The Chills

Post n°1120 pubblicato il 19 Ottobre 2014 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Indie Pop


The Chills - The BBC Sessions (Cd - Fire Records - Data Di Pubblicazione: 3 Novembre 2014)

The Chills sono una storica pop band (nata negli anni ottanta) proveniente dalla Nuova Zelanda. Debbo ammettere che, purtroppo, non ho mai considerato troppo questo gruppo. Per fare ammenda è da giorni che ascolto, a tutto volume, questo splendido compendio di mirabili canzoni. Album in un certo senso retrospettivo che ingloba al suo interno le BBC sessions dei The Chills durante gli anni ottanta. Il motore trainante di questa formazione, l'anima pensante, risulta essere Martin Phillipps. Cantante e chitarrista, creatore di un sound onirico e soffuso. Sorprende come queste canzoni, "Rolling Moon" su tutte (a mio modesto parere), risultino essere ancora tremendamente attuali. A dispetto del tempo passato questi suoni reggono ancora, degnamente, il confronto con l'attualità. La chitarra è lo strumento cardine che tiene legato ogni singolo pezzo di questo interessante cd. Note brillanti che non ti stancheresti mai di ascoltare. Tutto molto bello ed appagante. 

Sito Web: www.firerecords.com

Claudio Baroni

     

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Vladislav Delay

Post n°1119 pubblicato il 18 Ottobre 2014 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Altrisuoni


Vladislav Delay - Visa (Cd - Ripatti Label - Data Di Pubblicazione: 10 Novembre 2014)

Sasu Ripatti (o per meglio scrivere Vladislav Delay) ci racconta di un album sofferto e straziante. "Visa" rappresenta uno spaccato della vera quotidianità. Gioie e dolori dell'essere umano. Delay destruttura e amplifica ai massimi termini il concetto di electronica sperimentale. Il suo pentagramma vuole raggiungere la perfezione assoluta. Non c'è una nota fuori posto all'interno di questo mirabile lavoro. E' scritto e suonato con il cuore e la mente. Una mente esagerata che coniuga sangue e passione. Arte che medita su se stessa, e si arrovella nella ricerca di un fatto reale. C'è molta fantasia nelle creazioni di Vladislav, una fantasia contorta ed esageratamente cerebrale. Non è assolutamente semplice avvicinarsi a questa debordante creatività. Si respira a lungo, si respira forte e poi ci si getta a capofitto in questo sound vibrante ed elaborato. Una perfezione quasi innaturale, con loop concentrici che avvampano la psiche. "Visa" è entrato in circolo e difficilmente uscirà molto presto.

Sito Web: www.vladislavdelay.com

                www.ripattilabel.com

Claudio Baroni

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Distal

Post n°1118 pubblicato il 17 Ottobre 2014 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Microsuoni


Distal - Retrograde Space Opera (Cd - Anarchostar - 2014)

Distal elabora, con abile maestria, electronica fine di consumo...Fruitore di importanti mezzi digitali l'artista in questione costruisce un lavoro ("Retrograde Space Opera") importante ed appagante. Rimango letteralmente affascinato dalla centrifuga tecnica, in cui si rimane coinvolti durante l'ascolto di questi pezzi. Note su note, mai scontate ed intrise di una solerte originalità...Ecco se esiste un proverbiale pregio di questo cd è proprio una sontuosa originalità. Mi distendo sul mio divano preferito e faccio fluire i pensieri e le idee. C'è la musica di Distal che mi orienta nei miei sogni diurni. Scappano fantasie verticali e le nubi scompaiono dalla mia vista. Il loop concentrico di questo album è vitale ed ossessivo. Il pentagramma è una festa colorata che non vuole finire. Voci, parole, usi e rituali fanno di "Retrograde Space Opera" un compendio stratificato di suoni onirici indefiniti...Pace e bene.

Sito Web: www.anarchostar.com

               www.kudosrecords.co.uk

Claudio Baroni

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Second Storey

Post n°1117 pubblicato il 15 Ottobre 2014 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Electronica


Second Storey - Double Divide (Cd - Houndstooth - 2014)

Cercando di non badare troppo alle convenzioni stappiamo "Double Divide", e godiamocelo senza troppi pensieri. Alec Storey (in arte Second Storey) costruisce electronica cupa ed ossessionata. Ossessioni notturne e cupe, tanto cupe. Oscuri presagi si intravedono ascoltando questo disco. E' esageratamente affascinante avvicinarsi a "Double Divide". I colpi inferti al pentagramma sono secchi e precisi. Ogni nota pesa il giusto, e non deforma il sound. Sound, oserei scrivere, immane e compatto. Di una forza dura ed incontrollata. In questo lavoro ci sono brani veramente molto interessanti, come (ad esempio) "Combustion Hallmark", altamente corrosivo. Tutta la beltà di questo pezzo risiede nella sua cruda irruenza emotiva. Emozioni che tracciano solchi bene delineati, e compongono un puzzle frastagliato. Non ci sono molte indicazioni da dare, se non quella di accostarsi a "Double Divide" con la giusta predisposizione mentale...

Sito Web: www.houndstoothlabel.com

Claudio Baroni  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

The Garbage & The Flowers

Post n°1116 pubblicato il 12 Ottobre 2014 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Noise Pop


The Garbage & The Flowers - Eyes Rind As If Beggars (2 Cd - 1997/2013 - Fire Records/Bo' Weavil Recordings)

"Eyes Rind As If Beggars" è la ristampa di un album così detto "minore" (tra virgolette), ma decisamente delizioso. The Garbage & The Flowers (provenienti dalla Nuova Zelanda) ci propongono un pop elettrico ed eclettico, intriso di tante sfumature. Sì decisamente questo è un lavoro eclettico (lo ripeto), in quanto al suo interno si possono incontrare diverse soluzioni sonore. C'è il pop con la chitarra a fare da regina, ed il pop soffuso e sognante. Mi piacciono questi diversi toni, che rendono questo doppio cd altamente originale. Non ci si stanca ad ascoltare queste egregie composizioni, dotate di una solerte versatilità. La bravura di questa band risiede proprio nella sua capacità di cambiare. Non sai mai cosa aspettarti dal prossimo brano, una sana incognita che rende godibile questo prodotto. Il mio personale consiglio è quello di farsi avvolgere e sprofondare in questo sound. Ed il volume deve essere, necessariamente, al massimo...Vicini permettendo...

Sito Web: www.firerecords.com

                www.boweavilrecordings.com

Claudio Baroni

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Las Kellies

Post n°1115 pubblicato il 11 Ottobre 2014 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Post Punk


Las Kellies - Total Exposure (Cd - Fire Records - 2013)

"Total Exposure" è un album breve, concentrato (circa trenta minuti), ma profondamente intenso. Il rock delle argentine Las Kellies è lineare e provocante. Le canzoni di questo cd sono espansive e bene delineate. Note che brillano di luce propria. C'è un qualcosa in questo sound che mi ricorda il passato, ritrovo in queste canzoni tutta la versatile creatività delle The Slits. In questo impasto sonoro si segnalano tracce di pop e reggae, un concentrato di sana originalità che fa di questo cd un prodotto altamente raccomandabile. Musicalità limpide che potranno fare la gioia di molti ascoltatori amanti dei suoni appartenenti a qualche decennio fa. Il suono delle Las Kellies lo paragonerei ad un prezioso acquerello, dai colori vivaci ed unici. Colori che rendono questa prova interessante ed incisiva. E per ora è veramente tutto.

Sito Web: www.firerecords.com

Claudio Baroni  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Orchestra Of Spheres

Post n°1114 pubblicato il 10 Ottobre 2014 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Krautrock


Orchestra Of Spheres - Vibration Animal Sex Brain Music (Cd - Fire Records - 2013)

La provocante passione gioca a favore dell'Orchestra Of Spheres. Questa band propone un rock controverso e pieno di insidie. Si riscontra tanta, ma proprio tanta, originalità in "Vibration Animal Sex Brain Music". E' presente in questo lavoro un ardore primordiale. Il pentagramma di questi musicisti è in continua evoluzione. Costoro non si fermano davanti a nulla, battono il loro percorso sperimentale senza badare alle inutili critiche. Oserei scrivere che questo album o lo si ama o lo si odia, non ci sono compromessi di sorta. Rutilanti note si muovono su territori impervi. Si assapora un clima anarchico e dissacrante nelle composizioni di questo gruppo, proveniente dalla Nuova Zelanda. Un microcosmo di suoni che ruotano e ballano una danza tribale. Per essere sinceri non tutto appare messo bene a fuoco, alcune situazioni appaiono non del tutto brillanti. Ma in definitiva questo cd è promosso a pieni voti.

Sito Web: www.firerecords.com

               www.orchestraofspheres.com

Claudio Baroni

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Steve Arrington

Post n°1113 pubblicato il 08 Ottobre 2014 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Soul/Funk


Steve Arrington - Way Out 80-84 (2 Cd - Tummy Touch Records - 2014)

"Way Out 80-84" è un compendio basilare -e molto importante- per capire l'arte soul e funk dell'icona black Steve Arrington. Due cd, tanta musica, tanta roba buona che si gusta in un s(oul) boccone. Steve è un artista creativo ed assolutamente originale, che ha saputo -durante la sua carriera- reinventare e ripulire il concetto di funk music. In questo lavoro si trovano ritmi coinvolgenti, che non possono non fare godere l'ascoltatore. Sì lo ammetto questo non è il mio genere musicale preferito, però non posso assolutamente fare a meno di muovere tutto il corpo su queste mirabili note. Canzoni suadenti che hanno fatto ballare, durante gli anni ottanta, centinaia e centinaia di ballerini nelle discoteche di tutto il mondo. Rimango stupito dalla completa attualità di queste sonorità. Sembra proprio che il tempo non sia passato, la polvere non ha scalfito tutta la magia intrinseca di queste composizioni. La voce di Arrington è calda e bene impostata, ruota circospetta e costruisce note interessanti e mai banali. Opera assolutamente consigliata a chi voglia approfondire un concetto sonico ancora tremendamente di moda ed attuale. Bene così.

Sito Web: www.tummytouchmusicgroup.com

               www.stevearringtonmusic.com

Claudio Baroni

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Reet

Post n°1112 pubblicato il 04 Ottobre 2014 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Folk


Reet - Eesti Rahvalaule (Cd - Panai - 2014)

"Eesti Rahvalaule", a firma della cantante Reet, era uscito nel lontano 1969. Ora viene ripubblicato per deliziarci delle sue sonorità. Folk music made in Estonia e niente di più. Tanta roba e roba grossa. Una chitarra solitaria ed una voce, quella di Reet Hendrikson, che gratta il ghiaccio. Queste note, teneramente, scompongono il cuore e l'anima. Mezz'ora solamente di musica, ma di una qualità eccelsa. Canzoni scritte di getto ed elaborate con una solerte raffinatezza. Il clima autunnale è il momento giusto per godere appieno di queste sofferte sonorità. Oscurità, niente sole, nubi minacciose fanno da corollario a questa importante opera. Reet è artista vera ed unica, non si scompone nei gesti ma ci regala attimi intensi di vera passione. Una passione lacerante che trasuda dalla sua vena creativa. Consigliatissimo! 

Sito Web: www.naturebliss.jp

Claudio Baroni

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Little Phrase

Post n°1111 pubblicato il 03 Ottobre 2014 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Post Rock


Little Phrase - Find Your Sense (Cd - Nature Bliss - 2014)

Lievitando per il cièlo terso si incontra, quasi per caso, il post rock edulcorato dei Little Phrase. Tutto appare molto lento, e modificato cerebralmente, nel sound lineare di "Find Your Sense". Canzoni che celebrano la sostanza, e la solenne costanza di una lentezza che sfinisce l'ascoltatore. Le note sono docili prede notturne, appena sfiorate dall'attimo (s)fuggente. Si presenta tutto molto delicato in questo album. Gli strumenti sono appena accennati, e suonano "piano" per non disturbare la psiche. Mi piace la profonda sincerità che emana "Find Your Sense". Una sincerità credibile che si trasforma nel tempo. Battiti sinuosi che appagano la voglia di curiosità di menti aperte.Trasporto edulcorato e mellifluo, per un disco creativo e bello. Perchè la bellezza non la si trova tutti i giorni.

Sito Web: www.naturebliss.jp

               www.littlephrase.com

Claudio Baroni 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
« Precedenti
Successivi »
 
 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 19
 

Ultime visite al Blog

KrielleDJ_Ponhzipress10Passion.RedcarezzadellanimastallalpinaCamilla.si.perdeMarquisDeLaPhoenixvalley1amorino11inevasaIo.nonho.paura_0lauraberbennilacky.procinoNepenthe
 

Ultimi commenti

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom