Creato da olivieromatteo il 08/09/2006

La nube grigia

Un mondo di consigli per chi ama scrivere ...

 

 

Villotte: Storie in cammino... un cammino di Storia

Post n°742 pubblicato il 08 Settembre 2017 da olivieromatteo

Possono partecipare al premio poeti e scrittori ovunque residenti di qualsiasi nazionalità, sesso e religione, studenti di ogni ordine e grado con opere singole o di gruppo con opere in lingua italiana, edite o inedite.


ART. 2
Il concorso è suddiviso in 6 sezioni:
- Poesia a tema libero. PREMIO UMAGO.
- Poesia a tema “L’Esodo Istriano - Fiumano - Dalmata. PREMIO POLA.
- Racconto a tema libero. PREMIO VALLE D’ISTRIA.
- Racconto a tema “L’Esodo Istriano - Fiumano - Dalmata. PREMIO CITTANOVA D’ISTRIA. Titolo suggerito, ma non vincolante “Ripartire da zero..."
- Libro edito di poesie. PREMIO PIRANO
- Narrativa edita (Saggio – Romanzo - Racconti). PREMIO BUIE D’ISTRIA

Sezione A e B
Si partecipa inviando fino a 5 poesie, max 40 versi in 4 copie dattiloscritte (una sola poesia su un foglio A4 ) di cui solo una corredata dei dati anagrafici, indirizzo, numero telefonico e E-mail e firma.

Sezione C e D
Si partecipa inviando un racconto, lunghezza libera, in 4 copie, di cui una corredata dei dati anagrafici, indirizzo completo, numero di telefono e E-mail e firma.

Sezione E e F
Si partecipa inviando 3 copie del libro (Saggio, Romanzo, Silloge) pubblicato negli ultimi 10 anni. Una copia deve contenere l’indirizzo completo, numero di telefono, e-mail e la firma autografa.


ART. 3
Le opere e la scheda di partecipazione, devono pervenire entro e non oltre il: 31.10.2017 al seguente indirizzo mail: concorsostorieincammino@gmail.com in formato Word o PDF, escluso i libri, oppure all’indirizzo postale: “Concorso Letterario Villotte” c/o Vador Luigino - Via Manzoni 6 – 33080 San Quirino (PN). Le opere non saranno in nessun casi restituite. Per gli invii via mai sono sufficienti due copie di ogni opera: una con firma e dati ed una senza nessun riferimento, più copia della Scheda di partecipazione.
Per agevolare il lavoro della Segreteria vi preghiamo cortesemente di non attendere gli ultimi giorni per l’invio dei vostri elaborati, grazie per la preziosa collaborazione.


ART. 4
I nominativi della Giuria, il cui operato è inappellabile ed insindacabile, saranno resi noti il giorno della premiazione che avverrà sabato 28 aprile 2018, presso la sede del Circolo Ricreativo delle Villotte in via Valle d’Istria 1, a San Quirino (PN). L’ora della premiazione sarà comunicata via mail o telefono a tutti i premiati, con congro anticipo.


ART. 5
Premi in palio:

Sezione A - C - E - F:
Primo classificato € 100,00 - Targa - Diploma e Motivazione.
Secondo e terzo classificato - Targa - Diploma e Motivazione.
Quarto e quinto classificato - Coppa - Diploma

Sezione B:
Primo classificato € 150,00 - Targa - Diploma e Motivazione.
Secondo e terzo classificato - Targa - Diploma e Motivazione.
Quarto e quinto classificato - Coppa - Diploma

Sezione D:
Primo classificato € 200,00 - Targa - Diploma e Motivazione.
Secondo e terzo classificato - Targa - Diploma e Motivazione.
Quarto e quinto classificato - Coppa - Diploma


ART. 6
In occasione della cerimonia di premiazione é richiesta la presenza dei concorrenti premiati. I premi in denaro saranno consegnati solo ai presenti. Nel casi di opere di gruppo, dovrà essere presente almeno un delegato. I premi in denaro, se non ritirati saranno accantonati per l’edizione successiva. Per i premi non di denaro, chi eventualmente non potrà essere presente, potrà delegare, per iscritto un rappresentante al ritiro del proprio Premio. Oppure richiedere la spedizione al proprio domicilio con spese in contrassegno.


ART. 7
Per tutti i testi inviati l’autore ne è personalmente responsabile di fronte alla legge in caso di plagio.


ART. 8
La partecipazione al concorso comporta la piena accettazione di tutte le norme citate nel presente regolamento.


ART. 9
La partecipazione è gratuita.


ART. 10
Ulteriori informazioni si possono richiedere telefonando al Cell. +39 366 5207296, oppure inviando una e-mail:
concorsostorieincammino@gmail.com

 
 
 

Riflessi sul Lago. Tre giorni d'ispirazione a Riva del Garda

Post n°741 pubblicato il 01 Settembre 2017 da olivieromatteo

Regolamento.

1.

E’ bandito il Concorso-Sfida letteraria “Riflessi sul Lago” Prima Edizione 2017 per Racconti di ogni genere ispirati e ambientati a Riva del Garda

La Registrazione ufficiale dei partecipanti avverrà il giorno venerdì 15 settembre 2017 presso la Biblioteca civica di Riva a partire dalle ore 16 e si concluderà alle ore 20. Al momento della registrazione al candidato verrà consegnata una busta contenente le frasi da inserire necessariamente nel racconto, una cartina della città con riportati i luoghi convenzionati  e i punti di interesse culturali, storici e paesaggistici di Riva, i buoni sconto per i Non Residenti da spendere nei locali convenzionati, 2 gadget ricordo e la scheda di registrazione da compilare in loco, nonché il programma della manifestazione aggiornato e i recapiti telefonici utili per ogni evenienza. Per i minorenni è necessaria la presenza di un genitore e della sua firma.

2.

a. Requisiti.

I racconti dovranno avere i seguenti requisiti:

_Lunghezza massima: 3 cartelle editoriali, con un numero totale di caratteri (spazi inclusi) pari a 5400 battute. Una cartella dovrà presentare 30 righe da 60 battute a riga, per un massimo di 1800 battute a cartella spazi compresi. Dimensione carattere: 12, senza elementi caratterizzanti (disegni, cornici ecc..), in caratteri tipografici Times New Roman o Courier New. Il file spedito dovrà essere un file Word, in alternativa si potrà consegnare a mano l’elaborato su normali fogli A4.

_Essere scritti esclusivamente in lingua italiana

_Essere inediti (quindi non essere stati riadattati per l’occasione ma di essere solo frutto del lavoro sul campo nei tre giorni di svolgimento del concorso)

_Essere l’opera del singolo partecipante (Non sono accettati lavori di gruppo)

_Essere ambientati a Riva del Garda e che l’azione si svolga in essa

_Viene ammesso un solo Racconto per autore

_Di non contenere volgarità, elementi di discriminazione di ogni genere e di non eccedere in contenuti eccessivamente violenti o forti né di contenere stralci di opere note.

_Di contenere le 2 frasi chiave citate nella busta al momento della registrazione, pena l’esclusione.

Le fotografie dovranno avere le seguenti caratteristiche:

_Possono essere in qualsiasi formato, ben visibile ma che siano allegabili in un’unica mail

_Possono essere in bianco e nero o seppia o a colori e non modificate altrimenti

_Di essere state scattate dall’autore del racconto (un normale smartphone va benissimo)

_Possono contenere scorci di Riva, dei suoi monumenti, dei paesaggi, di persone o cose che caratterizzano il racconto sempre che non ledano la privacy o la dignità di alcuno. I concorrenti possono darsi una mano e fare da modello l’uno all’altro.

 

b. Consegna dei Lavori.

Le opere devono essere inviate via e-mail entro e non oltre le ore 12.45 di domenica 17 settembre all’indirizzo di posta elettronica isenzatregua@outlook.it , in un’unica copia allegata alla stessa mail insieme alle tre foto. La mail dovrà riportare nell’oggetto solo il nome del partecipante in modo da velocizzare il lavoro della giuria. Dato che ogni partecipante sarà registrato in un elenco non servirà aggiungere altro.

Chi vorrà consegnare l’opera in forma cartacea potrà farlo presso la Biblioteca Civica non oltre le ore 13 dello stesso giorno con le fotografie allegate al racconto e che riportino come lo stesso testo il nome del partecipante (ancora meglio se il tutto venga imbustato).

Riassumendo.

•             Il tema del racconto è libero, necessariamente ambientato a Riva e corredato di tre fotografie scattate dall’autore sul territorio del Comune che colleghino la storia narrata al luogo.

•             La lunghezza del racconto non dovrà superare le tre cartelle word, da 1800 battute l’una, 30 righe a cartella. La brevità non è atta a limitare ma è stata scelta per espandere la fantasia, la capacità di sintesi e quella di cogliere l’essenza di un momento, di uno scorcio, di un’atmosfera.

•             La sfida si svolgerà in tre giorni: esplorazione e ideazione, stesura, battitura e consegna. Il concorrente potrà accedere ai servizi bibliotecari e del museo all’inizio del contest e verrà registrato la mattina del primo giorno.

•             Nel pomeriggio del terzo giorno la giuria decreterà il vincitore tra tutti i racconti consegnati, che verrà premiato la sera stessa insieme a due segnalati per qualità delle opere proposte.

Sul perché delle frasi da inserire nel racconto:

Sono due frasi contenenti un luogo e una situazione ognuna, legate alla città. Quelle consegnate ai Residenti conterranno un grado di difficoltà maggiore rispetto a quelle per i Non Residenti. Le frasi in questione non sono finalizzate a limitare bensì ad evitare che un concorrente possa preparare il racconto precedentemente. L’idea, al contrario e in linea di massima, può tranquillamente essere già presente nel progetto dello scrittore, come del resto è naturale che sia.

 
 
 

Post vacanze

Post n°740 pubblicato il 23 Agosto 2017 da olivieromatteo

Da un paio di settimane, anche questa lunga vacanza è arrivata al termine. Giusto il tempo di riorganizzare il lavoro ed eccomi nuovamente a scrivere su questo blog che tra meno di un mese compirà ben 11 anni.
Relax, mare e libri mi hanno accompagnato anche questa estate, tenendomi per mano pagina dopo pagina.
Purtroppo non sono riuscito a scrivere, ma ho avuto modo di buttar giù, al momento solo in testa, tre possibili progetti da sviluppare.
Purtroppo, non so per quale motivo, non riesco a sviluppare progetti identici o simili rispetto a quanto già fatto in passato, il primo libro che ho scritto era un romanzo di pura fantasia, poi una raccolta di racconti, poi una storia semi-auto-biografica, che ho letto e riletto già decine di volte e spero di inviare presto all'attenzione di qualche casa editrice.
Quando penso a un possibile progetto da sviluppare, accade che voglia distaccarmi dai progetti già affrontati, non mi viene un'idea per un nuovo romanzo di fantasia, per raccolte di racconti o di storie semi-auto-biografiche.
Sarà un pò difficile quindi riuscire a buttar giù qualcosa, ma ci proverò ugualmente.
Tra qualche giorno l'estate finirà un pò per tutti, il ritorno alla normalità sarà inevitabile per tutti, così come per me, e la normalità per me significa anche scrivere, ed è quello che farò.

 
 
 

Concorso Il Sigillo

Post n°739 pubblicato il 26 Giugno 2017 da olivieromatteo

REGOLAMENTO

 

1. L’Università Popolare di Padova, con il patrocinio del Comune di Padova, della Provincia di Padova e della Regione Veneto, indice la terza edizione del Concorso Il Sigillo, per offrire la possibilità di presentare le proprie opere a quanti trovano nella passione per la scrittura, per la fotografia e per il disegno un modo per comunicare ed esprimersi.

2. Il Concorso è realizzato in collaborazione con l'Assessorato Cultura e Turismo del Comune di Padova, e con il Museo Diocesano.

3. Il Concorso è riservato a racconti inediti scritti in lingua italiana di autori italiani e stranieri, a opere fotografiche inedite, sia a colori che in bianco e nero, e a illustrazioni inedite create con qualsiasi tecnica.

4. Il tema del Concorso è: “Esili

Quello dell'esilio è un tema ricorrente nella storia della letteratura, non solo italiana ma mondiale. L'esperienza dell'allontanamento dalla patria, volontario o imposto, porta l'esule ad affrontare lo spaesamento del viaggio e del pellegrinaggio, l'incertezza del ritorno e la nostalgia per la patria perduta. Chi è costretto – o si costringe – all'esilio ha spesso modo di aprire nuove prospettive sulla propria interiorità e andare incontro alla costruzione di una nuova identità, spesso può forte e definita (si pensi per esempio a Dante, che sul suo peregrinare fonda la sua identità politica, oppure, per citare un esempio più vicino ai nostri giorni, all'esilio volontario di Luigi Meneghello, che lontano da una patria che ritiene ormai vuota riesce ad aprire nuove prospettive, anche dal punto di vista linguistico); allo stesso tempo, l'esule può trovarsi ad affrontare la solitudine dell'isolamento, giungendo talvolta alla perdita della dignità di essere umano.

Qualunque sia la causa scatenante di un esilio, si tratta sempre di un'esperienza che porta a cambiamenti profondi, per certi versi irreversibili, e che si presta a una molteplicità di interpretazioni. Infatti, se estendiamo il concetto di "patria" alle imposizioni della società e del vivere cosiddetto civile, chiunque decida di liberarsene diventa in fin dei conti uno straniero, un esule.

Nella terza edizione del Concorso "Il Sigillo” si intende dare la possibilità di affrontare il tema dell'esilio, nel senso più ampio del termine e come esperienza che può essere allo stesso tempo di crescita o di involuzione.

5. Unitamente alle opere, il partecipante dovrà inviare la scheda di partecipazione debitamente compilata e firmata. Il mancato invio di tale scheda comporta l’esclusione dal Concorso.

6. La partecipazione al Concorso è gratuita.

7. Le valutazioni della giuria sono insindacabili.

Regolamento sezione "Racconti"

1. La terza edizione del concorso Il Sigillo, aperto a tutti, intende offrire la possibilità di presentare le proprie opere a quanti trovano nella passione per la scrittura un modo per comunicare ed esprimersi sul tema: “Esili"

 

2. I racconti devono essere inediti e perciò non potranno essere rifacimenti, né riedizioni modificate di lavori precedentemente editi, comprese le pubblicazioni sul web, pena l’esclusione dal concorso.

 

3. La lunghezza dei racconti può raggiungere un massimo di 15 cartelle (una cartella pari a 1800 battute, spazi inclusi). Ogni partecipante potrà inviare al massimo due racconti. I file dovranno essere in formato .pdf, rinominati con un massimo di 7 caratteri alfanumerici più estensione, così composti: CCCNNNR, dove CCC sono le prime tre lettere del cognome, NNN sono le prime tre lettere del nome ed R indica il numero del racconto. Ad esempio: Bianchi Davide, racconto n°2 diventa - BIADAV2.pdf

Le opere partecipanti dovranno essere inviate a mezzo e-mail all’ indirizzo ilsigillo.racconto@unipoppd.org

unitamente alla scheda di partecipazione che potrà esse scaricata anche dal sito www.unipoppd.org

 

4. Ogni Autore è personalmente responsabile di quanto forma oggetto delle opere presentate e ne autorizza la pubblicazione senza alcun fine commerciale o di lucro.

 

5. I racconti partecipanti al concorso verranno sottoposti alla giuria dell’Università Popolare di Padova che individuerà 3 vincitori; inoltre la giuria dell’Università Popolare selezionerà altre 3 opere che, pur non rientrando tra i vincitori, saranno comunque considerate meritevoli di segnalazione.

 

6. Premiazione: Le tre opere vincitrici verranno presentate e lette nelle loro parti più significative in occasione della cerimonia di premiazione. Verranno anche attribuite, come da regolamento, tre segnalazioni; potranno essere decise altre segnalazioni o premi, qualora venissero messi a disposizione della Giuria dopo la pubblicazione del presente bando.

 7. I testi verranno utilizzati e resi pubblici solo nel contesto della manifestazione in sé e per la sua promozione. 

8. Il verdetto finale della Giuria è insindacabile ed inappellabile a ogni effetto. I risultati saranno comunicati per e-mail.

 

 
 
 

Una poesia di qualche giorno fa

Post n°738 pubblicato il 08 Giugno 2017 da olivieromatteo

Venni qui quand’ero bambino,
la prima volta mi alzavo sulle punte
e raggiungevo a malapena
quel ramo lontano.
Quando il mio sguardo cadde lì vicino,
verso il rumore di quel fiume
che scorreva sotto un ponte.
Era forte quel rumore,
tanto quanto l’acqua stesa sulle rocce,
potente, rabbiosa, veloce,
correva verso il mare
lasciando nell’eco la sua voce.
Quegl’occhi da bambino,
così vispi e così sinceri,
incantati da quell’acqua,
ignoravano del fiume
il suo domani, il suo ieri.
Venni qui ancora da giovane,
e su quel ramo poggiai la mano
alzando appena il braccio.
I miei occhi svegli, sapienti,
ormai colmi d’acume,
seguirono quel tuono continuo,
quasi un immenso boato
era l’acqua di quel fiume.
Ancora più veloce,
ancora più potente,
come acqua caduta fin dal cielo
che sulle rocce si distende.
Aveva dato vita e nutrito l’erba
tutto intorno,
e tra quell’erba il colore di fiore.
Salutai il fiume
chiedendo di aspettare il mio ritorno.
Ora che sono qui da adulto,
ancora non ci credo.
Eppure i miei occhi saggi
l’hanno sempre saputo,
che prima o poi quel fiume
senza alcun motivo
senza alcun preavviso
sarebbe divenuto muto.
Alzo la mano ma non trovo nulla,
l’albero con i suoi rami spogli
e le radici secche non c’è più,
è caduto.
Le rocce sembrano ormai asciutte
e l’acqua par rimasta solo sul fondo.
E senza più alcuna voce,
l’acqua immobile giace,
come se non ci fosse uno sbocco,
come se non ci fosse una foce.
Alzo lo sguardo
fino a posarlo sull’intero orizzonte,
da un lato che par lontano
solo una gran radura,
quel fiume non riesco più a vedere,
allora inizio a capire
che è proprio lì
che il fiume andrà a morire.
Inizio allora camminare nell’opposto lato,
seguendo il fiume mentre leggermente sale
verso l’alto, verso un monti
da cui ha avuto origine,
da cui ha fatto il primo salto.
Ci vuol coraggio,
ci vuole forza,
occorre render innocuo ogni pericolo,
a far questo cammino verso l’alto
cercando di rimuovere ogni ostacolo.
Lo faccio sapendo che un giorno tornerò
laddove un nuovo albero sarà cresciuto,
proprio nel punto dove l’altro
ormai secco e spoglio,
era caduto.
Tornerò verso quel fiume
dove intorno l’erba è tornata a crescere.
Sarà di nuovo pieno, vigoroso, forte,
un tuono da farmi perfino dimenticare
di aver visto poco prima la sua morte.
Ascoltando nuovamente la sua voce,
alzerò lo sguardo fino a scrutare
ogni lato,
fino a dimenticare il suo inizio e la sua foce,
proprio come se
non me ne fossi mai andato

 
 
 

Premio poesia “MARIA VIRGINIA FABRONI”

Post n°737 pubblicato il 18 Maggio 2017 da olivieromatteo

 

REGOLAMENTO

1^ EDIZIONE CONCORSO DI POESIA

“MARIA VIRGINIA FABRONI”

Tema di questa edizione: “VITA CAMPESTRE”

1.     Concorso di poesie inedite (per inedito si intende non essere stato pubblicato da nessun editore).

2.     Sono ammesse al concorso poesie in lingua italiana, presentate da autori cittadini italiani e stranieri che abbiano compiuto il diciottesimo anno. Ogni autore potrà inviare un massimo di n. 3 poesie.

3.     La modalità di partecipazione al concorso è gratuita.

4.     Tutte le opere dovranno essere ispirate al tema “VITA CAMPESTRE ”.

5.     Tutte le opere dovranno essere inviate entro il 31 MAGGIO 2017.

6.     Il testo, senza firma e la scheda di partecipazione, corredata dei dati identificativi dell'autore (nome, cognome, età, professione, indirizzo, n. telefonico e mail), dovranno pervenire preferibilmente via email all’indirizzo premiomvfabroni@gmail.com (in formato testo sottoforma di: .doc, .pdf, .jpg, ecc..) o con spedizione postale o consegna diretta in numero copie UNO in busta chiusa, a Municipio di Tredozio – via Martiri, 1 – 47019 Tredozio (FC), citando in oggetto o nel frontespizio della busta il titolo “Concorso di poesia Maria Virginia Fabroni  2017”.

7.     Le poesie presentate saranno valutate ad insindacabile giudizio da una giuria che sarà nominata dal sindaco con propria determinazione, dopo la scadenza di presentazione delle poesie e sarà composta dallo stesso Sindaco o suo delegato e da uomini e donne della cultura letteraria.  La composizione della giuria verrà resa nota, attraverso i canali ufficiali.

 

 

 

8.     L’opera vincitrice verrà riprodotta su un apposito muro, indicato dall’amministrazione comunale; ai primi tre classificati saranno consegnati attestati con motivazione.      Tutte le poesie meritevoli verranno pubblicate su un volumetto celebrativo dell'edizione.

9.     La premiazione avrà luogo a Tredozio in data da definirsi. Ai vincitori sarà data comunicazione telefonica. In caso di assenza, il vincitore ha facoltà di delegare un suo incaricato per presenziare all'evento.

10.  Gli autori rimangono pienamente in possesso dei diritti relativi ai testi con cui intendono partecipare al concorso. Accettano, altresì, di concedere a titolo gratuito e senza nulla pretendere i diritti di esecuzione, riproduzione e pubblica diffusione delle opere presentate. Inoltre gli autori accettano di concedere a titolo gratuito e senza nulla pretendere i diritti di pubblicazione, distribuzione e vendita delle opere presentate, in realizzazione al volumetto celebrativo.

11.                       Per poter partecipare è necessaria l’autorizzazione al trattamento dei dati personali. Il/la partecipante è inoltre totalmente responsabile della veridicità dei dati comunicati, dell’autenticità e paternità dell’opera.

12.                       Le opere non verranno restituite e l’organizzazione declina ogni responsabilità in caso di smarrimento.

 
 
 

Voxlibri

Post n°736 pubblicato il 08 Maggio 2017 da olivieromatteo

Notizia su una nuova trasmissione televisiva dedicata esclusivamente al mondo dei libri, tratta da tarantoeventi.it

La redazione, estenuata da un lavoro duratodiversi mesi, è orgogliosa ed emozionata nell’annunciare la nascita di VoxLIBRI,il primo programma televisivo, realizzato e prodotto interamente in Basilicata,che persegue un solo obiettivo: dar voce ai Libri. Ideata e condotta da AntonioOrlando, scritta con Pamela Romanelli, assistitada Anto Bonavita e diretta magistralmente da Nicola Decio Dimatteo.

 

Numeri da capogiro per un neo progetto ditelevisione orizzontale: ovvero, il programma è visibile su 13emittenti televisive in tutta Italia toccando 16 regioni raggiungendooltre 1.800.000 telespettatori sul digitaleterrestre, che sommati alle visualizzazioni on demand, raggiungono e superanoi 2.200.000 utenti.


“Ogni settimana ci raggiungono poeti,scrittori, autori, da ogni parte d’Italia, per essere intervistati da noi. Sisentono a casa loro, a proprio agio in un ambiente particolarmente accoglientee dove il sole non manca mai.

Si alternano scrittori famosi e menonoti, le case editrici fanno a gara per mandarci i loro beniamini….e siamo soloalla prima puntata.”

L’occasione è davvero ghiotta per gli scrittoriemergenti (e non solo), per gli editori e per gli scrittori/poeti indipendenti.

La redazione ci tiene a precisare che latrasmissione è completamente AUTOPRODOTTA e nonriceve alcun FINANZIAMENTO PUBBLICO: Sul nostro sitointernet www.voxlibri.it  troveretetutte le informazioni utili per seguirci, per raggiungerci e sostenere questogrande progetto.

 

sito: www.voxlibri.it

 

 

 

 
 
 

soleeluna.altervista.org

Post n°735 pubblicato il 27 Aprile 2017 da olivieromatteo

Navigando su internet, mi sono imbattuto in questo nuovo sito dedicato alla promozione di scrittori emergenti.
Il link è www.soleeluna.altervista.com 
Un'opportunità da cogliere al volo specialmente se si è nella fase in cui si promuove il proprio libro, e in questi casi anche una piccola finestra nel web può essere utile

Consiglio una visita al sito.

 
 
 

Premio Città di Castello

Post n°734 pubblicato il 11 Aprile 2017 da olivieromatteo

Al via la nuova edizione del concorso letterario di opere inedite. L’anonimato completo in tutte le fasi di selezione e valutazione dei testi e la giuria illustre presieduta da Alessandro Quasimodo, i punti di forza della manifestazione ombra.

È online il bando dell’XI edizione del Premio Letterario Città di Castello. Promosso dall’Associazione culturale Tracciati Virtuali e diretto da Antonio Vella, il concorso dedicato alle opere inedite nelle sezioni di Narrativa, Saggistica e Poesia, si riconferma anche quest’anno uno degli appuntamenti principali con le nuove voci del panorama letterario nazionale. E non solo per l’ormai consolidata popolarità di cui gode sul territorio e a livello nazionale, ma anche per gli obiettivi sempre più ambiziosi da cui è animato, tanto da meritare per tre anni consecutivi la concessione dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. Costo di iscrizione: 40 euro, di cui 10 saranno devoluti all’A.A.C.C. Associazione Altotevere contro il Cancro. La premiazione avverrà a Città di Castello alla presenza della giuria, dei finalisti, delle autorità e dei giornalisti il prossimo 28 ottobre 2017.

Fiore all’occhiello della competizione nel 2017 è la giuria, che vanta personalità di grande prestigio del mondo dell’arte e della cultura. Anche quest’anno il compito di presiedere è affidato all’attore e regista Alessandro Quasimodo, e sono riconfermati i nomi di Anna Kanakis, attrice e scrittrice, Alessandro Cecchi Paone, giornalista e conduttore televisivo, Claudio Pacifico, Ambasciatore d’Italia, Alessandro Masi, Segretario Generale della Società Dante Alighieri. Entrano in giuria per la prima volta Antonio Padellaro, giornalista ex-direttore de Il Fatto Quotidiano, Francesco Petretti, scrittore e autore di documentari, Marinella Rocca Longo, docente dell’Università degli Studi Roma Tre e Giovanni Zavarella, critico d’arte e letterario.

Terra ricca di scrittori, l’Italia, e di iniziative che hanno l’obiettivo di dare una possibilità a nuove interessanti voci nel mare magnum dell’esordio narrativo. Infatti, se è vero che il lavoro di scouting nel mondo editoriale è costante, è altrettanto vero che la difficoltà maggiore di un giovane autore resta sempre quella di farsi ascoltare, magari con la stessa attenzione riservata a un nome già noto. Ed è questo uno dei punti di forza del Premio Letterario Città di Castello.

I criteri di selezione e di votazione delle opere ammesse non potrebbero infatti essere più democratici: tutti gli aspiranti scrittori sono chiamati a inviare il proprio testo inedito alla Segreteria del Premio entro il 30 giugno 2017. E a tutti gli scrittori è garantito il più completo anonimato. Niente giochi di potere, dunque, niente favoritismi grazie a conoscenze personali. Lo scrittore alle prime armi ha le stesse possibilità di un autore famoso di vincere e di vedere pubblicata la propria opera con la casa editrice indipendente LuoghInteriori.

Oltre alle tre sezioni tradizionali a tema libero, il Premio prevede per l’XI edizione due Sezioni Speciali. La prima, diretta dall’Ambasciatore d’Italia Claudio Pacifico, Mondi e Culture sulle sponde del Mediterraneo, ha l’obiettivo di favorire la reciproca conoscenza tra la cultura italiana e quella araba. Il premio viene assegnato ogni anno a scrittori che grazie alle proprie opere, tradotte in italiano o in arabo, promuovono il dialogo fra l’Italia e i Paesi arabi della Riva Sud del Mediterraneo.

La seconda, 1970-2020: Verso il 50° anniversario della Regione Umbria, nasce invece per incentivare le ricerche e lo studio sull’importante patrimonio culturale e storico della regione Umbria, dalla più generale dimensione storico-politica alla più circoscritta realtà tematico-settoriale dedicata alla politica istituzionale, economica, sociale, ambientale e agricola.

Il Premio Letterario Città di Castello è promosso dall’Associazione Culturale Tracciati Virtuali con il patrocinio di Regione Umbria, Provincia di Perugia, Comune di Città di Castello, Società Dante Alighieri, Università per Stranieri di Perugia, Associazione Italiana Biblioteche sezione Umbria, Fondazione Centro Studi Villa Montesca. Main Sponsor LuoghInteriori edizioni. In collaborazione con FUIS (Federazione Unitaria Italiana Scrittori), AACC (Associazione Altotevere Contro il Cancro). Sponsor WTP, Banca di Anghiari e Stia, Punto Notte Blu, Grafiche 2001, ModulGrafica Forlivese, Alessandro Gherardi. Media Partner Dire Agenzia di Stampa, Magazine Riflesso.

 
 
 

Meetale

Post n°733 pubblicato il 03 Aprile 2017 da olivieromatteo

Dalla piattaforma di storytelling Meetale, arriva una nuova App per dispositivi Android, che si pone allo stesso tempo come ‘scrittoio’ digitale, laboratorio editoriale, centro per la ricerca di nuovi scrittori e community per lettori.

Articolo tratto dal sito illibraio.it

Come sottolinea un comunicato, Meetale, startup accelerata nell’ultimo anno da G2-Startups, “ha sviluppato un sistema di selfpublishing in grado di rendere efficace l’unione tra le strategie tradizionalmente legate al mondo delle case editrici e i nuovi trend del digitale”.

 

Già alcuni editori hanno sperimentato, per lo scouting, l’uso di Meetale, che si è fatta un nome tra gli autori italiani e gli aspiranti tali. Fabio Biccari, CEO, e Omar Speranza, CTO, hanno così deciso di “implementare le logiche con le quali Meetale è nata sei anni fa, per renderla un tool di scrittura professionale, virale, dall’utilizzo sempre più esperienziale”. Su Meetale (web e app) è ora possibile uploadare il booktrailer del proprio libro; inoltre, è stata attivata la nuova funzione ‘contest’ per votare gli autori dei concorsi online, subito dopo la lettura, e autogenerare nuovi concorsi di narrazione.

 

 
 
 

Il Foglio nel Cassetto

Post n°732 pubblicato il 15 Marzo 2017 da olivieromatteo

L'Associazione culturale IL LUCIGNOLO di MULAZZANO, l'Istituto comprensivo "A. GRAMSCI", la Biblioteca civica "PRIMO LEVI" presentano la Seconda Edizione del concorso letterario per ragazzi Il Foglio nel Cassetto per opere inedite, aperto a tutti gli studenti delle primarie e medie.


REGOLAMENTO

La manifestazione non ha fine di lucro e la partecipazione è assolutamente GRATUITA.

1. PARTECIPANTI
Il concorso è aperto a tutti gli studenti delle scuole primarie e medie.

2. TEMA
Il tema del concorso è libero.

3. SEZIONI
Il concorso si suddivide in due parti:
a) Poesia - Una lirica per partecipante di massimo 50 versi.
b) Narrativa - Un racconto breve per partecipante, massimo 1000 parole.

4. OPERE
Le opere devono essere inedite.
Gli elaborati vanno inviati in formato Word in allegato via e-mail alla segreteria del premio all’indirizzo:
ilfoglionelcassetto@libero.it
Gli elaborati dovranno essere scritti in lingua Italiana o dialetto con relativa traduzione.
I testi non dovranno contenere dati di riferimento dell’Autore.
Nella mail di accompagnamento (o con allegato a parte) dovranno essere presenti i dati anagrafici: nome - cognome - data di nascita - indirizzo - recapito telefonico, e la dicitura "Autorizzo l'utilizzo dei miei dati personali ai sensi D. Lgs 196/03.
Dichiaro inoltre che le opere presentate sono frutto del mio ingegno." Per i minorenni occorre l'autorizzazione di un genitore con la dicitura “Io sottoscritto...............................padre/madre di.............................................autorizzo la partecipazione di mio/mia figlio/figlia al concorso letterario Il foglio nel cassetto organizzto dall'Associazione culturale Il Lucignolo di Mulazzano essendo consapevole della gratuità del concorso indetto per soli scopi culturali”.
Ogni partecipante riceverà e-mail di conferma di avvenuto ricevimento.

5. INVIO DELLE OPERE
L’invio delle opere dovrà essere effettuato entro il 31 MARZO 2017.

6. PREMI
Verranno premiati i primi tre classificati per ogni categoria, con targa e menzione sui canali d'informazione dell' Associazione.
Menzioni speciali a discrezione della Giuria.

7. GIURIA
La giuria sarà composta da un Presidente di Giuria e dai Giurati nominati tra Operatori culturali, Insegnanti, Scrittori.
I giurati valuteranno le opere che riceveranno dalla Segreteria, in forma anonima.
Selezioneranno le tre opere finaliste per ogni categoria.
I voti saranno espressi in 30mi.
La valutazione della Giuria è insindacabile.

8. DIRITTI D'AUTORE
Gli autori, per il fatto stesso di partecipare al Premio Letterario, cedono il diritto di pubblicazione al promotore del concorso senza aver nulla a pretendere come diritto d’autore.
I diritti rimangono comunque di proprietà dei singoli autori.
La partecipazione al Concorso costituisce espressa autorizzazione ad una eventuale pubblicazione antologica.

9. SERATA FINALE
Maggio 2017 (la data sarà comunicata), alle ore 20,00 presso una struttura del Comune di Mulazzano.
Durante la serata, aperta al pubblico, verranno letti i testi finalisti; la Giuria, presente in sala, voterà nuovamente le opere, per determinare la classifica definitiva.
Inoltre si assisterà ad intermezzi musicali e teatrali a cura della Compagnia del Lucignolo di Mulazzano.

10. CONSEGNA DEI PREMI
I premi saranno consegnati durante la serata finale esclusivamente agli Autori presenti o delegati, in accordo con la segreteria.

11. COMUNICAZIONI
I finalisti saranno contattati in tempo utile, telefonicamente o via e-mail.

12. INFORMATIVA
In relazione agli artt. 13 e 23 del D.Lg n. 196/2003 recanti disposizioni a tutela delle persone ed altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Vi informiamo che i Vs. dati anagrafici, personali ed identificativi saranno utilizzati ai fini del concorso. I dati dei partecipanti non verranno comunicati o diffusi a terzi.

Associazione Culturale
“IL LUCIGNOLO DI MULAZZANO”
Via Pandina, 60 - Mulazzano (LO)
tel. 02 98875073
mobile 3493047796
ilfoglionelcassetto@libero.i

 
 
 

Intervista tratta da libreriamo.it

Post n°731 pubblicato il 27 Febbraio 2017 da olivieromatteo

Navigando in rete, mi è capitato di leggere sul sito www.libreriamo.it, un'intervista interessante alla scrittrice Paullina Simons, che spiega alcuni pratici consigli per arrivare a diventare scrittori di successo:


“Ciò che amavo maggiormente della scrittura era la sua capacità di emozionare profondamente”. Spiega così la sua passione per la scrittura l’autrice Paullina Simons, scrittrice di fama internazionale in libreria con “La casa delle foglie rosse”. In questa intervista, Paullina ci racconta i suoi esordi, in che modo vive la stesura di un’opera letteraria, e infine concede alcuni utili consigli rivolti agli scrittori esordienti o ad aspiranti tali.

 

Come nasce la trama di questo tuo libro? Per la storia e la definizione dei personaggi ti sei ispirata ad altri libri o alla realtà?

Sono una scrittrice, ma soprattutto un’avida lettrice; ogni cosa è frutto di ispirazione, dalle mie letture ai fatti di cronaca, senza tralasciare le vicende personali. Penso che sia impossibile scrivere un romanzo senza far trasparire qualcosa di sé . Per quanto riguarda i personaggi, è buffo: a volte prendono vita e compiono scelte che vanno oltre quello che avevo previsto.

Scrivo, riscrivo… e solo alla fine, rileggendo tutto, mi rendo conto di quale piega ha preso la storia e di come sono diventati i protagonisti delle mie storie.

 

Paullina, come hai iniziato a scrivere?

Quando ho iniziato a pensare di voler diventare una scrittrice ero solo una ragazzina che viveva in Russia, e da quel momento ogni altro lavoro è stato solo una distrazione. Crescendo non ero più così sicura di riuscire a diventare una scrittrice perché non stavo scrivendo nulla, ma era comunque il mio sogno. Ciò che amavo maggiormente della scrittura era la sua capacità di emozionare profondamente. Io stessa mi emoziono per ciò che scrivo, perché si tratta davvero del mio cuore che viene trasferito sulla pagina, e credo sia per questo che riesce a toccare i cuori di chi legge, il motivo per cui le mie parole riescono davvero ad emozionare i miei lettori.

 

Come imposti il tuo lavoro, scrivendo?

Quello che non faccio quando scrivo è proprio dare al mio lavoro una struttura rigida. Molti autori lo fanno, ma per me quando inizi a farlo perdi la magia dello scrivere. Voglio vivere la mia storia nello stesso modo in cui vivo la mia vita – scrivo fino a quando non riesco più a “vedere” la scena, e allora faccio una pausa. In “Il cavaliere d’inverno” i personaggi sono diventati sempre più reali e “vivi”, e il lettore vede le loro vite nello stesso modo in cui vede la propria.

 

Com’è stato crescere in Russia?

Non credo di poterlo paragonare a qualcos’altro. Vivevo in città e trascorrevo l’estate in campagna, in un villaggio. Mangiavamo carne solo una volta a settimana, e credevo fosse normale. Mi piacerebbe molto portare mio marito e i miei figli laggiù e mostrargli com’è il posto in cui sono cresciuta.

 

Che consigli ti senti di dare a scrittori e aspiranti tali?

Ai giovani che davvero volessero scrivere, consiglio di leggere davvero tutto ciò che gli passi per le mani: leggete buoni libri, buona letteratura e tutto ciò che possa ispirarvi. Non preoccupatevi di frequentare corsi di scrittura. Semplicemente, scrivete più che potete – in un diario, su fogli sparsi, anche racconti se potete. Scrivete qualcosa, e non preoccupatevi di ciò che avete o non avere sperimentato. Rendete una penna e un foglio di carta, e datevi da fare. State anche attenti a ciò che desiderate.

 
 
 

Premio Racconto breve 2017 “Giammario Sgattoni”

Post n°730 pubblicato il 16 Febbraio 2017 da olivieromatteo

 

L’Associazione Pro Loco di Garrufo di Sant’Omero (Te), con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Sant’Omero, indice la XII edizione del Premio Racconto breve 2017 “Giammario Sgattoni”, sul tema
Ricordi di scuola. Dai banchi i racconti di una vita

1. L’edizione di quest’anno intende ricordare l’intellettuale teramano a dieci anni dalla scomparsa, al quale, nel 2013, è stata dedicata la Scuola elementare di Garrufo di Sant’Omero.

2. La partecipazione è gratuita.

3. I testi non devono superare la lunghezza di n. 16.000 battute (spazi inclusi ed escluso il titolo).

4. Gli elaborati devono essere scritti in lingua italiana.

5. Gli elaborati devono essere inediti: non devono, cioè, essere stati pubblicati su carta o sul web. Di eventuali plagi risponderanno personalmente gli autori.

6. Il materiale dovrà essere inviato entro il 24 aprile 2017, sia su supporto cartaceo, sia su supporto informatico (file.doc), tramite servizio postale a: “Premio racconto breve” c/o Pro Loco di Garrufo, Via Nazionale, 93 - 64027 GARRUFO di SANT’OMERO (Te). Non verranno accettati i racconti inviati solo in formato cartaceo o solo in quello informatico.

7. I racconti non devono essere spediti per posta elettronica, né prima né dopo la scadenza del bando.

8. Le buste contenenti le opere, con timbro postale successivo alla data suindicata, non verranno tenute in considerazione.

9. Il Premio è articolato in un’unica sezione. Possono partecipare tutti quelli che abbiano compiuto i quattordici anni di età alla data del 24 aprile 2017.

10. Ciascun corrente può presentare un solo racconto.

11. I racconti possono aver già partecipato ad altri concorsi, purché non abbiano ricevuto premi o menzioni particolari. L’autore, pertanto, dovrà dichiarare (nella busta al punto 13 del presente regolamento) che il lavoro è inedito e che non è risultato assegnatario, in altri concorsi letterari, di premi di qualsiasi tipologia.

12. I dattiloscritti devono essere presentati in n. 6 copie non firmate, e inseriti in busta chiusa senza mittente, per garantire una assoluta anonimità.

13. Il nominativo, l’età degli autori, i recapiti (residenza, indirizzo, telefono, e-mail), il titolo del racconto e il CD con il file. doc, vanno inclusi in una seconda busta sigillata e inserita nel plico al punto 12 del regolamento, sempre in forma anonima. Oltre a quanto sopra specificato, non sono richieste altre informazioni sugli autori. Sul Cd non devono essere incollate etichette di nessun tipo. Non si accettano racconti senza il Cd incluso.

14. Per informazioni scrivere a Enrico Di Carlo: 320.0697431 (ore pomeridiane); enricodica@libero.it. Oppure telefonare (ore pomeridiane) al 328.8967619.

15. Non verranno presi in considerazione racconti che eccedano la lunghezza stabilita e che, per gli argomenti trattati, contrari alla morale pubblica, a insindacabile giudizio della Giuria possano esporre l’organizzazione o i singoli soggetti a contenziosi di tipo legale o possano risultare lesivi della loro immagine.

16. I lavori partecipanti al Premio non saranno restituiti in quanto costituiranno parte integrante dell’archivio del Premio medesimo.

17. Gli autori, per il fatto stesso di partecipare al presente concorso, autorizzano l’Organizzazione del medesimo a pubblicare le proprie opere se e dove verrà ritenuto opportuno (libri, giornali, riviste, web), rinunciando, già dal momento in cui partecipano al concorso, a qualsiasi pretesa economica o di natura giuridica in ordine ai diritti d’autore, ma conservano la paternità delle proprie opere.

18. La Giuria, nominata dalla Pro Loco di Garrufo di Sant’Omero e resa nota in concomitanza con la pubblicazione dei vincitori, esaminerà i lavori concorrenti e, in base ai criteri e motivi stabiliti per l’assegnazione dei premi, redigerà una relazione conclusiva che conterrà la graduatoria dei vincitori.

19. I premi consistono in:
Primo classificato:
• Soggiorno per due persone a Castelli (Te), patria della ceramica, tra i borghi più belli d’Italia, dove l’Hotel Art’é (0861.979314; www.hotel-arte.it) offre un pernottamento in camera matrimoniale con prima colazione. Un secondo pernottamento con prima colazione è offerto, nello stesso albergo, dalla Pro Loco di Garrufo di Sant’Omero. Il vincitore avrà, inoltre, la possibilità di dipingere, a tema libero, due piatti in ceramica (uno per sé e l’altro per la Pro Loco di Garrufo), all’interno dello stesso Hotel-Laboratorio, seguito dai Maestri Nino e Giantommaso Di Simone.
• L’Editore Domenico Verdone di Castelli offre il pranzo o la cena in un ristorante locale o, in alternativa, la possibilità di visitare il territorio circostante.
• Attestato di partecipazione.
Secondo classificato:
• Soggiorno per due persone a Sant’Omero (Te), dove l’Hotel Davide offre un pernottamento in camera matrimoniale con prima colazione. La Pro Loco di Garrufo di Sant’Omero, offre al vincitore e all’accompagnatore un soggiorno presso lo stabilimento balneare ‘Chalet Lidian’, a Villa Rosa di Martinsicuro (Te), Lungomare Italia, 1, (0861.751333 http://www.chaletlidian.it) comprensivo di 1 ombrellone e 2 lettini in posto ottimale e pranzo.
• Attestato di partecipazione.
Terzo classificato “Premio Corfinio Barattucci”
• Confezione di prodotti della storica azienda liquoristica teatina “Corfinio-Barattucci” (http://www.corfiniobarattucci.com/).
• Attestato di partecipazione.
Premio all’Autore più giovane miglior classificato (al di sotto dei 35 anni compiuti)
• Soggiorno per due persone al “Casale dei ciliegi” (tel. 335.7406495-335.7406491; www.casaledeiciliegi.it), nelle campagne di Campli (Te), con due pernottamenti in camera matrimoniale e prima colazione.
• La Pro Loco di Garrufo di Sant’Omero, offre al vincitore e all’accompagnatore un soggiorno presso lo stabilimento balneare ‘Chalet Lidian’, a Villa Rosa di Martinsicuro (Te), Lungomare Italia, 1 (0861.751333 http://www.chaletlidian.it) comprensivo di 1 ombrellone e 2 lettini in posto ottimale e pranzo.
• Se il premio dovesse coincidere con uno dei primi tre classificati, non sarà cumulabile. Pertanto, andrà all’autore più giovane successivo in graduatoria.
• Attestato di partecipazione.
Premio al miglior Autore abruzzese
• Soggiorno per due persone, con prima colazione presso l’agriturismo Emidio Pepe, a Torano Nuovo (Te), in un periodo dell’anno che dovrà essere concordato con i titolari dell’Azienda vinicola. Il soggiorno prevede anche: aperitivo di benvenuto, utilizzo della biopiscina e visita guidata nella cantina storica, con 350mila bottiglie in invecchiamento (0861.856493; www.emidiopepe.com).
• Se il premio dovesse coincidere con uno dei primi tre classificati, non sarà cumulabile. Pertanto, verrà assegnato al miglior autore abruzzese successivo in graduatoria.
• Attestato di partecipazione.

20. Nel caso in cui i premi non dovessero essere ritirati il giorno stesso della premiazione, decadranno. In tal caso, il vincitore riceverà il solo attestato di partecipazione.

21. La partecipazione al Premio implica l’automatica accettazione da parte dei concorrenti di tutte le norme del bando e l’accettazione del D.Lgs. n. 196/2003 sulla privacy.

22. Il giudizio della Giuria è inappellabile e insindacabile.

23. L’organizzazione non fornirà ai partecipanti alcun tipo di spiegazione in merito a eventuale esclusione dal concorso e ai criteri di valutazione. Inoltre, ove si renda necessario, si riserva il diritto di portare variazioni al piano premi.

24. I premi saranno consegnati ai vincitori il 2 agosto 2017, in occasione della IX Rassegna umoristica “Sorridi con gusto”, inserita nell’ambito della manifestazione enogastronomica “Garrufo con Gusto” che si svolgerà, dal 2 all’8 agosto 2016, in Garrufo di Sant’Omero (Te).

25. La data verrà confermata per tempo.

 

 
 
 

Un disegno di legge per favorire la lettura?

Post n°729 pubblicato il 08 Febbraio 2017 da olivieromatteo

Ho letto su diversi giornali di un interessamento della Commissione Cultura della Camera verso politiche per favorire una maggior diffusione della lettura nel nostro paese. Questo soprattutto a seguito dell'allarme lanciato da 600 docenti universitari che hanno scritto direttamente al governo per chiedere una maggiore attenzione verso i benefici della lettura.
La lettura, come scriveva uno dei giornali, in Italia non è più una necessità, ma ricopre un ruolo molto marginale nella vita delle persone, viene più vista per fini didattici, e la risultante è che il 60% dei cittadini dichiare di non leggere nemmeno un libro nell'arco di un anno, con tutte le conseguenze che ne derivano.
Girando sui social anch'io ho notato l'enorme serie di errori banali in cui cade spesso la gente. La lettera scritta dai docenti al governo parlava di errori appena sopportabili in terza elementare, ma compiuti da studenti universitari.
Non è mai troppo tardi per intervenire su questo punto. Ma occorre anche far presto, perchè il problema al momento non può che aumentare.

 
 
 

PREMIO NAZIONALE NARRATIVA “Valerio Gentile”

Post n°728 pubblicato il 26 Gennaio 2017 da olivieromatteo

PREMIO NAZIONALE NARRATIVA
“Valerio Gentile”
BANDO XX Edizione

Il Concorso è riservato a opere di narrativa inedita, in lingua italiana

Sezione 1: Romanzo breve o raccolta di racconti
Sezione 2: Racconto breve

Possono partecipare autori italiani o di diversa nazionalità, che al 31/12 /2016 abbiano un'età inferiore ad anni 30.

- Il romanzo breve o la raccolta di racconti dovrà avere una lunghezza non inferiore a 60 e non superiore a 80 cartelle (da 2000 battute ciascuna, compresi spazi bianchi);
- Il racconto breve dovrà avere una lunghezza tra 5 e 10 cartelle (da 2000 battute ciascuna, compresi spazi bianchi).

Possono essere inviate più opere dello stesso autore.

Alle composizioni designate dalla Giuria saranno assegnati i seguenti premi:

Sezione 1

1° PREMIO
- Pubblicazione dell’opera nella prestigiosa
Collana Pochepagine di Schena Editore
- 20 copie del volume premiato
- Diploma di merito.
- Libri di Schena Editore.
2° PREMIO
- Diploma di merito.
- Libri di Schena Editore.
3° PREMIO
- Diploma di merito.
- Libri di Schena Editore.

Sezione 2

1° PREMIO
Ai primi 12 racconti classificati, raccolti in una antologia e pubblicati nella Collana Meridiana di Schena Editore, verranno assegnati i seguenti premi:
n. 3 copie della pubblicazione
Diploma di merito
Libri di Schena Editore

- La partecipazione al Concorso è completamente gratuita.
- Le opere, in unica copia cartacea più una copia via email, e con firma autografa dell'autore, nome, cognome, fotocopia di un documento di identità,
indirizzo completo, numero telefonico e sinossi (solo per la sezione 1), dovranno essere inviate entro il
30 aprile 2017

Copia cartacea

- a CENTRO STUDI "VALERIO GENTILE"
c/o Nicola Gentile
Via F.lli Rosselli, 61 - 72015 FASANO (BR)
Tel. 348/4056218

Copia digitale

- a premio@valeriogentile.it
- a info@schenaeditore.it

- Le composizioni inviate non saranno restituite. Quelle non pubblicate verranno raccolte in volume unico che resterà a disposizione delle biblioteca del Centro Studi Valerio Gentile".

- Il giudizio della giuria è insindacabile: la stessa potrà decidere, in caso di testi di dubbio valore, di non assegnare il primo premio.
- Tutela dei dati personali: il trattamento dei dati,di cui garantiamo la massima riservatezza, ai sensi della L. 196/2003, è effettuato esclusivamente ai fini del presente concorso.
- Diritti d'autore: la partecipazione al concorso costituisce espressa autorizzazione alla pubblicazione dell'opera da parte di Schena Editore, nonchè la cessione alla stessa Casa Editrice dei diritti di autore (relativi alla prima edizione) a titolo gratuito, a fronte delle copie omaggio ricevute all'atto della premiazione. Il rapporto tra autore ed editore sarà sancito da formale contratto di edizione.
- Dichiarazione: ogni partecipante deve obbligatoriamente inviare una dichiarazione sottoscritta nella quale, sotto la propria responsabilità, dichiara che:

l'Opera inviata è INEDITA;
che conosce il REGOLAMENTO del Concorso.

- La Giuria per i lavori partecipanti alla sezione 1, è costituita dallo scrittore Paolo Di Paolo, in rappresentanza del Centro Studi "Valerio Gentile", un rappresentante di Schena Editore, dalla blogger e scrittrice Cristina Mosca e dal giornalista scrittore Antonio Gurrado, in rappresentanza dei vincitori del Premio "Valerio Gentile".
- La Giuria per i lavori partecipanti alla sezione 2, sarà costituita da un gruppo di 15 studenti delle scuole secondarie superiori di Fasano, coordinati da un docente.

- La premiazione avverrà a Selva di Fasano (Br) presso il rist. “Il Fagiano” nell’estate 2017.

- Per ulteriori informazioni e per la richiesta dei volumi che hanno vinto le edizioni precedenti rivolgersi a:

Schena Editore – Via Dell’Agricoltura, 63/65 - 72015 Fasano (BR)
tel. 327.3411872
info@schenaeditore.it
www.schenaeditore.com

TESTIMONIAL del Premio Nazionale di Narrativa “Valerio Gentile”
PUPI AVATI

 
 
 

Leggere allunga la vita

Post n°727 pubblicato il 19 Gennaio 2017 da olivieromatteo

Stamane durante la mia lunga permanenza in una sala d'aspetto, mentre sfogliavo una nota rivista scientifica, l'occhio mi è caduto su di un titolo "Leggere allunga la vita".

Sapevo che leggere rende migliori le persone (uno studio da me letto in passato sosteneva che leggere romanzi favorisce l'empatia), ma ignoravo che rendesse anche più lunga la vita.

Non ricordo precisamente i numeri dello studio, ma la conclusione era che leggere romanzi, (in numero minore giornali e riviste), aumenta di qualche anno la vita, rispetto alla totale non lettura.

L'articolo riportava anche i dati del nostro paese, che purtroppo resta l'ultimo in Europa per numero di libri letti, meno della metà della popolazione ammette di leggere più di un libro l'anno. E le donne leggono mediamente più degli uomini.

La ricerca non spiegava in che modo avviene il meccanismo messo in atto dalla correlazione lettura/anni di vita, ma i ricercatori suggeriscono che la causa è nascosta nei benefici cognitivi che si hanno quando si legge. Uno studio del 2013 aveva confermato che leggere libri migliori la connettività delle cellule del cervello.

Non che questa sia la motivazione che può e deve spingere le persone a leggere di più, ma è pur vero ciò che è universalmente riconosciuto, leggere rende persone migliori, rende la vita migliore e ora ... forse anche più lunga.

 

 
 
 

Concorso Laghese di Narrativa e Poesia

Post n°726 pubblicato il 13 Gennaio 2017 da olivieromatteo

Regione Emilia Romagna

Comune di Lagosanto

 

19° Concorso Laghese di Narrativa e Poesia 2017

 Tema del concorso:

“LA FAMIGLIA”.

 

Sono previste 2 sezioni:

- una riservata alla narrativa (novella/racconto) in lingua italiana;

- una riservata alla poesia in lingua italiana;

 

REGOLAMENTO

 

1) I testi devono essere inediti, non premiati in altri concorsi e dattiloscritti

2) I partecipanti possono presentare 1 opera di narrativa (massimo 3 pagine solo facciata,

carattere Times New Roman  corpo 12  ) e/o massimo 2 opere per la poesia.

3) Gli elaborati,( una copia ) non dovranno essere firmati o recare segni particolari atti ad

essere riconosciuti.

4) compilare il modulo della domanda di partecipazione (reperibile presso il sito www.comune.lagosanto.fe.it ) e inviarlo unitamente alle opere

5) Non è prevista quota d’iscrizione.

6) I premiati che non si presentano alla cerimonia o non delegano un loro rappresentante,

rinunciano al premio;

7) Una giuria qualificata valuterà gli scritti;

8) Le opere dovranno pervenire

entro il 31 Gennaio 2017

 

presso: Biblioteca Comunale Via Roma n°19, 44023 Lagosanto (Fe), farà fede il timbro postale;

 oppure e-mail:   biblioteca@comune.lagosanto.fe.it  (segreteria concorso)

9) La cerimonia di premiazione si terrà presso la Sala consigliare – Municipio -

 di Lagosanto nel pomeriggio di

Domenica 26 Marzo  2017 alle ore 15,30.

 

10) In tale occasione verranno premiati i primi 3 (tre) classificati per ogni sezione;

 

11) I premi sono:  1° premio              -Euro 300

      2° premio              -Euro 200

      3° premio              -Euro 100

12) Durante la cerimonia di premiazione, verranno lette le opere vincitrici (nel caso della narrativa, si farà una estrapolazione delle parti salienti dei testi).

 

13) Il concorrente che partecipa accetta incondizionatamente le clausole sopra esposte 

Informazioni: Biblioteca Comunale – Tel:0533/948529

Copia del bando di concorso e del modulo di iscrizione sono in visione presso il sito :www.comune.lagosanto.fe.it

 

 
 
 

2017

Post n°725 pubblicato il 31 Dicembre 2016 da olivieromatteo

 

Gli ultimi mesi del 2016 sono stati per me di gran lavoro, purtroppo ho avuto poco tempo da dedicare alla lettura e alla scrittura, ho persino aggiornato poco questo blog che curo ormai da anni.
La speranza è che il 2017 sia un grande anno come quello appena trascorso, pieno di equilibrio e sviluppo, o anche di più.
Buon anno a tutti!!!!

 
 
 

Regalare un libro?

Post n°724 pubblicato il 16 Dicembre 2016 da olivieromatteo

Si avvicina il Natale, e così il tempo dei regali, dei pensieri, delle buone azioni. Come ogni anno il mio invito non può essere altro che: regalare un libro.
Ma è la scelta giusta? Regalare libri è sicuramente utile per spingere alla lettura, e la lettura di un libro può avere solo effetti positivi, può far vivere una storia, aumentare l'immaginazione, accrescere la cultura.
Ma può essere uno spreco di tempo e soldi regalare un libro ad una persona non tenendo bene a mente i suoi gusti letterari? In passato mi è capitato di regalare dei libri ad alcuni ragazzi, ignorando totalmente i loro gusti, saranno finiti su uno scaffale? Dalle loro espressioni mentre li scartavano, ammetto che sia l'idea più ottimista.
Così un libro può finire a riempire qualche vuoto in una libreria, o finire nel camino, o prestato e mai restituito, magari qualcuno prova a leggerlo, la prima pagina, le prime due o tre al massimo.
Forse c'è la presunzione che un best seller debba piacere per forza, un libro in cima a tutte le classifiche non può che essere avvicente, bello, da mozzafiato, da leggere in un giorno ... anche se ammetto che i libri più belli li ho comprati su e-bay, da vecchie librerie, libri fuori catalogo, come il caso di questa estate in cui ho comprato alcuni romanzi stampati nel 1985, il mio anno di nascita, erano in perfette condizioni però, ed erano ottimi libri.
Alle volte anche conoscendo i gusti letterari è possibile toppare del tutto la scelta del libro. Io ad esempio amo King, ma alcuni suoi romanzi non sono proprio riusciti a leggerli, anche dei miei scrittori preferiti o del mio genere preferito amo alcune sfaccettature, non tutte. Quindi non si è mai sicuri, a meno che, non sia la persona in questione ad aver parlato di un libro in particolare, manifestando l'intenzione di leggerlo al più presto.

Ecco il motivo per cui probabilmente non comprerò alcun libro da regalare, lo farò esclusivamente a me stesso.


 
 
 

Scrittori che non ... amano scrivere

Post n°723 pubblicato il 02 Dicembre 2016 da olivieromatteo

Girovagando nel web, ho trovato questo interessante e simpatico articolo su vari scrittori che appunto ... Non amano scrivere

Spesso si parla del processo creativo della scrittura, della pazienza necessaria per scrivere, del lavoro quotidiano che c’è dietro ai libri. Il fatto è che dedicarsi alla letteratura è anche scoraggiante, forse frustrante e qualche volta esasperante. Succede di restare fermi dinanzi alla classica pagina bianca o di non riuscire a trovare le giuste parole da mettere in bocca a un personaggio. O, ancora, di vedersi rifiutato dagli editori quello che si ritiene essere un buon lavoro. Tutte situazioni che non capitano solo agli autori esordienti, ma anche a grandi scrittori della letteratura universale. Tanto che alcuni di questi diventavano quasi scontrosi quando dovevano parlare del loro lavoro.

Forse è esagerato parlare di scrittori che non amano scrivere. Magari ce ne sono diversi che non amano leggere, ma questo è un altro discorso. Però è pur vero che alcuni scrittori avevano un rapporto di amore/odio con la scrittura.

5 scrittori che non amano scrivere (forse)

Franz Kafka, per esempio, non era mai contento del risultato della propria opera. Era così insoddisfatto da ordinare al suo amico Max Brod di bruciare tutti i suoi scritti dopo la sua morte. Cosa che Brod non fece, per nostra fortuna. Cos’era la scrittura per Kafka? «La scrittura è solitudine assoluta, la discesa nell’abisso freddo di se stesso». Insomma, una frase che non è proprio incoraggiante per chi scrive. Ma è anche certo che qualcosa di forte ha spinto Kafka a scrivere fino agli ultimi giorni della sua vita.

Kurt Vonnegut è un altro di questi scrittori interessanti, con un senso singolare dell’umorismo e dell’ironia. Non è stato mai uno che esortava altri a scrivere, sebbene nella sua vita abbia parlato di quest’arte diverse volte. «Mi sento come un uomo senza braccia e senza gambe, con una matita in bocca»: così Vonnegut si vedeva nel momento della scrittura.

E che dire di James Joyce? Lui che curava la lingua come pochi e usava giochi di parole incomprensibili solo per il piacere di farlo, ebbe a dire una volta: «Scrivere in inglese è la tortura più ingegnosa mai studiata per i peccati commessi nelle vite precedenti ». Come tutti gli scrittori forniva consigli su come scrivere, ma ogni tanto se ne usciva con queste affermazioni.

Virginia Woolf, dal canto suo, ha parlato molto su come scrivere ma è stata anche una critica con pochi peli sulla lingua. Sulla lettura ci ha lasciato questa frase: «Perché una volta che il male di leggere si è impadronito dell’organismo, lo indebolisce tanto da farne facile preda dell’altro flagello, che si annida nel calamaio e che suppura nella penna. Lo sventurato comincia a scrivere».

Infine, una frase lapidaria del grande John Dos Passos: «Se esistesse un inferno speciale per gli scrittori consisterebbe nella contemplazione forzata delle loro opere».

Scrivere, alla fine, non è così bello come tante volte si dice. Ma chi scrive non può evitare di farlo.

 
 
 
Successivi »
 

<br/><a href=

 

 

Per leggere le prime pagine del mio romanzo "La nube grigia", clicca qui

 

Per i miei video su youtube clicca qui

 

Per tutti gli scrittori esordienti e non: Inviate a matteooliviero2009@libero.it  una recensione del vostro libro e/o una foto della copertina, sarò lieto di dedicarvi un post offrendovi lo spazio necessario per la promozione del vostro romanzo.

 
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK