Creato da francy_62 il 23/10/2008
pensieri in libertà

AMICI PRESENTI AL PRANZO DI DOMENICA 15-4-12

Francy_62
nuovavita2011
vogliorivivere1
gattoficcanaso (e gentile signora)
pennydog
bionda66
dolceelfa75
germano.capoverde

 

BRAZIR

Haiku:

occhi al cielo
cercando una strega
vidi la rana

 

ISRY

Parodia:

 occhi al letto
cercando una rana
vidi un pi ci

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2015 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 84
 

TRAFFICO

 

 

RADIO DG.VOICE

 

 

POST LAMPO n° 2: non c'è 2 senza 3

Post n°862 pubblicato il 17 Aprile 2015 da francy_62

Poi dicono che i detti (o detti che i dicono?) non valgono nulla.

A fine gennaio mi hanno tamponato mentre ero ferma ad un passaggio a livello.

A metà marzo mi sono fatta distruggere la fiancata sinistra.

Oggi, venerdì 17 aprile, una macchina uscendo in retromarcia da un posteggio a spina di pesce, ha preso in pieno l'auto del rospo consorte, distruggendogli tutta la fiancata destra (i due sportelli, la parte dietro ed il fascione).

Ora... dico io... mo basta!
Urge un esorcista...

Anche perchè questo vorrà dire stare ancora con una sola macchina!!!

E che due scatole! Uffffff.... Cra cra


 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

POST LAMPO n° 1

Post n°861 pubblicato il 15 Aprile 2015 da francy_62

Eccomi, sono scesa dalla bilancia...

Sono scesa perchè dovevo risalire su una giostra.

La giostra della vita che gira e non si ferma.

Per questo ho deciso che per un po' farò dei post lampo.

Post stile cotto e mangiato.

Anzi, pensato e postato.

Così in questo blog non si formeranno le ragnatele.

E questo è il primo post lampo.


Più chiaro di così!

Anzi... più che chiaro, direi lampante! 

*___^

Cra cra

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

BILANCIA SOLIDALE

Post n°860 pubblicato il 06 Aprile 2015 da francy_62

Ebbene sì... io possiedo una bilancia solidale. 
No, non equosolidale... nulla di ecocompatibile...
Ma di compatibile con la sottoscritta.
Solo con la sottoscritta. 

E' in vetro, posizionata in bagno e ovviamente viene alternativamente adoperata da tutti e tre i residenti nello stagno. 
Io, come peso, mi colloco tra i due rospi (ormai, essendo maggiorenne, anche il più giovane ora può fregiarsi a pieno diritto di tale titolo... del resto, è figlio di suo padre, mica solo mio. Anzi... da come sta crescendo, direi che è quasi più figlio di suo padre che mio, avendo preso tutte le caratteristiche della stirpe paterna, piuttosto che quelle di origine materna. Ma su questo potrei disquisire per ore ed ore... ed ore... ed ore......... ) 

Comunque, quando ci sale mio figlio, la bilancia, ligia al dovere, dopo qualche secondo di traballamenti, si assesta sul peso e bon, finito lì. Per una conferma, se ci risale, idem... e non sbaglia di un etto.

Con mio marito fa la stessa cosa.

Poi ci salgo io.
E qui entra in campo la solidarietà tra donne.
Segna un peso... un peso che non mi soddisfa, ma che potrebbe essere peggio, considerando che in questo periodo l'unica attività sportiva, oltre a quella di alzarmi e sedermi sul divano, consiste nell'alzare il braccio per mangiare.

Per cui, leggo il peso e me ne vado.
Ma se l'esservo qualche secondo in più, appare una bella C maiuscola, segno di ERRORE.
Allora ci risalgo e..... mi aumenta il peso di 1,5 kg! Ma stavolta senza errore: è quello esatto! :-(
Ma non una volta... Con me lo fa sempre, sempre, SEMPRE!
E solo con me.

Ora... ditemi se non è una bilanacia mooooolto solidale! *___^ Povera... cerca di consolarmi.....

Buona Pasquetta a tutti! Cra cra

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

VIVERE NEI CONTAINERS

Post n°859 pubblicato il 01 Aprile 2015 da francy_62

Pensando a chi vive nei container, in genere viene in mente della povera gente che ha perso tutto in seguito a terremoti, alluvioni... o a campi di accoglienza. Una situazione di ripiego, con sistemazioni alla meno peggio.

Invece l'altra sera, girovagando tra gli innumerevoli e "meraviglievoli" canali del digitale terrestre, mi sono imbattuta in un servizio, in cui un ingegnere australiano si stava costruendo la casa assemblando dei container. Ma non due o tre.... non sei o sette.... bensì trentuno. Sì, 31 container per la bellezza di una casa di 520mq disposta su tre piani, realizzando in sei mesi, un'abitazione a prova di allagamemto fino a due metri dal livello del suolo.

Inizialmente non aveva il verso e pensavo ne venisse fuori una vera porcata, ma seguire i lavori è stato interessantissimo e mi sono ricreduta.

Il progetto iniziale è stato anche modificato in corso d'opera, tagliando una parete per allargare un ambiente, togliendo una parte di soffitto per inserirvi una scala, coibentando le pareti, inserendo vetro, acciaio e tanto legno (anche di recupero, ma che non sembra) per abbellire alcune pareti, valorizzandone altre lasciate in lamiera per allestire una galleria d'arte per la moglie... L'effetto finale, sia esternamente che negli interni, è risultato molto curato nei minimi particolari e decisamente strepitoso!

Il piano terra, oltre ad un garage per due automobili, comprende una palestra, un laboratorio, un ufficio e una tavernetta/sala da biliardo collegata con una piscina. Al primo piano sono invece presenti un soggiorno/sala da pranzo, una cucina e uno studio. La casa comprende inoltre quattro camere da letto, di cui tre al primo piano ed una che occupa l'intero ultimo piano e dispone di una grande cabina armadio e di un bagno privato. 

Sono riuscita a trovare in rete molte immagini, ma se volete curiosare un po', vi stupirete di quante siano le case costruite utilizzando dei containers. In effetti, il costo è molto ridotto e i tempi di realizzazione si riducono a pochi mesi.
Chissà se ne esistono anche in Italia... mo controllo.

Buon pesce d'aprile! *__^  Cra cra

 

 


 

 


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SOLUZIONE QUIZZZZZZ (e non solo)

Post n°858 pubblicato il 29 Marzo 2015 da francy_62

Prima della soluzione, apro una parentesi... e un parente.*__^

Infatti oggi il mio rospetto è diventato maggiorenne.
Sta passando la giornata con la sua ragazzina, venuta apposta. Quanto sono passati "lentamente in fretta" questi anni!!! E quante cose sono passate da allora. Speravo andasse molto meglio,  a dire la verità. Invece sto ancora raccogliendo dei cocci..... pazienza, è  andata così.

Ora...  io oggi avrei voluto organizzargli qualcosa degno dei 18 anni. Ma il diavolo ci ha messo di mezzo lo zampino,  la coda, le corna e tutto il forcone! Per cui sono qui, con la febbre. E loro a fare i piccioncini e a godersi da soli la bella giornata di sole. Forse meglio così..... 

Ed ecco a cosa si riferisce la foto.

A furia di tentativi ed errori, siamo arrivati a capire che si tratta di uno strappo in un mio piumino, avvenuto il giorno dell'incidente. (Bravo Giò). Diciamo che......... mi hanno sparato! (Geisha c'eri vicina)

A dire la verità, non me ne ero per niente accorta. È stata una passante a dirmi che avevo il giaccone rotto. Ma come avevo fatto?

Se osservate bene la foto, da una parte la stoffa è strappata, ma dall'altra sembra fusa...

Durante l'urto, è esploso l'airbag laterale, quello posizionato nel lato sinistro dello schienale del sedile. Proprio ESPLOSO, nel vero senso della parola. Infatti ho scoperto che per gonfiarlo, si deve innescare il gas tramite un'esplosione vera. Esplode della polvere pirica, mica bau bau micio micio! C'è un vero detonatore che fa esplodere la capsula contenente il gas.

Inoltre sotto, in corrispondenza della bruciatura, mi si è formato un gran bel livido dolorante circolare di una decina di centimetri di diametro. Ho ricevuto un vero colpo. Ed ora sto ancora vivendo sulla mia pelle 50 sfumature di blu, di giallo, di violetto, di verde...

Se volete erudirvi, vi allego notizie sull'airbag tratte da Wikipedia. Notate che si parla di airbag pirotecnici!

Buona serata a tutti. Cra cra


L'airbag è costituito da:

  • un sensore che rileva la brusca decelerazione del mezzo causata da un impatto
  • una centralina elettronica che riceve il segnale del sensore, lo elabora e invia il comando di accensione a un detonatore
  • un detonatore che innesca la sostanza (azoturo di sodio contenuto in quantità variabili da 50 a 200g) contenuta nella capsula esplosiva attraverso una corrente elettrica o un urto di un puntale; la capsula esplodendo sviluppa una grande quantità di gas, nello specifico azoto, per gonfiare il contenitore (se l'airbag è di tipo pirotecnico)
  • una eventuale seconda capsula (negli airbag ibridi) che contiene del gas inerte precompresso che va a gonfiare il sacco
  • l'airbag vero e proprio, solitamente di materiale sintetico e dotato di fori nella parte posteriore.

Fra la prima capsula e il sacco negli airbag pirotecnici è presente una rete metallica a maglie fini che blocca l'accesso al sacco alle particelle solide e che raffredda i gas che lo gonfiano. Non è presente negli airbag ibridi in quanto non sono presenti particelle solide nella seconda capsula contenente il gas inerte e perché il gas inerte è più freddo dei fumi originati dall'esplosione della prima capsula.

Gli airbag ibridi sono più veloci dei pirotecnici e per questo vengono utilizzati per gli airbag laterali e per gli airbag a tendina: lo spazio fra l'occupante e le porte è limitato, quindi il bag deve dispiegarsi più velocemente possibile. Per gli airbag frontali del guidatore e del passeggero si può scegliere fra i due.

Gli airbag ibridi necessitano di una quantità di carica minore dei pirotecnici, quindi la loro produzione è facilitata e meno costosa sotto questo punto di vista.

Esistono poi airbag dual stage, che sono costituiti da una coppia di airbag ibridi o pirotecnici ma con un solo sacco. La centralina può scegliere di attivare una sola carica pirotecnica e gonfiarlo parzialmente oppure attivarle entrambe ma distanziate temporalmente. Il primo caso si può avere se sul sedile è presente un bambino o un occupante leggero: la loro ridotta quantità di moto non necessita il dispiegamento completo del sacco. Il secondo caso è utilizzato per ridurre la violenza dell'impatto dell'occupante con l'airbag.

Con l'accensione, si realizza un'esplosione che gonfia l'airbag mentre la testa e il torace degli occupanti si stanno spostando in avanti, decelerando il loro moto più dolcemente rispetto all'impatto con la plancia o contro lo sterzo; subito dopo comincia però a sgonfiarsi attraverso i fori posteriori del sacco, attutendo l'impatto del corpo contro il volante o contro il cruscotto senza far incorrere le vittime nel pericolo di soffocamento. Le cuciture che costituiscono l'airbag possono essere realizzate in modo da ottenere una apertura in due stadi: un'apertura più progressiva riduce la violenza dell'impatto contro l'occupante. Sull'efficacia dell'airbag influisce anche il ripiegamento del sacco.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

QUIZ FOTOGRAFICO

Post n°857 pubblicato il 26 Marzo 2015 da francy_62

Se siete bravi, oltre ad indovinare cos'è (cosa che credo abbastanza facile), indovinate anche perchè, come, quando.... OK? *__^ Cra cra

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

PARAMETRI VITALI....

Post n°856 pubblicato il 23 Marzo 2015 da francy_62

Parametri vitali... (i miei parametri vitali): presenti. *__*

Ci sono... sono viva... mezza ammalata... ma sono stabile... Incasinata, ma stabile.

1^ considerazione:
ogni cosa bella, o prima o dopo, la si sconta. 

Nulla ti è dato gratis, lo devi pagare.

Per cui la mia evasione la sto scontando con una marea di impegni che la metà basterebbe.
Tra l'altro, di mezzo c'è stata una malattia di mio figlio, ora la mia, problemi e impegni extra a scuola, problemissimi al liceo di mio figlio, con riunioni col preside, coi professori, consigli di classe.... Uffff....
Domenica poi, arrivano in delegazione da Padova, ragazzina del rospetto e genitori..... 

E poi.... la ciliegina sulla torta.
Quella me la sono messa da sola, a completare l'opera.

Che uno pensa e dice (e se non lo dice, comunque lo pensa): ma tu sei matta a girare mezza Italia da sola, se ti succede qualcosa, che fai? Te le vai proprio a cercare.

2^ considerazione:
bisogna essere fatalisti.
Bene... Io, da quel punto di vista, sono fatalista. Molto fatalista. Se deve succedere qualcosa, ti capita comunque, a mille chilometri da dove abiti, in macchina, in aereo... o sotto casa, anche a piedi... 

Difatti.... lunedì scorso, a 15 m. dal mio cancello (ribadisco: 15 METRI) ho avuto un bell'incidente da sfasciare tutta la fiancata della mia Multipla! (E sono per l'ennesima volta senza macchinaaaaaaa!!!)
Colpa mia, stavolta, che non ho visto arrivare una macchina da sinistra. Doveva essere nascosta dal montante del parabrezza... non ci sono altre spiegazioni.
Fatto sta che l'incidente l'ho avuto sotto casa, quando stavo andando a prendere mio figlio.
Quindi?
Vale la pena di rinunciare a qualcosa, perchè potrebbe capitarti chissà che?
No. Assolutissimamamete NO!
Se ti deve capitare qualcosa, ti capita. Punto.

Ora, però... vorrei dire... due incidenti in due mesi.... dopo anni e anni in cui tutto è andato per il verso giusto... mi sembrano un po' eccessivi, non vi pare?
Se poi si considera il "non c'è due senza tre", mi vien male!

Comunque, un mese fa mi sono venuti addossi... ora pure, ma colpa mia.
In entrambi i casi, non mi sono fatta assolutamente nulla.
Non era il mio momento... perchè basta davvero poco per fracassarsi o lasciarci la pelle.
Ad esempio, martedì sera, qui vicino, un ragazzo di 20 anni, dopo aver strisciato un'auto ad una decina di chilometri da qui, è scappato all'impazzata, ha attraversato un incrocio sulla statale col semaforo rosso ed ha fatto filotto: ha coinvolto in un incidente altre 4 vetture. Si sono capottate... un macello! Nessun morto, ma molti feriti, anche gravi.

Ora............ ci sarà pure un destino, o no? Quelli, andavano tranquillamente, con semaforo verde. Arriva un pazzo e la tua vita ti si stravolge.

3^ considerazione:
la vita è appesa ad un filo.
Un filo moooooolto sottile, per di più. Uffff...

Va beh... scappo.
Sperando di non incappare nel malefico "non c'è due senza tre". Che, sapete, comincia a mettermi ansia.

Buona settimana. Cra cra 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

LISCIA, GASATA O EFFERVESCENTE NATURALE?

Post n°855 pubblicato il 13 Marzo 2015 da francy_62

O per meglio dire: normale, coraggiosa o incosciente?

Ecco... ancora non so se sono incosciente o coraggiosa. Di certo ho ben poco di normale, quello è sicuro.

Più passano gli anni, e più mi rendo conto di aver fatto scelte sbagliate. Anzi, di aver fatto UNA scelta sbagliata: quella di essermi sposata. E pensare che un matrimonio lo avevo schivato a pochissimi mesi di distanza! Mi ero salvata! Per poi ricaderci dentro con le scarpe e tutto il resto! Uffff...

Comunque, col tempo capisco di avere un'indole solitaria. Socievole per molti aspetti (perchè amo molto la compagnia, le amicizie, stare tra la gente...) ma fondamentalmente mi piace essere libera e gestirmi da sola. Un'aquila solitaria che volteggia nei cieli....

Invece, sono impantanata nello stagno! Però mi sto facendo spuntare le ali. Non saranno mai quelle di un'aquila... forse assomiglieranno più a quelle di una gallina che svolazza...  ma almeno mi alzo un po' al di sopra dello stagno e allargo la visuale.

Ultimamente, mio figlio è stato sei giorni all'estero con la scuola. Ed io ne ho approfittato!

Domenica con altre otto amiche siamo state a Firenze! *___* Toccata e fuga, in treno, da Faenza. Mi sono divertita un mondo anche durante il viaggio ed abbiamo contagiato e fatto ridere mezzo scompartimento!
Là, abbiamo fatto le vere turiste e visitato
il Museo di Palazzo Vecchio, che in occasione dell'8 marzo, era gratuito per le donne! Una quindicina di euro risparmiati. Non male, direi!

    

   

Comunque, finita la parentesi con le amiche, lunedì me ne sono andata in solitaria! Direzione sud... e poi ovest. Tipo i pionieri alla conquista del west! Senza meta nè programmi. Solo la voglia di star via da sola.

Prima tappa: Senigallia....  con visita alla Rocca e non solo.

     

 

Lì ho deciso di fermarmi a dormire e armata di tablet, ho prenotato online in un hotel sul mare. Camera singola standard (ovviamente  una economica). Arrivata in loco, la ragazza alla reception, al posto della camera prenotata, non ristrutturata, me ne offre una con maggiori confort che costa solo 15 euro in più. Non grazie, per dormire solo una notte, vado al risparmio. Al che, gentilmente, mi dice: "Facciamo che gliela offro io! Vogliamo farla stare meglio, così se dovesse tornare da queste parti...." *___^

 
Un vero gioiellino! 
 

Martedì matttina, dopo una molto più che abbondante ed ottima colazione a buffet in sala con vista mare, parto direzione.... boh?....

*


Sul lungomare mi sono fermata: vedete le strisce blu del parcheggio sulla strada?
Solo una metà è rimasta, in alcuni punti, nemmeno quella.
Mangiate dal mare nelle ultime burrasche.
E dopo, c'era la spiaggia.
Ora più nulla!!!

Dove vado? Facciamo Tarquinia? Non ci sono mai stata... voglio visitare la necropoli, il museo, il centro e godermi il viaggio tra gli Appennini! Detto fatto! *___^

     
Questa tomba affrescata, risale al VI sec a.c.
E' stata ritrovata nel 1958 e lo stesso anno
hanno "staccato" letteralmente l'affresco
e ricostruito la tomba nel museo.
Tecnica molto azzardata per quei tempi
ma ha funzionato.

Voi non avete idea di quanto mi sia goduta la libertà di viaggiare senza obblighi, orari, legami! Strada facendo mi sono fermata a mangiare un boccone in un ristorantino niente male e poi via!

Tablet alla mano, ho prenotato per la notte in un agriturismo sperduto in capo al mondo! Tanto sperduto che all'inizio in navigatore mi ha guardato e detto che mi dovevo arrangiare da sola per trovare il posto. Tant'è che ad un certo punto mi sono ritrovata in una stradina strettissima,  mooooolto in discesa, che finiva in un campo, senza possibilità alcuna di far manovra! Aiutooooo! E come ne uscivo, col buio, da sola? Retromarcia! Credo di averci lasciato mezza frizione! Ahahahah.... Poi ho trovato l'agriturimo! Una favola! Da tornarci (rigorosamente di giornooo) ed in estate!

 

E siamo arrivati a mercoledì. Forse era ora di riprendere la via del ritorno. E di fermarmi strada facendo a... Rieti! Finalmente sono riuscita a tirar fuori la mia bici pieghevole (i giorni precedenti, mannaggia, era troppo freddo per poterlo fare! Il vento mi gelava le mani a piedi, figuriamoci se avessi girato in bici!).

 

 

Peccato solo che la mia intenzione era quella di vedere la Rieti sotterranea, ma non è stato possibile. Così, per consolarmi, l'addetta ai biglietti del museo archeologico, mi ha regalato un volume sugli scavi della zona! *__^

Dopo la visita al museo, sentendo un certo languorino e girando in bici, sono capitata davanti ad una trattoria che mi ispirava molto. Ottima scelta! Mi sono gustata un piatto di tagliolini alla gricia che ricorderò per sempre! Devo sperimentarli anche a casa.

 

Ora però, prima di ripartire, c'era il problema di fare metano. Sulla cartina che ho io, ne è segnalato uno solo in zona, ma nonostante l'indirizzo, non lo trovavo. Ho chiesto a dei vigili. Manco sapevano che esisteva, mi avrebbero mandata a Roma! Allora mi sono fermata da un benzinaio. C'era uno straniero, che forse manco sapeva cosa fosse il metano! Al che... ho visto un signore distinto che stava per salira in auto, un'auto di un certo livello e gli chiedo se sapeva indicarmi dove fosse il distributore di metano. Mi ha risposto che non era lontano, ma piuttosto complicato da raggiungere... così mi ha proposto di accompagnarmi e di seguirlo!  Dopo cinque o sei minuti, ero a far metano!*_____*
Tra l'altro da un ladro! Il prezzo era salato: 1,004 € contro 0,986 qui da me.... ma a parte questo, per me la pompa era truccata, perché mentre di solito non ci stanno più di 25kg a serbatoio vuoto, "sembra" che me ne abbia messi 30kg a serbatoio in riserva ma non vuoto! Mah... ci manderò Striscia la notizia!)

Sono ripartita e ho attraversato la Valnerina per una strada panoramica tra i monti dove c'era ancora la neve! Prima la vedevo in lontananza, poi l'avevo sotto i piedi!

 

Sono passata da Spoleto e vicino a Norcia... E secondo voi, potevo passare di lì, senza svaligiare un salumificio? O un fornaio con il pane cotto a legna? Mmmmmmmm.... che bontà!

Arrivata a Civitanova Marche al tramonto, ho imboccato l'autostrada e verso le 20:30 ero di nuovo nello stagno! Bleah!

Insomma.......... per tre giorni ho respirato ossigeno puro! Mi sono stancata anche perchè alla fine, ero sfatta... ma mi sono ricaricata!

Incosciente o coraggiosa? Boh! Forse più la prima che la seconda ipotesi. Credo che tra le mie amiche o colleghe, nessuna si azzarderebbe a fare qualcosa del genere. Ma io ne ho davvero bisogno. Certo, può succedere di tutto (e devo dire che un attimino di panico l'ho avuto, quando lassù, in mezzo al nulla, mi si è accesa la spia dell'olio con avviso di spegnere il motore! In effetti, controllando, il livello era davvero al minimo! Ma, fortunatamente ero in discesa, e dopo qualche chilometro c'era un benzinaio.).... ma io mi rendo conto che ho bisogno di evadere. E di farlo da sola. A Firenze con le mie amiche è stato bello, divertente, mi sono svagata... ma da sola è stato meglio. Cra cra

 
Ranocchia esposta in un negozio di Firenze

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

PUO' CAPITARE (a me) ASPETTANDO IL TRENO AD UN PASSAGGIO A LIVELLO

Post n°854 pubblicato il 07 Marzo 2015 da francy_62

E cosa mai potrà capitare quando ci si ferma ad un passaggio a livello chiuso?

Alla gente normale, nulla.
Ma a me........ di tutto! *___*

Tipo: 

1- venire tamponati da uno che si ferma addosso alla mia auto (storia recente);

2- essere svegliata dal clacson di quello dietro, perchè mentre aspettavo, mi sono addormentata e non mi sono accorta che le sbarre si erano alzate;

3- non poter fare a meno di ammirare il panorama e scattare qualche foto:

 

 

 

Spero vivamente che la prossima volta non mi capiti questo:

 

Buon fine settimana. Cra cra

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SCAMBIANDO L'ORDINE DELLE VOCALI, IL RISULTATO NON CAMBIA?

Post n°853 pubblicato il 04 Marzo 2015 da francy_62

Mah!
Boh!
Forse!
Sicuramente, per qualcuno è così. Ed ogni riferimento è puramente voluto.

Dunque... sto per avvalermi del contributo di due amici.... che spero non mi citino per plagio, dato che ne dichiaro la fonte:

1- liberamente tratto da Melen: POST DI RIFERIMENTO, QUELLO SOTTO. NELLO SPECIFICO, IL COMMENTO DI POOHLOVER2011.

2- da un commento di Poohlover2011:  "Tempo fa ho voluto comprare un "blocchetto" di tofu per assaggiarlo ma avrei fatto meglio a comprarlo di tufo: l'avrei pagato di meno, mi sarebbe piaciuto di più e sarebbe stato meno indigesto." 

Scusate, ma io, a distanza di giorni, per quel commento, sto ancora ridendo! 

Comunque.... pure io anni fa feci l'errore di acquistare del tufo.... ehmmmm... del tofu. Immangiabbbbbile! Ruzzolò su e giù nel frigorifero, finchè ormai verde dalla rabbia e dalla muffa, non mi chiese di dargli almeno una dignitosa sepoltura nella pattumiera!

Ma ora mi sono resa conto che la colpa è stata solo mia, da perfetta ignorante qual ero!

Difatti bisogna saperlo mascherar...... ehmmmm.... preparare a dovere. Insomma, cammuffarne il sapore, renderlo irriconoscibile. *___*

Alla cena vegana di domenica sera, a parte un improbabile e rivoltante aperitivo verde rana, piccante, allo zenzero ed altri intrugli, tutto è stato molto buono.

Hanno iniziato con dei crostini dove sopra c'era un apparente paté di non so che! Però buono! Sfizioso! Davvero appetitoso.

Ora, il bello di queste cene, è che alla fine, consegnano le fotocopie con tutte le ricette dei piatti serviti.

Ecco, Pooh caro, quel delizioso paté era a base di..... ? Indovina un po'?

Esatto!!!!! Proprio di tufo. Oppps.... tofu!

Ora vi posterò la ricetta, perchè è anche facile..... e vedi mai che qualcuno faccia pace col tofu! *___*

PATÉ MEDITERRANEO

Ingredienti:

- 300 g di tofu naturale
- 1 cucchiaio di capperi dissalati
- 6 pomodori secchi sott'olio
- 4 olive nere denocciolate
- 1 piccolo spicchio d'aglio tritato
- succo di un limone
- olio extravergine oliva
- sale q.b.

Procedimento:

Sbollentare il tofu per 3 o 4 minuti (se usate il tufo, anche 3 o 4 giorni).

Scaldare in una padellina 3 cucchiai d'olio con l'aglio tritato, aggiungere un goccio d'acqua e lasciar cuocere un paio di minuti, senza soffriggere.

Mettere il tofu e l'olio aromatizzato nel mixer assieme agli altri ingredienti.

Frullare a lungo, finché il tutto non sarà diventato una cremina arlecchina, piena di puntini colorati.

Ottimo si scrostini, bruschette, verdure croccanti (sedano, finocchio...), gallette di riso o mais....

*** 

Ecco fatto! Visto Pooh? Che dici, la proviamo?

Se la ricetta rispecchia quello che ho mangiato, è una squisitezza. *___^

Buon appetito! Cra cra 

PS: io conto di farla al più presto (se ricordo di comprare il tofu) e di fare assaggiare i crostini (rigorosamente in forma anonima) anche al mio rospetto, poi vi saprò dire....

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

1° MARZO

Post n°852 pubblicato il 01 Marzo 2015 da francy_62

E così, fra un fricchio e un fracchio (e non chiedetemi cosa siano!) siamo arrivati a marzo.

Che per me vuol dire primavera.

Poco importa se tra un po' pioverà per una settimana intera o farà ancora la neve... tanto, che mi frega? Tra un po' è primavera!

Lo so... è solo una questione mentale... ma volete mettere cosa vuol dire la mente? TUTTO!
Da oggi inizia la rinascita primaverile... da oggi movimento, passeggiate in spiaggia, dieta...
Già... e tanto per iniziare bene, stasera sono a cena fuori con le mie amiche... Però... è una cena vegana! Quindi va bene, no? Quindi un tubo! Forse sarà anche una cena più calorica di una di pesce! Vabbè.... ma almeno è più salutare. Forse. Forse anche no... Ma insomma... sarà salutare nel senso che alle mie amiche dirò: ciaoooo! Ecco! Uffff... Mai contenti, siete.

Dicevo che sento odore di primavera.

Ed il mio stagno si sta svegliando! Sì sì!

Che bello veder già fiorite le camelie!

 

 

E non ditemi che non vi si apre il cuore e la mente anche a voi!

Buon marzo a tutti, che vi porti bene! Cra cra 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

VENDITE ONLINE e non

Post n°851 pubblicato il 24 Febbraio 2015 da francy_62

Ormai, acquistare online è diventato una cosa normale.

Dopo tanta titubanza e diffidenza, mi capita talvolta di farlo, con notevole risparmio (usando una tessera prepagata e con un conto PayPal che ti dà delle buone garanzie). Bene.

Ora però, ho scoperto una cosa, di cui non mi so dare una spiegazione logica... vediamo se mi aiutate.

Allora.... comprare online, in genere conviene, perchè si salta l'intermediario del negozio (o catena di negozi), per cui non ci sono spese di gestione, di personale, di consegne, di stoccaggio.... E capisco come tutto possa costare meno. Si compra direttamente da un magazzino, pagando quasi sempre le spese di spedizione. Che se acquisto una cover per cellulare, costa più la spedizione... ma se prendo un frigorifero, ecco che la spesa pare irrisoria.

Ieri, girovagando nei negozi online, mi sono imbattuta in una nota catena di elettrodomestici, che per non far nomi la chiamerò UNILIRA (capitttto mi hai? *___^ ).

Ecco... loro applicano su tantissimi prodotti, un effettivo sconto anche oltre al 30%... La catena è seria, per cui ci si può fidare.

Ma ora viene il bello: quando si procede all'ordine, c'è la possibilità o di farsi spedire il tutto a casa pagando le spese di consegna ( il che è comunque conveniente) o di SCEGLIERE IL NEGOZIO VICINO A CASA DOVE ANDARE A RITIRARE DIRETTAMENTE LA MERCE PAGANDO ALLA CASSA (si trova infatti scritto nel sito: prenota, ritira e paga in negozio)!

Ora.... per curiosità stavo cercando una macchina per fare il caffè espesso. Costo in negozio 229,90 euro... costo online 163,90. Direi che è un bel risparmio uno sconto del 28%... 66 € tondi tondi. Ma non solo se me la faccio spedire.... anche se vado nel negozio che indico in fase di prenotazione e poi me la vado a prendere e pagare alla cassa .

 

Per cui, mettiamo il caso di essere in due in fila alla cassa: mentre un cliente qualunque che entra, la paga 229,90 io che entro e ritito quella ordinata, la pago solo 163.90 (ma poi mi becco una fila di legnate dal cliente precedente che vedendo me, è incazzato come una iena).

Mi sapete spiegare quale logica ci sta dietro?

Io..... umanament.... ehmmmmm..... ranamente parlando, proprio non lo capisco! Sarò tonta! Cra cra

*

*

PS: tra l'altro, quella macchina da caffè è eccezionale. Io ho un modello più vecchio, e questa l'ho fatta acquistare un mese fa ad una mia amica, che si è trovata benissimo. Il bello è che non funziona con cialde o capsule, ma con il caffè in grani che macinate al momento (ma non è tutta automatica). Un mese fa, nella stessa catena, costava 219 €..... (non è pubblicità.... è un'informazione di servizio!) 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

NUMERI E MISURE

Post n°850 pubblicato il 22 Febbraio 2015 da francy_62

Numeri e misure, secondo me, son relativi e talvolta inutili.

Prendiamo il 18, numero che rappresenta il raggiungimento della maggiore età. Cosa cambierà nella testa e nel comportamento di mio figlio tra adesso e un paio di mesi? Nulla.... (a parte il fatto che legalmente, a ME cambia qualcosa, essendo poi lui maggiorenne).

Parlando sempre di età, che io abbia 53 anni conta ben poco, dipende da come sto in salute e dal mio aspetto: se son messa male e ne dimostro 60 o sono in piena forma e ne dimostro 45, che cosa cambia? Nulla... io son sempre io.

Anche la taglia che indossiamo, non conta nulla. Difatti, nella scelta di un vestito, non possiamo andare a colpo sicuro perché ogni ditta ha il proprio tipo di taglio, con maggiore o minore vestibilità. Capita quindi che in una M io ci stia larga e in una XL non ci entri (e vi assicuro che mi succede). Quindi, cosa conta guardare la taglia? Nulla... si va ad occhio e ci si misura il capo d'abbigliamento.

Per il peso, stessa cosa. Proprio qualche settimana fa, sono andata in ospedale a fare dei controlli per il diabete. Tra le altre cose, l'infermiera mi ha chiesto il peso e mi ha poi pesata. Facciamo conto che io le abbia detto che pesavo 100 kg (e non li peso, eh! Mica pensarlo! Anche se non sono proprio anoressica...). Poi sono salita sulla bilancia e l'infermiera mi ha detto: "Ma no, che non pesa 100kg! Sono solo 98! La sua bilancia è sbagliata." Bene.... ma questo che vuol dire? Che sono dimagrita di 2 kg in un botto? No.... allora cosa cambierebbe in me se una bilancia mi valutasse anche 10 kg in meno? Sarei più magra.... o la mia stazza sarebbe sempre la stessa, indipendentemente dal numeretto che appare sulla bilancia?

E dei voti a scuola, vogliamo parlarne? Quanto odio mettere quei maledetti numeri!!! Ha poi così importanza che ci sia un 7 o un 9 in italiano? Le cose le sai o non le sai, indipendentemente da quel numero. E poi... il 7 che do io, ha lo stesso valore del 7 dato da un'altra insegnante? Assolutissimamente no!!! Spesso anche un mio 7 dato ad un alunno è diverso dal 7 dato ad un altro. Anzi: ma che dico "spesso", è SEMPRE così! E allora.... perchè dover dare dei voti? È così necessario? Serve a qualcosa? No... non serve a nulla. 

A questo punto, se siete d'accordo con me, propongo una petizione, un referendum, una raccolta firme, uno sciopero della fame, un corteo, una proposta di legge, un attentato camikaze... insomma, qualsiasi cosa pur di abolire numeri e misure! Ci state? *__^ Cra cra

  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SOLUZIONE QUIZZZZZZ *___*

Post n°849 pubblicato il 15 Febbraio 2015 da francy_62

 

 

 

Allora.... vedendo le foto precedenti, avete capito?

Si tratta solo di una tazza di latte caldo, nel quale ho versato un cucchiaino di caffè solubile.

 

Ogni tanto lo uso (quello decaffeinato) e prima di mescolare mi perdo nel disegno che si forma...

Ora, come premio per tutti i partecipanti, offro una fetta di torta (base di pasta frolla, crema pasticcera, frutta e un velo di gelatina) che ho portato ieri sera ad una mia amica... Bellina, vero?

 

Buona domenica sera! Cra cra  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

QUIZ FOTOGRAFICO

Post n°848 pubblicato il 11 Febbraio 2015 da francy_62

E' da tantissimo

che non ve ne propongo uno,

e voi pensavate

di essere salvi!

Manco pe' gnente!

Ahahah... 

Per cui mi pare giusto farlo.

Aguzzate la vista,

spremete le meningi

e

ditemi di cosa si tratta!

Buona serata!

*___*

Cra cra

 

(Ora si vede?

※※※※

※※※

※※

Aggiornamento al 14 febbraio:

qualcuno 

c'è

andato

vicino.

Ora pubblico i loro commenti

(che avevo nascosto)

così magari indovinate.

La soluzione la sveleró domani

perchè ora proprio non riesco

a fare un post.

Stasera sono a cena da un'amica

per spettegolare tra donne

come ogni anno per la finale di Sanremo,

e sono alle prese con trucco e parrucco

(alias restauro)

e torta.

Se siete bravi,

domani ve ne offro una fetta!

*__^

Ah!

Spero che voi abbiate modo

di festeggiare San Valentino.

Buona serata!

Cra cra

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

UNA CARNEFICINA!

Post n°847 pubblicato il 09 Febbraio 2015 da francy_62

Ormai, ogni volta che piove, nevica o tira vento... siamo nella "bip" fino al collo!

Il maltempo che ha colpito la riviera tra giovedì e venerdì ha fatto danni impressionanti.

Il cielo ha mandato tanta di quella pioggia che un decimo sarebbe bastato, la mareggiata ha spazzato la spiaggia, rompendo in alcuni punti la duna di protezione e permettendo al mare di arrivare anche nelle strade, i canali anzichè scaricare in mare, a causa del mare grosso e del vento, sono tracimati e le imbarcazioni ormai erano in strada, alcune hanno rotto gli ormeggi in porto e sono affondate, campi e strade si sono trasformati in laghi e fiumi.....
A questo si è aggiunta la bora!
Da noi non tira mai così forte, ma visto che i danni non arrivano mai soli... ecco fatto!
Cosa non è venuto giù!
Serre, tendoni, capanni, tetti e alberi! Infiniti pini! Con il terreno fradicio e le poche radici che hanno, il vento ha avuto la meglio su questi alberi che sembrano colonne d'Ercole!

Non so come, ma la zona appena attorno al mio stagno, è stata risparmiata, mentre a solo a poche centinaia di metri da qui, ci sono alberi divelti, strade e campi allagati, case e auto sommerse, stabilimenti balneari distrutti.

Ieri abbiamo fatto un giro in macchina lungo la costa, e a distanza di tre giorni, le strade erano ancora piene di fango, i mezzi dei vigili del fuoco stavano ancora prosciugando alcuni alberghi, gente con gli stivali da pescatore a mezza gamba, ovunque per le strade cumuli di mobili, televisori, elettrodomestici, materassi da buttare, il salvabile steso ad asciugare nei giardini.... uno spettacolo davvero straziante.

E gli alberi? In alcune zone, mezza pineta distrutta: fa impressione vedere enormi pini divelti come canne, appoggiati sulle case o sulle auto parcheggiate o che bloccano viali centrali...

Metto qualche foto presa dal web (non ho trovato foto della pineta... caricherò le mie).

Buon inizio di settimana... e speriamo bene. Cra cra 

 

 

 

 

*

*

*

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

TORTELLINI "SBRODATI" in onore di un brianzolo! *___^

Post n°846 pubblicato il 01 Febbraio 2015 da francy_62

Si sa che tra Emilia e Romagna, ovunque cadi, cadi bene per quanto riguarda il buon mangiare.
A dire il vero, in qualsiasi parte d'Italia si mangia bene; qui, come in ogni regione, ci sono alcune specialità tipiche della zona.

Però però... però devi anche essere in grado di apprezzare la buona cucina. Altrimenti tanto vale che ti mangi del riso in bianco, o una tazza di latte con i biscottoni inzupppposi, che fa tanto anziano sdentato, per dire! Ahahahah...

Per cui, dedico di cuore questi stupendi tortellini "sbrodati" ad un'unica persona:

 

I seguenti tortellini in brodo, invece, li dedico e li offro a tutti gli altri, i veri intenditori! *___^

 

Buon appetito! Cra cra

*

*

*

*

PS:

questi sotto invece, sono dedicati

a echelon 1962

che da VERO modenese

è in grado di capire

che i MIEI tortellini sono del supermercato!

*__* 

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

TEMPO BALORDO!

Post n°845 pubblicato il 30 Gennaio 2015 da francy_62

Dopo alcune mattinate mooooolto rigide

con temperature sotto zero

ed un paesaggio bianco di brina,

stamattina alle 6:30

il termometro segnava 9,5°

Benisssimo!

Riguardo la temperatura dopo un'oretta

quando mio figlio esce per andare a scuola

e ci sono 5,5°.

Ora, alle 9 passate

siamo scesi a 3° !!!

Non oso pensare a quando sarà mezzogiorno!

Uffff....

Buon fine settimana! 

Cra cra


ORE 11:30

ECCO!!!!

LO SAPEVO!

NEVICA!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

CAPITA... :-((

Post n°844 pubblicato il 24 Gennaio 2015 da francy_62

Premessa: io ho un'amica che spesso ha delle "sensazioni", delle premonizioni... ma a me non è mai capitato.

L'altro giorno, però, una particolare sensazione l'ho avuta anch'io. Già dalla notte, avevo dormito male, ero agitata. La stessa agitazione mi ha accompagnata tutto il giorno.

Poi si fa sera. Erano ormai le 18:00 e dopo aver portato mio figlio in palestra ed essere andata in un paio di negozi, mi dirigo verso casa.

È già buio e piove.

Da dove mi trovavo, avevo due alternative: o svoltare a destra ed imboccare un sottopasso sotto la ferrovia, allungando un pochino la strada, o andar dritto e attraversare la ferrovia. Mentre procedo e ci penso, mi viene da andar dritto, come più o meno faccio di solito...
Contemporaneamente mi pento, pensando che avrei fatto meglio a fare l'altra strada perchè era quasi l'orario del treno e sarei rimasta un secolo ferma alle sbarre. Pazienza, ormai non torno indietro.
Mi avvicino e le sbarre... sono abbassate! Ecco! Lo sapevo! Dovevo fare il sottopasso!

Non faccio in tempo ad arrivare e fermarmi che.............buuuummmmmmmm! Colpita in pieno!

Quello dietro se l'è dormita e mi ha tamponato, facendomi tamponare a mia volta l'auto davanti!

Evidentemente se ne è accorto solo all'ultimo secondo e ha cercato di evitarmi sterzando a sinistra. Difatti l'auto mi ha colpito solo a sinistra, fascione e ruota.

Non si è fatto male nessuno. L'auto davanti e il mio muso non hanno subito danni. Ho solo parte della fiancata laterale sinistra un po' ammaccata e la ruota distrutta! L'altro, con una piccola utilitaria, si ritrova con la parte davanti destra letteralmente sbrindellata!

Il tipo era un povero diavolo, di una decina d'anni più di me, assai dispiaciuto e mortificato. Ma almeno in regola con tutto e la mattina dopo dato lo scarico alla mia assicurazione, che ha trovato il CID compilato in modo perfetto.

Però.... ragazzi.... io, in qualche modo.... me lo sentivo che qualcosa sarebbe andato storto.... che dal passaggio a livello non ci dovevo passare. E dire che quella strada la faccio spessissime volte, ma MAI mi era venuto il dubbio di dover fare il sottopasso.

In quel frangente, mi sono resa conto che io non riesco a fronteggiare un'emergenza con lucidità! :-(

Incidente: ok!

Spavento: ok!

Nessun ferito: ok!

E' buio: ok!

Piove: ok! 

Modulo constatazione amichevole: ok!

Che ci vuole a compilarlo? Nulla: si prendono i documenti, si riportano i dati, si fa il disegnino delle auto, si firma. E arrivederci!

Seeeeeeee! In teoria! :-((

In pratica, ti ritrovi di sera, da sola, in mezzo alla strada, col traffico che riparte, con l'auto in panne, sotto l'acqua, con i muscoli dei polpacci che dalla tensione ti fanno male, con la testa che pensa mille cose assieme (come portare via l'auto.. chiamare l'aci/assistenza Fiat /assicurazione?... avvisare figlio e consorte... come andare l'indomani a scuola.. quanto tempo starò senza macchina... sarà una persona onesta o mentre va a prendere i documenti in auto fugge?.. avrà la macchina assicurata? .......) e..........ecco.... non connetti più! Non sai nemmeno come ti chiami, dove abiti e dove tieni la patente! Prendi la penna per compilare il modulo e.... leggi ma non capisci cosa c'è scritto.... vai a scrivere e non lo sai fare perché ti trema la mano...

Eh! Mamma mia!

Davvero, mi sono resa conto che mi ci vorrebbe un corso di sangue freddo per non andare in panico e fronteggiare la situazione con lucidità.

La cosa mi ha davvero demoralizzato.... ufffff.... 
Cra cra

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

PER SORRIDERE....

Post n°843 pubblicato il 21 Gennaio 2015 da francy_62

In ospedale si trova un paziente gravemente malato.
I familiari si riuniscono nella sala d'attesa aspettando che arrivi un medico a dar loro delle notizie. Alla fine arriva un po' preoccupato:
"Mi dispiace d'essere portatore di brutte notizie", dice guardando le facce preoccupate.
"L'unica speranza per il vostro familiare è un trapianto di cervello. Ovviamente bisogna aspettare che ci sia un donatore. E' un intervento abbastanza rischioso, ma fattibile. Purtroppo l'assistenza sanitaria non copre le spese, che sono tutte a vostro carico."
I familiari restano perplessi ma abbastanza fiduciosi ed uno domanda:
"Per informazione, quanto costa un cervello?"
"Dipende", risponde il medico.
"Un cervello di un uomo costa 5.000 euro, quello di una donna solo 200."
Un lungo momento di silenzio invade la stanza, mentre gli uomini presenti cercano di non ridere ed evitano di guardare le donne negli occhi, anche se qualcuno accenna un sorriso malizioso.
Infine, uno di loro osa chiedere:
"Dottore, mi scusi.... ma a che cosa si deve tale differenza di prezzo?"
Il medico, sorridendo a una domanda così innocente, risponde:
"Quando ci arriva il cervello di un uomo, è ancora imballato... quando ci arriva quello di una donna, è già stato usato molto."

         

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »

FRANCY CRA CRA

 

IN QUANTI SIETE ORA?

 

 

ARCHIVIO POST 2008

ARCHIVIO POST 2009

 

ARCHIVIO POST 2010

LE MIE RICETTE

fOCACCIA RIPIENA DI
SCAROLA E PORRI
post n° 696

QUADRUCCIOLI AGLI SPINACI
post n° 645

TAGLIATELLE, CIPOLLA, PANNA
E SPECK
post n° 645

OLIVE VERDI SOTT'OLIO
post n° 628

OLIVE VERDI IN SALAMOIA
post n° 626

STINCO DI MAIALE AL FORNO
post n° 617

INVOLTINI
post n° 607

CROSTINO TOSCANO
post n°  599

YOGURT ALLA CANNELLA
(per regolarizzare la glicemia)
post n°  597

FRIGGIONE
post n°  591

RAGU' BIANCO ALLA UMBRA
post n° 588

TORTA DI ALBUMI
post n°  581

ZUPPA INGLESE
post n° 544

STROZZAPRETI VONGOLE E ASPARAGI
post n° 544

CIABATTE VELOCI
post n° 523

PANINI DI PASTA DURA
post n° 519

CASTAGNOLE ALLA RICOTTA
post n° 516

 

...segue...

CANTUCCI
post n°  493

PASTA E BROCCOLETTI
post n°  475

PEPERONI RIPIENI
post n°  459

SALE AROMATIZZATO
post n°  430

FICHI CARAMELLATI
post n°  427

VERDURE GRATINATE AL FORNO
post n° 423

BARCHETTE DI MELANZANE
post n° 408

FUNGHI E RUCOLA
post n° 390

IL MIO RISOTTINO PRIMAVERA
post n° 369

RISOTTO AGLI ASPARAGI SELVATICI
post n° 354

ZEPPOLE DI SAN GIUSEPPE
post n° 336

GATTEAU DI PATATE
post n° 322

CIME DI RAPA ALLA CRA CRA
post n° 304

 

...segue...

TORTA PAESANA
post n°  288

MARMELLATA DI MELONE BIANCO
post n°  266

SEMIFREDDO DI CACHI
post n°  263

MARMELLATA DI CASTAGNE
post n° 263

FICHI CARAMELLATI
post n° 217

VERDURE PASTELLATE 
post n° 237

PASSATA DI POMODORO
post n° 224

CIAMBELLA
post n° 228

DOLCE AL CAFFE'
post n° 196

AGNOLOTTI
post n 130

CHIACCHIERE DI CARNEVALE
post n° 142

ANGUILLA IN FOGLIE DI VITE
post n°242

PIADINA
post n° 132

 

Ultime visite al Blog

francy_62jhws59paolodellaguardiamelen.meodio_via_col_ventolinovenatiffany2021vivodipanciabelladinotte16geishaxcasoFubelli_FubelliPRONTALFREDOazzurraluna69isrybrazir
 
 

MIA MARTINI

Il video di una canzone che amo a ricordo della stupenda artista che era e dei 15 anni trascorsi dalla sua scomparsa:

 

 

ALLELUIA

  

 

Ultimi commenti

In questo periodo, sì... Sigh... Cra cra
Inviato da: francy_62
il 19/04/2015 alle 00:16
 
Ma che famiglia disastrata ekeka! ;)
Inviato da: melen.me
il 18/04/2015 alle 23:13
 
Lo spero! Anche se mio figlio dice sempre: "Non...
Inviato da: francy_62
il 18/04/2015 alle 21:47
 
Be' col numero tre dovrebbe essere finita, no?:)
Inviato da: odio_via_col_vento
il 18/04/2015 alle 21:27
 
Beh, guarda, su tre incidenti, in due il danno ci viene...
Inviato da: francy_62
il 18/04/2015 alle 14:30
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova