Creato da Fanny_Wilmot il 01/02/2015
Appunto il dis-appunto

Ultimi commenti

Robertino, Anna...ma di chi parli?
Inviato da: Fanny_Wilmot
il 13/12/2017 alle 06:32
 
Aggiungeteci per la chiosa che... "E'...
Inviato da: estinettee
il 12/12/2017 alle 23:38
 
Azz. Costavano io me li ricordo a 27.000 lire, cifra per...
Inviato da: poeta.sorrentino
il 12/12/2017 alle 20:24
 
Questo è poco ma sicuro.
Inviato da: Fanny_Wilmot
il 12/12/2017 alle 17:44
 
E chi lo sa! A detta di Euripide: “Gli dei ci creano tante...
Inviato da: Lutero_Pagano
il 12/12/2017 alle 17:40
 
 

 

Il bacio è un atto sessuale ad armi pari

Post n°469 pubblicato il 13 Dicembre 2017 da Fanny_Wilmot
 
Tag: bacio, sesso

 

Quale innegabile acume nel definire il bacio "un atto sessuale ad armi pari"! Del resto a parlare è Anais Nin, mica l'autrice di Cinquanta sfumature di grigio. Detto ciò, rimarrà un mistero insoluto il perché venga data tanta importanza all'atto sessuale tout-court, a scapito dei preliminari fisici ed empatici. Ma tant'è, il paradiso poco s'addice all'uomo comune.

Oh he treats me with respect
He says he loves me all the time
He calls me 15 times a day
He likes to make sure that I'm fine
You know I've never met a man
who's made me feel quite so secure
He's not like all them other boys
They're all so dumb and immature

There's just one thing
that's getting in the way
When we go up to bed
you're just no good
Its such a shame
I look into your eyes
I want to get to know you
And then you make this noise
and its apparent it's all over

It's not fair...

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Ma non chiamatele prostitute

Post n°468 pubblicato il 12 Dicembre 2017 da Fanny_Wilmot
 

Cocotte o cortigiane che dir si voglia, queste donne furono delle vere star in Francia, nel periodo che va dal Secondo Impero alla Belle Epoque; anche dette "le regine di Parigi" dettero vita ad anni di gioia sfrenata che si conclusero con la Grande guerra. 

Benché la sostanza non cambi, la traduzione che si fa in italiano della parola cocotte, non rende loro merito. A volte è preferibile la forma.

 

"Tout le monde vend quelque chose, moi je vends mon cul... »

Liane de Pougy

 

 

 

 

Dall'alto:

Henri Gervex, Rolla

Alexandre Jacques Chantron, Danaé.

Zygmunt Andrychiewicz, At a Café Table

Josef Engelhardt, Loge in Sofiensaal

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Erotismo veneziano

Post n°467 pubblicato il 11 Dicembre 2017 da Fanny_Wilmot
 

SORA LA MONA
La Donna gà 'na cosa tanto bona,
Che tutti la vorrìa, tutti la brama,
Co tanti varj nomi la se chiama,
Ma 'l più bello de tutti xe la Mona.

Oh! Come ben sto nome in bocca sona;
A solo nominarla el cuor s'infiama,
Questo fà, che la Donna tanto s'ama,
E che dell'Omo la se fà parona.

La gà rason, se la la tien sì stretta,
E come una reliquia ben coverta,
Perchè la xe una cosa benedetta.

E quei, che la vuol veder descoverta,
O che i voggia toccarghe la Sfesetta,
Bisogna, che i ghe fazza la so offerta.

Giorgio Baffo

 

 

 

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Vino, castagne e parole

Post n°466 pubblicato il 10 Dicembre 2017 da Fanny_Wilmot
 

Lontano dal presente avvelenato, in compagnia di coloro che la vita ha messo al bando: è questo che vorrei per Natale, foss'anche per condividere vino e castagne. Magari qualche parola, che ciascuno trasformerebbe in umile poesia.

Così, senza drammi, in spregio alla desertificazione sentimentale di questo Occidente globalizzato, con gli occhi fissi altrove.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Copertine d'autore

Post n°465 pubblicato il 09 Dicembre 2017 da Fanny_Wilmot
 
Tag: LP, musica

 

Quando, in gioventù, comprare un LP era un piccolo lusso, io e la mia amica del cuore non correvamo mai il rischio di sbagliare l'acquisto, per cui una volta entrate nel negozio di dischi, sopprimendo ogni moto di voluttà estetica, compravamo solo ciò di cui eravamo certe. Tuttavia era condizione molto più che probabile l'essere tentate dalla copertina degli LP la cui bellezza contemplavamo con genuinità infantile, al punto tale da dedurre che la musica in essa "contenuta" non poteva non essere all'altezza.

Finiva che non oltrepassavamo mai i limiti imposti dal buonsenso, grazie all'aiuto di una vocina misteriosa nascosta nelle tasche... Con le cassette andava diversamente, perché molto più economiche soprattutto in saldo, ma era come accontentarsi del mercatino delle pulci, avendo negli occhi via Montenapoleone.

*In alto la copertina di Brain Salad Surgery degli Emerson Lake and Palmer

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »