Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

 

 

La Virtual Global Taskforce (VGT POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI) è composta dalle forze di polizia di tutto il mondo che collaborano tra loro per sconfiggere l'abuso di minori online. Il pulsante "Segnala un abuso" è un meccanismo efficace. Cliccate sul tasto in basso se siete a conoscenza di pericolo per un minore.

Il comportamento predatore sessuale comprende: Chi  produce e scarica immagini di bambini vittime di abusi sessuali. Chi avvicina un bambino per sesso on-line (ad esempio attività sessuali tramite testo o webcam) grooming -

Il predatore crea situazioni allo scopo di  formare un rapporto di fiducia in linea con il bambino, con l'intento di facilitare in seguito il contatto sessuale. Questo può avvenire in chat, instant messaging, siti di social networking ed e-mail.

Non tutte le persone che conosci on line sono sincere.
Aiutaci e rendere internet più sicura...Aiutaci a fermare la pedofilia.

Per favore, copia e incolla questo post
ed inseriscilo in un tuo box. Grazie di cuore._A®

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2016 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

- MARCO PICCOLO
- Un po di me
- massimopiero
- OP - LA !!
- alba chiara
- OCCHI SUL MONDO
- ZIGGY STARDUST
- SONO QUI
- LOSPECCHIODELLANIMA
- IL PETTIROSSO
- donna.....io domani
- LARABA FENICE
- Essere Donna
- VITA E ...SENSI...
- Vita di un Bradipo
- Donne sullorlo di..
- Parole a caso..
- CINOFALLICAMENTE
- come la brezza......
- di sole e dazzurro
- Dico la mia
- Origami
- LOca Nera
- Del sottile pensiero
- Labyrinth
- nun&ugrave;
- io
- IN VIAGGIO....
- raggio di sole
- ~ Anima in volo ~
- ...fini la com&egrave;die
- Soldi e inganni
- c&egrave; tutto un mondo..
- di tutto un p&ograve;
- Pensierosamente Me
- Angolo Pensatoio
- CALICI DI STELLE
- I Miei Perche
- PENSIERI SPARSI
- Forse
- 21 grammi
- donnaetempo
- Lamore &egrave; vita
- casalinga disperata
- Narrativa e oltre...cantastorie61
- LeNote_DellaMiaVita STEFF
- Ultimi pensieri grazia pv
- Un giorno per caso
- vivi e lascia vivere fla
- Chiaror Di Luna carla
- Fuori dal cuore Kathia
- loro:il mio mondo francesca
- ANALFABETA FLO
- Cogito ergo sum
- a proposito di elliy
- Non c&egrave; 2 senza 3 tiffy
- MIRROR MARISA
- Riflessioni/fantomas
- delirio.....W
- SEMPLICI EMOZIONI LIDIA
- PARLIAMONE
- PICCOLO INFINITO
- ricomincio da qui laura
- My Personal Minds laura
- Baciata dagli Dei Mokina
- Fenice_A&reg;
- cera una volta
- My VIDEOMUSIC blog - Kimi
- Amici e parole
- Dolce_eternity
- PensieriInVolo Edelw...
- OLTREICONFINI Lucre
- @Creative Insomnia Alice
- pensieri cuspides O
- Simpatica...Anna
- Dark side of Mars...Giù.
- Bambola di stracci Renata
- Meneraccontiunaltra sparusola
- Io un blog? : annetta
- Rosso come lamore....Cinzia.
- Emozioni e anima
- Pensieri.... martina
- black marbles tanyact
- Fatti e Misfatti marinella
- DOLCI MOMENTI
- Indomani Sel
- libero di pensare oliver
- Sentimentalmente Giovanna
- semplici attenzioni
- Eat Pray Love mary
- Ame Ph&egrave;nix Marq
- Ambra di stelle Tittì.
- Oltreiconfini20 Lulu
- CITAZIONI PATNERS
- Circo della Vita Ser..
- zoe
- BENVENUTI ROSA
- Ok... La smetto...trottolinogiramondo
- THE LIBERO PUB
 
Citazioni nei Blog Amici: 162
 

Ultime visite al Blog

maracicciamariateresa.savinomonellaccio19ranocchia56fabiomalbogeishaxcasolicsi35pegabbiano642014la_moretta_2psicologiaforenselascrivanagigliodamorenina.monamourw.680sagredo58
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

C'ERA UNA VOLTA...

Post n°1837 pubblicato il 30 Agosto 2016 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per prodotti celebri degli anni 60

 

Spero che questa foto, almeno per una buona parte di voi, susciti un'ondata di ricordi, scorci della vita passata, momenti e angoli delle nostre case quando eravamo piccoli, ragazzi, giovanotti. In realtà, non mi preme tanto evocare cose, stili e oggetti degli anni sessanta o giù di lì, ma mi piace richiamare la vostra attenzione su prodotti che nei favolosi anni che seguirono il nefasto dopoguerra, furono nella loro semplicità e per il loro ricorrente consumo, significativi, memorabili e ben saldi nelle nostre memorie. Il "Gelato Mottarello", il primissimo "Cornetto Algida", i famosi brodini "Knorr e Liebig", i primi cioccolati della "Nestlè", la "Nutella", i biscotti "Mellin e Plasmon", "Ovomaltina", "Talmone" e i suoi pregiati biscotti da latte, il "Fruttino" della Zuegg e potrei continuare all'infinito per quanti fossero i prodotti che consumavamo in quegli anni. Ecco, un prodotto quando è buono e  ha un ottimo rapporto prezzo qualità, è sempre destinato a durare nel tempo, il mercato lo richiede e chi lo produce sa cosa deve offrire. Oggi molti dei prodotti citati e no, sono ancora in vendita e non credo che vendano perché bombardati dalla pubblicità esondante, ma perché buoni e preferiti. La Nutella per esempio, in tutti questi anni ha scalato vette indescrivibili in tutto il mondo ed è un prezioso fiore all'occhiello della nostra industria italiana. Tantissimi altri marchi famosi e duraturi nel tempo invece, sono presenti sul mercato ma purtroppo la proprietà non è più italiana, ma estera. Le forti crisi degli ultimi anni in particolare, hanno costretto molti produttori a vendere i loro marchi famosi per sopravvivere: questo è accaduto con marchi nel settore della pulizia, dei prodotti alimentari, dolciari e tanti altri segmenti: vuoi per partnerariato o per cessione completa, abbiamo depauperato fortune inestimabili. Per esempio, nel campo della alimentazione/dolciaria, la Nestlè, oggi un colosso mondiale che accumula marchi su marchi, ha soffiato tanti nostri "ricordi". La Perugina, sin dal 1988 è passata nelle mani del nemico Nestlè e dopo anni e anni, ci siamo visti borseggiati e scippati di un nome che tutti ricordiamo: "Rossana", la celeberrima caramella che con la sua cartina rossa non passava inosservata. Una caramella che ha sempre venduto bene da noi, un successo che negli anni, non è mai venuto meno. Eppure, ci sono rami del colosso Perugina che la Nestlè per ragioni commerciali e finanziarie, ha deciso di tagliare definitivamente. Beh, questo affronto è stato inaccettabile e la Fida una azienda italiana, visto il limitato interesse della multinazionale Nestlè, ha comprato a prezzo buona il marchio Rossana e la celebre caramella che tutti in un modo o nell'altro, abbiamo avuto il piacere di assaggiare nel lungo periodo, è tornata a vivere in Italia. Infine, permettetemi una citazione "interessata" non fosse altro che per il suo nome storico: la famosa "Coppa del Nonno" vecchia come il sottoscritto, gode ottima salute, non è italiana ormai da molto tempo, ma il mercato, come dico più su, non tradisce mai i buoni prodotti. Ora c'è solo da sperare che tanti marchi da  noi ricordati con piacere e che non ci hanno mai tradito perché occupano i nostri bei ricordi, tornino ad essere di nostra proprietà, rimanendo sempre in Italia e abbellendo come un bel fiore, gli occhielli degli industriali italiani e i nostri.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

PENSANDOCI SU...FORSE SIAMO TUTTI TROLL

Post n°1836 pubblicato il 29 Agosto 2016 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per troll

 

Il "TIME" ha recentemente dedicato una copertina ai "Troll" approfondendo con un articolo di Joel Stein, il fenomeno di costoro che appellati e disegnati con una immagine ormai nota su tutto il pianeta, hanno infangato la rete tanto da ridurre i social in particolare,  ad una cloaca putrida, melmosa e purulenta. Ho voluto approfondire il tema e mi sono soffermato in particolare sugli aspetti deleteri del problema, ovvero, un manipolo (più o meno numeroso) di utenti che nascondendosi dietro un perfido e proditorio anonimato, attaccano virtualmente altri colleghi internauti: non è tutto occasionale e fortuito, no, la mossa è ben studiata, la vittima è scelta a caso o per motivi personali del troll, ma la tattica e l'atteggiamento da perseguire, sono da manuale ricco di suggerimenti. Se uno di noi leggesse le caratteristiche di un troll in azione e le sue strategie preferite, non si riconoscerebbe mai lui, non avrebbe nei suoi quotidiani atteggiamenti, nessun dettaglio che potrebbe associarlo ad un rompiscatole. Siamo tutti rispettosi degli altri, condividiamo, discutiamo e chiacchieriamo come nessun troll farebbe mai. Pertanto, nell'asserire con fermezza che non è la rete sotto accusa, dobbiamo prendere atto che è il navigatore maledetto che sceglie in piena consapevolezza di comportarsi da vero troll e udite udite, più il meschino si cimenta, più insiste e più ci incazziamo aiutandolo nella sua professionale carriera di troll. Lo so, difficile accettare tutto ciò, ma rendiamoci conto che alla fine la scelta è tale che fare proseliti, avere seguito e produrre "prodotti fognari", non è poi così difficile. Il buon Tommaso Ederoclite che si è interessato all'argomento e che di social, rete e web è molto pratico, ha messo più attenzione di tutti in questo articolo del TIME e analizzando profondamente il caso dei troll, è giunto alla conclusione che forse sarà il caso di cambiare immagine e nome per identificare costoro che fanno scempio e vittime a caso o meno, nei social. Tommaso è uno che non lascia nulla al caso e se c'è da esporre una idea, una posizione personale, scrive senza fronzoli ciò che pensa e certamente, non incontra sempre chi sia d'accordo con lui, anzi, spesso scatta il confronto dialettico, la conversazione assume toni più accesi e duri, ma spesso scattano anche minacce, offese dirette e maligne. Ebbene, non è difficile che accada ma quando poi si passa al confronto con un troll allora le cose si complicano e diventa difficile fronteggiare il nemico. In un caso recente, il nostro amico ha dovuto abbandonare la piazza, per tirarsi fuori no dalla discussione, ma dall'attacco vile e carognesco di troll non identificati. Concludendo, non è la rete a generare queste creature immonde, ma siamo noi che spesso e in buona fede, non badiamo al nostro linguaggio, al rispetto di chi comunica con noi, alle idee che non coincidono e alle  posizioni estremiste che poco gradiamo. Lui Tommaso, si è assunto le sue responsabilità, evidentemente non sempre si è preoccupato di rispettare gli interlocutori: intendiamoci, non lo si fa a bella posta, siamo talmente presi che a volte la parola corre per un suo moto inerziale e non governiamo opportunamente il pensiero che faccia lega con la lingua! Chi si riconosce anche se non lo pensa e tenderà a migliore linguaggio e posizioni, contribuirà alla bontà della rete e dei social; il troll se tenuto fuori dal "dibattito", non avrà vita facile e cambierà strategia. Pertanto non rappresentiamo più i troll con l'immagine solita, ma mettiamoci la nostra faccia: se troll lo siamo tutti, che si sappia in giro! 

"La tecnologia non è né buona, né cattiva, ma nemmeno neutrale". (Kranzberg).

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

CARA TV QUANTO MI COSTI

Post n°1835 pubblicato il 28 Agosto 2016 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per television radio prensa

 

Una estate che sta finendo ancora una volta all'insegna del fritto, rifritto, acconciato alla bisogna e riproposto ai telespettatori paganti e no. Non si salva nessuno o quasi: dalla RAI a MEDIASET, dalla LA7 alle altre emittenti più modeste, le proposte sono le solite che conosciamo. Approntano per i tre mesi estivi palinsesti decrepiti all'insegna del già visto, riformattano vecchie serie per ripassarle tutte le calde sere d'estate e noi poveri utenti che volenti o nolenti siamo per scelte personali davanti allo schermo, dobbiamo sorbirci il riciclato o l'usato sicuro. E' vero, se passassero "Pretty Woman" a settimane alterne in tv, farebbero sempre ascolti nonostante i telespettatori chiamati alla visione, l'abbiano già visto mediamente dalle 10 alle 15 volte in tutto. Funziona così e non si spiega poi perché piangano per gli introiti e gli ascolti. I tre mesi che passano all'insegna del riciclato, sono a costo zero e la pubblicità, anche se giustamente ridimensionata per questi mesi, viaggia comunque. Tra "TRIVAGO" e "SEGUGIO.IT", tra "FIORENTINI gallette di riso" e "RIOMARE" ci hanno fatto due gorgioni così. Ma tant'è, così funziona e canone o non canone, hanno sempre ragione loro. In tre mesi estivi, se ho visto 3/5 film "nuovi" per me, sono pure troppi: tutti gli altri, decine e decine, erano visti e rivisti. A me piace gustarmi vecchi film ad una certa distanza l'uno dall'altro, li rivedo con molto piacere, ma se poi sono filmetti appena gradevoli e me li devo pure sorbire una sera sì e l'altra pure, lo sbadiglio gratis e a costo zero, è garantito! Meno male che i palinsesti della nuova stagione promettono sempre il peggio, almeno sapremo di cosa moriremo: di noia!!! Però, ecco la grande novità rivoluzionaria di quest'anno, è previsto un grosso boom che aspetto con ansia (no con mia moglie, lei non si chiama Ansia): sarà un nuovo canale molto attizzante, un canale nuovo ed esplosivo stando alle promesse. Spero che con questa accattivante proposta le cose vadano meglio e le serate autunno/inverno passino all'insegna della scoppiettante allegria.

Risultati immagini

 (foto tratta dal web)


Oh raga', se nemmeno questo riempirà le nostre serate invernali, allora non ci resterà che andare al cinema ...attentati permettendo.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

CUCCIA DOLCE CUCCIA...

Post n°1834 pubblicato il 27 Agosto 2016 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per casetas para perros caseras

 

Sempre meglio adottare soluzioni del genere che tenere all'aperto i cani tutta la notte. E' vero, sono animali abituati e pronti ad adattarsi con qualunque temperatura, ma pensare che dormano all'aperto, all'addiaccio senza un buco in cui stare, beh credetemi, soffro per loro. Questa cuccia non sarà elegante e alla moda, ma credo che possa garantire un buon ricovero per un cane che per necessità deve vivere all'aperto. Una sola particolare cura però: cercare di evitare ciò che il responsabile di questa bella soluzione ha involontariamente procurato alla sua bestia:

Risultati immagini per puli hund

 

Evitare di azionare la centrifuga della lavatrice.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

AL VOLANTE DIAMO TUTTI IL MEGLIO DI NOI

Post n°1833 pubblicato il 26 Agosto 2016 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per liti al volante

 

L'altra sera in tv rivedevo un vecchio film con Kevin Costner: un commedia un po' scricchiolante, centrata su una donna con quattro figlie adulte lasciata dal marito e il buon Kevin che da vicino intraprendente, tentava di inserirsi con classe e atteggiamento sornione, nella famiglia. Tra uno sbadiglio e l'altro, c'era una scena interessante: lei andava via in auto su una di quelle strade residenziali americane dove non v'è traffico e lui la inseguiva bloccandola ad un incrocio. I due scendevano dalle auto e cominciavano a chiacchierare fermi, vicino alle vetture. Dopo un paio di minuti arrivava una macchina che non poteva imboccare la strada perché i due erano ancora là a discutere. L'autista dell'auto attendeva pazientemente che i due si spostassero dopo averlo notato, ma poiché Kevin e la donna facevano cenni per tranquillizzarlo e assicurare che lo avrebbero fatto immediatamente, il tempo passava e di muovere le auto, manco per l'anticamera del cervello. Intanto dalla parte opposta arrivava un altro mezzo, i due erano sempre là a parlare fregandosene degli altri autisti e fatalmente i clacson delle auto bloccate cominciavano a suonare insistentemente. Mi rivolsi a mia moglie e le dissi: "Secondo te, la stessa scena, da noi a Bari come sarebbe andata?". Mi guardò sbadigliando come se l'avessi scossa dal torpore estivo conciliante il sonno e replicò: "Vuoi sapere come sarebbe andata se fossimo stati noi al loro posto oppure se fossero stati al volante due baresi in generale?". Già, ecco il tema del post: lo scorso anno, si sono riscontrate tra gli automobilisti italiani, 51 milioni di liti, ossia, circa 97 liti al minuto. Significative cifre per noi che passiamo per automobilisti collerici, intolleranti e poco disponibili: se c'è da suonare il clacson non ci facciamo pregare, se c'è una precedenza che non ci concedono passiamo alle bestemmie e ai gestacci, salvo poi a passare dall'altra parte e a reagire esattamente come gli altri. Insomma, incazzati e sempre pronti alla lite non ne facciamo passare una liscia, la mosca al naso salta anche per un occhiata ritenuta...offensiva! Abbiamo da calmarci sulla strada ma pare che i nervi saltino facilmente anche per le situazioni più sciocche e inutili. Al sud poi, vi sono le percentuali più alte di liti e il clacson che suona ad ogni occasione e per ogni motivo, è un classico. Un tempo da noi c'era un modo per spiegare la definizione dell'attimo. Se qualcuno chiedeva: "Cos'è l'attimo secondo te?". La risposta era comune a tanti automobilisti: "L'attimo è il tempo che passa tra il verde appena scattato e il suono del clacson della macchine dietro che sollecitano la partenza!". Infine una chiosa che mi ha sorpreso: purtroppo le donne disposte alla lite sono in aumento e sono pure tante. Strano, le donne che sono sempre più tolleranti, comprensive, sono quelle che ce l'hanno con i pedoni in genere: non accettano e non ammettono che il pedone si distragga quando si accinge ad attraversare. Come leggete, una variegata tipologia di automobilisti è sempre pronta alla lite, alla verbosità e alla ampia gestualità molto chiara e incontrovertibile: dal medio alzato (un classico) alle mani unite per rappresentare la circonferenza della grandezza del sedere così come intenderebbero farlo al malcapitato di turno. Credo che potremmo migliorare i nostri record: scendere sotto i 97 minuti dovrebbe essere facile, forza mettiamoci di impegno. Non si vince niente, anzi, in certi casi si rischia molto perché non si sa mai chi abbiamo difronte, ma se andiamo avanti così, la vedo brutta, anzi, da...morire dal ridere!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »