Creato da est.la.belle.epoque il 08/12/2010

...fini la comédie

il est temp de rouvrir le rideau...*Blog dedicato all'arte ed alla cultura in ogni sua sfumatura....Una redazione forte e solidale pronta a postare con gusto e conoscenza. Uno scrigno di solidarietà, di stima e di affetto*

 

Il posto dove si ride di fronte alla morte

Post n°716 pubblicato il 21 Ottobre 2014 da ladyamira1
 

Bentrovati cari amici e lettori 

Liliana ..un grazie ... dal mio cuore ,

(come sempre ...molto gentile )

per la tua disponibilità ...

questa volta ho pensato di farvi conoscere
un luogo dove di solito si piange ma ...
vi sorprenderò!
un cimitero 
sorrido ...ahaha ! cosa pensate voi ?
Alina è impazzita !?
...no ..non ancora ahaha ma non manca tanto .....
allora ...vi dico che è un cimitero unico 
nel mondo .....
il posto dove si ride di fronte alla morte
un cimitero che fa parte dell'elenco dei patrimoni
dell’umanità dell’UNESCO.
si trova in Romania a Sapanta un piccolo villaggio 
nel Maramures 
Sapanta è diventata una meta turistica di grande importanza
 per via del suo “cimitero allegro”, ahaha ! si avete letto bene,
un cimitero allegro ....dove ,per entrare a visitarlo devi pagare un biglieto ...
Il cimitero allegro, al primo impatto, lascia un po’ perplessi. Non siamo abituati a questo genere di
cose e alla presenza di così tanto colore in luoghi di questo tipo ma non possiamo negare di trovarci
all’interno di qualcosa di veramente unico. Centinaia di tombe con ognuna la sua croce di legno blu.
E sulle croci vignette e brevi testi per raccontare la vita del defunto e ricordarne le cause della sua
morte. Il tutto realizzato con una certa ironia e una buona dose di senso dell’umorismo che mai si
penserebbe di ritrovare in un cimitero. 
vi lascio un  video ...per vedere meglio 

La trasformazione di questo luogo da semplice cimitero di campagna a sito patrimonio dell’umanità ha avuto luogo nel 1935 quando Ioan Stan Patras, un modesto scultore locale, iniziò a costruire croci in legno per contrassegnare le tombe del camposanto. L’idea che il blu rappresenti la speranza e la libertà, lo spinse a dipingere le croci di questo colore e la conoscenza diretta dei suoi compaesani lo convinse a lasciare ulteriori testimonianze sulla loro vita attraverso qualcosa di diverso da un semplice epitaffio. Ecco perché oggi, gironzolando tra le tombe si può leggere la storia di quel tizio che amò così tanto la sua grappa la quale non ricambiando affatto lo fece finire in questo luogo. Oppure la storia di un altro signore che per una vita guidò il camion e guidando la concluse. 
amici ..che difficile tradurre dal rumeno regionale
specialmente le rime naïve di questo  poeta popolare
per voi ci ho provato ....ma nn hanno la rima del originale ....
  qui sono anche io 
sulla croce mio nipote
"foglia verde di ragazzo sono stato
Grigore ero io 
nell'anno 'novecento quattordici
una fredda guerra cominciò
mio corpo è sepolto  in Galizie (?)sotto un abete
quando in guerra sono partito 
indietro non sono più tornato 
che gli nemici  mi hanno sparato
da piccola sono rimasta orfana
e sono cresciuta senza mamma 
tanti anni ho filato il filo e ho tessuto
se aiuto non ho avuto
sono stata tanto brava -tanto in casa che fuori 
che marito mi è morto e vedova sono rimasta 
ma sono morta contenta
dei miei figli con amore curata
lasciai questa vita ha 87 anni 
che il fuoco ti bruci tassista 
sei venuto da Sibiu 
quanto è grande Romania 
solo qui ti sei fermato 
vicino a casa nostra 
a me di investire 
e genitori di far' soffrire 
di niente non soffri di più
che quando ti muore un figlio
miei genitori sempre piangerano la mia morte 
-sarai sempre nei nostri pensieri
 
la grappa è vero  veleno
lei porta pianto e  patimento 
che anche a me ha portato
 e la morte mi ha messo giù
se a  te piace la grappa 
succederà anche a te come a me 
che io la grappa ho amato 
con lei  nella mano sono morto 
quanto tempo ho vissuto nel mondo 
sono stato un buon trattorista
nel campo e nel bosco 
Ho servito tutti.
care ragazze e mio figlio 
vi ho aiutato tanto ,
 ma non ho avuto la fortuna di aiutarvi di più 
la morte non mi ha lasciato 
da giovane mi ha sepolto 
la vita lasciai ha 58 anni 
qui riposo io 
Stetca Dumitru mi chiamo 
quanto ho vissuto sulla terra
la vigna tanto lo lavorata
vino buono ho fatto e alla gente da bere ho dato
quando gli ho messo il vino nella tavola 
si sono scordati di andare a casa 
hanno cominciato a cantare  fine la mattina 
o qui riposo 
Pop Irina mi chiamo 
dalla mia infanzia 
ho amato la vita 
sono stata una brava donna 
ho avuto anche dispiaceri perchè 
ho avuto grandi dolori 
ho lasciato la vita ha 49 anni 
ed ecco la corce del realizatore del 
cimetero allegro 
da quando ero piccolo ragazzino 
io fui Stan Ion Patras 
ascoltatemi bene buona gente
quello che vi dico bugie non sono 
quanti giorni ho vissuto 
non ho voluto male a nessuno 
solo bene quanto ho potuto a  tutti chi mi  l'ha chiesto 
oh ! povero mondo mio
che difficile che ho vissuto dentro te !
 Certamente, con il suo lavoro, Patras ha voluto affrontare la morte con uno spirito diverso da quello a cui siamo abituati e così facendo ha regalato al mondo un luogo prezioso per la sua unicità. Intendiamoci se prese singolarmente, le croci di Patras non possono essere definite capolavori della scultura. Il tratto dei disegni è tutto sommato semplice, quasi elementare, ma l’effetto di insieme, dopo la perplessità iniziale, è davvero sorprendente.
Ed è un luogo in divenire. Non siamo, infatti, davanti ad un’opera finita, ad un sito che ha interrotto la sua evoluzione a causa della morte del suo creatore. Ioan Patras, oggi, è sepolto proprio qui e la sua tomba è decorata dalla croce che lui stesso realizzò in vita, così come quelle dei suoi familiari. Riposa in pace perchè la tradizione delle croci colorate gli sopravvive grazie al suo apprendista Dumitru Pop che oggi realizza una decina di croci all’anno, il numero dipende dalla mortalità nel villaggio, restando fedele agli insegnamenti del maestro.
 Il cimitero allegro è davvero un luogo che non si può tralasciare se si è in visita in Romania .Che ne ditte quando si va ? (a visitare la Romania non al cimetero ! ahaha! )ok ...mi sono allungata come sempre ....ma spero che vi ho portato una cosa cosa insolita ....e che vi ha arrichito le conoscenze .Vi saluto ...augurandovi lunga vita ...felice ...sorrisi ..amore...salute ......smakkk 
Alina 

 
 
 
Successivi »
 

CONTATTA L'AUTORE

Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 63
Prov: EE
 

COPYRIGHT

       I testi di questo blog
     sono protetti da copyright

 

      

           certificato  di dichiarazione
                      diritto d'autore

   

 ****************

Per sempre con me...

         con noi...


 

AREA PERSONALE