Creato da: NoirNapoletano il 28/01/2011
FERMIAMOCI QUI UN MOMENTO ... MI DISSE
Translate Italian to EnglishTranslate Italian to GermanTranslate Italian to FrenchTranslate Italian to PortugueseTranslate Italian to SpanishTranslate Italian to Russian
gadGet by genialFactory
 

Contatta l'autore

Nickname: NoirNapoletano
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 9
Prov: NA
 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 40
 

 

Ultime visite al Blog

lascrivanamaracicciaNoirNapoletanodonadam68gio123vanniMissdaye_d_e_l_w_e_i_s_ss.t.e.f.y5EMMEGRACENuvola_volafran6319Estelle_ksono_io2010FLEURBLUE1
 

Ultimi commenti

Lacrime di pioggia di Venditti ci può stare.notte di note...
Inviato da: lascrivana
il 28/05/2017 alle 21:09
 
e la respiro...ingordo,,^__^sera Noir
Inviato da: maraciccia
il 28/05/2017 alle 21:04
 
^____*
Inviato da: donadam68
il 28/05/2017 alle 19:04
 
e il video la rende ancora più bella
Inviato da: NoirNapoletano
il 28/05/2017 alle 17:58
 
..sono iniziate le partite ...questo è...
Inviato da: NoirNapoletano
il 28/05/2017 alle 17:57
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 17/05/2017

 

SESTO SENSO

Post n°639 pubblicato il 17 Maggio 2017 da NoirNapoletano

Mi sono visto andare, come lasciarsi andare senza il senso delle cose e del nostro osservare. Tu eri lì, candida come la neve e fragile come la tua bellezza. Non so cosa avrei dato per poggiare la mia testa sulle tue gambe. Sei un guanciale di fiori, un sorriso che s’inchina pronto al vento dell’incanto che soffia tra le tue braccia rassicuranti. E non c’è un perché se il tuo sorriso mi rimane nel cuore come l’attimo in sospensione, sempre in attesa di un fiorire che percepisci in ogni istante nel tuo fiato, nelle vene, in questo sangue che scorre tra le dita fino ai gomiti … questo è il mio sentire … il mio sentire per te che non chiede di esser visto da te

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

OMOFOBI SI NASCE O SI DIVENTA?

Post n°638 pubblicato il 17 Maggio 2017 da NoirNapoletano

Oggi è la giornata mondiale contro l’omofobia. Eggià ... ma omofobi si nasce o si diventa? Incominciamo a dire che dobbiamo “ringraziare” a quei principi e messaggi che apprendiamo sin da piccoli e che vengono impartiti come assolutamente giusti e inconfutabili. Un po’ come il dogma della fede. L’impossibilità di pensare e del non essere è “conditio sine qua non” per esserci nella nostra società. Quella delle maggioranze intendo. La cultura omofoba, si eredita come la convinzione o l’imperativo di un qualcosa di assolutamente sbagliato, innaturale e contrario alle norme del buon vivere comune. Il tutto poi si riduce … come sempre, alla tolleranza, quel finto buonismo del non guardare … e del tanto io non lo sono e “problemi suoi”. Mi domando è davvero questa la soluzione? quanta resistenza c’è nel prendere atto e contrastare con efficacia un fenomeno reale e consistente di pregiudizio e discriminazione nei confronti di persone omosessuali? La storia ci riserverà ancora l’oppressione per la paura del diverso sia essa per la pelle, per la religione o per la diffidenza e la cultura del disprezzo per ogni minoranza? Voglio vivere con la serenità dei miei pensieri in mezzo alla gente e attraverso la gente. Pace interiore a tutti

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

LA DISTANZA

Post n°637 pubblicato il 17 Maggio 2017 da NoirNapoletano

Sai qual è la nostra distanza? Io la conosco. Nel mio spazio non misuro tratti, ma nel tuo sguardo, rimane a me soltanto, un sussurro spezzato. Tendimi una carezza di spine, con lame lunghe e sottili, così potrò sbucciarmi le labbra. Esitanti silenzi avvolgono il mio cuore in petali bianchi, come l’urlo di quest’ultimo autunno che mi cammina dentro mentre immobile è il dolore. Straziami, che già tormenti senza ferire. Ma se mi parli, magari t'incontro e ti chiederò anch'io come va..magari dove c'è il mare perchè ...

 

la dove c'è il mare c'è libertà

lo sguardo non ha confini

E davanti alla pace all'infinità

si piange come bambini


e mi comprenderai

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso