Creato da RicamiAmo il 26/02/2009
Ricette Consigli e Curiosità in Cucina (dal 2009)
 

In classifica

 

Le mie Video ricette

 
 

Ospiti

 

motori di ricerca italiani

 

Ultime visite al Blog

RicamiAmomarinela68dinobarilibiagiovideotecacamnisi1943alba.estate2012Day_In_ParadisemirarossalarosanigraPAOLA11Olunaweb2009missely_2010criserpi1967felisdgl0simonelli.barbara
 
 

free counters

 
Citazioni nei Blog Amici: 82
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

 

 

TIMBALLI DI VERDURE CON SALSA FRESCA

Foto di RicamiAmo

Timballini di verdure con salsa fresca

Ingredienti

1 sp Aglio

10 fo Basilico Fresco

1  Carota

qb Olio Di Oliva Extravergine

2 cu Panna Da Cucina

qb Pepe

2 cu Piselli Surgelati

150 g Pomodori Ciliegia

qb Sale

3 n Uova

1  Zucchina

1  Cipollotto

30 g Burro

Preparazione

 Spunta 1 carota , lavala, asciugala e spellala. Spunta, lava e asciuga anche 1 zucchina e riducila insieme alla carota a listarelle con la grattugia. Lava 1 cipollotto, elimina la parte verde e trita finemente la parte bianca, eliminando le membrane esterne piu dure.

Metti le verdure tritate i n una ciotola. Sbollenta 2 cucchiai di piselli surgelati per 3-4 minuti, sgocciolali e uniscili alle verdure con circa 10 foglie di basilico lavato, asciugato e spezzettato grossolanamente. Mescola bene.

Sbatti in una ciotola 3 uova con 2 cucchiai di panna fresca, sale e pepe. Imburra con circa 30 g di burro 4 stampini individuali a forma di bicchiere o da creme caramel e riempili con strati di verdure alternati a cucchiaiate di composto di uova e panna. Inforna gli stampini, sistemandoli in una teglia a pareti alte.

Versa circa 2 dita d'acqua calda sul fondo della teglia e fai cuocere per circa 15 minuti nel forno gia caldo a 200?C.

Lava 150 g di pomodorini ciliegia e 10 foglie di basilico.

asciugali, tagliali a spicchietti, unisci 1/2 spicchio d'aglio spellato e tritato, poi condiscili con sale, pepe e 2 cucchiai di olio extravergine di oliva.

Sforma i timballini e servili con la salsa a lato.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

FETTUCCINE AI PEPERONI CON ACETO BALSAMICO

Foto di RicamiAmo

Fettuccine ai peperoni con aceto balsamico

Ingredienti per 4 persone

300 g di fettuccine

2 peperoni rossi

2 peperoni gialli

2 peperoni verdi

4 spicchi d'aglio schiacciati

2 cucchiai di succo d'arancia

80 ml di aceto balsamico

100 g di caprino fresco

una manciata di foglie di basilico

sale, pepe nero.

In una casseruola portate ad ebollizione abbondante acqua salata e cuocetevi le fettuccine al dente. Scolatele e sistematele in una terrina. Lavate i peperoni, togliete semi e filamenti bianchi.

Tagliateli a lamelle sottili, sistemateli su una placca foderata con carta da forno: infornateli 7 minuti a 170° A cottura ultimata, sfornateli e lasciateli raffreddare.

Sistemate poi i peperoni in una ciotola capiente, irrorateli con il succo d'arancia, l'aceto balsamico e aggiungete l'aglio tritato. Mescolate per bene. Versate il tutto sulla pasta e amalgamate.

Aggiungete il caprino a tocchetti, le foglie di basilico e il pepe macinato al momento.

Servite

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

PEPERONCINO PROPRIETA' E BENEFICI

Foto di RicamiAmo

 Il Peperoncino, a dispetto di tante credenze, gode di tante proprietà benefiche e forse, per associazione con il pepe, si tende erroneamente a credere che sia poco salutare.

In realtà sono due prodotti diversi e, se usato con moderazione e da soggetti senza problemi gastrointestinali o altre patologie che potrebbero escluderlo dalla dieta, il peperoncino non può fare che bene. Il peperoncino, probabilmente già usato sin da 7000 anni fa come conservante per il cibo; è originario dell'America ed è usato per dare sapore ai cibi

E' ricco di capsaicina, di vitamine A, B2, C, E, PP e olii essenziali. Come pianta, è facilmente coltivabile e si adatta a diversi climi; può essere coltivato nei vasi e su un terrazzo, l'importante è che stia in pieno sole. Nei periodi più freddi, conviene ad ogni modo tenerlo al riparo in quanto non sopporta bene un clima troppo rigido. Il peperoncino è una pianta annuale e le parti consumate sono i frutti: le bacche, contenenti dei semi bianco-giallastri.

Esistono tantissime qualità di peperoncino e le bacche possono essere consumate fresche, cotte o crude. I colori dei peperoncini (frutto) sono molteplici: verdi, gialli, rossi, arancione, bruno scuro e marrone scuro. La sensazione di piccante data dal peperoncino è dovuta alla capsaicina che, in proporzione alla quantità disponibile nel seme, ne determina, appunto, la piccantezza.

In realtà, quando ad esempio si mangia un peperoncino, la risposta di bruciore data dall'organismo come se la temperatura del cavo orale si fosse alzata "e stesse prendendo fuoco", è solo una sensazione che il cervello invia come risposta all'attivazione di alcuni termorecettori presenti nella bocca con cui proprio la capsaicina viene a contatto.

Tra le proprietà del peperoncino troviamo quella digestiva: infatti il peperoncino favorisce la secrezione di succhi gastrici. Studi hanno dimostrato che il peperoncino ha anche una funzione dimagrante, accentuando il consumo di calorie ad opera della capsaicina, principio attivo del peperoncino.

Il peperoncino ha anche proprietà antibiotiche, antibatteriche e antiossidanti ad opera dei flavonoidi e capsaicinoidi. E' anche molto utile nella cura di raffreddore, bronchite e sinusite; combatte la fermentazione, la formazione di gas intestinali e il passaggio delle tossine nel sangue. Ha proprietà vasodilatatrici e anticolesterolo.

L'assunzione di peperoncino può contribuire alla prevenzione dell'arteriosclerosi e non solo, infatti è anche una buona cura preventiva dell'infarto e delle malattie cardiocircolatorie. Per uso esterno, viene usato come antidolorifico per combattere artriti e reumatismi: in questo caso, vengono effettuati massaggi con una lozione a base di alcool e peperoncino.

L'azione del peperoncino consiste in una dilatazione dei capillari e riscaldamento. Secondo il folklore popolare calabrese, il peperoncino combatte anche la caduta dei capelli, avendo effetti benefici sul cuoio capelluto. Come conservare il peperoncino? In ambiente secco e areato. Possono essere surgelati, essiccati oppure messi sott'olio o sotto sale. Come consumare il peperoncino? Fresco, cotto e crudo.

Il peperoncino può essere essiccato, anche se tale pratica comporta una perdita parziale delle proprietà. Avvertenze sul peperoncino! Il consumo di peperoncino deve essere comunque moderato in quanto un uso eccessivo può causare forti bruciori. In questi casi, è consigliabile assumere latte, che è in grado di sciogliere la capsaicina.

In alternativa, sono anche molto utili il pane (la mollica) e l'assunzione di superalcolici. Contrariamente a quanto si crede, invece non è affatto utile bere acqua in quanto la capsaicina non è idrosolubile.

Il peperoncino è anche da far consumare a bambini di almeno 12-13 anni. Quando si manipola il peperoncino bisogna anche fare molta attenzione a non toccare occhi e bocca con le mani senza averle prima lavate accuratamente.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

FOCACCIA DI PATATE ALLA BARESE

Foto di RicamiAmo

La focaccia di patate alla barese

 Ingredienti:

1kg. di farina

1/2 kg. di patate

1e 1/2 di lievito di birra in cubetti

olio extra vergine di oliva

pomodori S.Marzano

sale  origano

Procedimento:

Lessate le patate con tutta la buccia; sbucciatele e schiacciatele su un tavoliere.

Versateci sopra la farina, un cucchiaio di sale e il lievito che avrete fatto sciogliere in un pò di acqua tiepida.

mpastate il tutto fino ad ottenere una pasta abbastanza elastica. Stendetela in un tegame ben oliato e conditela in superfice con pomodori tagliati a pezzetti, sale  olio extravergine e origano.

Lasciate lievitare un'oretta in un posto caldo e non ventilato e cuocete in forno, che origano, sale, paavrete già portato a 220°, per circa una mezz'ora.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

PATATE CON SCAMORZA E PROSCIUTTO

Foto di RicamiAmo

Patate con scamorza al prosciutto

Ingredienti

4 patate di medi grandezza

80 g di scamorza affumicata

Sale Timo Pepe

4 fette di prosciutto crudo un po' spessine

Preparazione

Lavare le patate sotto acqua corrente e spazzolarle bene. Cuocerle a vapore per 35-40 minuti o lessarle in abbondante acqua fredda salata per circa 30 minuti.

Ricavare dalla scamorza affumicata 8 fettine sottili. Ritirare le patate, lasciarle intiepidire, pelarle e farle raffreddare completamente.

Preriscaldare il forno a 220° C. Tagliare le patate orizzontalmente in tre parti con un coltello molto affilato cercando di non romperle.

Appoggiare sulla prima fetta di ogni patata mezza fetta di scamorza, ricoprire con la seconda fetta di patata, distribuire un'altra mezza fetta di scamorza, quindi ricomporre la patata.

Salare leggermente in superficie ed unire una manciata di timo e di pepe. Avvolgere ogni patata con una fetta di prosciutto crudo, fissare con uno stecchino e mettere in una pirofila rivestita di carta da forno.

Unire un'ulteriore manciata di timo e cuocere in forno per 15 minuti. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »
 

SEDANO VERDE

 

 

Utilizza TAG e CERCA per trovare una ricetta

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Gli altri Blog di Delia

    

 

Chi pụ scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.