Community
 
stelladelsu...
   
 
Creato da stelladelsud2010 il 09/03/2010

sardegna e mito

ketty clooney

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 1
 

 

« ..........SARDEGNA

.

Post n°7 pubblicato il 13 Febbraio 2011 da stelladelsud2010

Un pò di sardegna

Siamo andati a visitare la mostra allestita al Ghetto degli ebrei a Cagliari.
La collezione esposta nella mostra proviene dal Museo Storico della Tortura di S. Gimignano in Toscana e comprende un centinaio di pezzi di grande valore e pregio.


Tra questi spiccano gli strumenti creati dalla Santa Inquisizione per strappare confessioni durante i processi sommari che resero quest’istituzione tristemente nota: la “Veglia” (o culla di Giuda), la “Vergine di Norimberga” e ancora la “Gogna”, la “Ghigliottina” tra i più famosi, affiancati da numerosi e inquietanti macchinari come le “sedie inquisitorie”, i “cerchi schiacciatesta”, il “crocefisso/pugnale” e tanti altri.
Non si tratta solo di tormenti per il corpo, ma anche supplizi psicologici studiati per umiliare e privare della dignità il malcapitato per esempio attraverso le “maschere di derisione”. Scopo della mostra è voler documentare aspetti della storia dell’uomo che non vanno dimenticati, tematiche scabrose spesso segrete ma purtroppo ancora attuali su cui riflettere.

 

Ma cosa era la Santa Inquisizione? Fu un tribunale ecclesiastico istituito in età medioevale che si propose in forme diverse fino all'età moderna e finalizzato alla prevenzione o repressione di insegnamenti e dottrine contrarie al dogma e alla morale cattolica. Le origini dell'Inquisizione o Sant' Uffizio vanno ricercate nel dilagare delle eresie popolari che verso la metà del XII secolo si svilupparono dell'Europa occidentale e nella necessità per la chiesa di opporvisi duramente al fine di eliminarle. Càtari, valdesi, ussiti provocarono, a partire dalla Francia e dall'Italia del nord ovest, la reazione violenta di principi e papi che iniziarono le persecuzioni nel 1162. Si distinse in quest'opera repressiva l'ordine dei frati domenicani cui il papa Gregorio IX aveva affidato nel 1235 i Tribunali della Santa Inquisizione. Famosa per efferatezza divenne in seguito l'Inquisizione spagnola che a partire dal 1478 vide il terrificante attivismo del domenicano Tomàs de Torquemada. Nel nome del Signore centinaia di migliaia di innocenti persero la vita dopo aver subito orrende torture per mano delle istituzioni ecclesiastiche e secolari. Il terrore dilagò nel 1500 nelle terre del Nuovo mondo dove i conquistadores spagnoli sterminarono intere civiltà.
Purtroppo non è stato possibile fotografare gli strumenti esposti, per cui, descrizioni degli utilizzi e foto sono stati trovati in rete.

Scorticamento
La pelle del condannato veniva tolta a strisce con svariati strumenti.

Allungamento o Cremagliera
Si trattava di un modo semplice per estorcere confessioni. Il condannato veniva posto su una tavola e legato ai polsi e alle caviglie con corde che venivano tirate da parti opposte con argani; in questo modo era "tirato" fino alla morte. In alcune varianti, dei rulli venivano passati sopra la tavola (e in modo preciso sul corpo) fino a slogare tutte le articolazioni.
Taglia lingua
La lingua del condannato veniva recisa con strumenti di vario tipo.

Mutilazione

Si utilizzavano diverse armi con le quali il carnefice eseguiva la condanna alla mutilazione, riservata solitamente agli indigenti che non avevano i mezzi per pagare forti multe. In alcuni casi il carnefice cavava gli occhi, tagliava orecchie e nasi. Ai ladri colti in flagranza era tagliata la mano sinistra la prima volta e, in caso di recidiva, la mano destra.

 

Cintura spinata
Si trattava di un collare munito internamente di aculei. Era utilizzato come punizione per coloro che violavano la disciplina ecclesiastica o familiare, agli ubriachi, alle donne litigiose e alle prostitute. Si restava prigionieri del collare e oggetto del pubblico dileggio fino ad un periodo massimo di sei settimane.  Spesso il reo era obbligato a

portare sul petto un cartello sul quale era indicato il motivo della condanna.
Veniva anche utilizzato come strumento di esecuzione. l'erosione fino alle ossa della carne del collo, della mascella e delle spalle, la cancrena dilagante, la setticemia febbrile, portavano al collasso letale in breve tempo.
Di solito la sua immagine era infissa ai muri delle chiese, dei cimiteri, alle porte delle prigioni o nelle piazze frequentate dai mercanti.

Cintura di contenzione
Queste strumento veniva applicato alla vita delle vittime, i cui polsi si serravano negli appositi anelli ai fianchi. L'imprigionato veniva così sottoposto alle torture oppure abbandonato a morire.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/mutodigallura/trackback.php?msg=9879431

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
biramar
biramar il 20/02/11 alle 21:26 via WEB
buona serata e un felice inizio settimana con affetto baci Ale
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

taxie1966marsicovetere.lisagrenda2009santo.arcidiaconoAntoninoFavazzaantonino_blundaafaustopredcarloscape_1978il_mutodigalluraWIDE_REDrossi.patrizia652009electro5Ranolagreen1978loriartur
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom