homo sum

logos tao aum dharma amor

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: isry
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 48
Prov: RM
 

ANGELI E SANTI

Israfil
Michele
Gabriele

prossimamente
Angeli in viaggio

 
Citazioni nei Blog Amici: 55
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

RISPONDI A ROSSOGERANIO

l'affermazione è incommentabile e mi trova assolutamente contrario
"...L'accumulazione delle cazzate è un segno da paralitici..."
chi vive il problema risponde dalla paralisi si può migliorare con la fisioterapia dall'imbecillità solo con tanta umiltà.
richiedi correzione necessaria laddove insiste questa idiozia

 

Ultimi Commenti

IrrequietaD
IrrequietaD il 05/12/17 alle 09:44 via WEB
Buongiorno Rospetto! Argomentone!!!!! Diddicile dare un opinione in merito, mi trovo in difficoltà. Io sono una mamma e non uno scienziato e come tale, non posso entrare nello specifico. Nel tuo post e nei tuo commenti, trovo tantissime domande e/o considerazioni. Ne faccio una semplice semplice io: siamo stati vaccinati, battezzati, andati all'asilo, giocato per strada......abbiamo vissuto di cose semplici (come tu stesso dici)e non ci siamo posti nessuna domanda, così come non se ne ponevano i nostri genitori. Forse era importante avere un tetto sulla testa e da mangiare nel piatto. Credo che la scienza ci ponga davanti a troppi quesiti che noi non siamo in grado di valutare. Tante malattie non esistono più (nel nostro paese), ma dovendo fare i conti con l'immigrazione, compresa quella clandestina, non sappiamo con chi abbiamo a che fare, vuoi per ignoranza o chiusura mentale, chiamala come vuoi. Io ho fatto vaccinare i miei figli, ora ho una nipotina di neanche 3 anni...... e credimi, io sono preoccupata più da tutto quello che sento in giro, che non da tutto quello che gli sparano nel corpo con i vaccini.Perdonami......ma io ragiono con il cuore e davvero non so valutare cosa sia meglio o peggio. ID
 
arw3n63
arw3n63 il 04/12/17 alle 19:10 via WEB
"opportuno farlo alla giusta età e soprattutto farlo con coscienza dando la possibilità di conprendere tutte le possibili controindicazioni per quel bambino singolo senza generalizzare", Isry chi lo stabilisce qual'è l'età giusta? Io? Te? Quali quelle necessarie, io? O te? O i medici? ecco io mi sono affidata alla pediatra di allora che mi ha suggerito di fare anche le facoltative perchè? Perchè non siamo più ai tempi di quando eravamo piccoli io e te, il mondo cambia Isry, le malattie pure, pure io mi sono cuccata, morbillo, rosolia, varicella da piccola e non sono morta, però mi sono beccata la pertosse d'adulta con la mia primogenita( per questo poi ho vaccinato il secondo) che s'è ammalata a due anni e mezzo, lei l'ha superata grazie al cielo senza complicanze io me la sono tirata per mesi con accessi di tosse parossistica e invalidante che se avessi lavorato fuori casa sarei sembrata una tisica.E per fortuna ho schivato gli orecchioni, non credo di essere immune, perciò, le malattie fatte da adulti sono molto peggio, senza contare le complicazioni forse anche più gravi. E ancora, il figlio di un conoscente ha avuto complicazioni di sordità a causa del morbillo, età dei miei supergiù, non era stato vaccinato. Poi ognuno può vederla e pensarla come crede, io continuo a pensare che i bambini vanno vaccinati secondo il calendario del ministero della salute, non sta a me dire quando e se c'è l'obbligo prima di andare a scuola ci si attiene :-) . Non c'entrano nulla gli esempi che fai su avvelenamento da amianto.
 
isry
isry il 04/12/17 alle 09:30 via WEB
invece sei daccordo
te lo dimostro
è giusto vaccinare i bimbi?
certo che lo è!
è giusto farlo obbligatoriamente?
non in questi termini
è giusto obbligare a farlo ai neonati?
Assolutamente no!
anche perché (e qui parla lo scienziato non il giurista) non si può capire la scultura quando ancora è solo un pezzo di marmo.
quindi come avveniva ai nostri tempi sarebbe opportuno farlo alla giusta età e soprattutto farlo con coscienza dando la possibilità di conprendere tutte le possibili controindicazioni per quel bambino singolo senza generalizzare perché troppo spesso si nascondono gli effetti collaterali anche nel twmpo (e chiamo a testimone il caso dell'avvelenamento da amianto per anni taciuto o dell'uranio impoverito nei pesci dell'adriatico o della fuga per radiazioni degli americani dalla sardegna dove si registrano incrementi dei tumori nella zona incriminata.
certo che è giusto ma non non lo è sempre e comunque e quindi non basta lo sia.
Pensa... se ti dicessero che sia giusto fare una terapia della quale non sei assolutamente convinta ma ti obbligassero come ti sentiresti?
Ripeto il concetto espresso nel post
questo sono dei TSO mascherati con esigenze superiori di chissà quale tipologia
conosciamo abbastanza bene il fatto che in molti paesi esistano ancora tipologie epidemiche che da noi sono state temporaneamente debellate e quindi occorra ripristinare delle barriere... ma da qui a dire che le barriere siano solo quelle di cemento santo e puro ce ne passa.
iniziamo a rendere gli ambienti meno schifosi... noi da ragazzi si giocava al parco uscendone sbucciati in ogni e di tanto in tanto mettevamo in bocca quelle piantine grasse dove poteva avere fatto i sui bisogni un animale (cane... gatto... sorcio) e non sono mai morto nonostante fossi non vaccinato per alcune tipologie che oggi sono obbligatorie... Oggi provati a farlo fra cacche di ogni tipo e siringhe che non sono certo oggetto di vaccino!
ieri prendevi l'uovo dalla gallina e lo bevevi così come era... provati a farlo ora!
bevevi il latte della mucca... mangiavi il maiale senza gettare nulla... altro che estrogeni o antibotici che ingurgiti ora!
allora la questione diventa... ad esempio... perché non rendere obbligatorio alle fabbriche di jeans di depurare l'acqua prima di scersarla?
perché non obbligare gli allevatori a tornare ai pascoli in aree protette? e di conseguenza perché non eliminare le ciminiere o le centrali atomiche che sversano ogni giorno in acqua e aria sostanze altamente tossiche e mortali?
queste cose non sono forse epidemiche?
dove stanno i controlli che si fanno invece su una famiglia?
questo chiede il giurista... poco importa se un medico possa o meno essere convinto della necessità di un vaccino… ma le cause per le quali il vaccino sia necessario e che avevamo vinto sono tornate e (volenti o nolenti) non abbiamo più un ambiente tale da fornirci delle adeguate difese immunitarie... allora mi pare ovvio che la questione irrisolta sia l'obbligatorietà che non paga mai chi distrugge ma solo chi ne subisce le conseguenze.
 
arw3n63
arw3n63 il 01/12/17 alle 21:16 via WEB
Isy non sono d'accordo :-). Per me è giusto vaccinare i bimbi, peccato che in Italia sia necessario obbligare con la minaccia di sanzioni.
 
isry
isry il 01/12/17 alle 02:14 via WEB
Quando m vaccinarono e vaccinavno i miei coetNei ero ragazzino non pupo e così accade in altre realtà... le vaccinazioni sono numericamente esagerate ma capisco che oggi i bambini non prendano gli anticorpi dal latte materno ma si becchino vaccini da quello industriale.
Capisco che i social parlino madri che nulla hanno a che fare con le mode vegane o altri hippate simili... come anche troppe persone con interessi dell'una e dell'altra parte... il discorso che propongo è diverso... quando a scuola ci stavano i pidocchi li beccavi anche te... quando la varicella... il morbillo... gli orecchioni (ma non ci sta un vaccino per questo)... la pertosse... ebbene... a scuola non mi beccai una emerita ceppa.
tutto merito del latte materno?
forse anche di quello vaccino o forse delle uova trafugate dalla covata delle galline... ma allora sarebbe semplice... basterebbe trovare una fattoria!
Ma quanto chiedo di spiegare è come mai questa urgenza e questa obbligatorietà con pene severissime esula dalla garanzia del diritto?
si fidano delle strutture sanitarie al nord?
a me non pare tanto... ma del resto anche i giapponesi si fidavano di chi diceva che il nucleare era strasicuro.
del resto se il tuo pupo è vaccinato e il mio no sarà il mio a rischiare e non viceversa quindi che serve obbligare anche me?
ha senso solo se leggiamo questo nell'ottica dell'annulla,ento del giurista ossia quella figura che equilibria doveri e diritti e che sta per essere sostituita da una insana passione per il grande occhio
che farete quando vi diranno di inserire un chip sottocutaneo per sapere cosa comprate e con chi vi vedete?
Quando le relazioni umane saranno lette e sipiate da un operatore dietro un server megagalattico?
 
arw3n63
arw3n63 il 30/11/17 alle 16:47 via WEB
Riguardo le vaccinazioni io a suo tempo ho fatto vaccinare i miei figli oltre a quelle obbligatorie e anche quelle consigliate come morbillo, pertosse, parotite, rosolia nonostante il dubbio che la figlia avesse contratto già la rosolia ma non se ne era certi e il figlio avesse contratto gli orecchioni ma essendo trivalente inserita con rosolia e parotite vaccinato ugualmente, più coperto di così:-). Secondo me si è alzato troppo polverone e disinformazione, mica si fanno tutti insieme i vaccini che sono diventati obbligatori c'è un calendario e s'è fatto troppo terrorismo contro le vaccinazioni sui social soprattutto, da parte di chi volendo seguire mode naturistiche vegane e vattelapesca o per motivi politici vuole scoraggiare o trova nell'obbligo una violazione della libertà. Per quanto mi riguarda trovo giusto che prima di entrare a scuola si sia in regola con le vaccinazioni obbligatorie era così anche un tempo, ora se hanno alzato il numero di quelle obbligatorie si rispetta la legge. Probabilmente qualcuno ha interesse a far credere che siamo il solo paese in cui vige l'obbligo di vaccinazioni ma sembra che non sia così, ci sono altri paesi in Europa (ben 13 su 28)che hanno obbligo di vaccinazione di quelle “storiche”, quelle contro polio, difterite, pertosse e tetano. L’Italia ha aggiunto morbillo, rosolia, parotite, varicella, meningococco C e B, Haemophilus influenzae B, epatite B. In Svezia invece non ci sono obblighi ma ma la copertura dell’antimorbillo sfiora il cento per cento. Lì, nelle scuole, vaccinano in massa i bambini perché hanno fiducia nelle autorità sanitarie, e sentono come un dovere proteggere la comunità dalle malattie. Ma la domanda è perchè bisogna arrivare ad imporre qualcosa che va a benificio di un'intera comunità e non scaturisce invece da un senso civico? mi vien da pensare che in Italia bisogna sempre usare bastone e carota. O forse troppe informazioni sbagliate circolano in rete, creando confusione alla gente, magari era meglio una volta che la gente era più ignorante sarà per questo che nel mondo sono riusciti a debellare gravi malattie come il Vaiolo fino a far scomparire il virus, pochi ricordano che prima dell'obbligo vaccinale antipolio tanti bambini restavano disabili a vita. Che senso ha vaccinare? Cercar di debellare le malattie e proteggere chi veramente per problemi non può sottoporsi a vaccinazione. Chi corre rischi in una comunità sono tutti quei bambini che non sono sottoposti a vaccinazione, magari con un sistema immunitario alterato o debole e se vengono in contatto col virus si ammalano gravemente. E per finire...nessuno può garantire che un vaccino anche se testato a 100 bambini non faccia nulla e al centunesimo invece provochi danni più gravi o effetti collaterali che se non si fosse sottoposto. Quindi vaccinarsi dovrebbe essere sia un dovere civico oltre che un diritto alla salute senza bisogno di essere imposto.L'unica critica che si potrebbe sollevare è se è necessario fare così tante vaccinazioni nei primissimi anni di vita.
 
isry
isry il 30/11/17 alle 14:09 via WEB
abbi fede!
 
arw3n63
arw3n63 il 29/11/17 alle 21:45 via WEB
Isry....non è ora di cambiare post? ;-)
 
isry
isry il 29/11/17 alle 18:50 via WEB
Non esattamente... il sole non è al centro dell'universo quanto non lo è la terra quindi anche Galileo mentiva in un certo senso... il problema è che non aveva la completezza della informazione... un poco come quando si decide se un ssere umano possa dirsi o meno nato... o morto... insomma credo sia più facile cercare la menzogna su un rigore al novantesimo che la Verità...
Per questo cerco la Sapienza... perché è il solo modo che conosco per trovare la Verità e non le verità di ciascuno... neppure quando siano le mie ^___^
perché ci impelaghiamo in questi discorsi?
e perché no? ^___*
 
IrrequietaD
IrrequietaD il 29/11/17 alle 16:28 via WEB
È da considerare come un punto di vita. Sai...... secondo il punto di vista di ognuno, nessuno mente e tutti hanno sempre ragione. Tu mi devi spiegare come facciamo ad impelagarci in certi discorsi!?!?!!!!!??!? Ahahahahah
 
Successivi »