Creato da najim il 13/08/2007

un tè alla menta

storie dal mondo arabo...

 

 

ciao

Post n°52 pubblicato il 04 Agosto 2009 da najim

              Blog temporaneamente sospeso

              se volete continuare a leggermi

    vi invito a venirmi a trovare a questi indirizzi

 

            http://teallamenta.blogspot.com/

      http://granellidisabbia-najim.blogspot.com/

 
 
 

La voce della notte

Post n°51 pubblicato il 13 Luglio 2009 da najim

di Rafik Shami 

inizia così...

La storia più incredibile che abbia mai sentito è quella del cocchiere Salim, che perse la parola. E, se non l'avessi visto con i miei occhi, non ci avrei mai creduto. Tutto cominciò nell'agosto del 1959, in uno dei quartieri più vecchi di Damasco....( continua)

 
 
 

Amore di due compagni di scuola

Post n°50 pubblicato il 15 Giugno 2009 da najim

 
 
 

Proverbio egiziano

Post n°49 pubblicato il 29 Maggio 2009 da najim
 

                         Un cammello non prende in giro
                                        
un altro cammello per le sue gobbe

cammelli

 
 
 

la poesia di : Iraj Mirza

Post n°48 pubblicato il 08 Maggio 2009 da najim
 

Dicono che,quando nacqui, mia madre

Mi insegnò teneramente ad attaccarmi al seno,

E ogni notte seduta accanto alla culla

Vegliando mi insegnò a dormire.

Sorridendo mi sfiorò la bocca con la sua,

E mi insegnò ad aprire questo bocciolo.

Mi prese per mano e mi fece posare un piede davanti all'altro,

Finchè non mi insegnò a camminare.

Prima un suono, poi l'altro, mi mise le parole in bocca,

Insegnadomi a parlare.

Perciò la mia vita è parte della sua

Finchè vivrò, ella mi sarà cara e preziosa.


 
 
 

Giuha e la borraccia d'acqua

Post n°47 pubblicato il 20 Aprile 2009 da najim
 

                                                                     

Durante un viaggio nel deserto Giuha aveva mangiato e bevuto, ma, a causa del caldo,  aveva consumato tutta l'acqua e il cibo che gli era rimasto, saporito e piccante, gli faceva venire ancora più sete. Cercando da bere, trovò la tenda di un beduino e allora chiese al suo proprietario un po' d'acqua.
Il beduino gli indicò la direzione di un pozzo,
che era abbastanza distante.
Giuha che era molto stanco gli domandò:
- Ma non hai dell'acqua con te?
Il beduino rispose che aveva una borraccia d'acqua e fece intendere che poteva venderla.
- Quanto vuoi per la tua borraccia?-chiese Giuha- e così dicendo gli offrì un denaro.
Il beduino gli rispose che non bastava e che non bastavano nemmeno due denari. Entrati in trattativa si misero d'accordo per cinque denari.
Giuha così si potè dissetare, ma pensando di potersi rifare, disse al beduino:
- Guarda, ho con me del cibo. Se hai fame te lo dò gratuitamente e con piacere
Il beduino, che gli non gli sembrava vero di poter mangiare senza spendere un soldo, accettò e  cominciò a mangiare con avidità il cibo pepato e grasso di Giuha.
Dopo un po', al beduino venne una gran sete e chiese dell'acqua a Giuha, ma questi con aria sorniona disse:
- Puoi bere dalla mia borraccia se mi dai cinque denari per ogni sorso che fai. Sei d'accordo?
Il beduino obiettò:
- Come? Io ti ho venduto per cinque denari tutta la borraccia d'acqua e tu ora mi cerchi cinque denari per un sorso?
Giuha allora rispose:
- Alla mia richiesta d'acqua tu hai risposto con cupidigia e hai approfittato del mio bisogno. Ora, ad avere bisogno sei tu! Ma, l'acqua è mia! Se vuoi bere un sorso mi devi dare cinque denari! - e mentre diceva queste parole, aveva preso le sue cose per riprendere il viaggio.
Il beduino, per la gran sete, gli corse dietro e pagò cinque denari per bere un sorso d'acqua. Giuha riebbe, così, i suoi soldi e in più gli restò l'acqua per terminare il suo viaggio.

 
 
 

Proverbio arabo

Post n°46 pubblicato il 05 Aprile 2009 da najim

Image Hosted by ImageShack.us

 

                  Cinque sono i gradi per giungere alla saggezza:

                      tacere, ascoltare, ricordare, agire, studiare.

 

 
 
 

L' astuzia e il potere delle donne

Post n°45 pubblicato il 08 Marzo 2009 da najim
 

C'era una volta un orfanello che viveva con una sorella sposata. Un giorno, nonostante fosse ancora poco più che adolescente, le disse di volersi sposare. La sorella non era affatto d'accordo, perché, a suo dire, era troppo giovane e non abbastanza maturo per il matrimonio.
Il ragazzo insisteva e questa fu costretta a fornirgli un esempio molto istruttivo per mostrargli quanto le donne possono essere potenti e spietate. Gli ordinò di andare al mercato e di comperare un pesce. Quando il ragazzo ritornò con il pesce, lei lo nascose sotto le vesti e insieme si recarono nei campi dove il marito stava arando per portargli il pranzo di mezzogiorno. Mentre il marito mangiava la moglie disse: "Stanotte ho fatto un sogno, sognavo che avremmo fatto una bella festa", poi di nascosto mise il pesce in un solco. Finito il pranzo, l'uomo riprese il suo lavoro mentre lei e il fratello si incamminavano verso casa. "Venite qui" gridò, guardate che cosa ho trovato, Dio ci aiuti, ho trovato un pesce nel solco. Vai a casa prepara tutto, invita i vicini, faremo una bella festa". "D'accordo" disse la moglie. Andò a casa, cucinò il pesce, se lo mangiò con il fratello e nascose le lische. Quando il marito tornò a casa con gli invitati, chiamò la moglie e le chiese se aveva preparato tutto. La moglie si finse stupita e disse: " Hai forse comprato cibo e bevande? Con che cosa volevi festeggiare?". Ma non, ti avevo dato quel pesce che ho trovato nel solco mentre stavo arando?", gridò il marito. La donna si rivolse ai vicini: "Vi prego aiutatemi quest'uomo è impazzito, avete mai sentito che si trovino pesci nei campi?". I vicini le diedero ragione e legarono il marito. "Gettatelo in cantina" disse la donna "in modo che non mi possa far del male". I vicini eseguirono e se andarono.
Quella sera la donna prese la macina di pietra e si sedette sopra la botola della cantina a macinare fagioli. Il rumore che faceva sembrava il rombo di un tuono. Con la fiaccola passava di tanto in tanto davanti alle fessure, di modo che il marito credesse che fossero i lampi. Infine versò molta acqua sopra l'apertura ed egli dovette rifugiarsi in un angolo per non bagnarsi. La mattina ritornano i vicini per chiedere all'uomo come stava "Grazie a Dio", disse, "Sto bene, anche se cercano di farmi passare per matto. Ma, ditemi come sono ridotti i campi con tutta quella pioggia? Deve aver rovinato tutto!" Allora quelli gli dissero: "Che Dio possa rinsavirti, pover'uomo!".
Ormai tutti credevano che fosse davvero pazzo e lo fecero uscire dalla cantina solo dopo due settimane. Il giovane rifletté a lungo su quello che aveva fatto la sorella e decise che non si sarebbe mai sposato.


www.arab.it

www.farid-benyaa.com

 
 
 

La cerimonia del tè

Post n°44 pubblicato il 22 Febbraio 2009 da najim
 

Image Hosted by ImageShack.us

Sul tappeto davanti al padrone di casa viene posto un grande vassoio che contiene una teiera, tre scatole rettangolari, un martelletto piatto, dei bicchieri stretti e alti, ed infine il recipiente dove bolle l'acqua. Spesso è posato un piccolo braciere dove arde del carbone di legna. Tutti rimangono in silenzio, con gli occhi puntati sul maestro delle cerimonie. Dalla prima scatola prende una dose di tè verde e la mette nella teiera versandovi poi dell'acqua bollente; dalla seconda scatola rettangolare prende un panetto di zucchero, che spezza aiutandosi con il martelletto, e introduce i pezzi nello stretto collo della teiera. Dalla terza scatola prende un ciuffetto di menta fresca e odorosa che aggiunge alla bevanda. Infine chiude la teiera con il coperchio e resta in attesa per qualche minuto, chiacchierando tranquillamente con i propri ospiti. Dopo alcuni minuti versa un po' di tè nel proprio bicchiere e lo assaggia con un atteggiamento di grande concentrazione. Aspetta ancora un po', lo assaggia di nuovo eseguendo  tutta una serie di travasi dalla teiera al bicchiere e viceversa, poi quando è all'esatta temperatura e con il preciso gusto voluto dalla tradizione, offre la bevanda agli ospiti. A questo punto se  lo potreste assaporare, vi rendereste conto che non esiste bevanda più dissetante e digestiva, dopo un buon pasto, di un delizioso tè alla menta, ma  non rifiutate mai un altro bicchiere fintanto che non siate arrivati al terzo. Sarebbe una scortesia imperdonabile.

 
 
 

La poesia araba di : NIZAR QABBANI

Post n°43 pubblicato il 25 Gennaio 2009 da najim
 

          donna araba                             Se il demone fosse uscito dalla lampada
                       e mi avesse detto: Eccomi,
                       hai un minuto solo,
                       scegli tutto ciò che vuoi
                       di granati e di s
meraldi,
                       io avrei scelto i suoi occhi
                       senza esitazione.


illustrazione : http://www.farid-benyaa.com/

 
 
 

danza del ventre

Post n°42 pubblicato il 01 Gennaio 2009 da najim
 

Danza orientale - la leggenda

La danza orientale è considerata una delle più antiche danze del mondo, soprattutto inEgitto, Libano, Iraq, Turchia e nei Paesi del Medio Oriente e del Maghreb.
 Raqs sharqi è il nome arabo e significa " danza orientale" , mentre " danza del ventre" è il nome  dato dagli occidentali intorno al 1800.
Nell’Antico Egitto non venivdanza orientalea compresa l’alternanza fra giorno e notte come fenomeno naturale. Gli egizi pensavano che nel cielo vivesse una grande dea che partorisse dal suo ventre il sole di giorno e la luna di notte. Iside era consideratala Dea Madre che possedeva il dono di generare la vita ed in suo onore si eseguivano danze che simulavano la fertilità e l’origine della vita mediante movimenti e ondulazioni del ventre.
 La leggenda vuole che Iside, Dea della Luna, della Bellezza, della Magia e del Mistero affascinasse chiunque con la sua gentilezza e delicatezza e  che concedesse fertilità, femminilità e bellezza alle donne che danzassero in suo onore. A lei si offrivano fiori di loto, incenso, essenze, acqua e frutta. Le donne iniziavano le danze compiendo passi e movimenti del ventre, coperte da un velo che, una volta tolto, simboleggiava la rivelazione del mistero, rappresentando la nascita della luce. Quando gli Arabi invasero l'Impero Egizio, rimasero affascinati dalla danza di Iside e ne assorbirono i costumi, aggiungendo un ritmo accelerato e un clima festoso.
 La danza egizia si compone di quattro fasi: Luna Calante: la danzatrice entra con il velo, celando il proprio corpo e mostrando che il mistero sarà svelato; Luna Crescente: la danzatrice si toglie il Velo e la musica si anima, accelerando i suoi movimenti; Luna Piena: la danzatrice si rivela completamente, girando, vorticando e muovendosi nello spazio; Luna Nuova: la danzatrice si rinnova con movimenti ondulatori e con il Ventre sinuoso e pulsante.
 In tempi remoti, il battito delle mani, lo schioccare delle dita e il canto erano gli unici accompagnamenti musicali della danza. In seguito nacquero strumenti a percussione seguiti da quelli melodici che si evolsero fino ai nostri giorni.
 L’abbigliamento prevede un vestito con diversi spacchi laterali, che permettono di velare e svelare legambe, un reggiseno ricamato, oppure un costume detto baladi, all’egiziana con una cintura in stoffa ed un copricapo a bandana.
 I sonagli, i monili e la cintura,oltre ad essere usati come abbigliamento svolgono un ruolo per far risaltare la musicalità ritmica di alcuni movimenti tipici del bacino e del petto.

 
 
 

Il re

Post n°41 pubblicato il 01 Dicembre 2008 da najim
 

Image Hosted by ImageShack.us


     Non biasimate un re
        che si umili per amore
         poichè abbassarsi per amore
         è segno di potenza ed equivale
          a essere due volte re.


tratto da " l 100 nomi dell'amore" di Malek  Chebel e Lassaad Metoui

 
 
 

Post N° 40

Post n°40 pubblicato il 05 Novembre 2008 da najim
 

Abbigliamento nel mondo arabo tra passato e presente:

Lithamtagelmoust color

E’ il copricapo degli uomini Tuareg.
Questo velo, indispensabile elemento del costume tradizionale, scende a ricoprire il viso lasciando solo una fessura per gli occhi  ed è donato ai giovani per sancirne l'ingresso nel mondo degli adulti. Gli uomini sposati, oltre al litham, hanno due tipi di veli: il cheche, costituito da una fascia alta una ventina di centimetri e lunga fino a tre metri,(più è lungo più indica nobiltà e importanza del proprietario) realizzato in tessuto di cotone, preferibilmente bianco o tinto di blu o nero e  il tagelmoust,  il velo delle feste costituito da una fascia sempre alta venti centimetri, ma che può arrivare fino a sette metri, di finissimo cotone impregnato d'indaco d'aspetto lucido e cangiante. I veli avvolti in tanti modi mai casuali, rispondono a precise esigenze estetiche e di riconoscimento. Oltre a proteggere dalla polvere e dal sole, coprono la bocca proteggendola dagli spiriti negativi, portatori del malocchio. Per questo i Tuareg non tolgono mai il velo e non scoprono la bocca davanti alle donne o a stranieri, neanche durante un tè o un pranzo.
La tradizione vuole che siano state proprio le donne a introdurre tra gli uomini l'uso del "tagelmoust", pare infatti che in seguito a una battaglia in cui i cavalieri Tuareg non eccelsero per il coraggio, le donne, vergognatesi, imposero ai mariti l'uso del velo. 
I Tuareg sono anche detti "uomini blu" perché lo chèche tradizionale, che proviene dalla Nigeria, è tinto con un colorante vegetale indaco molto scuro e non fissato che si trasferisce con facilità, anche dopo molti lavaggi, sulla pelle.

 
 
 

il cammello

Post n°39 pubblicato il 15 Ottobre 2008 da najim
 

Proverbio arabo
 tuareg seduto con cammello           

            Affida il tuo cammello alla provvidenza di Dio,

                    ma legalo prima ad un albero.

 

 
 
 

Festa islamica

Post n°38 pubblicato il 30 Settembre 2008 da najim
 

Aid al- fitr ﻋﻴﺪ ﺍﻟﻔﻄﺮ 
Festa della rottura del digiuno

eid mubarakAid al-Fitr è la festa islamica che segna la fine del Ramadan, si celebra la " Rottura " cioè il termine del periodo di digiuno e dura 3 giorni. Si chiama anche " Id al-Saghir" ( festa minore) per distinguerla dalla "grande festa ", Id al-kabir o “Aid al-Adha” cheavviene circa 2 mesi dopo.

La notte prima della festa le donne rimangono sveglie, finiscono di preparare i dolci per il grande pranzo del giorno dopo e cuociono tanti tipi di focacce e di pane tra cui il "baghrir " una pagnotta morbida ,sottile come una pizza, fatta con acqua , farina, uova e lievito.In Marocco le donne usano farsi dei bellissimi disegni sulle mani e sui piedi con l’hennè. Prima che arrivi l’alba e che sorga il sole si fa l’ultimo pasto del periodo di Ramadan con fichi, datteri, miele, frittelle, burro, latte e tè. La giornata festiva inizia con la grande preghiera comunitaria che si tiene nel luogo di riunione più importante di ogni città islamica, all'aperto o nella moschea principale.  In questa occasione ognuno indossa abiti nuovi e partecipa con tutta la sua famiglia alla preghiera comune
Questo momento di riunione collettiva è seguito da visite ad amici e parenti, da scambi di doni e da riunioni per pranzo e cena. Le strade sono illuminate, i negozi e i bazar sono pieni di dolci, paste e cartoline festive che è costume scambiarsi in queste occasioni. In questo giorno si fa anche l’elemosina, o al-zakat, che è uno dei cinque pilastri dell’islam:un precetto religioso che sottolinea l’obbligo di solidarietà dei ricchi nei confronti dei poveri.

 
 
 

giuha

Post n°37 pubblicato il 14 Settembre 2008 da najim
 

La direzione dello sguardo
 
   hassan 
A Giuha, che passeggiava lungo il fiume, un passante timoroso di Dio chiese:

"Se volessi fare un bagno nel fiume dovrei guardare verso la Mecca o dovrei voltargli le spalle?"

Giuha rispose:

"Io guarderei in direzione dei miei abiti, in modo che nessuno possa rubarmeli"

 
 
 

01 settembre 2008

Post n°36 pubblicato il 31 Agosto 2008 da najim
 

Ramadan

Tratto da “Baghdad brucia” di Riverbend (il blog di una giovane irachena.)

Ramadan è il nono mese dell’anno islamico ( che ha 12 mesi ma solo 358 giorni circa ). Ramadan è considerato uno dei mesi più sacri dell’anno islamico-secondo me, è il più interessante. Per tutta la durata del Ramadan digiuniamo per l’intera giornata, dalle prime luci dell’alba al calar del sole. In altre parole non possiamo né mangiare, né bere, né fumare, né masticare gomma fino alla sera, quando arriva il momento di rompere il digiuno“
Ramadan è il mese in cui l’angelo Gabriele fece visita per la prima volta al nostro Profeta portandogli il messaggio dell’Islam e il Corano. Ecco perché è celebrato dai musulmani in tutto il mondo. Non è possibile stabilire con precisione la data di quell’evento importantissimo, ma si pensa che il “Laylet il Qadir” ( la notte in cui il Profeta ha ricevuto la prima visita di Gabriele) vada collocato alla fine di Ramadan ( secondo molti nella ventisettesima notte).
Ramadan è un mese che si festeggia in vari modi. E’ simile alle ultime due settimane di dicembre in Occidente,
frenetiche e piene di impegni. E’ il mese in cui si incontrano i parenti che non si sapeva di avere - i cugini insopportabili, la zia preferita, i nonni , i nipoti, gli zii e persino il prozio che si credeva morto l’anno scorso. E’ una sorta di “mese della famiglia”. Il digiuno consiste nello smettere di mangiare e bere non appena spunta l’alba e continuare così per tutto il giorno fino all’imbrunire o “al maghrib”. Il digiuno è consideratouno degli "akan”dell’Islam”, il che significa che èobbligatorio per tutti i musulmani. Con alcune eccezioni: non è obbligatorio per chi è ammalato e per chi si trova in viaggio, oppure se rischia di pregiudicare in qualche modo la salute di una
persona ( cioè se la persona è diabetica o incinta ecc).
Oltre quello fisico, c’è il “digiuno morale”. In altre parole si può rompere il digiuno anche senza mangiare. Nel mese del Ramadan si devono evitare pettegolezzi, liti, bugie, imbrogli, insulti e altri comportamenti riprovevoli, altrimenti il digiuno fisico, o “siyam” è considerato inutile. In questo mese ritenuto “sacro” si intensificano anche le preghiere e la lettura del Corano. Qualcuno potrebbe chiedere: perché digiunare? A che scopo negarsi cibo e bevande per più di metà del giorno? Lo scopo del digiuno dovrebbe essere quello di insegnare cosa sono la tolleranza, la pazienza e la fame. Sì, proprio la fame. La persona media non sa cosa significhi avere fame…e non mi riferisco alla fame del tipo vorrei –proprio-un-hamburger-con-patate-fritte. Mi riferisco alla fame che si sente quando non si mangia o non si beve niente da oltre 12 ore, quando lo stomaco sta per cedere e la testa sta per esplodere per mancanza della caffeina da cui attinge l’energia che le serve per funzionare. La fame ha inoltre lo scopo di far apprezzare maggiormente il cibo, perché aiuta a far capire che il cibo e l’acqua non sono sempre disponibili,
specialmente quando ci sono persone costrette a digiunare ogni giorno, nei mesi sacri e non sacri....

 
 
 

Post n°35 pubblicato il 07 Agosto 2008 da najim
 
Il calendario islamico

Il calendario islamico è basato sul ciclo lunare
Il Corano prevede che il nuovo mese inizi subito dopo la luna nuova, o meglio quando appare la prima esile falcetta di luna crescente. Prevedere questo esatto momento è molto complicato; per semplicità i calendari perpetui islamici usano la seguente regola: l'anno, che si chiama “hijri”, è composto da dodici mesi alternativamente di 29 e 30 giorni; ed è più corto di quello solare avendo solo 354 giorni. Poiché l'inizio del mese reale è stabilito in base all'osservazione diretta della prima luna crescente, non è detto che la lunghezza dei mesi sia sempre quella riportata in tabella e si possono verificare scostamenti di un giorno tra il calendario reale e quello perpetuo; sono addirittura possibili scostamenti tra il calendario di un paese islamico e quello di un altro paese parimenti islamico ma geograficamente lontano. Inoltre i mesi e le festività non cadono mai nelle stagioni in modo fisso. L’anno dell’immigrazione del Profeta Muhammad dalla Mecca a Medina, che cade nel 622 d.C., è considerato come il primo per i musulmani, quindi per il calendario islamico ora ci troviamo nell’anno 1429.
I mesi islamici hanno questa frequenza:

1. Muhàrram - محرم di 30 giorni


2.Sàfar - صفر di 29 giorni


3. Rabì‘ al-àwwal - ربيع الأول di 30 giorni


4. Rabì‘ al-thàni - ربيع الثاني di 29 giornicalendario islamico


5. Jumàda al-àwwal - جمادى الأول di 30 giorni


6.Jumàda al-akhìra - جمادى الثانية di 29 giorni


7. Ràjab - رجب di 30 giorni


8. Sha‘bàn - شعبان di 29 giorni


9. Ramadàn - رمضان di 30 giorni


10.Shawwàl - شوال di 29 giorni


11.Dhu l-qà‘da - ذو القعدة di 30 giorni


12. Dhu l-hìjja - ذو الحجة di 29 giorni

 
 
 

Proverbio arabo

Post n°34 pubblicato il 20 Luglio 2008 da najim
 


il saggio

Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità.
Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero.

 

 
 
 

La scrittura araba

Post n°33 pubblicato il 02 Luglio 2008 da najim
 


E' una scrittura alfabealfabeto arabotica composta da 28 lettere,ha la particolarità di essere molto ricca di consonanti e povera divocali, infatti possiede solo tre vocali che sono: a, i, u,simili aquelle della lingua italiana. Queste vocali vengono pronunciate in modoattenuato e talvolta il nostro orecchio fa fatica a distinguerle. Levocali brevi nonsi scrivono. Delle 28 lettere ben 17 hanno un suono assolutamentediverso rispetto all'alfabeto italiano. Con le consonanti di questa lingua si può produrre qualsiasi suono che la gola umana possa emettere, per questo, l'arabo è considerato una delle lingue più ricche anche da questo punto di vista.  L'arabo si scrive e si legge da destra a sinistra, quindi per leggere un libro scritto in arabo bisogna iniziare dall'ultima pagina. La scrittura è solo corsiva, cioè le lettere, quasi sempre, sono attaccate una all'altra. La scrittura appare quindi una sorta di stenografia e bisogna intuire la pronuncia delle parole a partire dalle sue consonanti, per esempio MNZL (casa).
Per rendere meno difficile la lettura si usa "vocalizzare" leconsonanti con dei piccoli segni posti sopra o sotto le stesse. La forma delle lettere varia leggermente secondo la loro posizione: all'inizio, nel mezzo o alla fine della parola. La scrittura è statamolto usata come elemento decorativo nelle opere d'arte poiché il Corano ha condannato la riproduzione di esseri animati per evitarel'idolatria. L'arabo grazie alla lettura del Corano, sempre identica nei secoli, ha conservato intatta questa ricchezza di suoni evitando l'usura fonetica subite generalmente dalle altre lingue nel corso della oro evoluzione.

 
 
 
Successivi »
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: najim
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 61
Prov: PV
 

BASMALA

Image Hosted by ImageShack.us

 

Image Hosted by ImageShack.us



Discover Tinariwen!


Image Hosted by ImageShack.us


Premio D eci e lode

Assegnatomi da DolceAmaraMelannas
per la bellezza ed il fascino dei racconti


 

L ' ALTRO BLOG

Image Hosted by ImageShack.us

  
 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

najimghazoui.ilhambolina40gradididisavi61helpivagauno16carrarovittorioferdybeverlyalbertmo1fioredimielezuccheroesternoluceFajrmarifiandrinidodi21
 

FACEBOOK

 
 

AZUR E ASMAR TRAILER

 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 

DANZA DEL VENTRE

 

ULTIMI COMMENTI

quando riprendi? ciao da storie di te e caffe
Inviato da: esternoluce
il 14/01/2016 alle 20:45
 
Ciao Najim, ho visto che hai cambiato casa...ma è sempre un...
Inviato da: padmaja
il 07/01/2011 alle 21:43
 
buona serata un bacio!
Inviato da: raggiodiluce1974
il 12/11/2010 alle 17:30
 
Sempre un piacere leggerti.Raci.
Inviato da: nichy1955
il 28/07/2009 alle 22:36
 
Mi è venuta voglia di comperarmi il lib nessun...
Inviato da: misurina56
il 27/07/2009 alle 19:38
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 
 
website stats
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

TAG

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

NOTA

Image Hosted by ImageShack.us

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom