Heathered Pearls

Post n°1202 pubblicato il 01 Luglio 2015 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Electronica


Heathered Pearls - Body Complex (Cd - Ghostly International - Data Di Pubblicazione: 7 Agosto 2015)

Quando tutto sembra inesorabilmente perso, allora, arriva in soccorso l'electronica compulsiva di Jakub Alexander in arte Heathered Pearls. Non è un caso che le menti più innovative ed intelligenti (in campo musicale) in questi anni stiano arrivando dalle sonorità electroniche. Dove il rock sta paurosamente stentando (e perdendo colpi), ebbene arriva questo genere musicale a coprire la lacuna artistica. "Body Complex" è paragonabile ad un bella donna, assolutamente sfuggente e che dice sempre di no. I battiti di questo disco sono esemplari, un modo di concepire l'electronica netto e conciso. Non ci sono sbandamenti in questo solerte percorso. Tutto è bene avviato, la strada si dipana in maniera lieve e le note si espandono nell'aria. Fa caldo e questo album, forse, non aiuta a sentire più fresco. La temperatura sale pericolosamente, è importante non uscire nelle prime ore del pomeriggio. Chiudetevi in casa ed assaporate, fino alla fine, l'arte intelligente di questo musicista.

Sito Web: www.ghostly.com

Claudio Baroni

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Peacers

Post n°1201 pubblicato il 01 Luglio 2015 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Indie Rock


Peacers - Peacers (Cd - Drag City - Data Di Pubblicazione: 17 Luglio 2015)

Mike Donovan (Sic Alps) e Ty Segall scombinano le carte in tavola con un album ("Peacers") decisamente minore, e decisamente tanto indie rock. Poco tempo e tanto sudore per fare capire all'ascoltatore il loro intendere di "costruire" ed "assaporare" musica di nicchia. "Peacers" puzza inesorabilmente di vecchie cantine, di muffa, di rancori e tele di ragno. Una voce stentorea ed una chitarra ruvida che raccontano storie di ordinaria quotidianità. Piccole/grandi follie in chiave lo fi che mi ricordano tanto (ma proprio tanto) Pavement e Swell Maps. Quel rock suonato in bassa frequenza, quel rock sgangherato e fuori dai confini. Sì decisamente mi piace questo cd, così con tanti spigoli e senza schemi bene definiti. Consiglio di suonarlo ad alto volume, così che i vicini possano comprendere molto bene la lezione. Imparate con devozione mi raccomando.

Sito Web: www.dragcity.com

Claudio Baroni

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Buzzcocks

Post n°1200 pubblicato il 25 Giugno 2015 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Punk Rock


Buzzcocks - Access All Areas (Cd/Dvd - Edsel Records - 2015)

Insomma se amate alla follia il punk rock made in Uk non potete assolutamente non apprezzare il sound catartico degli eccellenti Buzzcocks. Questa band è stata la forma e la sostanza (fatale) del punk inglese del 1977. Giusto ed importante, dunque, inserire nella collana Access All Areas (sempre cd+dvd) un loro show del 1990. Sì sono passati diversi anni, però la verve artistica di questi musicisti è rimasta inalterata nel tempo. Questo concerto saprà coinvolgere i vecchi fans così come i nuovi ascoltatori. Si possono ascoltare vecchi classici (intramontabili cavalli di battagli) come "Nothing Left" e "Fast Cars". Per certi aspetti sembra proprio che il tempo si sia fermato e tutto sia rimasto fermo. In realtà di acqua sotto i ponti ne è passata molta. Però c'è da constatare come Shelley e Diggle siano rimasti quei ragazzacci punk di una volta. E tutto questo è un importante sospiro di sollievo per il nostro cuore malinconico, ancora legato a vecchi ricordi che la polvere non cancellerà.  

Sito Web: www.demonmusicgroup.co.uk

                www.buzzcocks.com

Claudio Baroni
 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Jah Wobble

Post n°1199 pubblicato il 25 Giugno 2015 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Altrisuoni


Jah Wobble - Access All Areas (Cd/Dvd - Edsel Records - 2015)

Affermare che Jah Wobble sia un genio è cosa buona e giusta. Non ci sono altre parole per descrivere la forma artistica di questo immenso personaggio musicale. La mirabile Edsel Records (nella sua eccellente collana Access All Areas) ci propone un live (in versione cd+dvd) di Wobble del 1992. Concerto corposo ed appassionato, con un Jah in perfetta forma. L'ex bassista dei Public Image Limited risulta essere sicuramente un innovatore per quanto concerne un certo suono d'avanguardia. Il musicista in questione è una mente poliedrica e fantasiosa. Nel suo repertorio si possono trovare svariati generi musicali. Si passa indistintamente dal rock al pop alla world music. La proposta sonica è un variegato caleidoscopio di colori. Un brano più di altri ha catturato la mia attenzione, si tratta di "Visions Of You". Pezzo eccellente in cui Jah Wobble sperimenta una fatale orchestrazione di note. Note mirabolanti che rendono questo brano assolutamente unico e di una rara poesia esistenziale. C'è infine da godere, fino all'ultimo, le immagini del dvd. Belle e corroboranti, perchè anche l'occhio vuole la sua ragionevole considerazione. 

Sito Web: www.demonmusicgroup.co.uk

Claudio Baroni 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Elintseeker

Post n°1198 pubblicato il 18 Giugno 2015 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Microsuoni


Elintseeker - Geography Of The Heart (Cd - PLOP/Nature Bliss Inc. - 2015)

Come una boccata d'aria pura, così Fuzz Lee (in arte Elintseeker) ci racconta, con somma grazia, i suoi pensieri più reconditi. "Geography Of The Heart" è un disco bello, è un disco suonato, veramente suonato, concepito con strumenti veri. Faccio veramente fatica a staccarmi (a lasciare) questi suoni, questo sound lisergico e magico. Ci sono i gorgogli della mente, ci sono le emozioni più cerebrali, c'è una chitarra leggiadra che ricama teneri acquerelli. Ascoltare per credere il pop soffuso del brano che da il titolo al cd. Rimango letteralmente affascinato da tanta minuzia, da una precisa presa di posizione. Note intriganti che ti si arrovellano nella mente. Si chiude gli occhi e si sprofonda in un mondo parallelo, senza bisogno di alcool e di alcuna droga...E' solo la musica che ti fa "viaggiare" tra le stelle...Le stelle di un promontorio appagante e radioso...Non ci sono altre parole...

Sito Web: www.naturebliss.jp

Claudio Baroni  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Majutsu No Niwa

Post n°1197 pubblicato il 18 Giugno 2015 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Indie Rock


Majutsu No Niwa - The Night Before (Cd/Dvd - Pataphysique Records/Captain Trip Records - 2015)

"The Night Before" dei Majutsu No Niwa è un disco difficile e molto claustrofobico. Il rock acido di questa formazione è imponente e si fa, veramente, fatica ad arrivare alla fine del disco in questione. Attenzione non voglio denigrare questo lavoro, ci mancherebbe altro, però questo caos di chitarre distorte alla fine dei conti mi annoia. Fa caldo nella mia città, il sole è anche un po' malato, tipico di queste latitudini e le note distorte di questo lp mi rendono il sangue amaro. Minuti che si susseguono lunghi ed estenuanti, per un sound che si attorciglia su se stesso. La musica paga il suo debito al rock degli anni settanta, e vuole omaggiare quel magico decennio. Cd che consiglio ad un pubblico affezionato (ed anche ancorato) a quel periodo acido ed amaro, dove le distorsioni rock la facevano da padrone. Tutto chiaro? 

Sito Web: www.majutsunoniwa.com

         www.pataphysiquerecords.tumblr.com

Claudio Baroni

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Giorgieness

Post n°1196 pubblicato il 17 Giugno 2015 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Indie Rock


Giorgieness - K2 (Singolo - Sangue Disken - 2015)

Debbo ammettere -candidamente- che l'attuale scena musicale italiana indie rock non mi affascina in modo particolare. C'è un gruppo però che ha colpito i miei pochi neuroni, si tratta dei Giorgieness. Questa band è la creatura di Giorgie D'Eraclea, che con i suoi compagni d'avventura a dato vita ad un singolo decisamente interessante. "K2" è il suo titolo, un brano cantato in italiano con un piglio decisamente accattivante e molto rock. Il sound dei Giorgieness mi rappresenta (parere, ovviamente, assolutamente personale ed opinabile) il perfetto connubio tra le note dei Prozac + e quelle degli imprescindibili Afterhours...Ooops mi stavo dimenticando di citare il lato b del singolo in questione, ovvero "Love Comes In Waves" una perfetta cover del maestro Malcolm Middleton, pezzo suadente e decisamente claustrofobico. Buon ascolto.

Claudio Baroni

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Mucky Sailor

Post n°1195 pubblicato il 04 Giugno 2015 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Indie Rock


Mucky Sailor - Albatross Silly Albatross (Limited 10" Ep Vinyl - Care In The Community Recordings - Data Di Pubblicazione: 22 Giugno 2015)

Solo due pezzi per un singolo al fulmicotone. Basta poco per i Mucky Sailor (da Leeds) per fare capire di che pasta è fatto il loro sound. Rock allo stato puro, idiosincrasie che sbocciano all'improvviso. Genio sregolato che manda in estasi il pubblico affamato di musica. C'è molto Frank Zappa (a mio modesto parere) in queste note, note su note che sudano e fanno sudare. Non c'è un attimo di pausa in queste mirabili composizioni. Mi piace cullarmi e dondolarmi in questo sound esacerbato e virulento. Ammetto che non conoscevo i Mucky Sailor, e la loro scoperta è stata veramente molto piacevole. Benvenuti, dunque, alla mia tavola. 

Claudio Baroni

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Hugo Race & The True Spirit

Post n°1194 pubblicato il 31 Maggio 2015 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Rock


Hugo Race & The True Spirit - The Spirit (Cd - Glitterhouse Records - 2015)

Hugo Race rappresenta una grande istituzione nel campo della musica rock indipendente, ed ogni suo nuovo album deve essere (necessariamente) accolto con ferma felicità. Definire "The Spirit" un capolavoro, per certi versi, potrebbe risultare limitativo...Cioè (mi spiego meglio) definire un "qualcosa" è come volere circoscrivere un'opera d'arte. L'arte è arte e va vissuta, va compresa, capita ed amata incondizionatamente. Ebbene la nuova prova discografica di Hugo Race va assaporata ed amata senza limiti e costrizioni..."The Spirit" ci racconta di un rock ammalato e disastrato, ci racconta di come si vive dalla parte sbagliata del mondo, di come si cammina dalla parte storta del marciapiede...La voce di Hugo Race è uno strumento nello strumento, è voce nella voce, è dura, è gentile, è soffice e drasticamente drammatica. Debbo ammettere che mi trovo in difficoltà nel  ragionare su questo lp. C'è la depressione più profonda in queste note, la malattia che arriva e la decisa redenzione, la cura e la sofferenza che non ti vuole lasciare. Non è facile, non è assolutamente semplice arrivare alla fine di questo cd. Ti assale un'ansia pericolosa e malandrina. Il rock destabilizzante di questo musicista è profondo e mai banale. E' proprio l'assenza di banalità che rende unico "The Spirit", sconcerta (infatti) la netta semplicità di queste composizioni. Dunque non tutto è perduto per la rinascita salvifica. 

Sito Web:  www.glitterhouse.com

Claudio Baroni

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Keston Cobblers Club

Post n°1193 pubblicato il 31 Maggio 2015 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Pop


Keston Cobblers Club - Wildfire (Cd - Glitterhouse Records - Data Di Pubblicazione: 15 Giugno 2015)

Ed intanto ci si avvicina in punta di piedi al sound bagnato dei britannici Keston Cobblers Club. Alcune volte le parole potrebbero essere alquanto superficiali. Insomma bisogna fermamente ammettere che "Wildfire" è un grande disco di solerte musica pop. Il classico album che si vorrebbe sempre ascoltare al risveglio alla mattina. Ultima domenica di maggio, di una domenica sonnolenta e poco assolata...Le note mirabolanti dei Keston Cobblers Club mi aprono nuovi spiragli, nuovi orizzonti, e nuove prospettive..."Wildfire" è un cd da ascoltare voracemente, da divorare e da godere. In questo lp sono concentrate delle preziose canzoni, veramente pop, di un pop malinconico e grazioso. Un pezzo più di tutti mi ha colpito, si tratta di "Contrails", vero gioiellino, canzone di una semplicità disarmante e molto interessante. Ma in definitiva è tutto l'album che risplende di una luce accecante. Composizioni consigliate e da apprezzare vivamente. 

Sito Web: www.glitterhouse.com

                www.kestoncobblersclub.com

Claudio Baroni  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
« Precedenti
Successivi »
 
 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2015 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 19
 

Ultime visite al Blog

press10christie_malryantropoeticolubopoMarquisDeLaPhoenixlorenzoemanuecassetta2elecapi1962oscardellestellevalley1elektraforliving1963pantouffle2011Sky_EagleJennyLiberaLaReginaDellEstasi
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom