Community
 
RicamiAmo
   
Creato da RicamiAmo il 26/02/2009
Ricette Consigli e Curiosità in Cucina (dal 2009)
 

In classifica

 

Le mie Video ricette

 
 

Ospiti

 

motori di ricerca italiani

 

Ultime visite al Blog

call.me.Ishmaelyoghithehoneymonellaccio19Eddie_Cranesimonelli.barbaraalba.estate2012Diaspro25avvbiavincentrnRicamiAmoPAOLA11OAngelaUrgese2012cassetta2vittorio.35Aschaky
 
 

free counters

 
Citazioni nei Blog Amici: 80
 

Area personale

 

Ultimi commenti

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

 
 

 

 

ALLORO...TUTTE LE PROPRITA' GLI USI E BENEFICI

Foto di RicamiAmo

L'alloro, o lauro (Laurus nobilis), è un albero o un arbusto sempreverde dalle foglie ovali e lucide, alle quali vengono attribuiti i maggiori benefici per la salute di questa pianta.

L'alloro è una specie rustica caratteristica delle aree mediterranee, ma che si adatta anche a climi più freschi. In Italia l'alloro può essere coltivato pressoché in qualsiasi orto o giardino

 Cresce in maniera spontanea soprattutto nei boschi e nelle zone collinari. Le proprietà dell'alloro sono dovute al suo ricco contenuto di oli essenziali, presenti nelle bacche e nelle foglie.

Quando raccogliere le foglie di alloro? Le foglie di alloro possono essere raccolte e utilizzate tutto l'anno, ma risultano particolarmente ricche di principi benefici e di essenze aromatiche durante l'inverno e all'inizio della primavera. Gli impieghi più comuni dell'alloro riguardano la preparazione di pietanze regionali e di liquori. Fin dall'antichità, l'alloro è simbolo di gloria, di pace e di protezione.

La sua azione benefica nei confronti della cura delle malattie è conosciuta fin dai tempi di Greci e Romani. Tra i componenti presenti nelle foglie di alloro troviamo eugenolo e limonene, che sono accompagnati da altre sostanze volatili attive ritenute benefiche per via delle loro proprietà antisettiche, antiossidanti, digestive e anticancro.

Le foglie fresche d'alloro sono una fonte importante di vitamina C. 100 grammi di foglie d'alloro ne contengono infatti, 46,5 milligrammi, circa il 77% delle dosi giornaliere raccomandate.

La vitamina C, o acido ascorbico, è uno dei più potenti antiossidanti naturali in grado di contrastare l'azione dei radicali liberi. La vitamina C, inoltre, ha effetti anti-virali, stimola il sistema immunitario e favorisce la guarigione delle ferite. Inoltre, le foglie di alloro, quando sono fresche, sono una buona fonte di acido folico.

Ne contengono circa 180 milligrammi ogni 100 grammi. L'acido folico è importante per la sintesi del DNA e nel corso della gravidanza previene la comparsa di difetti del bambino alla nascita. Le foglie di alloro contengono vitamina A, indispensabile per il mantenimento della salute della vista, della pelle e delle mucose. Il consumo di alimenti ricchi di vitamina A protegge dal cancro ai polmoni.

Nelle foglie di alloro sono presenti vitamine del gruppo B, come la niacina e la riboflavina. Le vitamine del gruppo B regolano il metabolismo, contribuiscono alla sintesi degli enzimi e al funzionamento del sistema nervoso. Da non sottovalutare è il contenuto di sali minerali delle foglie di alloro.

All'interno di esse troviamo infatti potassio, rame, calcio, manganese, ferro, selenio, zinco e magnesio. Il potassio è importante per mantenere sotto controllo la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca.

Il ferro è necessario per la produzione dei globuli rossi. In erboristeria e in medicina naturale vengono riconosciute all'alloro proprietà astringenti, diuretiche e stimolanti dell'appetito. L'infuso di alloro viene impiegato per alleviare i dolori di stomaco o causati dalle coliche. L'acido laurico contenuto nelle foglie di alloro possiede proprietà repellenti naturali contro insetti e parassiti.

I componenti presenti nelle foglie di alloro vengono impiegati per la produzione di medicinali per il trattamento di artrite, dolori muscolari, bronchite e sintomi dell'influenza.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

POMODORI CONTRO IL TUMORE ALLA PROSTATA

Foto di RicamiAmo

Pomodori contro il tumore alla prostata 10 porzioni a settimana riducono il rischio del 20%

Pomodori contro i tumori

Gli uomini che consumano più di 10 porzioni di pomodori ogni settimana, vedono ridurre di quasi il 20% rischio di ammalarsi di cancro alla prostata.

La conferma viene da una ricerca pubblicata sulla rivista 'Cancer Epidemiology, Biomarkers and Prevention'.

Gli studiosi dell'Università di Bristol, in collaborazione con le Università di Cambridge e Oxford, hanno analizzato diete e stili di vita di circa 20.000 uomini inglesi di età compresa tra i 50 e i 69 anni.

Hanno quindi verificato che coloro che avevano consumato più di 10 porzioni di pomodori ogni settimana - come pomodori freschi, succo di pomodoro, sugo - avevano visto una riduzione del 18% del rischio di cancro alla prostata, il secondo tumore più diffuso tra gli uomini di tutto il mondo, con 35.000 nuovi casi, solo nel Regno Unito ogni anno, e circa 10.000 decessi.

Tutto merito del licopene, un antiossidante che protegge contro danni alle cellule e di cui sono ricchi i pomodori. Questo però non significa escludere il resto dei vegetali dal proprio regime alimentare.

I ricercatori raccomandano, infatti, di variare e di mantenersi comunque sulle cinque porzioni di frutta o verdura al giorno. Dalla ricerca è emerso che gli uomini che hanno questa buona abitudine riducono il rischio di tumore alla prostata del 24%, rispetto a coloro che ne assumono due porzioni e mezzo o meno.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

FOCACCIA MORBIDOSA

Foto di RicamiAmo

Ecco qua la focaccia morbida, la più morbida! La sua consistenza sofficiosa è dovuta dal fatto che viene preparata con impasto di patate. Credo che con questa ricetta non vi lascierò scontenti, provatela e mi direte!  Si può porre nel cestino in alternativa al pane o come tramezzini farciti con salumi, formaggi e insalata.

Ingredienti:

350 gr di farina manitoba

200 gr di patate lessate (peso da crude)

10 gr di sale

10 gr di zucchero

20 gr di lievito di birra fresco

50 gr di burro

20 gr di olio evo

3-4 cucchiai di acqua calda (30-40 ml)

per la salamoia

20 ml di acqua

20 ml di olio evo

2 cucchiaini di sale

rosmarino

 

 Preparazione:

In un’ampia ciotola o in una planetaria versate tutta la farina, al centro create un’incavo dove sbriciolate il lievito e mischiate allo zucchero

Unite la patata lessa ancora calda e iniziate a impastare,aggiungete l’olio, il burro fuso e fatto raffreddare e il sale, impastate bene e iniziate a unire l’acqua,  un cucchiaio alla volta e aspettare che questo si sia ben amalgamato prima di unire l’altro…valutate voi se occorrono 3 o 4 cucchiai, questo dipende dall’umidità, la temperatura, dalla patata e dalla marca della farina; dovrete ottenere un’impasto morbido ma non si deve appiccicare alle mani.

Lavorate l’impasto a mano per circa 10 minuti e se usate la planetaria basteranno 3-4 minuti in un recipiente , ponete la palla di impasto a lievitare coperto con della pellicola trasparente in forno spento , per circa 2 ore.

Prendere l’impasto e stendetelo in una teglia ( la mia 30×40) e lasciar lievitare ancora una mezz’ora. In un bicchiere mischiate l’olio, l’acqua, il sale e gli aghi del rosmarino.

Ora con le punta delle dita create delle fossette tipiche della focaccia e versate la salamoia cercando di farla espandere in tutta la superficie della focaccia.

Infornate per circa 15 minuti in forno ventilato a 200°.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

DOLCE DELLA DOMENICA

Foto di RicamiAmo

Questo è il dolce che  faccio spesso la domenica, un dolce speciale buonissimo e di sicuro successo

.Quando mi si chiede di fare un dolce da portare a cene o a rinfreschi vari questo è quello che preferisco perchè sicuramente riesce bene.

E' la "Sbriciolona" splendido dolce.

Tanti di voi conoscono già questa ricetta ma voglio ugualmente postarla e poi perchè è veramente buona e merita veramente attenzione.

Ingredienti

per le briciole:

300 g di farina

1 uovo

150 gr di zucchero

1 bustina di vanillina

100 gr di burro morbido tenuto a temperatura ambiente

mezza bustina di lievito

per la crema:

500 gr di latte

3 tuorli

150 gr di zucchero

50 gr di farina

mezza fialetta di aroma limone

zucchero a velo per guarnire

Preparazione

Preparare per prima la crema sbattendo in un pentolino i tuorli con lo zucchero ed aggiungere la farina e l'aroma di limone.

Mescolare e aggiungere il latte a filo e mescolando continuamente per non formare grumi

Porre il tutto sul fuoco e portare ad ebollizione sempre mescolando. Far freddare.

Nel frattempo preparare le briciole mettendo tutti gli ingredienti in una zuppiera e mescolare il tutto con le mani fino ad ottenere un composto granuloso, sbriciolato e non troppo umido.

Se così fosse aggiungere ancora un po' di farina. Foderare con della carta forno una tortiera e mettere sul fondo metà del composto di briciole,stendere sopra tutta la crema e ricoprire il tutto con le rimanenti briciole.

Cuocere in forno caldo a 180° per 30 minuti circa. Sfornare, far freddare e spolverare con lo zucchero a velo.

Si può farcire anche con della crema al cioccolato , con frutta fresca come mele o pere o fragole o semplicemente con della marmellata. Ad ogni modo si ottiene un dolce ottimo.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »
 

SEDANO VERDE

 

 

Utilizza TAG e CERCA per trovare una ricetta

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Gli altri Blog di Delia

    

 
 

Chi pụ scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.