Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi
 

La Virtual Global Taskforce (VGT POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI) è composta dalle forze di polizia di tutto il mondo che collaborano tra loro per sconfiggere l'abuso di minori online. Il pulsante "Segnala un abuso" è un meccanismo efficace. Cliccate sul tasto in basso se siete a conoscenza di pericolo per un minore.

Il comportamento predatore sessuale comprende: Chi  produce e scarica immagini di bambini vittime di abusi sessuali. Chi avvicina un bambino per sesso on-line (ad esempio attività sessuali tramite testo o webcam) grooming -

Il predatore crea situazioni allo scopo di  formare un rapporto di fiducia in linea con il bambino, con l'intento di facilitare in seguito il contatto sessuale. Questo può avvenire in chat, instant messaging, siti di social networking ed e-mail.

Non tutte le persone che conosci on line sono sincere.
Aiutaci e rendere internet più sicura...Aiutaci a fermare la pedofilia.

Per favore, copia e incolla questo post
ed inseriscilo in un tuo box. Grazie di cuore._A®

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 168
 

Ultime visite al Blog

gentilissimo83ambradistellemonellaccio19grazia.pvChalumeauFabFlowTrianon_Palazzolog1b9lascrivanaNoRiKo564nina.monamourdivinacreatura59ranocchia56boxer56scrittocolpevole
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« NOVITA' PER LE MAMME?COSE DI QUESTO PAESE »

C'ERA UNA VOLTA LA CAMPORELLA

Post n°2316 pubblicato il 19 Giugno 2017 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per sesso esplicito per strada

 

Una volta, quando era verde la mia valle, ci si preoccupava di non essere visti e/o incrociati per strada: "Quello è un amico di mio padre, se riferisce di avermi visto con un ragazzo, mi ammazza!". Si percorrevano le strade meno frequentate e meno a rischio per portarsi fino ai giardinetti pubblici. E là, seduti su una panchina appartata, ci scappava il bacio, il petting come dicevano quelli che parlavano bene, oppure, la pomiciata come dicevano quelli che parlavano per farsi capire. Questo era l'inizio e più che rubare questi incontri appena fulminei, poco più di mezz'ora, altro non c'era: la regola era tornare a casa subito! Poi con la prima macchina, si aprirono soluzioni più azzardate e protette: la camporella, luogo per non essere visti e quindi non correre rischi. Conoscevamo all'epoca tutti i viottoli di campagna alla periferia della città, per avventurarci al buio là dove sguardi indiscreti non potevano raggiungerci. Altri tempi e a prescindere dalla nostalgia, ammetto che siamo passati a differenze abissali. Non c'è giorno che le cronache italiane non facciano riferimento a scene disgustose di sesso esplicito per strada, in città. Potrebbe anche accadere, casi urgenti o estremi, ma farlo in pieno centro di una grande città e davanti a centinaia di persone, direi che siamo alla follia: qui non c'è da parlare di riserbo, garbo, moderazione e quanto altro possa inibire un uomo e una donna. Inoltre, c'è da precisare che non si tratti nemmeno di incontri casuali tra un uomo a caccia di sesso e una "prostituta". Siamo in realtà davanti a coppie che senza ritegno, considerano normale un atto sessuale e quindi come tale, da praticarlo ovunque venga la voglia di farlo. Se leggeste le cronache, sareste stupiti di quante notizie del genere passino ogni giorno. Le ultime riguardano Napoli (non vi mostro la foto perché mi vergogno al posto loro). Piazza S. Domenico, pieno centro storico, tra tanta gente in giro, una coppia fa sesso orale senza un velo di vergogna. A Milano sempre venerdì sera in Piazzale Siena, una copia fa sesso a terra e poggiati contro la saracinesca di un negozio. Questi gli ultimi casi: il particolare divertente sotto certi aspetti, è che per queste scene a dir poco disgustose, senza alcuna inibizione e alla faccia di chi vede, sono puntualmente fotografate da decine e decine di cellulari, oppure filmate: mi chiedo se qualcuno, magari, un colpo di telefono ai vigili o alla polizia, lo dà! Non sono zone coperte, non in vista, parliamo di centro e se vi va, giudicate voi guardando video e foto. Allora, domanda delle cento pistole: "E' cambiato qualcosa in questi ultimi anni? E' vero, ho avvertito certi mutamenti drastici, ma da un bel po' di tempo a questa parte siamo a livelli che non capisco e non "caprò" mai! Siamo cambiati noi vecchi bacucchi e bigotti, oppure siamo al lassismo totale a completo beneficio di costoro? Siamo alla solita: "So' ragazzi, dai..chi non l'ha mai fatto?". Io non l'ho mai fatto in quelle condizioni e in un modo così bestiale, primitivo e volgare. Solo gli animali possono essere comparati a costoro e si offenderebbero...gli animali! Sembra come se si arrogassero un diritto, come se sfacciatamente sia nel loro potere scegliere di fare atti e gesti che vadano oltre il lecito e la pubblica decenza. Sembra che si voglia affermare una nuova dottrina: "Ti offende tutto ciò? Allora non guardare!". Beh, scusate il ritardo, ma se è questa la novità, la nuova morale, perché nessuno mi ha avvertito?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog