SECRET LANGUAGES

CAPISCI DI AVER LETTO UN BUON LIBRO, QUANDO GIRI L’ULTIMA PAGINA E TI SENTI COME SE AVESSI PERSO UN AMICO

 

 

 «Per me i libri sono lettere a nessuno, non so a chi le ho scritte, a chi le spedisco, so che stanno al fermo posta di una libreria e qualcuno passa di lì, cerca proprio quella casella in mezzo agli scaffali, sceglie nella posta la lettera che è stata scritta per lui, e comincia a leggere. Questo è quello che io cerco almeno nei libri quando li apro, il pezzetto che è stato scritto per me. Uno scarto, un brusco scarto di intelligenza e sensibilità che mi spiega qualcosa di me. Cosa che suppongo possedevo già sotto la pelle, ma che non sapevo dire».

Erri De Luca

 

 

 

 I video e le immagini che sono contenuti nel mio blog sono stati raccolti nel web; sono pertanto ritenuti pubblici e restano di proprietà del rispettivo autore. Se qualcuno notasse qualche violazione o si ritenesse leso previa segnalazione saranno prontamente rimosse/i Artisti di painting presenti in questo blog con le loro opere d’arte: Andre kohn, Alexi Zaitisev, Anne Bernard, Alex Alemany , Angela Staehling, Alexei Slusar , Barbara Cole, Caty Anderson,Claire Brocato, Cameron Brent Heighton, Christine Comyn, Dorina Costras, Dyanne Parker, Ewelina Ladzinska, Elzbieta Brozek, Fabrice De Villeneue, Francois Batet, Fabian Perez, Gabriel Picart, Guido Borelli,Gilles Archambault , Gary George Kathryn Trotter , Iain Faulkner sunset, Igor Medvedev, Jean Pierre Gibrat, , Sir John Lavery, Michael and Ienessa Garmash, Mark Spain, Peter Panov, Paul Kelly, Raymond Campbell, Richard Johnson, Steve Hanks, Stephen darbishire, Suasan Rios ,Trish Biddle, Ute Hadam, Valentine Daines , Vladimir Romero Redondo, VladimirVolgov, Vladimir Mukhin, Willem Haenraets, Anthony loy, Ginette Beaulieu ,

Elena Checchi Pittrice

 

 

« La verità......Ci siamo abituati a dare... »

L'angolo di Greta.........8

Post n°152 pubblicato il 19 Maggio 2012 da meionoi

Era circondata, da persone formali con cui simpatizzava,
solo con alcune era andata oltre ,
 ma rimanevano in costruzione,
 e non erano abbastanza, per confortarla.

.................................

Questo l’aveva portata ad intercettare se stessa,
e ritrovarsi, sorpresa, di come la sua stessa compagnia,
 poteva regalarle  momenti felici,
senza l’altrui presenza o approvazione..
Riusciva a vivere anche di sé,
con quello che aveva,
 Le sue figlie la riempivano d’immenso,
 un loro sorriso, era un  raggio di sole,
la loro presenza, la rugiada del mattino, la dissetavano.
 Luca la completava,  aveva saputo aspettare.
Quando lei si perdeva, lui la ritrovava,
  lei chiudeva la porta, lui la riapriva.
 Il resto era contorno, un’avventura, 
frammenti di realtà,
un opportunità, poteva coglierla o lasciarla andare.
Spesso si ritrovava a parlare con persone,
 estranee al suo mondo, nelle occasioni più disparate,
in fila alla posta, alla fermata di un autobus,
 in una libreria, chiacchiere di qualche minuto,
eppure capaci di conquistarla,
come fossero,
una parte di lei che veniva a cercarla.

 Isabella M.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: meionoi
Data di creazione: 14/10/2011
 

 

«Perché un libro è l’ignoto, è il buio, è chiuso. Il libro avanza, cresce, va nelle direzioni che crediamo di aver esplorato, avanza verso il suo destino e quello dell’autore, annientato dalla sua pubblicazione: il distacco da lui, il libro sognato, come il bambino più piccolo, sempre il più amato». Marguerite Duras, “Scrivere”

 

 

 

 

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

lab79un_uomo_della_follar1ck1elche1947marirosariodas.silviameionoiElemento.Scostantesalvatoremaenza.67g1b9fioredimaggio73bernasconi.oscarNonnoRenzo0giova.pando
 
 

 

I tuoi blog sono belli e per me hanno il profumo della libreria, dell'entrare nel mondo dei pensieri ,delle idee, delle sensazioni che si esprimono nella parola scritta. Lo scritto è evocativo e ci permette di entrare in mondi esterni riscoprendo quelli interiori. Per me la lettura è sempre stata la valvola della pentola a pressione . Ho visto che non hai molti commenti , senza giudizio ovviamente , ma ho notato che nel mondo virtuale a volte si preferisce l'espressione personale , angosce , paure e sogni .....ma tu procedi, perche' il vero cambiamento è nell'esprimere concetti universali. Carolina Perlasnake