Creato da ossimora il 20/10/2004
Juliet Berto: "Bisogna tenere a mente il colore della propria ferita per farlo risplendere al sole"

vignetta del giorno

 

Area personale

 

antonia nella notte

 

blog in inglese

immagine

IL MIO BLOG

IN INGLESE

(più o meno...)

 

Tag

 

Ultime visite al Blog

lusimia2005spagetiansa007archetyponFajrgratiasalavidacostanzatorrelli46Rosecestlaviempt2003merizeta21laboratorioatheneojeanlouis_delislestudiodentisticoestepsico_crazia
 

Ultimi commenti

comprendo che tu sia addolorata, ma in ogni caso il tuo...
Inviato da: Luxxil
il 06/02/2017 alle 18:32
 
MANCHI.
Inviato da: Roberta_dgl8
il 11/01/2017 alle 13:52
 
non commento leggo e comprendo
Inviato da: angiolhgt
il 14/12/2016 alle 23:28
 
le Favole al telefono, qualcuna era infilata nel libro di...
Inviato da: several1
il 06/10/2016 alle 17:29
 
Hai ragione , proprio così, ancora non mi capacito di cosa...
Inviato da: ossimora
il 30/09/2016 alle 20:02
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 313
 

ICONE

 

 

 

 

 

          

          

 

 

 

kill your television

                     

 

 

 

 
 
     Blog counter

    Registra il tuo sito nei motori di ricerca

     Blog Directory

Migliori Siti

 

 

 

     Libertarian Political Blogs Blogs - BlogCatalog Blog Directory

 

 

« Gianni Rodaridomenica »

kermesse

Post n°2054 pubblicato il 28 Novembre 2015 da ossimora
 




Puntualmente come ormai da parecchio tempo (sigh , sob) tornano i  preparativi per le imminenti feste di fine anno ed io che lavoro nella scuola sono quasi sempre travolta dallo stock lustri nato, rosso dorato dell’epoca . 

Debbo dire che pur interessandomi davvero poco sia la festività religiosa che tutti gli annessi e connessi ( luce/i esclusa che sempre mi garbano) mi sono da tempo pacificata con l’inarrestabile kermesse e le sue più o meno ipocrite ritualità. Pensando al periodo di riposo , devo dire comunque che il boccone migliore inizia sempre verso il 27…quando i cassonetti esplodono di cartone e pacchi ed il silenzio conquista le vie.

Come sempre non possono mancare le polemiche sul presepe a scuola …sulla recita con i simboli del natale cattolico e bla bla bla .Qualche preside ha chiesto di essere laici e…si è scatenata una furibonda sarabanda di commenti alla notizia…mi sono divertita a leggerli e devo dire che di scemenze se ne dicono tante …oh si…commenti illuminati contro i musulmani …”stiano a  casa loro se non vogliono il presepe” , “io ci sono stata nei loro paesi …lì si che manca la libertà”…e via florileggiando . Si va da un palo ad un frasco. Sorrido .

Non si può parlare di laicità in Italia , semplicemente perché è una categoria che non esiste o se esiste è un'accezione negativissima quasi indicibile . Pur non essendo apparentemente uno stato non confessionale a tutti appare normalissimo che in una scuola , ormai multietnica per eventi storico geografici   ci sia il …presepe , nessuno si sogna di chiedere per esempio a tutti i colleghi se sono d’accordo…è dato per scontato e se si prova ad obiettare per esempio che ci sono chiese ogni 100 metri circa e non mancano certo gli spazi presepiali…( io vado in giro per le mie contrade a vedere i bei presepi...ma che c'entra a scuola è un ' altra storia!) sei comunque marcato a fuoco dal pubblico biasimo ed esposto a critiche pesanti . Quindi …anche in prossimità di queste feste con bambini di otto anni che già sono “indottrinati “ ogni settimana sia in parrocchia sia dall’insegnante di RC che cerca di confutare l’Evoluzionismo …mi sorbirò  silente  la solita zuppa , rincuorata dalle parole dei bambini eccitati che fanno a gara a quanti regali chiederanno …”io chiedo il tablet , il cellulare , il monopoli ,tre vestiti , due giochi da tavola, le Lego..i Minions , il film di Frozen…etcetc …

Per fortuna i bambini hanno capito perfettamente tutto , come sempre. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/ossimora/trackback.php?msg=13317505

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
jigendaisuke
jigendaisuke il 28/11/15 alle 13:31 via WEB
Ecco il classico argomento che, di solito, mi spinge a... saltare un turno. Fedele al cavouriano "Libera chiesa in libero stato", mi chiedo invece quanto ci sia di ipocrita politicamente corretto, nella decisione dei dirigenti della scuola di Rozzano. Mi chiedo anche se hanno letto un articolo di Natalia Ginzburg, di una trentina di anni fa, in merito alla questione dei crocifissi nelle scuole. Certo la motivazione della decisione, non mi sembra intelligente e porta solo acqua al mulino fascio-legaiolo e a quello dei fondamentalisti cristiani (già ipocriti di base).
(Rispondi)
ossimora
ossimora il 28/11/15 alle 14:20 via WEB
Il punto infatti non e' tanto la decisione del preside di Rozzano ( anche se muovere il dibattito in queste questioni ha sempre qualcosa di positivo) ma la mia atavica frustrazione a non Potere nemmeno argomentare...queste son questioni TABu ...e basta!
(Rispondi)
 
ossimora
ossimora il 28/11/15 alle 14:24 via WEB
Comunque ti garantisco che i presidi hanno davvero paura a prendere posizioni in questo caso ...pescebarileggiano...comunque guai andare contro il buon vecchio spirito della tradizione....
(Rispondi)
 
 
jigendaisuke
jigendaisuke il 28/11/15 alle 16:18 via WEB
Se l'avesse fatto perché laico tendente all'ateismo, l'avrei apprezzato di più. Ma così ha fatto solo un favore a chi ho già detto, in più si è trovato contro anche i genitori musulmani.
(Rispondi)
ossimora
ossimora il 28/11/15 alle 16:27 via WEB
si , ok , il punto non è la genialata di un singolo preside..il punto è: NELLA SCUOLA PUBBLICA NON DOVREBBE ENTRARE NESSUNA CONFESSIONE RELIGIOSA . In nessun caso e per nessun motivo se non quello di riflessione storica. Il problema quindi è che non è mai entrato questo discorso che taglierebbe la testa al toro ad ogni chiacchiera ed iniziativa estemporanea.
(Rispondi)
Utente non iscritto alla Community di Libero
fajrmoltalvolo il 28/11/15 alle 18:13 via WEB
E' solo questione di tempo. Viviamo nella fase di coda di un'epoca. Forse riusciremo a vedere questa "riforma laica" della scuola pubblica. Comunque, come per tante altre manifestazioni legate al Concordato Stato italiano - Vaticano, anche questa scomparirà. Prima non esisteva mica.
(Rispondi)
ossimora
ossimora il 01/12/15 alle 00:09 via WEB
iusto per ricordare agli intellettuali italiani che se il presepe, i cori di Natale, la messa di mezzanotte e tutto l’ambaradàn natalizio fanno parte della loro cultura, beh, non fanno parte della mia. Che regolarmente pago fino all’ultimo euro di tasse per permettere agli insegnanti di religione di andare in classe a insegnare la loro religione: contro la quale non ho nulla, anzi. Rispetto, stimo e, se lo devo dire chiaro, spesso invidio i miei amici cattolici, quelli veri. Sono persone degnissime, che non hanno alcun bisogno di scusarsi per l’Inquisizione, o la connivenza con i casi di pedofilia, così come i miei amici islamici non sentono la necessità pelosa di dire che non sono terroristi. Tuttavia, mi farebbe piacere ricordare a tutti che esistiamo anche noi, quelli che non hanno la fortuna di avere una fede, e che però, prosaicamente, paghiamo per la fede degli altri. Che puntualmente, quando si parla di rispetto, si dimenticano quello dovuto a noi. Che non consideriamo radici comuni i canti di Natale, il presepio e le messe di mezzanotte, e che invece saremmo disposti a incontrarci con loro sul campo della civiltà, del progresso, della tolleranza, del rispetto reciproco. Tutte cose che però si infrangono sul loro desiderio, non dissimile se non nei metodi (meno cruenti ma altrettanto efficaci) di far vivere noi secondo le loro regole e convinzioni. Per abortire bisogna chiedere il permesso a ginecologi cattolici, per i matrimoni gay si aspetta il via libera di cattolicissimi pluridivorziati e puttanieri, e via così. Ora, costoro devono sapere che non sono più vicino a loro, culturalmente parlando, di quanto non lo sia al più oltranzista degli Imam. Per quanto il Natale faccia parte del mio retroterra culturale (e ne sono felice), non è che io e voi siamo uguali perché mangiamo il capitone la vigilia, anzi. Se volete incontrare me, la gente come me, dovete fare come i miei amici cattolici, quelli che stimo e rispetto: cercarmi su terreno di valori valido, rispettoso, onesto. Ci si vede dopo la messa e ci si trova d’accordo sul reciproco rispetto, sui diritti civili e umani, non su dove piazzare i Re Magi nel presepe. Dovete capire che anche se siamo cresciuti tutti insieme in un paese cattolico, noi cattolici non siamo. E se anche rispettiamo le vostre tradizioni, quando pretendete di dettarci le leggi, di farci mantenere i vostri preti, non siete affatto diversi dal musulmano rompicoglioni che pretende che voi non mangiate lo strologhino o il prosciutto, o che si offende se portate il vino a tavola. Voi che tremate al pensiero che il crocefisso scompaia dalle aule (non dalle vostre chiese, dalle aule), fareste bene a ricordarvi che quando ce lo avete piazzato non avete mica chiesto il nostro, di parere. Noi non ce lo vorremmo, ma siccome siete di più, e non ve ne frega un cazzo di quello che desideriamo noi, il crocefisso resta dov’è. Quella che voi chiamate tradizione condivisa è un’imposizione, che peraltro ritenete ingiusto pagarvi da soli. Capisco fare la figura degli oscurantisti, ma quella dei pezzenti ve la potevate risparmiare.
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
fajrmoltalvolo il 01/12/15 alle 21:36 via WEB
Tu scrivi molto meglio. Che bisogno avevi di copia-incollare questa schifezzeria?!
(Rispondi)
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Antoalvolo il 01/12/15 alle 23:48 via WEB
Mah...era un appunto nemmeno troppo schifoso ...e' bene segnarci quanto ci costa ...
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.