Un acquerello

Post n°1169 pubblicato il 27 Marzo 2015 da press10
 
Foto di press10


...un acquerello dai contorni spinosi, un acquerello dai contorni sporchi, un acquerello che dipinge malinconia, un acquerello di passioni ed emozioni...insomma solamente un acquerello...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Dropout Patrol

Post n°1168 pubblicato il 22 Marzo 2015 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Indie Rock


Dropout Patrol - Sunny Hill (Cd - Altin Village & Mine Records/k&f records - Data Di Pubblicazione: 10 Aprile 2015)

E' domenica, una domenica di marzo, la prima domenica di primavera...Sorseggio distrattamente un the, fuori il tempo/il clima è esageratamente uggioso...Voglia di stare sotto le coperte...Apro il pacchetto, ed inserisco il cd dei Dropout Patrol. "Sunny Hill" non è un disco adatto per la primavera, profuma di nebbia grigia, umore depresso... E' un lavoro piccolo/piccolo ma nello stesso tempo tanto grande. I Dropout Patrol costruiscono un rock semplice, che fa della melodia il collante che unisce tutti i brani di questo lavoro. Amo ascoltare con attenzione la voce femminile che elabora composizioni eleganti ed affascinanti. Sì debbo ammettere che "Sunny Hill" è un disco affascinante, la sua fruizione gratifica il cuore. Le canzoni sono bene costruite con un picco elevato che si chiama "Love, Aren't We Angry?", rock altamente melodioso. Ora mi sprofondo nel letto, faccio ripartire ancora una volta il cd e mi anniento "annusando" queste sapienti composizioni. Facendo finta che la primavera non esiste. 

Sito Web: www.altinvillage.de

               www.kfrecords.de

               www.dropoutpatrol.com

Claudio Baroni  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

O.D.Davey

Post n°1167 pubblicato il 22 Marzo 2015 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Pop


O.D.Davey - Catgut Tape (Cd - Tomlab - Data Di Pubblicazione: 14 Aprile 2015)

Intanto passa il tempo, si ascolta e si pensa...si pensa e si ascolta...La voce di O.D.Davey gratta con il giusto rigore la pelle...gratta il viso dell'ignaro ascoltatore..."Catgut Tape" è una mirabile raccolta di canzoni teneramente malinconiche. E' bene, è opportuno evidenziare che  il buon O.D.Davey non ha inventato nulla. Questo autore ha solamente (e non è cosa da poco) saputo scrivere della grande musica. Sì perchè a mio modesto parere "Catgut Tape" è veramente un grande album. O.D.Davey celebra, a più non posso, il miracolo di un pop sperimentale. Pochi strumenti, appena accennati, la voce (che rappresenta uno strumento) ed i giochi sono fatti. Ovviamente non voglio sminuire il lavoro di Davey, in quanto ci vuole una grande qualità e creatività per realizzare delle composizioni come (ad esempio) "Jessica's Song". Ma in definitiva ogni pezzo rappresenta una storia a se, un mondo che si apre e si scopre poco alla volta. "Catgut Tape" è un cd dai confini magistralmente autunnali, da assaporare quando le foglie cadono, la natura stropiccia gli occhi e desidera andare in letargo. Sì mi piace ed anche tanto questo lp.

Sito Web: www.tomlab.com

                  www.oddavey.com

Claudio Baroni   

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

HVOB

Post n°1166 pubblicato il 21 Marzo 2015 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Altrisuoni


HVOB - Trialog (Cd - Stil Vor Talent - Data Di Pubblicazione: 17 Aprile 2015)

Anna Muller e Paul Wallner (HVOB) sperimentano una forma particolare di electronica minimale. "Trialog" è un lavoro vario e differente, dalle nascoste sfaccettature...Durante l'ora di musica di questo disco si possono "ascoltare" e percepire battiti lenti e veloci. Non esiste, diciamo così, un minimo comune denominatore che contraddistingue questo cd. Ogni singolo pezzo vive di luce propria e non rimanda a quello successivo. Ovviamente bisogna fermamente ammettere che la voce femminile presente è un cardine irrinunciabile per capire tutta l'essenza di "Trialog". Questa voce è uno strumento in più, l'esatta chiave di lettura per conoscere tutta la permalosa bellezza di questi brani. Una composizione su tutte mi ha colpito in modo particolare, si tratta di "Window". In questa canzone è compresa la vera essenza, la perfetta calibratura, di "Trialog". Electronica dolcemente complicata, e soverchiata dalla beltà della voce..."Window" si presenta come un puzzle di difficile soluzione, ma che con il tempo -e la giusta pazienza- viene risolto. E quindi tutto il sound meravigliosamente vola alto...

Sito Web: www.hvob-music.com

Claudio Baroni 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Sunset Graves

Post n°1165 pubblicato il 20 Marzo 2015 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Electronic


Sunset Graves - Love Pours Into Death (Cd - 3rd & Debut - Data Di Pubblicazione: 13 Aprile 2015)

Andy Fosberry (Sunset Graves) è l'autore di "Love Pours Into Death". Mi concentro al massimo per capire appieno tutta l'electronica complessa di questo artista. I battiti di questa opera sono importanti e letteralmente affascinanti. Le note di questi brani raggiungono il cuore del cervello. Album da assimilare in una notte piovosa, una notte buia invernale. Bisogna esigere un rigoroso silenzio per vedere "nascere" ogni singolo pezzo di "Love Pours Into Death". Il brano che sto ascoltando da giorni (con quella batteria che martella i neuroni) si chiama "My Ruined Frame". Composizione esigente che non lascia scampo a nessuna elucubrazione mentale. Fisicità allo stato puro, vene che vibrano sotto i colpi inferti da Andy Fosberry. Costui lo potremmo definire come un provetto alchimista, che elabora perfette intelaiature soniche. Ed intanto gira tutto intorno.

Sito Web: www.sunsetgraves.com

Claudio Baroni

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Scott Matthew

Post n°1164 pubblicato il 19 Marzo 2015 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Pop


Scott Matthew - This Here Defeat (Cd - Glitterhouse Records - Data Di Pubblicazione: 20 Marzo 2015)

Scott Matthew riesce sempre, tramite la sua mirabile arte, a recidere le corde del cuore. Sì va bene qualche lettore potrà (giustamente) obbiettare che sono di parte (anche in passato parlai molto bene di Matthew), ma io adoro questo poeta della canzone (pop)olare. Pezzi belli, malinconici, brani belli da stare male..."This Here Defeat" è un disco breve (trentaquattro minuti), tremendamente breve ma inesorabilmente intenso. Di una vorace intensità, insomma questa mezz'ora sembra durare un'eternità...Queste sono composizioni che ti assorbono l'anima, ascoltare per credere "Skyline". Canzone divina, voce maestosa, melodia dolce e tremendamente sincera. Una sincerità disarmante, che fa quasi paura...Mi raggomitolo nella mia stanza, al buio, ed ascolto questo sound che si inchioda ai neuroni del cervello. Lavoro faticoso, non si può canticchiare sotto la doccia, ma se viene preso a piccoli bocconi saprà dare enormi soddisfazioni. Avanti così.

Sito Web: www.label.glitterhouse.com

                www.scottmatthewmusic.com

Claudio Baroni

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

The White Birch

Post n°1163 pubblicato il 18 Marzo 2015 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Pop/Folk


The White Birch - The Weight Of Spring (Cd - Glitterhouse Records - 2015)

The White Birch è la creatura onirica di Ola Flottum. "The Weight Of Spring" è uno dei dischi più malinconici che io abbia ascoltato da un po' di tempo. Un'ora circa di trepidanti canzoni, decisamente molto intense. Ed intrise di tanto pop coniugato da una spruzzata di folk. Si potrebbe affermare (senza ombra di smentita) che il buon Ola abbia trovato il connubio praticamente perfetto. Questo è un disco struggente, ma di uno struggente che ti taglia la pelle dal corpo. Se si rimane in silenzio si può ascoltare la neve "picchiare" sull'asfalto, e le lacrime cadere poco alla volta. In "The Weight Of Spring" si parla dello strazio della perdita, dell'amore definitivamente fuggito e che mai più ritornerà. Un amore sacrificato ed oscuro. Di una oscurità latente e perfida. Una perfidia che lacera il cuore. Il sangue ammalato che scende lentamente ed il dolore che non vuole andare via. E' prepotentemente faticoso ascoltare (e fruire in pieno) questo cd. Ma se si accetta e si vuole condividere un po' di dolore e della cocente depressione che i brani sprigionano allora sarete  totalmente appagati. Intanto io continuo a "sentire" il "grido" straziante di "Lamentation". Bello.    

Sito Web: www.label.glitterhouse.com

Claudio Baroni

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Fort Romeau

Post n°1161 pubblicato il 12 Marzo 2015 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Electronic


Fort Romeau - Insides (Cd - Ghostly International - Data Di Pubblicazione: 31 Marzo 2015)

E per ora si discute. Arte bella, bella arte, arte discontinua. La proposta sonica di Mike Greene (Fort Romeau) è una varia stratificazione di elementi irrazionali. Electronica mirabile che combatte strenuamente. Un'ora circa di musica, di battiti lineari e fuori dal coro. Zittisco il mondo e mi concentro. Voglio anzi desidero il silenzio nella mia mente. Mi getto, con ardore, su questa opera. "Insides" mi lancia segnali importanti. Il pentagramma è una fiamma che non si vuole spegnere. Buio, tutto nero, le note si espandono nell'aria intossicata, e percepiscono vibrazioni di sangue. Ascoltare per credere il loop concentrico di "All I Want". Sontuosa interpretazione, electronica e beats sincopati. Tutto gira e rigira alla perfezione all'interno di questo brano. Non riesce a staccarsi, rimane placidamente immobile sulla mia pelle. Ma in generale è tutto l'album che brilla di luce propria, una fervida luce di sana creatività.

Sito Web: www.ghostly.com

               www.fortromeau.tumblr.com

Claudio Baroni

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Aloa Input

Post n°1160 pubblicato il 11 Marzo 2015 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Pop


Aloa Input - Mars Etc. (Cd - Morr Music - 2015)

"Mars Etc." è un album dal sicuro impatto emotivo. Si raccolgono, finalmente, le forze e si ascoltano (attentamente) le note pop sperimentali degli Aloa Input. Diciamo che non è assolutamente semplice descrivere la proposta sonica di questa band. Oserei scrivere che gli Aloa Input si pongono -molto probabilmente- tra i Super Furry Animals ed i Radiohead più claustrofobici e sperimentatori. Un esempio lampante di questa pesante ed acida sperimentazione (ma dall'ottimo risultato) risulta essere "Vampire Song", il brano cardine che traccia le coordinate per comprendere appieno "Mars Etc.". Le vampate della chitarra sono esasperate ed esasperanti, tutto appare considerevolmente chiuso. Una cupezza di fondo che annienta il docile ascoltatore. Il pentagramma di questo cd è rutilante e spasmodico, pregno di una solerte fobia. Una fobia che opprime la mente ed apre il cuore. In definitiva "Mars Etc." è un disco non facile, ma immensamente bello ed importante. Bisogna continuare su questa strada.

Sito Web: www.morrmusic.com

Claudio Baroni

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Polar Bear

Post n°1159 pubblicato il 11 Marzo 2015 da press10
 
Foto di press10

Genere Musicale: Altrisuoni


Polar Bear - Same As You (Cd - Leaf - Data Di Pubblicazione: 30 Marzo 2015)

"Same As You" è uno di quei cd che intrigano al primo ascolto. I brani di questo lavoro irradiano fantasia e creatività ad ogni solco. I Polar Bear sono una formazione, scriviamo così, anomala. Questi musicisti propongono al loro pubblico una sorta di jazz sperimentale. Un jazz oscuro e tenebroso. Gli strumenti vengono suonati con una disarmante sensibilità, le note sono appena accennate e quasi non si sentono. La musica di questa band è un distorto "rumore" bianco, un insieme di note dissonanti e destabilizzanti. Se non ricordo male già in passato mi ero occupato di loro, e debbo ammettere che costoro sono cresciuti a dismisura. La qualità di questo album è decisamente molto alta, ed il valore delle canzoni comprese sfiora la perfezione. Sono rimasto particolarmente catturato, ed affascinato, dalla lunga "We Feel The Echoes". Una mirabile composizione lenta ed ipnotica, dove ogni nota viene centellinata, ed i suoni "escono" poco alla volta. Consiglio caldamente questo lp ad ascoltatori che abbiano voglia di conoscere una realtà nuova e differente. Amatelo.

Sito Web: www.theleaflabel.com

               www.polarbearmusic.com

Claudio Baroni

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
« Precedenti
Successivi »
 
 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2015 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 19
 

Ultime visite al Blog

press10blu.oltreoceanoFanny_Wilmotlumil_0claudio2012sre1233giovannazadrakora69antropoeticoGiuseppeLivioL2nodopurpureolombardi.maria21solicino1vololowchepizzastiblog
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom