Community
 
est.la.bell...
   
Creato da est.la.belle.epoque il 08/12/2010

...fini la comédie

il est temp de rouvrir le rideau...*Blog dedicato all'arte ed alla cultura in ogni sua sfumatura....Una redazione forte e solidale pronta a postare con gusto e conoscenza. Uno scrigno di solidarietà, di stima e di affetto*

 

Civita di Bagnoregio - la città che muore

Post n°684 pubblicato il 21 Agosto 2014 da soniaf2001
 

 

Buonasera Liliana e amici.
Rieccoci qua,
pronti per una nuova stagione assieme.
Ma se avete voglia di fare qualche altra gita,
sono a suggerire una meta che vale la pena andare a visitare.
Siamo nel Lazio, provincia di Viterbo, ed il posto è
una frazione di Bagnoregio, ovvero Civita.

civita

Il paese è situato sulla vetta di un colle di tufo,
nella valle dei calanchi, creste di argilla ondulate,
fragili e spesso soggette a frane.

calanchi

A causa di questa fragilità del territorio,
che mette a rischio la sopravvivenza stessa del paese,
esso è noto come “la città che muore”.

storia


La sua fondazione è molto antica,
già gli etruschi l’abitavano e ne hanno lasciate
numerose testimonianze.
Di seguito i romani hanno cercato di
arginare i problemi dell’erosione attraverso la canalizzazione
delle acque che attraversano il territorio,
ma senza grande successo.
Nei secoli il disboscamento e la coltura intensiva del terreno
lo hanno reso sempre più fragile.
A dare il colpo di grazia definitivo ci hanno pensato
un terribile terremoto nel 1695 ed una frana nel 1764,
che portarono al crollo di gran parte delle costruzioni
rendendo la città da signorile a borgo agricolo.
Oggi il centro è collegato a Bagnoregio da un lungo cavalcavia in cemento

ponte

e sono state eseguite opere di consolidamento del colle.
La grande pubblicità degli ultimi anni sta richiamando molti turisti
ed il borgo sta conoscendo una nuova rinascita.
Raro esempio di villaggio tardo-medievale rimasto intatto nel tempo,
vi si accede attraversando la Porta Santa Maria.

porta

Da qui si giunge ad una prima piazzetta su cui si affacciano palazzi e casette.
Qui si trova anche un palazzo di cui rimane solo la facciata:
dalle sue finestre si vede il cielo!

cielo

Proseguendo si giunge alla Piazza San Donato
con l’ex Duomo di San Donato,

duomo

al cui interno è conservato un pregiato crocefisso ligneo.
Il tour prosegue attraverso le viuzze ed i vicoli del borgo

scorcio

che offrono angoli bellissimi e pure piccole botteghe artigiane.

scorcio

E come per ogni borgo che si rispetti,
anche qui c’è un luogo speciale e venerato dai locali,
la Grotta di San Bonaventura.

grotta

Antica tomba a camera etrusca, sistemata a balcone su Civita
ed a strapiombo sulla valle, è legata alla leggenda del santo.
Qui da fanciullo, il futuro santo fu salvato da San Francesco
da una malattia mortale e la madre, come forma di ringraziamento,
promise di consacrare la vita del ragazzo al Signore.
E così avvenne.



Spero di avervi fatto fare una bella gita in questo fantastico borgo
e di avere stuzzicato la vostra curiosità su un altro splendido
angolo d’Italia.
Un abbraccio
Sonia

 

 
 
 
Successivi »
 

CONTATTA L'AUTORE

Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 63
Prov: EE
 

COPYRIGHT

       I testi di questo blog
     sono protetti da copyright

 

      

           certificato  di dichiarazione
                      diritto d'autore

   

 ****************

Per sempre con me...

         con noi...


 

AREA PERSONALE