduto a denunciare presso quell’ALTO “TRIBUNALE”. Immaginavamo, stanotte, dell’indomani mattina la vasta eco mediatica sulla morbosità della ghiotta notizia: un altro dei tanti roboanti scoop alla Malthus, droga quotidiana della massa nichilista, abbrutita ed imbruttita a dovere a suon di scandali, pedofilia, emergenze, orrori, turbe psichiche… Infatti, così è stato! Addirittura i notiziari Tv di Stato sono tornati a riparlare di Contrada, con il tono del finto stupore ansimante e godereccio, quasi sessuale… quasi pornografico delle  prefiche del malaugurio. Ci chiediamo come mai, invece, non abbiano bucato il video, i “giornalai”, solo pochi  giorni fa, con l’unica e diversa buona notizia che rimette in gioco, finalmente, l’odissea giudiziaria di Contrada, accertate finalmente le mendaci accuse di alcuni stipendiati “pentiti di professione”, in quel processo a Caltanissetta dove Contrada è PARTE CIVILE! Se siamo, poi, ritornati sulla primaria decisione di non pubblicare lo “scoop” necrofilo è perché, come volevasi dimostrare, quelli senza scienza e coscienza, gli aguzzini, i giustizialisti, i violantini, i travaglino, i dipietrini, i vari perfidi pagnottisti di sempre, hanno iniziato a pensare all’istanza di autorizzazione all’eutanasia come ad un’azione provocatoria, un colpo di teatro, ridicolizzandola e, con essa, ridicolizzando ancor più Bruno Contrada, la sua famiglia, i suoi sostenitori, il suo collegio di difesa. Allora, a malincuore, con profondo dolore che ci fa sentire ancora più inutili, anche da questo foglio… da dove ingenuamente, forse, ma con tanto entusiasmo, principiò molti e molti mesi fa la campagna per la piena riabilitazione di Bruno Contrada, procediamo alla corretta informazione. E’ la prima volta che siamo gli ultimi a fornire un’informazione sul caso Contrada ma lo facciamo unicamente per testimoniare, al di là delle nostre convinzioni, che non si tratta di un’azione provocatoria ne’ di un gesto teatrale. Conosciamo troppo bene la famiglia di Bruno Contrada e già da mesi la povera Anna andava ripetendo che non riusciva più a sostenere gli incontri in carcere con il fratello, sempre più silenzioso e assente, sempre più malfermo sulle gambe, sempre più cieco, sempre più magro… Conosciamo anche bene la serietà professionale di tutto lo Studio legale Lipera, che non ha certo bisogno di certi mezzucci per promuoversi. A parte l’appassionato avvocato Giuseppe LIPERA, i suoi giovanissimi collaboratori… che erano bambini quando l’osceno caso Contrada s’impose alle cronache nazionali… si sono votati completamente a questo vecchio e distrutto uomo, cogliendone e onorandone l’autorevolezza, la pulizia, la dignità, la personalità… Ce ne fossero di “Bruno Contrada” da cui prendere esempio, da indicare ai giovani, in questo immondo porcile italiano!…  Non v’è nessuna teatralità, purtroppo, ne’ provocazione,  dietro la notizia-shock di stamane. C’è solo tanta disperazione e tanti, troppi, disperati! Intenderla non può chi non ha mai  toccato il fondo della disperazione. RISPETTO, VERITA’, COSCIENZA: è il nostro ultimo appello! All’inferno la “beata” Angelica, la Della Pietra, omminicchi e quaquaraquà, quelli che abbiamo già nominato al post precedente e tutti gli altri che, per motivi di spazio, non possiamo citare… con un pensiero speciale anche al nostro attuale presidente della Repubblica, memori della sua ignavia!
------------------------------------------------ 
  
Al Giudice Tutelare del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere/ p.c. Ai Presidenti Emeriti della Repubblica Francesco Cossiga Carlo A. Ciampi / per quanto di eventuale competenza Al Magistrato di Sorveglianza di Santa Maria Capua Vetere

ISTANZA PUBBLICA D’EUTANASIA - Su espresso mandato della signora Anna Contrada, nata a Napoli il 22 luglio 1945, dom. elett. presso lo studio del sottoscritto Legale, sorella del dott. Bruno Contrada, nato a Napoli il 2/9/1931 espone quanto segue. Il Dott. Bruno Contrada, pur se innocente, è stato condannato alla pena di anni 10 di reclusione perché ritenuto colpevole del reato, non previsto dal codice penale ma così ritenuto dalla giurisprudenza “creativa”, di concorso esterno in associazione mafiosa ed attualmente, all’età di 77 anni, si trova rinchiuso, nonostante le infinite patologie da cui è affetto, nel carcere militare di Santa Maria Capua Vetere. Il Dott. Bruno Contrada è oramai divenuto tragicamente un vero e proprio doloroso e disperato caso umano: la sua triste vicenda dimostra come la Giustizia in Italia, in certi casi, possa diventare totalmente cieca, accanendosi su uno stanco e vecchio Uomo, gravemente sofferente per l’età e per una serie innumerevole di malattie indiscutibilmente acclarate. Un Uomo, dicevamo, sicuramente vecchio e stanco, ma che non ha perso, e non perderà mai, la voglia di combattere per chiudere la sua esistenza con la estrema ed invidiabile superba dignità che ha caratterizzato tutta la sua esistenza terrena. Ed per questo che viene presentata da questa difesa, su espresso mandato del suo prossimo congiunto, la sorella Anna Contrada, con immenso e profondo dolore, un’istanza formale di eutanasia. Sembra una richiesta assurda, ma a tutt’oggi si presenta come l’unica strada percorribile affinché il Dott. Bruno Contrada possa mettere fine alle sue infinite pene, chiudendo con coraggio e con forza d’animo una intera vita vissuta all’insegna della intransigente onestà, della correttezza ed anche di quella Giustizia che oggi gli viene costantemente negata, per ultimo dal Tribunale di Sorveglianza di Napoli del 15 aprile 2008 - presidente dott.ssa Angelica Di Giovanni e Magistrato di Sorveglianza di Santa Maria Capua Vetere Dott.ssa Daniella Della Pietra - che con pseudo argomentazioni arrogantemente imperniate di onniscienza, continua insistentemente e ciecamente a respingere le reiterate istanze di differimento pena o di detenzione domiciliare, ritenendo, contrariamente a quanto sostenuto negli innumerevoli ed autorevoli pareri, espressi da insigni luminari della scienza medica, pubblici e privatati, lo stato di salute del Contrada compatibile con lo status detentionis. Il Dott. Bruno Contrada, ex Dirigente Generale della Polizia di Stato, che aveva fatto della Giustizia un ideale di vita, oggi, da quella stessa Giustizia, viene costantemente violentato e vilipeso da oltre 15 anni. La signora Anna Contrada si rifiuta di continuare al pensiero che il proprio fratello Bruno sia ridotto un “dead man walking!” (è l’espressione che usano comunemente i carcerieri americani per annunciare l’ultima passeggiata del condannato diretto dalla sua cella): Bruno è stanco di camminare per raggiungere una chimera chiamata …. Giustizia. Sono questi i motivi, queste afflizioni fisiche e morali, che spingono Anna Contrada a presentare formale autorizzazione per uccidere legalmente il fratello Bruno. Del resto ad un tramonto così amaro è sicuramente preferibile l’eutanasia, ovvero letteralmente una … DOLCE MORTE. Si ricorda che in altri paesi della Comunità Europa, come ad es. l’Olanda, l’eutanasia è considerata una pratica legale per evitare inutili sofferenza ad individui affetti da malattie terminali. E come se non un malato terminale possiamo definire un Uomo, Bruno Contrada, che, viene ripudiato da quel Sovrano (leggasi Stato Italiano) per servire il quale ha quotidianamente combattuto le più atroci battaglie contro cruenti criminali e mafiosi veri, che a quello stesso Sovrano volevano sostituirsi? Produce, qual mezzo al fine, copia dell’ordinanza emessa dal Tribunale di Sorveglianza di Napoli il 3/15-4-2008, n.08/1303, proc. n.408/08 R.G.S. Per quanto sopra CHIEDE formale autorizzazione a porre fine ad un’esistenza oramai contrassegnata solamente da gratuite sofferenze fisiche e morali. Allega mandato della sig.ra Anna Contrada a richiedere l’eutanasia del fratello Bruno.
Catania-Santa Maria Capua Vetere 17 aprile 2008.
Con ossequi - Avv. Giuseppe Lipera

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

PREMIO MASANIELLO 2009
Napoletani Protagonisti 
a Marina Salvadore

Motivazione: “Pregate Dio di trovarvi dove si vince, perché chi si trova dove si perde è imputato di infinite cose di cui è inculpabilissimo”… La storia nascosta, ignorata, adulterata, passata sotto silenzio. Quella storia, narrata con competenza, efficienza, la trovate su “La Voce di Megaride” di Marina Salvadore… Marina Salvadore: una voce contro, contro i deboli di pensiero, i mistificatori, i defecatori. Una voce contro l’assenza di valori, la decomposizione, la dissoluzione, la sudditanza, il servilismo. Una voce a favore della Napoli che vale.”…

 

PREMIO INARS CIOCIARIA 2006

immagine

A www.vocedimegaride.it è stato conferito il prestigioso riconoscimento INARS 2006:
a) per la Comunicazione in tema di meridionalismo, a Marina Salvadore;
b) per il documentario "Napoli Capitale" , a Mauro Caiano
immagine                                                   www.inarsciociaria.it 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

versione integrale

 

DEDICATO AGLI EMIGRANTI

 

NOMEN OMEN

E' dedicato agli amici del nostro foglio meridionalista questo video, tratto da QUARK - RAI 1, condotto da Piero ed Alberto Angela, che documenta le origini della Nostra Città ed il nome del nostro blog.

 

IL MEZZOGIORNO CHE DIFENDIAMO

immagine

vuoi effettuare un tour virtuale e di grande suggestione tra le numerose bellezze paesaggistiche, artistiche ed architettoniche di quel Mezzogiorno sempre più obliato dalle cronache del presente?
per le foto:
http://www.vocedimegaride.it/html/Articoli/Immagini.htm
per i video:
http://www.vocedimegaride.it/html/nostrivideo.htm

 

VISITA I NOSTRI SITI

 

I consigli di bellezza
di Afrodite

RITENZIONE IDRICA? - Nella pentola più grande di cui disponete, riempita d'acqua fredda, ponete due grosse cipolle spaccate in quattro ed un bel tralcio d'edera. Ponete sul fuoco e lasciate bollire per 20 minuti. Lasciate intiepidire e riversate l'acqua in un catino capiente per procedere - a piacere - ad un maniluvio o ad un pediluvio per circa 10 minuti. Chi è ipotesa provveda alla sera, prima di coricarsi, al "bagno"; chi soffre di ipertensione potrà trovare ulteriore beneficio nel sottoporsi alla cura, al mattino. E' un rimedio davvero efficace!


Il libro del mese: