Creato da deniseretroda il 25/11/2014
come evitarla

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2016 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

gemella7pasquale.crimaldithelifeisebeautifulmelina_magigispa58Atinealatino6921rolveronanicoletto.enricodana68fianna.mbghisa53EnricoAgainevanescenzabluraffaella.ceschino
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Muffa: come prevenirla

Post n°1 pubblicato il 25 Novembre 2014 da deniseretroda
 

Iniziamo subito a spiegare cosa sono le muffe:

Sono un tipo di funghi pluricellulari, capaci di ricoprire alcune superfici sotto forma di spugnosi miceli e solitamente si riproducono per mezzo di spore.

È comunemente chiamata muffa un agglomerato di questi sottili miceli, formatisi su materia vegetale o animale, generalmente come uno strato schiumoso o filamentoso, come segno di decomposizione e marcescenza. Nella tassonomia e nella filogenia le muffe non costituiscono un gruppo preciso, trovandosi nelle divisioni ZygomycotaDeuteromycota e Ascomycota.

 

 

Le muffe si nutrono principalmente di acqua e di tutto ció che l´umiditá trasporta. Quindi da ció deduciamo l´arma principale é quella di abbassare al minimo l´umiditá nelle nostre abitazioni. La presenza di un eccesso di umidità in casa ( che si riconosce ad esempio dalla presenza di condensa e odori sgradevoli ) è sintomo di scarsa ventilazione e, a lungo andare, può generare danni alla salute. Una camera con una temperatura superiore a 20° C e con un’umidità superiore al 60% favorisce lo sviluppo di muffe, acari, batteri e scarafaggi. Gli ambienti con una piú alta presenza di vapore acqueo sono il bagno e la cucina, ed é proprio qui che la muffa preferisce attecchire.

Per abbassare il tasso di umiditá dentro casa nostra, se non é davvero eccessivo, dobbiamo aprire tutti i giorni le finestre, anche in inverno, facendo attenzione peró a non oltrepassare i 10-15 minuti, per evitare che i muri si raffreddino. Se invece l´umiditá é davvero troppa, allora bisogna ricorrere a deumidificatori elettrici. Sono economici e fanno un ottimo lavoro.

Ricordiamoci di lasciare qualche centimetro di distanza tra i mobili e le pareti, in modo tale che l´aria circola.

In caso la muffa é giá presente sui muri , dobbiamo ricorrere ad una buona pittura antimuffa . Solo cosí possiamo risolvere definitivamente il problema muffa.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso