Creato da ossimora il 20/10/2004
Juliet Berto: "Bisogna tenere a mente il colore della propria ferita per farlo risplendere al sole"

vignetta del giorno

 

Area personale

 

antonia nella notte

 

blog in inglese

immagine

IL MIO BLOG

IN INGLESE

(più o meno...)

 

Tag

 

Ultime visite al Blog

spagetiansa007archetyponFajrgratiasalavidacostanzatorrelli46Rosecestlaviempt2003merizeta21laboratorioatheneojeanlouis_delislestudiodentisticoestepsico_craziabvbtendeRiccardoPenna
 

Ultimi commenti

comprendo che tu sia addolorata, ma in ogni caso il tuo...
Inviato da: Luxxil
il 06/02/2017 alle 18:32
 
MANCHI.
Inviato da: Roberta_dgl8
il 11/01/2017 alle 13:52
 
non commento leggo e comprendo
Inviato da: angiolhgt
il 14/12/2016 alle 23:28
 
le Favole al telefono, qualcuna era infilata nel libro di...
Inviato da: several1
il 06/10/2016 alle 17:29
 
Hai ragione , proprio così, ancora non mi capacito di cosa...
Inviato da: ossimora
il 30/09/2016 alle 20:02
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 313
 

ICONE

 

 

 

 

 

          

          

 

 

 

kill your television

                     

 

 

 

 
 
     Blog counter

    Registra il tuo sito nei motori di ricerca

     Blog Directory

Migliori Siti

 

 

 

     Libertarian Political Blogs Blogs - BlogCatalog Blog Directory

 

 

« estateripartenza »

cahiers de doleance

Post n°2050 pubblicato il 31 Agosto 2015 da ossimora
 



E’ stata un’estate africana , di caldo possente e sferzante , di pomeriggi canicolari al limite del sopportabile anche per me che adoro il caldo e la spossatezza che  naturalmente ne deriva . Amo anche il sudore e la voglia di far niente ma…quest anno complice una stanchezza forse più potente di altre estati mi sono davvero lasciata troppo andare e mi sento la necessità di tirare un po’le fila e cercare una ripartenza , non solo lavorativa che quella va da sola , ma personale , intima se possibile , a tratti mi sento bene bene nel dolce far niente e nel ventre protettivo della casa e delle cose di sempre, troppo , al limite della misoginia.

Ho da risolvere dei problemi “interiori” di mobilità , di pigrizia, di claustrofobie , agorafobie , di anomia soprattutto fisica , troppa testa , troppa lettura , troppo di questo aggeggio esiziale , troppa concentrazione, poca leggerezza, poca  capacità di prendere e andare senza troppi problemi.

L'opposto di anni fa quando in estate mia mamma mi apostrofava dicendomi: " ah se viene il terremoto ...a te non ti becca sicuro"!

A Giugno avevo cominciato alla grande , giri per gli splendidi centri minori della mia Umbria , passeggiate , le feste più significative come “le gaite “di Bevagna , boschi , castagneti , fiumi. Poi…se si esclude un periodo ( che avrebbe dovuto essere molto più lungo!)di mare ,comunque rigenerante e positivo , progetti in testa che invece di concretizzarsi sono rimasti sulla carta o sui siti di prenotazioni on line.

Ci si è messo poi  pure il povero micione anziano che sta male  e non può essere abbandonato.

 Sono piuttosto statica, monolitica , iperpigra ,accidiosa.

Non mi piace . 

Che fare? 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog