Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

La Virtual Global Taskforce (VGT POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI) è composta dalle forze di polizia di tutto il mondo che collaborano tra loro per sconfiggere l'abuso di minori online. Il pulsante "Segnala un abuso" è un meccanismo efficace. Cliccate sul tasto in basso se siete a conoscenza di pericolo per un minore.

Il comportamento predatore sessuale comprende: Chi  produce e scarica immagini di bambini vittime di abusi sessuali. Chi avvicina un bambino per sesso on-line (ad esempio attività sessuali tramite testo o webcam) grooming -

Il predatore crea situazioni allo scopo di  formare un rapporto di fiducia in linea con il bambino, con l'intento di facilitare in seguito il contatto sessuale. Questo può avvenire in chat, instant messaging, siti di social networking ed e-mail.

Non tutte le persone che conosci on line sono sincere.
Aiutaci e rendere internet più sicura...Aiutaci a fermare la pedofilia.

Per favore, copia e incolla questo post
ed inseriscilo in un tuo box. Grazie di cuore._A®

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 168
 

Ultime visite al Blog

aldogiornomariateresa.savinolascrivanaarw3n63g1b9monellaccio19e_d_e_l_w_e_i_s_solgy120testadiuccellinogabbiano642014Spiky03divinacreatura59ctsalvoChalumeau
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« METROPOLITA LINEA 6 A NA...MANEGGI E BARUFFE CHIOZZOTTE »

CI SONO UOMINI DI PAROLE E UOMINI DI PAROLA

Post n°2706 pubblicato il 11 Gennaio 2018 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per stringere la mano per la parola d'onore

 

Sarà l'età(me), sarà per ciò che mi hanno insegnato, sarà per ciò che abbia voluto imparare nella mia vita, ma conferisco un alto senso morale alla "parola d'onore". Magari molti giovani non sanno nemmeno cosa sia o cosa possa significare l'esprimere la propria parola d'onore e nel contempo, porgere la mano destra verso chi sia beneficiario di quella promessa; gesto concesso per sancire l'alto impegno preso mettendo sul piatto come garanzia, il proprio onore. Altri tempi, altre abitudini e altro livello educativo, resta comunque, per chi non abbia mai smarrito certi valori e l'etica morale e comportamentale, chiamata in causa senza che si etichetti colui che la porga, per uno fuori dal tempo e fuori da ogni convenzione. Rispettare questo frangente nei rapporti, è sinonimo di persona retta, onesta e proba, in altri termini, persona che possa camminare per strada con la testa alta e senza rasentare i muri per non farsi notare. Ricordo ai tempi della mia maggior età, la mia prima votazione elettorale: ero immerso a metà nella politica e allora, ebbi proposte e declinai gli inviti non volendo fare salti al buio. Feci bene, perché allora capii che chi ti chiede un voto, una preferenza e in cambio fa promesse elettorali, è persona che in quel momento promette con tanto di parola d'onore ciò che non manterrà mai o non sarà in grado di mantenere! Eppure non ha dubbi sul suo  operato: io chiedo, prometto e poi...chi si è visto si è visto! Non ho mai accettato questa equazione, da allora è passato tanto tempo e devo dire che il tempo abbia deposto ampiamente a favore del mio modo di pensare e vedere. Ormai, giungendo ai giorni nostri, c'è stata una sola escalation: promesse, promesse e promesse, ma al momento di mantenere una sola del bagaglio molto ricco, nessuno ha mai mantenuto la promesse fatte, o meglio, le parole d'onore date. Un sentenza dell'altro giorno della Cassazione, mi ha riportato alla mente uno spaccato di tantissimi anni fa, la sceneggiata delle prime promesse ricevute per assicurare l'elezione di qualcuno: ebbene, questa sentenza, guarda caso, ha a che vedere con un certo comportamento di persone elette per amministrare un comune e che dimostrano nel tempo che delle parole date e delle promesse fatte, manco per l'anticamera del cervello! Ecco, la Cassazione ha deciso che se un sindaco viene fatto oggetto di insulti, parolacce e gestacci riferiti alla sua condotta amministrativa e quindi riguardante il governo della città per cui sia stato eletto, non costituisce reato; non è punibile colui che decida di insultare e se le promesse non mantenute sono realmente quelle a cui si faccia riferimento, ci stanno bene e ci azzeccano pure!!! Direi che chi abbia avuto pazienza (come me) in tutti questi anni, si vedere riconoscere un diritto sacrosanto e peculiare: "Mi hai dato la parola d'onore che avresti fatto la tua parte e ti sei impegnato pubblicamente a farlo. Ebbene caro sindaco di Benegodi, non hai fatto ciò che hai promesso e quindi mi sento autorizzato a manadarti "affan'cucolo!". Non cambierà niente sotto il profilo politico, ma vuoi mettere un sano, liberatorio e grasso mandarti "affan'cucolo", per togliermi un grosso peso dal piloro?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog