Creato da: orso3458 il 04/11/2010
Chiacchierata in cucina - di tutto e di più

Area personale

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2016 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 22
 

Ultime visite al Blog

lucreziamussilubopoCherryslniokoesconsy1965orso3458semplicelucrezianavigocontrocorrentemakavelikail_pabloGiuseppeLivioL2psicologiaforenseLolieMiufaustina.spagnol
 

Ultimi commenti

Gli atti terroristici hanno la crudele caratteristica di...
Inviato da: Cherrysl
il 12/09/2016 alle 12:25
 
Te lo assicuro ...
Inviato da: orso3458
il 10/09/2016 alle 19:12
 
Non è facile !
Inviato da: semplicelucrezia
il 09/09/2016 alle 15:10
 
Mica facile ...
Inviato da: orso3458
il 23/08/2016 alle 18:42
 
Ricordi che vuoi dimenticare !
Inviato da: lucreziamussi
il 23/08/2016 alle 10:48
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 

Riflessioni attuali ...

Post n°236 pubblicato il 03 Agosto 2016 da orso3458

Talvolta capita dopo aver fatto la doccia, di soffermarmi ad osservare allo specchio il mio corpo ormai devastato da cicatrici di vario genere; ognuno ha una sua storia.

A parte quella grande, la madre di tutte le cicatrici, vi è una ormai ridotto ad una specie di buchino (visto che la sua nascita risale a tantissimi anni fa, e io nel frattempo mi sono "allargato" notevolmente). Tuttavia, questa ormai piccola ferita ha per me un significato enorme.

Avevo dieci anni appena compiuti, e nella nostra famiglia non circolavano dei soldi. Detto in modo molto schietto, eravamo poveri. Perciò, di andare in vacanza non si parlava nemmeno. In quel anno il mio zio paterno che aveva una sua piccola ma ben avviata attività da rappresentante di commercio, mi fece la proposta di accompagnarlo in uno dei suoi viaggi all'estero. Io ero felicissimo, e dopo qualche titubanza i miei genitori dissero di sì.

Dunque si partiva. Seguivo mio zio come un'ombra, perché in fondo, non mi sentivo tanto a mio agio in un mondo che non ho mai conosciuto. Cercavo di fare una faccia interessata ed intelligente quando sentivo parlare mio zio con delle personevin una lingua che io non capivo. Però vedevo dei visi sorridenti e intuivo che queste persone potevano essere anche simpatiche.

Poi ci fu quel giorno...

Era una nostra giornata libera che mio zio riservava solo per me. Eravamo in una specie di cafè, uno dei pochi posti dove - data la mia giovane età - potevo entrare. Ad un certo punto capitava la cosa più banale di questo mondo: mi scappava la pippì. Per quanto banale che fosse, avevo certi timori di avventurarmi da solo nei meandri del locale, in mezzo alla gente che non capivo, per cercare un bagno. Mio zio si accorse di questo mio imbarrazzo, e dopo avermi stuzzicato per bene, si alzò e disse: "dai, ti accompagno".

Questo suo gesto probabilmente ci ha salvato la vita. Andavamo in fondo al locale dove erano situati i bagni, abbastanza lontano dall'ingresso. Io facevo quello che dovevo fare, e poi ci stavamo per mettere in movimento per raggiungere il nostro tavolo, quando - per fortuna - fuori dal locale esplose una bomba.

Siccome eravamo ancora abbastanza lontano dal nostro posto, non ci è successo nulla di grave. Io fu colpito più o meno all'altezza dell'ombelico, da un pezzetto di vetro ... da qui questa ormai minuscola ferita. Mi è stato tolto, e alla fine ce la siamo cavato con uno spavento enorme ... qualcun altro invece no!

Questo episodio, che comunque fa parte indelebile della mia infanzia, viene fuori ogni qualvolta che sento al telegiornale parlare dei ormai noti fatti terroristici:

Fu il 18 giugno 1968, e io avevo 10 anni. La bomba esplosa fu messa lì da indipendisti cattolici in un qualtiere di protestanti ... una bomba "cristiana" esplosa nel centro di Londonderry ...

Sulla mia pancia è rimasta una piccola insignificante ferita, una di tante, ma la mia mente ci lavora su ancora oggi.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Come sempre...

Post n°235 pubblicato il 10 Luglio 2016 da orso3458

Fine di un'altra domenica, passata in silenzio assordante ...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

.

Post n°234 pubblicato il 18 Aprile 2016 da orso3458

Sarò anche controcorrente, però ...

FINALMENTE LUNEDI'!!!!!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La mia pianticella ...

Post n°233 pubblicato il 12 Marzo 2016 da orso3458

Oggi ho pulito il balcone ... la prima volta dopo parecchio tempo. Ho trovato la mia azalea morta. Per la verità, me lo aspettavo pure, perché non l'ho curata tantissimo, anzì per nulla. Sì, già ... sono stato io a farla morire, forse inconsapevolmente voluto.

E io? Io mi sento come la mia azalea ...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Pensieri della notte

Post n°232 pubblicato il 22 Febbraio 2016 da orso3458

... e poi arriva la sera! Un'altra sera con quel silenzio assordante che ormai caratterizza ogni sera. Ti trovi da solo nel tuo studio, tra il lavoro che non 'c'è e che stai disperatamente cercando, tra una partita di "Solitario" al PC (si addice alla situazione), mentre la tua testa si alterna tra un turbine di pensieri e un vuoto spaventoso.

... e poi pensi che forse sta giungendo il momento di andartene, in silenzio, per non disturbare nessuno, visto che gli altri dormono già, in silenzio come del resto hai sempre fatto.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

I sogni

Post n°231 pubblicato il 29 Gennaio 2016 da orso3458

Questi sogni che fanno improvvisamente tornare indietro, come se il tempo si fosse fermato lì …

Questi sogni che fanno rivivere un dramma …

Questi sogni che da quel periodo si rincorrono sempre più frequentemente …

Questi sogni che fanno diventare le notti un incubo …

 

 

… questi sogni, lentamente, mi uccidono.

 

Ed io attendo solo un colpo di grazia per non soffrire più!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Non è giornata ...

Post n°230 pubblicato il 20 Gennaio 2016 da orso3458

Oggi non è giornata! Per la verità, da un bel po' non è giornata, ma oggi ancora meno del solito. Oltre al mio umore sotto zero ci si mettono anche i soliti "problemini" fisici. Dalla serie "non facciamoci mancare niente" ...

Dovrei lavorare, ma non trovo nemmeno un bricciolo di slancio. Sono seduta alla scrivania e guardo la candela davanti a me, che si sta lentamente consumando ... e mi ci riconosco, quasi come in uno specchio. E mi chiedo: Chi si esaurisce prima?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Come sempre ...

Post n°229 pubblicato il 15 Dicembre 2015 da orso3458

Ci siamo … come tutti gli anni. Siamo entrati nel pieno del periodo natalizio, il periodo più brutto di tutto l’anno. Così mi è stato “predetto” dallo psichiatra che tentava di seguirmi, e così si verifica regolarmente tutti gli anni.

Cammino per le strade, vedo la frenesia (già di per sé poco natalizia), vedo le vetrina addobbate … e passo oltre. Tanto, non posso comprare niente. Cammino come in una bolla d’aria: vedo tutto, ma niente mi scalfisce. Ci sono dei giorni in cui ho quasi la nausea al puro pensiero di dover mettere i piedi fuori di casa.

Quest’anno saremo solo in tre in casa per Natale, e si ha deciso – NON su imput mio – di rinunciare anche al albero e al presepe. Un centro tavola è l’unico indizio che ricorda il periodo.

Saremo solo in tre, forse in cinque, per il giorno di Natale, e questo mi permette di stare molto stare molto sul “economico” con il pranzo di Natale, una scelta comunque obbligata, del resto ha ragione chi dice “il Natale serve solo per amplificare la tristezza di chi non ha niente”, ma al di là di questo aspetto, la tristezza è comunque tanta.

Non vedo che passi tutto …

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Così semplice ...

Post n°228 pubblicato il 25 Ottobre 2015 da orso3458

Così semplice ...

Alla fine, tutto il dramma interiore si riduce ad una semplice tabella ...

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Perisiero della sera ...

Post n°227 pubblicato il 19 Ottobre 2015 da orso3458

Per certi versi amo la pioggia. Quando esci sotto la pioggia, ti permette di confondere le lacrime ...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »