Creato da licsi35pe il 09/03/2012

SENZA PRETESE

...secondo la giornata...

 

« ....a tutti, buon weekend.. »

...ieri ho letto che...

Post n°16 pubblicato il 10 Aprile 2012 da licsi35pe


Ho letto  in Cronaca che il domenicale  Sun on Sunday di Londra ha portato la notizia di un medico-scienziato (defunto), direttore di una clinica di fertilità londinese, che  ha usato il proprio sperma per aiutare circa 600 donne a dare alla luce i loro figli.  Lo scienziato aveva pianificato questo programma insieme alla moglie e, per la verità, ci si era messo d'impegno anche se  i donatori avrebbero dovuto essere in molti. 
Si dice che tutti, nel mondo, abbiamo 6 o 7 sosia.  Io stessa, in gioventù, sono stata diverse volte confusa con la moglie di un noto personaggio  del pugilato...immaginiamoci  600...e che sia pure un numero da sballo! Cose  da capogiro per menti normali e altrettanto pazzesco da gestire "in proprio".  Certamente non succederà mai che questo piccolo esercito di figli "biologici"  si incontri, ma mettiamo il caso, tanto per suggestione...tutti con le stesse caratteristiche somatiche... impressionante!
 Tremendo pure il pensare che, sapendo, hai tanti fratelle e sorelle intorno a te o  sparsi per il mondo!  Molte volte mi sono chiesta del perchè una donna, per essere mamma, deve per forza "sentire" la vita trasformarsi nel suo grembo. Sono tantissini i bambini abbandonati che hanno bisogno e sognano una famiglia, perchè allora non procedere ad un'adozione? I "rischi" che si corrono con lo sperma di uno sconosciuto, pur se analizzato, sono gli stessi nei quali si può incorrere con i propri partners...allora è puramente una questione di "orgoglio" di gestazione, o per  poter esibire il pancione? Chi può saperlo? Non si può entrare nella spicologia femminile a tal riguardo, si può solo supporre....ed è mistero.

Piccolo aggiornamento: Un avvocato londinese, saputo dalla madre della vera identità paterna, si è messo alla ricerca dei fratellastri e ne ha trovati diversi. Le  ricerche non saranno semplici in quanto la moglie del medico, lui deceduto, ha pensato bene di  distruggere quanto riteneva perchè non si potesse arrivare ai nomi degli interessati....cmq, i "ritrovati" non si perdono d'animo, hanno unito le loro forze e indagano, desiderosi di conoscersi.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog