Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi
 

La Virtual Global Taskforce (VGT POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI) è composta dalle forze di polizia di tutto il mondo che collaborano tra loro per sconfiggere l'abuso di minori online. Il pulsante "Segnala un abuso" è un meccanismo efficace. Cliccate sul tasto in basso se siete a conoscenza di pericolo per un minore.

Il comportamento predatore sessuale comprende: Chi  produce e scarica immagini di bambini vittime di abusi sessuali. Chi avvicina un bambino per sesso on-line (ad esempio attività sessuali tramite testo o webcam) grooming -

Il predatore crea situazioni allo scopo di  formare un rapporto di fiducia in linea con il bambino, con l'intento di facilitare in seguito il contatto sessuale. Questo può avvenire in chat, instant messaging, siti di social networking ed e-mail.

Non tutte le persone che conosci on line sono sincere.
Aiutaci e rendere internet più sicura...Aiutaci a fermare la pedofilia.

Per favore, copia e incolla questo post
ed inseriscilo in un tuo box. Grazie di cuore._A®

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 168
 

Ultime visite al Blog

monellaccio19giacomo264nina.monamourlucius555alessandroalifanoclaudio.moretti1966dinobiaycedumingio80giogal1943dabrocchiarw3n63divinacreatura59simona_77rmlascrivana
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 12/09/2017

PROSCIUTTO E...MELONI

Post n°2482 pubblicato il 12 Settembre 2017 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per GIORGIA MELONI E LE RICETTE

 

Nell'ambito della culinaria, della cucina casereccia di ottimo livello, v'era una sola, assoluta "sora" a Roma. Era la Sora Lella, sorella del celebre attore Aldo Fabrizi. Il suo ristorante a Roma sull'isola Tiberina, era ed è tutt'ora, un ritrovo per vecchi amici che vogliono mangiare alla romana. Oggi che la sora Lella non c'è più, il locale ha perso forse un po' di smalto del tempo che fu, tuttavia le sue stellette sono là a deporre per un ristorante dove si mangia bene e genuino. Purtroppo, dobbiamo riscontrare che una nuova "sora" sta per spodestare l'unica, vera titolare dell'etichetta "sora" nell'ambito gastronomico: Giorgia Meloni. E già, i tempi cambiano, una volta si annunciavano le elezioni e nel momento stabilito, si partiva con i comizi nelle piazze, e in televisione, nel pieno rispetto della "par condicio", era possibile partecipare alle storiche trasmissioni di: "Tribuna Elettorale". Moderatori severi e imparziali e stesso tempo per tutti, senza privilegi. Ora invece 365 giorni all'anno a fare campagna elettorale anche se non ci sono elezioni. Serve a mantenere alto il ritmo, tutti fervono, e tutti sono sempre aggiornati circa le novità e le proposte dei vari leader e affini. Solo che per fare tutto ciò, se non si ha un pretesto, una scusa per essere presenzialisti e pronti a sfruttare tutti gli angoli che la comunicazione riserva a tutti in ogni momento,  devi munirti di una passione, di un hobby. Bisogna manifestare interessi che esulino dalla politica per poi, con estrema indifferenza, scivolare sulla politica mentre si parla d'altro. Giorgia Meloni ha trovato la strada giusta per coniugare la passione culinaria e la politica. Ricette su Facebook e si attirano tanti potenziali elettori. Il bello è che la Meloni non è sembrata molto a suo agio e nel proporre le sue ricettine non è sembrata originale. Comunque la sua migliore proposta, non originale ma personalizzata, è la caprese: mozzarella, pomodori, un filo d'olio, sale e origano. Insomma, quella che sappiamo fare tutti, né più e né meno! Il cavallo di battaglia è invece citato nel titolo del post: Prosciutto e...Meloni! Non poteva essere diversamente. Chissà se Ignazio La Russa con suo figlio Geronimo  si inventerà anche lui qualcosa.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

BRIATORE: IPSE DIXIT!

Post n°2481 pubblicato il 12 Settembre 2017 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per briatore al convegno sulle donne al Corsera

 

Di questi signori che hanno la bocca solo per dividere le orecchie, siamo stufi. Eppure sono sempre in pole, pronti a pontificare, ad insegnare la vita, come la si conduce e come la si conquista con il lavoro. Dicessero verità assolute, io non avrei nulla in contrario ad ascoltarli e ad imparare; ho sempre rubato agli altri, da ragazzo riconoscevo con il mio istinto chi poteva essermi maestro e gli stavo dietro: ogni sua parola, gesto o impresa, io guardavo e rubavo. Ma da lui, da Briatore, cosa potrei mai imparare? Come si fanno i soldi? Ecco forse è l'unica sua esperienza che potrei tentare di "fare mia" ma non mi interessa farli. Intervenendo ad un convegno "Il Tempo delle Donne" ha parlato sulle donne e sulla loro posizione sociale. Argomento sempre interessante, suggestivo e bisognoso di tante buone idee e iniziative perché le donne, finalmente, possano raggiungere il tanto ambito traguardo della parità assoluta occupando nella società moderna il giusto posto che compete loro. Flavio, tra l'altro, ha detto: "E' giusto che la donna lavori anche perché altrimenti avrebbe solo motivo di romperti i maroni dal mattino alla sera,  invece una che lavora e ha i figli,  diventa più sicura e matura…”. Detto così, con la certezza di essere depositario di una verità assoluta, dobbiamo renderci conto che abbiamo sbagliato  tutto e le donne specialmente, hanno fatto per tanti anni battaglie inutili! Pertanto  donne: o il lavoro o altro impegno, l'importante è che non rompiate i gorgioni. Il senso mi sembra questo e detto da lui ancor di più capisco come quest’uomo abbia capito poco della vita e molto solo dei…soldi! Ha avuto, nel contesto della manifestazione, solo parole di elogio per il figlio di sette anni Nathan Falco: con lui parla come con un adulto, il bambino è molto perspicace e realizza subito quando i discorsi sono molto seri: "Io gli parlo come a una persona adulta, non come a un bambino. E lui mi dà consigli. L'altro giorno eravamo a Montecarlo in un locale che abbiamo appena lanciato e mi ha detto: 'Papà ma è pieno di gente, perché non teniamo aperto più a lungo?'" Capito il Falco, anzi l’aquila: ha visto oltre il suo naso, ha capito come si fanno i soldi! 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso