Community
 
mantica_occ...
   
 
Creato da mantica_occulti il 10/03/2010

Mantica

Un piccolo spazio dove postare i miei appunti.

 

 

« Lettera anima-corpo corpo-animaIndigesto »

Gelidamente freddo, intensamente raro

Post n°123 pubblicato il 05 Gennaio 2012 da mantica_occulti
 

Gelidamente freddo, intensamente raro.

Freddo, inebriante.
Volitivo, pensieroso. Svoltando s' impara, questo insegnò.

È un' occasione unica, provare intensamente tutto ciò che si è. Volevo pensare, e ci son riuscito. Volevo cambiare, e ci son riuscito due volte. Alla terza son riuscito a sentirmi. La quarta pensai alla quinta. E dire che m' han fatto sentire insensibile e stupido.

Ignoranti

L' andare oltre è troppo per tutti, pure per me.

Andare avanti è rompere se stessi, violare il candore di un fiocco di neve, anzi, d' Amore, quel che c' è e si sta muovendo ancor nel mio... non ha nome.

Ho paura, e terrore, di violentarlo anche solo pensandolo.

E lo piango. Ed io piango.

L' amore, la fame, e la sete.

Libera incondizionatamente ciò che sei, che hai, e che vuoi.

E dubita allora. Piangi.

Vola attraverso le molteplici frange, frastagliate, e spigolose, dove il tuo Amore ti guida, e ti protegge, fino a  che può, fino a che c' è. Poi non è più Cuore, ma è mente, quando interviene non ha niente da fare, perché non c' è già più nulla.

E vola anche lei.

Ma stavolta vola strano, va dove non deve andare, va dove il Cuore è già stato, dove Egregiamente ha già svolto l' unica cosa che sa fare, Amare se stesso per Amare prima gli altri. Chiunque essi siano.

E la via del Cuore porta il nostro Amore, quello che possiam portare, e provare, a quei confini del Mondo che vengono chiamati i limiti dell' Uomo, e l' inizio dell' nAnima.

Si parla di Morte. Gelidamente fredda, intensamente rara. Che si espugna dalle trappole dell' Uomo, troppo piccola per poterla vedere, troppo grande per poterla curare.

Allora mi spingo a morire, accettando queste parole, immensamente amare, che mi gelano pure il... che gelano ciò che sono, ciò che si è.

E mi chiudo in letargo, per la soggezione del terrore di sentirsi abbandonato, solo, volendo far affiorare al Mondo intero ciò che non sono, timido di Cuore.

Piangi allora, che sarai consolato.

Nel frattempo mi rendo conto di un consiglio:

rinchiuditi in una stanza ed entra in stato meditativo.

Così, mi rendo conto di cosa sto facendo, prima ed ora, ed ho il tempo di capire come sto usando il tempo di me stesso.

Sappi Amore mio, che fino ad ora t' ho seguito solo in parte. La luce che sei l' ho fissata troppo a lungo e non t' ho ascoltato mentre ti guardavo, fulgida luce dell' Essere ed Essenza del Non-Essere.

Ora che stiam guardando tutt' e due nella stessa direzione vedo le altre stelle, le altre luci, gli altri amori.

E rifletto, sotto la tua guida, su chi guarda la propria luce e su chi guarda dove risplende e si pone la propria luce.

Che abisso. Che inferno.

Dentro al nostro Cuore, dentro la tua Coscienza, dentro la tua guida. Rifletto e medito. Lo creiamo noi. E vedo quanto vogliamo uscire da te, dalla tua guida, dalla tua vita, per trovare l' unione con te, l' Amore con tutti.

Voglio, è una parola grossa, non esiste.

Ma voglio perché sento.

E allora mi domando: perché è ancora sbagliato il pensiero dalle parole? Ed anche dai fatti?

Quindi non voglio, ecco il punto.

Illuminato dalla tua presenza, illumino il candore che sei e faccio risplendere ciò che non sei, ciò che non voglio.

Freddo e gelido, intensamente raro.

Oramai spogliatomi, da solo, all' inverno che uccide i miei Angeli, i miei Cuori, le mie Passioni, e freme anche sulle mie radici.

Ma il tempo m' ha insegnato, come la luce che guida ciò che sono, di mostrarmi interessato, e capire che una radice non muore mai, muore la terra, perché l' avveleniamo.

E proprio l' Amore che ci accomuna, anche solo per un istante, mi fa riconoscere che nemmeno la terra muore, ma soffre, per colpa mia, o tua... poco importa.

Qualcuno se ne prenderà cura, prima o poi, e se ne avvalrà per esigere la Resurrezione della Vita, la partecipazione cioè di noi stessi a ciò che in comune siamo, Al di là... di ogni confine.

Gelidamente freddo, intensamente raro.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/mantica/trackback.php?msg=10950594

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
teruboelcor
teruboelcor il 09/01/12 alle 16:18 via WEB
NERO E GELIDO COME IL CUORE DI CHI NON SA DARE AIUTO A CHI CHIEDE AIUTO...
 
 
mantica_occulti
mantica_occulti il 10/01/12 alle 01:58 via WEB
L' ipocrisia te la lascio con tutto il cuore, nel mio non ci starebbe ed in questo momento è portato via da un vento che non ha né tempo né spazio, per chi vuol tempo e spazio.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

TAG

 

AREA PERSONALE

 

ULTIMI COMMENTI

 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: mantica_occulti
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 114
Prov: EE
 

DIALOGHI

Sei dubbioso, titubante, indeciso, c' è qualcosa che non ti torna, qualche discorso che ti sembra essere nascosto, qualche atteggiamento che non riesci a capire? Hai bisogno di parlare con qualcuno, hai un dubbio e vuoi un parere?

Scrivimi pure nella mail cliccando nel box contatta l' autore. Ti risponderò appena controllo, di norma cerco quotidianamente od ogni 2/3 giorni controllo.

Non chiedo nessun ricompenso in denaro, al contrario di chi offre anche solo 2 chiacchiere come un servizio a pagamento, io metto a Vostra disposizione il mio tempo per leggere, pensare e rispondervi. A volte poche parole bastano per esprimere anche infiniti pensieri.

Sta a te poi saper usare la comunicazione nel migliore dei modi.

 

KHEPER

 

 

AMARE SE STESSO PER AMARE GLI ALTRI

A chi è duro, sciogligli il cuore

A chi è insensibile, donagli l' affetto

A chi è in balia del vento, fallo fermare ad ascoltare

A chi è a testa bassa, sfioragli il mento e vedrai che sorriderà

A chi tiene il cuore in mano, aiutalo a rimetterlo al suo posto

A chi piange, fagli trovare l' amore ovunque

A chi guarda gli altri, fallo guardare dentro a se stesso

A chi sta già guardando dentro a se stesso, fallo aprire come un fiore

A chi è aperto come un fiore, salvalo dalle intemperie

A chi scappa una lacrima quando sente qualcosa che gli ricorda l' Amore, donagli unità e pace

A chi riesce a stare in mezzo alla gente e regalare un sorriso col cuore, donagli la forza per sorridere nuovamente

A chi ama, e a chi non sa più se ama, amali

Perché il loro amore è tutto ciò che può dare vita anche a te stesso

Ama, sappi cos' è l' amore dentro te, perché quando ti verrà donato saprai riconoscerlo ed amarlo.

Ama il cuore, ama l' amore, ama la vita e tutto ciò che ti circonda

Una cosa sola c' è dentro di te, donala incondizionatamente e verrai riempito subito e costantemente dello stesso Amore che saprai dare.

 

MANTICA OCCULTI

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CONTATORE VISITE ESTERNO

 

CANTO DIFONICO - CANTO DEGLI ANGELI