SECRET LANGUAGES

CAPISCI DI AVER LETTO UN BUON LIBRO, QUANDO GIRI L’ULTIMA PAGINA E TI SENTI COME SE AVESSI PERSO UN AMICO

 

«La lettura deve essere una forma di felicità, quindi io consiglierei ai lettori di leggere molto, di non lasciarsi intimorire, dalla reputazione degli autori, di continuare a cercare una felicità personale, un piacere personale. Questo è l'unico modo di leggere». Jorge Luis Borges

 

 

 «Per me i libri sono lettere a nessuno, non so a chi le ho scritte, a chi le spedisco, so che stanno al fermo posta di una libreria e qualcuno passa di lì, cerca proprio quella casella in mezzo agli scaffali, sceglie nella posta la lettera che è stata scritta per lui, e comincia a leggere. Questo è quello che io cerco almeno nei libri quando li apro, il pezzetto che è stato scritto per me. Uno scarto, un brusco scarto di intelligenza e sensibilità che mi spiega qualcosa di me. Cosa che suppongo possedevo già sotto la pelle, ma che non sapevo dire».

Erri De Luca

 

 

Perché là dove c'è l'amore le parole non sono necessarie. L'amore è tutto. È immortale. Ed è sufficiente. [Diana Gabaldon - La straniera]

 
 

 Le parole sono gratuite, diceva, e se ne appropriava: erano tutte sue. Lei seminò nella mia testa l'idea secondo cui la realtà non è solo come appare in superficie, perché ha una dimensione magica e, volendo, è legittimo esagerarla e colorirla per rendere meno noioso il passaggio attraverso questa vita. [Isabel Allende - Eva Luna]

" Ma se è tutto qui il male! Nelle parole! Abbiamo tutti dentro un mondo di cose, ciascuno un suo mondo di cose! E come possiamo intenderci, signore, se nelle parole ch'io dico metto il senso e il valore delle cose come sono dentro di me; mente chi le ascolta, inevitablmente le assume col senso e col valore che hanno per sè, del mondo com'egli ha dentro? crediamo d'intenderci, non c'intendiamo mai! "

 

Luigi Pirandello

 
Citazioni nei Blog Amici: 58
 

 


L'angolo di Greta

1 2 3  4  6 7

  8 9 10 11 12 

 13 14 15  16 17

 18 19 20 21 22 

23 24 25 26 27 28/29/30/31/32

 

I contenuti,presenti nel “L’angolo di Greta” sono di proprietà esclusiva di" Isabella. M ". Fanno parte della mia produzione letteraria e intellettuale e, ai sensi e per gli effetti dell'art.2575 e legge n. 633/1941 c.c. di PROPRIETA' RISERVATA CHE VIETA L'UTILIZZO SENZA IL CONSENSO DELL'AUTORE, L’USURPAZIONE DELLA PATERNITA’ DEI TESTI E PERSEGUIBILE A NORMA DI LEGGE. “Al fine di prevenire ogni forma di furto, plagio, violazione dei diritti d’autore e dei diritti di citazione, mi sono cautelata registrando tutti i contenuti dell’opera, attraverso un meccanismo di backup completo su supporti digitali, attestando dunque la prova tangibile e storica dell’effettiva proprietà

 

 

 

Hernest Hemigway

 

 

« Giornata mondiale del libroLo Zahir »

Le prime luci del mattino

Post n°129 pubblicato il 24 Aprile 2012 da meionoi

Alla donna che sono stata voglio bene.

Anche se era fragile non è mai stata debole,

 anche se era stanca e sfinita non ha mai smesso di lottare.

 Ha saputo resistere.

 Alla donna che sono stata sento di dover riconoscere dei meriti,

 molti: il coraggio di sbagliare,

la volontà di esserci,

la responsabilità di scegliersi.

Le prime luci del mattino Fabio Volo

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: meionoi
Data di creazione: 14/10/2011
 

«Perché un libro è l’ignoto, è il buio, è chiuso. Il libro avanza, cresce, va nelle direzioni che crediamo di aver esplorato, avanza verso il suo destino e quello dell’autore, annientato dalla sua pubblicazione: il distacco da lui, il libro sognato, come il bambino più piccolo, sempre il più amato». Marguerite Duras, “Scrivere”

 

"Ho vissuto nei libri, per i libri, secondo i libri e con i libri; in anni recenti ho avuto anche la fortuna di vivere di libri. Ed è attraverso i libri che per la prima volta ho capito che esistevano altri mondi oltre il mio; che ho cercato per la prima volta di immaginare cosa si prova nei panni di un altro; che per la prima volta ho incontrato quel legame profondamente intimo che nasce quando la voce di un autore si insinua nella mente di chi lo legge..." Julian Barnes

 

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

manuma.mclock1991makavelikag1b9luboposolodolci_pensierixtStolen_wordsPalm26the_coming_whiteLolieMiudeteriora_sequorvincenzoschieppatigiova.pandotopobimbo.66street.hassle
 

 

 

La capacità di stare da soli è la capacità di amare. Può apparirti paradossale, ma non lo è. E’ una verità esistenziale: solo le persone in grado di stare da sole sono capaci di amare, di condividere, di toccare il nucleo più intimo dell’altra persona, senza possederla, senza diventare dipendenti dall’altro, senza ridurla a un oggetto e senza diventarne assuefatti. Le riconoscono libertà assoluta, perché sanno che se l’altro se ne va saranno felici come lo sono adesso: l'altro non può privarli della loro felicità, perchè non è da lui che arriva. [Osho, Innamorarsi dell’amore]

 

 

I tuoi blog sono belli e per me hanno il profumo della libreria, dell'entrare nel mondo dei pensieri ,delle idee, delle sensazioni che si esprimono nella parola scritta. Lo scritto è evocativo e ci permette di entrare in mondi esterni riscoprendo quelli interiori. Per me la lettura è sempre stata la valvola della pentola a pressione . Ho visto che non hai molti commenti , senza giudizio ovviamente , ma ho notato che nel mondo virtuale a volte si preferisce l'espressione personale , angosce , paure e sogni .....ma tu procedi, perche' il vero cambiamento è nell'esprimere concetti universali. Carolina Perlasnake

 

ALTRO MIO BLOG

clicca sull'immagine

 

 

«Perché un libro è l’ignoto, è il buio, è chiuso. Il libro avanza, cresce, va nelle direzioni che crediamo di aver esplorato, avanza verso il suo destino e quello dell’autore, annientato dalla sua pubblicazione: il distacco da lui, il libro sognato, come il bambino più piccolo, sempre il più amato». Marguerite Duras, “Scrivere”

 

 

"Colleziono nuovi libri allo stesso modo in cui le mie amiche comprano borse firmate. A volte mi basta sapere di averli e non mi pongo il problema se riuscirò a leggerli. Non che alla fine non li legga tutti, a uno a uno. Lo faccio. Ma il solo gesto di comprarli mi rende felice: la vita diventa più promettente, più appagante. E' difficile da spiegare, ma io mi sento, in certo senso, più ottimista. Tutta la trafila dell'acquisto mi mette allegria." K.Mack, J.Kaufman

 

 

 
 

 I video e le immagini che sono contenuti nel mio blog sono stati raccolti nel web; sono pertanto ritenuti pubblici e restano di proprietà del rispettivo autore. Se qualcuno notasse qualche violazione o si ritenesse leso previa segnalazione saranno prontamente rimosse/i Artisti di painting presenti in questo blog con le loro opere d’arte: Andre kohn, Alexi Zaitisev, Anne Bernard, Alex Alemany , Angela Staehling, Alexei Slusar , Barbara Cole, Caty Anderson,Claire Brocato, Cameron Brent Heighton, Christine Comyn, Dorina Costras, Dyanne Parker, Ewelina Ladzinska, Elzbieta Brozek, Fabrice De Villeneue, Francois Batet, Fabian Perez, Gabriel Picart, Guido Borelli,Gilles Archambault , Gary George Kathryn Trotter , Iain Faulkner sunset, Igor Medvedev, Jean Pierre Gibrat, , Sir John Lavery, Michael and Ienessa Garmash, Mark Spain, Peter Panov, Paul Kelly, Raymond Campbell, Richard Johnson, Steve Hanks, Stephen darbishire, Suasan Rios ,Trish Biddle, Ute Hadam, Valentine Daines , Vladimir Romero Redondo, VladimirVolgov, Vladimir Mukhin, Willem Haenraets, Anthony loy, Ginette Beaulieu ,

Elena Checchi Pittrice

 

Io sono un frammento, un pezzo di qualcosa che si è rotto; sono incompleto, incompiuto. Brancolando alla cieca, ho cercato la mia strada per il mondo, perseguendo, senza saperlo, ciò che mi avrebbe reso completo. Lei mi ha reso completo, ma l'ho persa. E dopo aver conosciuto la fusione e l'interezza mi è diventato intollerabile vivere senza: avrei preferito non aver mai scoperto che tale condizione era possibile. E allora ho pensato: in cosa posso sperare adesso? La sola cosa che esista è quell'uno, perché io non amo per bisogno, ma per la consapevolezza della profonda comunione spirituale che mi unisce a lei. E solo a lei.

[Patrick McGrath, Il morbo di Haggard]