Creato da Licia.Cutaia il 26/03/2008
Psicologo, psicoterapeuta relazionale - Tel: 3392436046 - Via Antonio De Gregorio 15 - Palermo

TARIFFE

NUOVE TARIFFE 2018:

 

TERAPIA INDIVIDUALE 30,00 €

TERAPIA DI COPPIA 50,00 €

 

VAI AL MIO SITO

 

VISITA IL MIO SITO

   www.mentepsiche.it

Per chi ama metafore, storie e filmati, visiti il blog

blog.libero.it/favolosamente

 

Sono Licia Cutaia ed ho creato questo blog con il fine di presentarmi, di far conoscere il mio approccio professionale e condividere con i visitatori alcuni miei articoli, immagini, fimati e considerazioni che esprimono i miei interessi, la mia sensibilità, la mia professionalità.

In fondo al blog troverete il mio curriculum vitae e gli articoli che descrivono il modo in cui lavoro.

Potrete contattarmi al mio cellulare o al mio indirizzo di posta elettronica, sia per un consiglio sia per intraprendere un percorso terapeutico. 

 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

La forza non deriva dalle capacità fisiche,

ma da una volontà indomita.

(Mahatma Gandhi)

 

Area personale

 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

CORPO - MENTE - EMOZIONI

 

 

 

Nell'uomo corpo e mente sono indissolubilmente connessi

L'uomo è costituito  da corpo, dalla mente e dallo spirito.

Lo spirito è curato dalla fede, il corpo dalla medicina, la mente dalla psicologia e dalla psichiatria

Quando il corpo ha un sintomo  - se un medico ne esclude la causa organica - esso può esprimere un disagio  di origine psichica.

Le emozioni sono processi della mente (hanno origine nel sistema limbico) sono decodificate dai nostri processi cognitivi (intellettivi) e sono nominate con il linguaggio.

Quando le emozioni disturbanti invece di essere connesse alla neocorteccia cerebrale si esprimono direttamente attraverso le vie autonome corporee, allora si costituisce il linguaggio organico.

IL CORPO COMUNICA

Se avete sintomi fisici che non hanno trovato un riscontro in una diagnosi medica, l'origine della vostra sofferenza potrebbe essere un conflitto emotivo individuale, relazionale, comunicativo!

In questi casi, è opportuno parlarne con il vostro medico di fiducia e valutare l'opportunità di richiedere una consulenza psicologica.

 
 

 

 
« 04. 06.2012 : Pensieri f...Dedicato ai miei pazienti »

CONSIDERAZIONI SUL FENOMENO DELL’APPARIZIONE DELLA SUORA NELLA CHIESA DI SANTA MARIA MERCEDE AL QUARTiERE CAPO DI PALERMO.

Post n°42 pubblicato il 13 Aprile 2013 da Licia.Cutaia

 

 

 

 

Il fenomeno dell’apparizione della suora nella Chiesa di Santa Maria Mercede, può essere considerato come una nevrosi di massa che parte da un coinvolgimento emotivo e che trova un terreno fertile nelle credenze religiose e nella cultura e fede palermitana.

Non parliamo di psicosi il cui termine rinvia ad un quadro sindromico molto grave in cui vi è una seria compromissione dell’esame di realtà e della capacità di giudizio di un singolo o di una massa.

Nel caso specifico dell’apparizione della suora assistiamo piuttosto ad un contagio isterico per il quale è più appropriato parlare di influenzamento nevrotico di un fenomeno percettivo.

I commenti della gente conservano una capacità critica ancorché intrisa di contenuti emotivi e di speranza.

Le considerazioni emerse dalle interviste introducono il condizionale e si presentano come pareri personali piuttosto che come idee deliranti che deteriorano l’esame della realtà

Premesso che quanto avviene possa essere inquadrato come uno dei tanti  fenomeno nevrotici riportati dalle cronache, possiamo riflettere sul processo di questo avvenimento.

Il pellegrinaggio presso la chiesa Santa Maria Mercede risponde a due stimoli: 1) è la curiosità verso quanto avviene; 2) la credenza fiduciosa in un fenomeno inspiegabile.

Il primo punto rinvia al bisogno di conoscenza, partecipazione e condivisione di un fenomeno relazionale.

Il secondo punto è l’esito di vari fattori che coinvolgono più dimensioni del sistema umano: dimensione cognitiva, emotiva, relazionale, culturale.

La realtà è sempre costruita sulla base di quanto selezioniamo tra le informazioni che riceviamo, in altre parole consideriamo reale quello che noi vogliamo vedere.

 La percezione della realtà è dunque determinata da fattori emotivi, mnemonici, socioculturali, relazionali.

Se vogliamo attenerci ad una lettura esclusivamente di tipo cognitivo-percettivo dobbiamo tenere in considerazione che la nostra mente cerca sempre di dare un significato ed una coerenza a quanto percepisce. Talora questa tendenza è così marcata da potere vedere delle figure nelle ombre, tra le nuvole, nella disposizione casuale di punti su uno sfondo e via dicendo.

Quanto riusciamo a vedere o a costruire è connesso alla cornice di riferimento in cui la proposta percettiva arriva. Ovvero nel caso specifico dell’apparizione misteriosa, la visione della suora trova una congruenza con il luogo della chiesa e la storia ad essa connessa, è rafforzata dal contesto culturale di accoglienza: Palermo e la sua devozione alla Santa; è amplificata dalle esigenze di carattere emotivo che rispondono al bisogno di essere attenzionati e protetti da un’entità superiore che custodisce e che sostiene.

Il fenomeno si verifica in un periodo di grande sconforto e disorientamento emotivo, inoltre sollecita l’esigenza di cercare un supporto, di trovare un riferimento interiore cui investire le proprie preoccupazioni; infine, trovare la reificazione di questi bisogni in una immagine religiosa pura come quella di una santa è funzionale e coerente.

Ancora dobbiamo anche considerare il fenomeno relazionale ovvero la gratificazione del proprio naturale bisogno di appartenenza ovvero sentirsi parte di un gruppo che ha il privilegio di assistere con fiducia ad un miraggio eccezionale, ad una apparizione che si crede miracolosa.

Concludendo penso che quanto avviene può avere una spiegazione di tipo psicologico in una costruzione funzionale che offre risposta ad un insieme di bisogni interiori sorretti da una tela culturale di riferimento forte e  da una coerenza sufficiente perché venga condivisa.

 

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/obiettivosalute/trackback.php?msg=12039076

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback