occhio alla truffa

smascheriamo assieme le truffe

 

miglior sito

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 25
 

ULTIME VISITE AL BLOG

diegocontaldiansa007nellohrip.777BlackStar22e.biagi1nandolino0patata60kitdgl10soffioevitabal_zacciccioccedwardteachjigendaisuke
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 

« L'inutilità delle agenz...Essere vegetariano è una... »

La nuova manovra

Post n°18 pubblicato il 06 Dicembre 2011 da giggi91

Stasera a "porta a porta" il presidente del consiglio Mario Monti illustrerà la manovra salva Italia. Per chi si è perso i vari telegiornali o preferisce girare la testa su tematiche più rosse, pubblico i capisaldi della manovra qui sul mio blog, annunciandovi che naturalmente a farne le spese saremo soprattutto noi cittadini; che come sempre le uniche cose che, per il momento vedremo, saranno solo rincari e nuove tasse. Ma, nella speranza di un futuro migliore, voglio fare a tutti voi, e a me stesso, un grosso in bocca al lupo!

Ripristino dell'Ici, riforma delle pensioni, incremento dell'Iva del 2 per cento, aumento delle accise sui carburanti, tagli agli enti locali. Sono i principali provvedimenti contenuti nella manovra economica varata ieri dal governo Monti. Un decreto legge da 20 miliardi di euro netti e di 30 al lordo da spalmare nel triennio 2012-2014, con possibili correzioni per interventi a favore del lavoro e delle imprese. "Abbiamo avuto cura nel distribuire i sacrifici", ha detto il presidente del Consiglio, ricordando che il governo è stato chiamato all'opera per risolvere "una crisi gravissima". 

Monti ha anche annunciato che, in ossequio al principio della distribuzione dei sacrifici, rinuncerà al suo stipendio di premier e ministro dell'Economia, e che tutti i membri del governo adotteranno una trasparenza totale nelle loro dichiarazioni patrimoniali. 
Facendo riferimento alla manovra, Monti ha spiegato che "per certi aspetti abbiamo da tirare la cinghia e per altri mettiamo subito in opera meccanismi per la crescita dell'Italia". 

Non ci sarà aumento dell'Irpef, che era nelle bozze originarie della manovra. Sarà invece reintrodotta l'Ici, che si chiamerà Imu e avrà un'aliquota ordinaria dello 0,76 per cento. Tasse in vista anche per i beni di lusso: le barche oltre i dieci metri, gli aerei privati e le automobili di un certo livello. L'Iva sarà aumentata del 2 per cento dal settembre 2012, mentre sarà vietato fare transazioni in contanti oltre i mille euro. Previsto poi un prelievo una tantum dell'1,5 per cento sui capitali rientrati con lo scudo fiscale. Un provvedimento, quest'ultimo, che secondo il premier ha "valore di giustizia". 

Oltre a tagli a regioni e comuni, il governo ha abolito le giunte provinciali, riducendo anche il numero dei consiglieri.  Per quanto riguarda gli interventi strutturali in favore della crescita, è previsto uno sgravio per chi mette capitali nelle aziende, nonché per chi assume giovani e donne. Un meccanismo denominato Ace favorirà la patrimonializzazione delle imprese, mentre le nuove assunzioni saranno premiate con una riduzione dell'Irap. Il ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera ha poi annunciato che attraverso il prossimo Cipe saranno sbloccate decine di miliardi per le infrastrutture.

La riforma delle pensioni è stata presentata dal ministro del Lavoro Elsa Fornero: "Abbiamo deciso di lasciare l'anzianità delle donne a 40 anni più uno, perché c'è già, più un mese già scattato. Quindi 41 anni e un mese per le donne. Per gli uomini chiediamo un sacrificio: l'anzianità si acquisisce con 42 anni e un mese dal primo gennaio 2012". L'età minima sarà di 66 anni per gli uomini e 62 per le donne. Dal 2018 non ci sarà più differenziazione ed entrambi i sessi andranno in pensione a 66 anni.

Il ministro del Lavoro Elsa Fornero che scoppia in lacrime quando rivela che è stato deciso per il 2012 lo stop all'adeguamento annuale in base all'inflazione per tutte le pensioni, tranne per le "pensioni tra i 480 euro e la doppia della minima" (queste ultime rivalutate però al 50%). Le pensioni, quindi, sopra i 960 euro mensili non saranno più indicizzate.  

Monti ha infine assicurato che sarà garantita piena copertura dell'inflazione a chiunque non superi il doppio della pensione minima: "Grazie ai proventi derivanti dal bollo sullo scudo fiscale possiamo dare non metà copertura dall'inflazione, come pensavamo, ma piena copertura dall'inflazione, anche per le pensioni comprese tra quella minima, che è di 480 euro, e la doppia della minima".

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/occhioallatruffa/trackback.php?msg=10867682

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
follezero
follezero il 06/12/11 alle 22:03 via WEB
HO SENTITO E SONO INCAVOLATA NERA
 
 
giggi91
giggi91 il 06/12/11 alle 22:44 via WEB
purtroppo a pagare sono sempre i soliti
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.