Community
 
mala_spina
   
 
Creato da mala_spina il 13/09/2011

LABIRINTO

L' Eros,l 'Avventura, il Fantasy del Fauno e della Strega

 

« *Rosso d’antiche sere***Diario di un killer sen... »

*Hot show:l'amore col brivido**Per adulti

amore adulti

 

Noi siamo una coppia speciale: spesso ci prende la voglia di fare all'amore nelle situazioni più rischiose e il pericolo di essere visti invece di smorzare i nostri entusiasmi li accende ancora di più.
Sfruttiamo tutte le occasioni che si presentano: in genere sono io la regista di questi filmetti hard.
Dobbiamo vederci al tramonto nel parco sul lago per una romantica passeggiata, prima di andare a cena nel nostro ristorante a Riva del Garda.
Ho un'idea in mente e mi vesto per l'occasione: top di seta lucida che copre a mala pena i seni liberi di eccitarsi al fresco contatto della stoffa e una gonna corta e stretta, molto scivolata sui fianchi.
Costosi sandali Prada dai tacchi a spillo -unica mia  concessione alle  firme- completano l'abbigliamento.
Anche il luogo dell'incontro è stato combinato da me, in modo che tu mi veda arrivare dal fondo del viale, le lunghe gambe in mostra, i fianchi ondeggianti, un preludio a erotiche future dolcezze.
Appena entrata nel parco, lasciata la macchina, sento gli occhi dei maschi addosso, fiutano il mio odore di femmina eccitata e consenziente.

Tre ragazzi iniziano a seguirmi esponendo ad alta voce tutta una teoria di sconcezze che farebbero volentieri con le mie tette e il mio sedere; li ascolto, impassibile, in verità i loro pesanti apprezzamenti oggi mi lusingano.
Mi avvicino sorridendo a te, che, seduto su una panchina, non ti sei accorto del mio arrivo e continui a leggere il giornale; ti chiamo: mentre il tuo sguardo esprime il chiaro piacere che provi vedendomi, i tre ragazzi si dileguano, scomparendo rapidamente tra i cespugli.
-Fede, sei uno schianto- mormori, mentre allunghi una mano a toccare un capezzolo impertinente eretto contro la stoffa leggera.
Io mi mordo le labbra accuratamente dipinte, le lucido con la lingua, mentre ti fisso attraverso gli occhiali scuri.
-Che cosa hai in mente? mi sto eccitando-mormori e mi prendi per mano.
-Troviamo una panchina che non sia troppo esposta, e ti spiego che cosa ho in mente-

Ci inoltriamo nel folto del parco.
Troviamo una panchina che mi pare faccia al nostro caso, è esposta a eventuali passanti solo di fronte, ma non del tutto: le fronde di una siepe incolta in parte la proteggono.
Ti faccio sedere vicino a me e sollevo il top: i seni escono, pieni e liberi; sono orgogliosa della loro pelle elastica e setosa. So che effetto ti fanno con i capezzoli che guardano irriverenti all'insù.
-E se ci vedono?-sussurri, ma già le tue mani sono su di loro, li prendi nei palmi, mentre mi baci sul collo per salire alla bocca che ti aspetta, ingorda. Intanto la mia mano scivola sui pantaloni ad accarezzarti; dapprima è solo una carezza leggera, che si fa sempre più insistente, mentre ti mormoro all'orecchio :
-Cosa vorresti farmi, dimmelo -
-Non lo so, non capisco più niente, so solo che ti voglio-
Fai per accarezzarmi il grembo, io ti blocco e ti riporto ai seni, a succhiarmi i capezzoli con frenesia e mi inarco contro di te, mentre  gli slip si incollano alle cosce.
Guardo tra le fronde della siepe: i passanti sono rari a quest'ora, ma se a qualcuno venisse in mente di girare la testa di poco vedrebbe in parte uno spettacolino niente male.
La mia mano ti accarezza sui pantaloni  e mentre tu gemi la bocca sul mio collo mi accorgo di un uomo che ci guarda, inebetito,tra le fronde
-Andiamo, abbiamo uno spettatore-

Ci guardiamo, ridendo,complici come sempre; un attimo per ricomporci, controllo il trucco e ci incamminiamo abbracciati verso il ristorante.

Conosco il motivo per cui attiriamo l'attenzione dei passanti: siamo belli, emaniamo sesso da tutti i pori, splendiamo addirittura.

Il cameriere ci accompagna al solito tavolo, è tutto perfetto, il pesce di lago, il Chardonnay fresco, perfino l'orchidea bianca- la mia preferita- al centro del tavolo.
La nostra conversazione è vaga, come è andato il lavoro, che faremo nelle vacanze ormai prossime, e altre stupide piacevolezze; intanto le nostre mani si sfiorano sulla tovaglia, si intrecciano, mimano il tango che tra poco balleranno i nostri corpi .
Chiedi il conto e usciamo: la nottata è splendida, sul lago il solito paesaggio da favola; ci avviamo al parcheggio, ho voluto che tu mettessi la macchina nell'ultima fila, prima del parapetto che dà sulla strada sottostante.
E' tardi, siamo stati quasi gli ultimi a uscire dal locale; ma la nostra macchina è comunque in vista, anche se lontana dall'uscita del ristorante. Ti fermi vicino alla portiera, non sai se aprirmela o no, io ti blocco e ti indico il cofano della vettura.
Hai capito, per un attimo restiamo di fronte a fissarci dritti negli occhi, sorridendo, poi io mi volto, e mi sdraio bocconi sulla lamiera.
Tu mi alzi la gonna e tiri giù gli slip, mentre il mio corpo si irrigidisce nell'attesa.
Mi accarezzi con dolcezza, passi la mano nel solco tra le natiche, mi senti  bagnata, pronta; allora apri i pantaloni e:
-Mi vuoi?- mormori al mio orecchio, con voce roca.
-Si, ma fai piano, voglio sentirti , amore mio-
Intanto fisso la porta del ristorante, sta uscendo una coppia.

-Abbassati- mormoro, ma un attimo dopo penso -E chi se ne frega se ci vedono, magari si eccitano e gli facciamo pure un favore-
Poi il mondo intorno scompare in un mare di lingue rosso carminio fino a che mi accorgo di essere sull'orlo dell'orgasmo, il freddo della lamiera funziona da propellente.
-Vieni - ti ordino con voce imperiosa e bassa, che neppure riconosco.
Mi rispondi con una spinta forte che mi inchioda alla macchina.
Sprofondo  nel piacere con un grido spezzato.
Poco dopo anche tu ti sciogli dentro di me.
Ora ti accorgi delle due figure, immobili come statue, al limitare del parcheggio.
Mentre mi rialzo e cerco gli slip, che sono finiti per terra:
-Mi spiace, gente, lo spettacolo è finito, ed era pure gratis-
gridi alle due cariatidi.
Poi ridendo, risaliamo in macchina, per scendere in paese a gustarci un enorme gelato, naturalmente con cioccolato e tanta panna, quello che ci vuole  dopo l'amore.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

 

 

L'altro mio blog di politica, satira, prosa, poesia e varia umanità:

"I Racconti del cuscino"

 

AREA PERSONALE

 

Marzo 2014

L'IMPRONTA

inizia QUI

 

Aprile 2013

DELGADO

Inizia QUI

 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.