Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi
 

La Virtual Global Taskforce (VGT POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI) è composta dalle forze di polizia di tutto il mondo che collaborano tra loro per sconfiggere l'abuso di minori online. Il pulsante "Segnala un abuso" è un meccanismo efficace. Cliccate sul tasto in basso se siete a conoscenza di pericolo per un minore.

Il comportamento predatore sessuale comprende: Chi  produce e scarica immagini di bambini vittime di abusi sessuali. Chi avvicina un bambino per sesso on-line (ad esempio attività sessuali tramite testo o webcam) grooming -

Il predatore crea situazioni allo scopo di  formare un rapporto di fiducia in linea con il bambino, con l'intento di facilitare in seguito il contatto sessuale. Questo può avvenire in chat, instant messaging, siti di social networking ed e-mail.

Non tutte le persone che conosci on line sono sincere.
Aiutaci e rendere internet più sicura...Aiutaci a fermare la pedofilia.

Per favore, copia e incolla questo post
ed inseriscilo in un tuo box. Grazie di cuore._A®

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 168
 

Ultime visite al Blog

monellaccio19woodenshiprosalbsilucifero6dglsemplicelucreziamaddalena1234567energiadonnavince45aman1968romola.francescostronzoooooooooolascrivanabarbara_disnina.monamourMISURINA3
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« QUANDO I TWITTER SONO DE...MEGLIO DELLE SCENEGGIATE... »

SETTANTA ANNI E NON DIMOSTRARLI

Post n°2341 pubblicato il 29 Giugno 2017 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per GONNE A  RUOTA 1947

 

Voglio rendere omaggio e coinvolgervi per festeggiare i settant'anni della gonna a "ruota". Intuizione e realizzazione dovuta nell'immediato dopoguerra al magico Christian Dior, fu presentata nella maison dello stilista nel 1947. Detta a "corolla" o a "ruota" questo abito non mostra la sua età, ancora oggi e soggetto di moda attualissima e la sua forma base resta immutabile nel tempo. Quanti ricordi, quante belle gambe si cominciarono a vedere grazie alle folate di vento: per strada era uno sventolio, la donna avvertiva a naso che i tempi cambiavano, la società finalmente dopo gli anni bui della guerra, si apriva alle novità e con gli inizi degli anni cinquanta era una conferma per la personalità delle donne giovani e frettolose di abbandonare il vecchio guardaroba da educandato per qualcosa di frivolo e leggero: con vita alta era un turbinio moderato di ruote e corolle, e non solo il passo e l'andatura ne provocavano il movimento, ma anche la malizia immancabile di chi sa cosa voglia mostrare. A quei tempi le auto non avevano le portiere antivento e fatalmente noi ragazzi, appena un'auto si fermava per far scendere una donna, eravamo tutti pronti a sbirciare. Specie se aveva una vestito bello largo, la visuale appena sopra il ginocchio era assicurata e noi eravamo affascinati per un solo pezzo di gamba appena sopra il ginocchio!  Con scarpe basse o con tacchi alti, lo spettacolo era assicurato e le versioni a seguire si sbizzarrirono per soddisfare tutti i gusti. Oggi si producono ancora e per tutte le occasioni, grazie alla sua versatilità va bene per tutti i look. Ogni mise particolare è un must e anche se conserva un po' del suo sapore retrò, non ci stancheremo di apprezzarla. Le mode cambiano ma la classica gonna o vestito a ruota, specie a vita alta, resta un "allure bon ton" alla francese.  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog