gateway

portami lontano da queste terre,lasciami qui,in questa immensa distesa ad aspettar le stelle,lasciami qui per accogliere un delfino e chiedergli di insegnarmi a parlare

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

ULTIME VISITE AL BLOG

piccoloaxeljola2010ioleiedilmareerikabz50mariomancino.mideatoxteGIOPIXbeautyelianeelizabennetsoledicristallienrico149edjangelo_2011HARDYZONEforestales1958
 

ULTIMI COMMENTI

 

 

Post N° 56

Post n°56 pubblicato il 28 Dicembre 2007 da ioleiedilmare

 Slego gli ultimi nodi che alla terra mi tengono

le mani sono fredde ed il sale brucia

nulla porto nella cambusa

solo un cuore che vuole vivere

non temo gli scogli perchè i tuoi occhi saranno faro

aspettami dunque che le vele spieghi

è dal mattino nebbioso di un promontorio

mi ritroverò immerso nella luce del mezzodì

 
 
 

Post N° 55

Post n°55 pubblicato il 17 Ottobre 2007 da ioleiedilmare

Fragosi cadono i cristalli

lasciano semi di ricchezza

mentre l'astro risorge

stagliando raggi sulle faccie

ecco che allora ciò che pareva non è

come un riflesso che luce pare

come l'altezza che nell'ifinito svanisce

eccoli goccia che la terra nasconde

mostrar al mondo il lor essere neve.

 
 
 

Post N° 54

Post n°54 pubblicato il 21 Settembre 2007 da ioleiedilmare

"Ed ora andate sulle ali del tempo

adesso che il vento ha smesso di soffiare

libratevi lucenti nel riflesso della vostra luce

impavidi cuori la via è segnata a voi seguir le stelle"

 
 
 

bagliori nel buio

Post n°52 pubblicato il 04 Giugno 2007 da ioleiedilmare

Lento s'acquieta

l'indomito istinto,

come neve sulle vette

gela le granitiche roccie,

artificiose sommità

a cupi bastioni si alzano,

del mare rubano lo sguardo

e nulla m'appare a sentiero,

solo l'ingannevole candore

greve mantello che l'eco nasconde,

voci lontane del gelo prigioniere

non lasciano vibrare l'immobile corpo.

Ma un suono dalle crune si leva

la calda melodia dell'arpa

nelle tue mani tutto calma

mentre l'acqua sferzante

rompe l'argine dei miei timori.

(a chi non serve la parola per muovere grandi cose)

 
 
 

Post N° 51

Post n°51 pubblicato il 07 Maggio 2007 da ioleiedilmare
Foto di ioleiedilmare

"posso vivere nell'attesa

ma quanto è amaro il fluido acre della fine"

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: ioleiedilmare
Data di creazione: 01/03/2006