Creato da licsi35pe il 09/03/2012

SENZA PRETESE

...secondo la giornata...

 

pensieri...

Post n°247 pubblicato il 20 Ottobre 2014 da licsi35pe

.

Uno stato di grazia, almeno visto da noi umani
con occhi decisamente stupiti.
Quante volte, anche noi vorremmo allargare le braccia
e sospinti da pensieri gioiosi, come Peter Pan,
alzarci in volo  trasportati dall'aria  verso lidi sconosciuti,
per diventare punti appena visibili
ma padroni di noi stessi,
alla ricerca di una libertà di cui sentiamo spesso il bisogno?
Non per sfuggire alle nostre terrene responsabilità
ma per ricaricarci  e  ritornare, poi,  più forti ad affrontarle.
La terra è il nostro ambiente, ci poggiamo i piedi
a volte leggermente, a volte arrancando...
il cielo, nella sua immensità non  pone ostacoli!
Una terapia d'urto, come si usa dire o forse,
solo un breve sogno ad occhi aperti,
un momento di silenziosa intimità,
in noi e fuori di noi....perchè no?
Ritorno a letto, anche i gabbiani dormono a quest'ora!

.

 

.

.

.

 
 
 

a tutt gli amici/e

Post n°246 pubblicato il 13 Ottobre 2014 da licsi35pe

 

.
.

 

.
Quando la felicità ci viene incontro
non è mai vestita come pensavamo.
Spesso ci passa accanto silenziosa
e non sappiamo riconoscerla.
~ Romano Battaglia~
.

  

.

 
 
 

nomi

Post n°245 pubblicato il 05 Ottobre 2014 da licsi35pe

MI sarei dovuto chiamare Sonia, ma ai tempi della mia nascita non si permetteva di dare ai neonati nomi stranieri, cosicchè...eccomi Licia. Mai piaciuto questo nome: non sa di niente, non sa di melodioso nè di gioioso, non ha Santi nè provenienza che mi consoli e neppure appare nell'elenco alfabetico dei nomi. Sono un derivato...di origine greca, da una regione dell'Asia minore, la Licia appunto, nella storia antica molto florida. Devo ringraziare lo scrittore polacco Henrick Sienkiewicz se il nome della regione passò ad una donna. Grazie al successo del suo romanzo Quo Vadis? che racconta  le vicende amorose di Licia e Vinicio, peraltro molto tribolate,  in una Roma imperiale dominata da quel pazzoide di Nerone. Dal successso del romanzo a quello nel film colossal, il passo è stato breve...ed eccomi finalmente "persona". 
 Più recentemente  si ricorda  il mio nome grazie al successo del cartone animato 'Kiss me Licia". E' pur vero che, commercialmente parlando, il mio nome (magari con la lettera Y) è stato dato a confezioni intime per donna. Sempre come "derivata" mi sono
vista affibiare  (letto nel web) delle caratteristiche personali, un compleanno in novembre (mai letto in alcun calendario) e perfino un numero speciale e una pietra preziosa. Mi viene da ridere al pensare che tutte le licia del mondo (e ce ne sono tante) abbiano  le stesse "attribuzioni". Io sono nata in luglio...perciò non se ne parla nemmeno....con tutto ciò, il mio nome continua a non piacermi....;)))))))
.
.
.
.

 
 
 

cosė e .....cosė

Post n°244 pubblicato il 01 Ottobre 2014 da licsi35pe

 Divertenti scritte nel napoletano...un momento di serenità
Avviso 1: andate a d'agio...ci sono bambini
Avviso 2: Sono al camposanto di Amandola ( vivo )
Murale:    lorgoglio non serve (ma l'apostrofo sì)
Avviso:    non sostare da avanti al garage. Ance di note. Gracie.
Avviso:    Ci abbiamo stancati svendiamo tutta la merce e c'ene iamm a
               ffancul! remo e Nella con amore
Avviso:    Rimbomba tutta la casa. Parcheggia e parti a motore spento.    
Murale:    Chiara, fare all'amore con te è stato come lanciare un salame 
              in un corridoio!
Panettiere: Quando vi diventa duro ve lo grattuggiamo gratis.
               ma la  metà la tratteniamo.
Macelleria: Da Rosalia si vendono tacchini e  polli. A richiesta si aprono le
               cosce. 
Agenzia Immobiliare: Pianoterra in vendita con retro officina. Si vende solo
               il davanti, il didietro serve a mio marito.

Carrozzeria; Qui si vendono auto incidentate ma non rubate.
Officina:    
Si riparano biciclette, anche rotte.    
Abbigliamento 1: Nuovi arrivi di mutande,se le provate non le togliete più 
Abbigliamento 2: Non andate altrove a farvi rubare, provate da noi.

( da pps di A Mazzariello)

                          =*=*=*=*=*=*=*=*=*=*


Guardate e ammirate...il video mostra la stupenda performance d'inizio dei Giochi Olimpici della gioventù che si sono tenuti a Nanjing (Cina) lo scorso agosto. Cinquecento giovani atleti, da tutto il mondo  "volano in cielo". Veramente meraviglioso!

.

.

=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*

 

 
 
 

strane dal mondo

Post n°243 pubblicato il 24 Settembre 2014 da licsi35pe

 

La nonna più veloce del pianeta: Ida Keeling è una nonnina di 99 anni (100 li compirà il prossimo maggio),  pesa  solo 37 kg ed è alta 1 metro e 40 centimetri.
Abita a new York ed è entrata nella storia per aver corso i 100 metri in 59,8 secondi. La gara della donna, svoltasi durante i Gay Games di Akron, in Ohio, ha lasciato di stucco partecipanti e astanti, nonché la figlia della donna, Shelley Keeling, che è anche sua allenatrice. La donna ha iniziato ad appassionarsi alla corsa trenta anni fa, dopo aver perso due figli per colpa della droga. La nonnina ha così commentato il suo exploit: ‘Il mio medico mi ha detto che sono più sana di una ragazza di 20 anni’

 


 
ILLUSIONE OTTICA MURALE......???' non ci ho capito niente..

 

                                     
                               

                                                            L'animale più brutto del pianeta:

Non tutti gli animali a rischio estinzione possono essere teneri e fotogenici come i panda. Alcuni, come quello che vedete, sono francamente bruttini, ma non per questo meno meritevoli di attenzioni. Il concorso di "bruttezza"  ha decretato tramite il voto degli spettatori, la nuova mascotte della società (Ugly Animal Preservation Spciety). Il vincitore è questo "pesce blob" (Psychrolutes marcidus), una creatura che vive al largo delle coste dell'Australia sudorientale e della Tasmania, a profondità comprese tra i 600 e i 1200 metri. L'animale dal corpo gelatinoso di densità leggermente superiore a quella dell'acqua, caratteristica che gli permette di galleggiare sul fondale senza muoversi troppo. (Mi pare assomigli un po', dalla foto e con tutto il rispetto,  al mio bisnonno Felice, che non ho mai conosciuto!) 


                         

  ed ora, un   

Due amici, Mario e Luca, che non si vedevano da tre anni, si incontrano.
"ciao come stai?"
"io bene e tu?"
" bene ""
La famiglia?"
"tutto ok"
"quanti figli?"
"sei"
"sei!!"??...."ma tu sei sposato da tre anni, come può essere?"
"vedi, il primo anno mia moglie stava leggendo i due orfanelli,è mi ha dato due gemelli"...poi si è messa a leggere i tre moschettieri è mi ha dato quattro gemelli"...
D'improvviso,  Mario incomincia a correre come un pazzo....
"...ma dove vai?"
"corro a casa, mia moglie sta leggendo dieci piccoli indiani"




 

 
 
 

giorno felice

Post n°242 pubblicato il 19 Settembre 2014 da licsi35pe

Ieri...una giornata stupenda, un sole tiepido e il cielo di un colore azzurro senza ombra di nubi: io, assieme ad una conoscente e alla sua bimbetta, abbiamo "buttato strambo" e siamo andate a mangiarci una pizza sull'altipiano. Non vi posso spegare la magia di quei prati verdi, dove gli alberi s'inalzano nel cielo con i loro fusti annosi e i ciuffi abbondanti di foglie verdi e gialle. Per digerire, niente di meglio di una passeggiatina, così ci siamo incamminate lungo le viuzze strette del paesello.... case antiche, balconi con vasi di fiori alle finestre, un cane solitario che se ne andava per i fatti suoi senza degnarci di uno sguardo! Un gran silenzio e tanta pace.
Appena fuori dall'abitato fummo "rapite" dalla bellezza dei campi coltivati...come un grande puzzle di vari colori incastonati l'uno nell'altro.
Innumercoli filari di viti e su questi carte argentate ( contro gli uccelli predatori d'uva) che, mosse dal vento e baciate dal sole, creavano scintillanti esplosioni di luce lungo tutto il campo. Proseguendo... quante zucche! Mai le avevo viste così grandi e diversamente colorate. Non esagero se le descrivo grandi come due teste! Non credevo ai miei occhi! e il campicello dei pomodori? di tante grandezze e qualità e noi ad invidiare bonariamente la freschezza di quei "frutti" sulla tavola dei villegiani. Era ora del ritorno ma ancora sorprese ci attendevano...cespugli di more e di erbe selvatiche fiorite, il nido di un pettirosso... e poi...la vivacità della piccola che saltellava sempre, cantando ...beh! Un camminare breve come tempo ma veramente felice, immerse magicamente nell'armonia della natura.
,
.

 
 
 

ipocrisia?

Post n°238 pubblicato il 15 Settembre 2014 da licsi35pe

Conosco una signora da circa vent'anni...lei dice che siamo grandi amiche, in realtà io direi conoscenti. E' una persona simpatica, che fa subito comunella con tutti ma, ahimè, se ne inventa quante ne pensa.  Deve essere sempre una nota sopra il rigo, in tutto e per tutto. A me, sinceramente, da un fastidio boia perchè non si ricorda tutto ciò che dice e poi, salta fuori il marrone, anche se nulla di grave.  Cos'è questo suo fare? ipocrisia?  Già dal "suono" questa parola  suona "spregevole" ma il senso è inequivocabile, vuole apparire ciò che non è. Di quanto dice, credo sì e no, la metà. Che tristezza, però!
Accade anche in Community...profili fantastici, con generalità pazzescamente perfette...perfetti i commenti, sempre atti a procurare lodi e ammirazione. Poi...basta un qualcosa di non desiderato ed ecco il vero carattere salta di colpo a far pensare che, forse, non tutto è genuino, sincero.   A che serve, mi domando, sia che si parli di un rapporto a contatto  sia a distanza?  certamente, ognuno vive secondo i propri concetti di realtà ma perchè nella "falsità", anche se non dannosa?  Una facciata  più attraente, più... ?? Penso che piacerebbe pure a me (come a tutti)  essere migliore, brillare per intelligenza o altre qualità...già...in fondo,  piacerebbe proporre un'immagine riveduta e corretta da noi stessi, spglia da qualsiasi meschinità...sarebbe un gioco che difficilmente si potrebbe portare avanti  senza farsene accorgere. Niente ipocrisie, allora...siamo noi stessi ed accontentiamoci...siamo tutti imperfetti ma, nel creato, tutti meravigliosi. 
.

 

 
 
 

proverbi

Post n°237 pubblicato il 08 Settembre 2014 da licsi35pe

Dice un proverbio arabo che ogni parola, prima di essere pronunciata, dovrebbe passare da tre porte.
Sull'arco della prima porta dovrebbe esserci scritto: " È vera?"...
Sulla seconda campeggiare la domanda: " È necessaria ?" ...
Sulla terza essere scolpita l'ultima richiesta: "È gentile ?"
Una parola giusta può superare le tre barriere e raggiungere il destinatario con il suo significato piccolo o grande. Nel mondo di oggi, dove le parole inutili si sprecano, occorrerebbero cento porte, molte delle quali rimarrebbero sicuramente chiuse.

da "Silenzio" di Romano Battaglia
.
.

Quante volte, spinti da opposti   sentimenti, ci lasciamo andare a profferir parole senza quasi senza rendercene conto? Siamo diversi: chi è impulsivo, chi diplomatico, chi sotto parole dolci nasconde ipocrisia, chi....?  Le parole possono far molto male come donare tanta gioia.  Personalmente sono un'impulsiva e non conto mai fino a dieci prima di dar fiato alle trombe ma mai  ipocrita.  Sono caratterialmene una chiacchierona, lo faccio anche da sola ma soltanto perchè altrimenti dimenticherei come si fa. Mi è più facile contare le pecorelle prima di addormentarmi piuttosto che...ci siamo capiti vero?

.
.                                           

 
 
 

settembre

Post n°236 pubblicato il 01 Settembre 2014 da licsi35pe

Settembre è arrivato in compagnia del ciclone Elettra....pioggia senza fine e tuoni rimbombanti e continui. L'avevano previsto e ce l'hanno azzeccata. C'eran stati un paio di giorni veramente da favola e dicevamo tutti: " avremo un bel settembre"! Che questo rompitogne di Elettra ci abbia messo lo zampino non vuol dire che non lo sarà.
Settembre: il mese per la preparazione per la vendemmia,  alla pigiatura dell'uva  e alla sistemazione dei mosti.....della raccolta delle mele e delle pere....del completamento delle semine negli orti...della semina delle margherite,  viole del pensiero, primule, calendule nei giardini... Si spera che la pioggia duri poco e non ritardi o peggio, danneggi, tutto questo meraviglioso lavoro. Settembre è il mese in cui maturano le castagne e le foglie cominciano ad ingiallire e la natura, magari dopo la metà,  ci donerà  quei colori  smaglianti, dalle tonalità  irripetibili  che saranno gioia per gli occhi e  bellezza nei Parchi e dovunque, piante e cespugli, fanno sempre bella mostra di sè. Forse la non goduta estate troverà la sua completezza in questo mese...si potranno fare ancora dei bagni favolosi...tutto nelle nostre più vivide speranze.  

     

                                                                  

Insonnie vagabonde( non solo per settembre):
In Palestina si racconta che, una notte, re David non riusciva a prendere sonno. La moglie, preoccupata, gli chese che avesse e David confessò che il giorno dopo avrebbe dovuto saldare un grosso debito al suo vicino Jacob ma non aveva il danaro. Allora, la moglie saltò dal letto, andò al balcone e chiamò forte Jacob. Questi chiese; che vuoi? - David mi manda a dirti che  non ha soldi e domani non ti salderà il debito. ..quindi rientrò e disse al marito: " Adesso puoi dormire, ora tocca a Jacob di stare sveglio! "

 

 

LO sapevate che il mirtillo, frutto che matura per lo più verso agosto ma anche tardivamente a settembre,  non è usato solo per marmellate e per ottimi liquori? Già...serve anche a curare fastidiosi disturbi, tra cui l'insufficeinza venosa degli arti inferiori, la formazione di depositi arterosclerotici entro i vasi sanguigni, la diarrea e le infezioni delle vie urinarie.

                                        

   


                                               Proverbi settembrini:

                            
Luna settembrina sette ne trascina
                         L'aria di settembre il cacciatore attende
                 A settembre chi è esperto non viaggia mai scoperto
                A settembre pioggia e Luna son dei funghi la fortuna
                      Settembre con poco sole, ottobre non lo vuole
                Se a settembre caldo farà, l'inverno freddo non sarà

   

.

 


 
 
 

luoghi da sogno

Post n°235 pubblicato il 25 Agosto 2014 da licsi35pe

Il sito americano Buzzfeed ha raccolto le fotografie di alcuni luoghi d'Italia che, a vederli, sembrano dipinti. Città d'arte, paesaggi e posti da cartolina. Tanto belli da sembrare quasi irreali. Invece esistono davvero e talvolta neppure gli italiani stessi sanno della loro esistenza. Eccone alcuni davvero pittoreschi.
La prima località segnalata dal sito è Burano, la piccola isola della Laguna di Venezia.  Tutti i visitatori di Burano rimangono affascinati dalle case colorate che si riflettono nelle acque verdi dei canali, dal Campanile storto, dalla tranquillità e dalla calma con cui le anziane signore ricamano con il loro tombolo mentre, tra di loro, ridono e chiacchierano nei campielli.  Sembra di essere in paradiso, bambini che sfrecciano liberi con la loro bicicletta, balconi variopinti dai fiori più belli, pescatori che issano il pesce fresco appena pescato dalle loro tipiche imbarcazioni. 

 

Alberobello, Bari...E' la regina della Terra dei Trull , un lembo di territorio della Puglia centrale, uno dei posti più ambiti dal turismo nella regione proprio per via di queste particolari costruzioni in pietra a secco dalle forme coniche, i trulli, appunto. Dal 1996 sono Patrimonio dell'umanità dell'Unesco

Alberobello, Bari

 

Portofino, Genova..Uno squarcio nella montagna rivela al turista che giunge dal mare  uno dei gioielli più belli  che l'Italia possa vantare. E' considerato uno dei più caratteristici e pittoreschi borghi marinari del mondo. Le sue case colorate che avvolgono il porticciolo e le terrazze affacciate sul mare sono tra i luoghi più romantici d'Italia

Portofino, Genova

"Ed ecco, all'improvviso, scoprirsi un'insenatura nascosta, di ulivi e castani. Un piccolo villaggio, Portofino, si allarga come un arco di luna attorno a questo calmo bacino. Attraversiamo lentamente lo stretto passaggio che unisce al mare questo magnifico porto naturale, e ci addentriamo verso l'anfiteatro delle case, circondate da un bosco di un verde possente e fresco, e tutto si riflette nello specchio delle acque tranquille, ove sembrano dormire alcune barche da pesca".
Guy de Maupassant 1889

 

 
 
 
Successivi »