Creato da erinn78 il 28/11/2004

Città-ragnatela

Sospesa sull'abisso, la vita degli abitanti di Ottavia é meno incerta che in altre città. Sanno che piú di tanto la rete non regge.

 

« Primi bagniLove story »

Mura in libreria

Post n°771 pubblicato il 15 Marzo 2009 da erinn78

Fa uno strano effetto quando V. entra in libreria che é quasi mezzanotte. Tipo un limone strofinato sulle gengive.
Sto per dire "quello, io lo conosco", ma non saprei a chi.
Il commesso con la maglia viola sonnecchia nascosto da una montagna intatta di volumi su volumi della Troisi, Muto sfoglia l'ultima creatura Clerici&Moroni, e io sono sola davanti ad una pila di offerte imperdibili col quindici per cento.

Voglio tornare a casa. Ottavia é impraticabile coi tacchi. Questo perché é pensata da una donna per altre donne. Muto fa lo scemo con la signora delle pulizie, dopo gli tiro il collo. 
V. si avvicina, afferro una porcheria fantasy a caso per darmi un tono. Dovrei esserci io con la mia faccia rosa in cima a quella montagnola, che nervi.
"Non pensavo ti piacesse questo genere," dice. 
Cavolo no, la Troisi e il suo schifoso mondo emerso. Lo butto via.
"Ogni tanto mi piace darmi a letture più... così. Che c'é di male?"
"Meglio Topolino."
"Bah. E che ci fai ad Ottavia a quest'ora? Non posso neppure vantarmi con le amiche di conoscere uno scrittore."
"Domani dovrò presentare il mio libro alla fiera del lichene in fiore. Che vegetazione ricca, avete."
"Noi non ci curiamo di queste cose. I burroni, il passo nero e puzzolente del fiume, le distese di sabbia che cantano se appena si alza il vento, é questo che ci piace."
"Tanto dopodomani me ne vado. A Milano c'é un'esposizione di orchidee nere con degustazione di tartufi neri, Naomi sfilerà su un palco di onice, io parlerò del mio prossimo libro e Ermenegildo canterà."
"Ermenegildo? Ray é morto, certo."
Rimaniamo zitti per un po'. Mi sento tirare una manica. 
"Che maleducata. Non vi ho presentati. V., lui é Muto."
"Muto? Oh, mi dispiace."
Muto si arrabbia sempre per cose del genere. Non capisco perché.

 

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 

AREA PERSONALE

 

Città-ragnatela

 
Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons License.
 
Citazioni nei Blog Amici: 92
 

ULTIME VISITE AL BLOG

marziatudiscoelviprimobazarandrew_mehrtensIlGrandeSonnoche_rideresundropBiosbiosTsukiNoSakurastheilRediBastonipunksenzadyomaddalena.zfabpjgianmaria_bottonipantarei77
 

website stats

 

ULTIMI COMMENTI

Vabbè che ci scriviamo su FB, ma ti ricordi ancora di...
Inviato da: radiofreccia64
il 24/11/2014 alle 16:43
 
Una vita fa. Il fatto che mi ricordi ancora la password è...
Inviato da: il_giunco_mormorante
il 21/05/2014 alle 23:37
 
e per correttezza, sappi che quella "donna"...non...
Inviato da: nessuno
il 28/04/2014 alle 14:59
 
bacio x sempre ...
Inviato da: occhiodivolpe2
il 09/04/2014 alle 11:54
 
Grazie!
Inviato da: Une affaire de goût
il 10/01/2014 alle 15:42
 
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

FACEBOOK

 
 

CATANIA

 

VOLEVO DIRE CHE

Qualsiasi analogia con fatti o luoghi non é casuale. Io conosco quella gente, ne amo i pregi e detesto tutto il resto.
Mura ovviamente sono io. E Muto, Bertuccia e Gibbone, Ermenegildo, Lesby, la Tedesca, Bakhum che voleva una moglie bionda, Crosti, Fernando con le sue parole che sono musica. Esistono e non sanno che una sola loro parola ha creato un angolo di Ottavia.

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom