Creato da ossimora il 20/10/2004
Juliet Berto: "Bisogna tenere a mente il colore della propria ferita per farlo risplendere al sole"

vignetta del giorno

 

Area personale

 

antonia nella notte

 

blog in inglese

immagine

IL MIO BLOG

IN INGLESE

(più o meno...)

 

Tag

 

Ultime visite al Blog

spageticostanzatorrelli46Rosecestlaviearchetyponmpt2003merizeta21laboratorioatheneoFajrjeanlouis_delislestudiodentisticoestepsico_craziagratiasalavidabvbtendeRiccardoPennaEwideS
 

Ultimi commenti

comprendo che tu sia addolorata, ma in ogni caso il tuo...
Inviato da: Luxxil
il 06/02/2017 alle 18:32
 
MANCHI.
Inviato da: Roberta_dgl8
il 11/01/2017 alle 13:52
 
non commento leggo e comprendo
Inviato da: angiolhgt
il 14/12/2016 alle 23:28
 
le Favole al telefono, qualcuna era infilata nel libro di...
Inviato da: several1
il 06/10/2016 alle 17:29
 
Hai ragione , proprio così, ancora non mi capacito di cosa...
Inviato da: ossimora
il 30/09/2016 alle 20:02
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 313
 

ICONE

 

 

 

 

 

          

          

 

 

 

kill your television

                     

 

 

 

 
 
     Blog counter

    Registra il tuo sito nei motori di ricerca

     Blog Directory

Migliori Siti

 

 

 

     Libertarian Political Blogs Blogs - BlogCatalog Blog Directory

 

Messaggi di Gennaio 2011

particolari

Post n°1770 pubblicato il 27 Gennaio 2011 da ossimora
 

 

 

Mario Luzi


È inverno,
sono oscuri i covi
dove tu, mia primavera,
ti prepari. Ma io
sono certo di te
e ti aspetto. Sono timidi
e remoti, è vero,
però si riconoscono
i rintocchi
del tuo e mio
notturno orologio millenario.
Sono i primi
sotterranei
e submarini avvisi
di globale sommovimento,
mi arrivano al cuore,
mi martellano il petto.
Oh unisono
nell'accadere e nell'essere
non perderti, sii salvo, sempre.

Mario Luzi
Sotto specie umana

Garzanti Editore 1999

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

anto/logia

Post n°1769 pubblicato il 25 Gennaio 2011 da ossimora
 

Ero alla ricerca di qualcuno che disintegrasse il liso ,trito e ritrito mantra "la mia libertà finisce dove inizia quella di un altro ".

Proprio ieri me lo sono sentito ripetere con aria ispirata da una persona che ne stava facendo un obiettivo per un lavoro didattico.Vago senso di nausea .incomprensione .Giramento di palle .Un contributo .Questo articolo che memorizzo.

"Libertà: una parola che non significa niente e che per questo piace a tutti"[1]

Quando sentiamo parlare di libertà non possiamo fare a meno di pensare a tutti gli usi (spesso a sproposito) che facciamo di questa parola. 

Perché la libertà

Provando a fare una piccola digressione sul perché potremmo chiederci il significato di questa parola (che spesso crediamo più per fede o abitudine di conoscere), possiamo evidenziare tra gli usi a sproposito della libertà il bisogno, di ognuno, di insegnare agli altri cosa significa, salvo evitare accuratamente di definirla.

Il classico è sempre "la libertà finisce dove inizia quella degli altri"(2)[2]. In questa affermazione, che sarà nostro compito qui demolire in modo anche analitico, si evita accuratamente di dire cosa è la libertà, ma si dice, con sicurezza, dove inizia e dove finisce. Si sottintende, forse, la libertà di fare quello che si vuole, perché se ognuno fa quello che vuole in qualche modo (da capire quale) si toglie la libertà altrui (forse togliendo al limite direttamente la vita e quindi ogni facoltà di volere qualsiasi cosa).

In pratica la libertà viene usata in questo contesto nel seguente modo: "la libertà esiste se esistono delle regole che la limitano e le regole hanno ragione di esistere nella misura che rendono possibile la libertà stessa dei soggetti che la praticano".

Una affermazione così vaga non stupisce che piaccia a tutti, proprio perché non significa niente e che, da destra e da sinistra, si possano riempire le scatole vuote dei termini usati con i contenuti che più piacciono (o fanno piacere i propri elettori).

Cos'è la libertà?

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

parla con me

Post n°1768 pubblicato il 19 Gennaio 2011 da ossimora
 

Spesso leggo il vocabolario con molto gusto.

Mi piacciono le parole

 Quelle desuete arcaiche ,un pò polverose ed i neologismi ,quelli che m'invento  e quelli che trovo in giro.

Naturalmente sviluppo periodicamente delle idiosincrasie furibonde .

Al momento trovo detestabile l'andazzo di salutare( ...lo fanno in primis le commesse dei supermercati ...)dopo le cinque del pomeriggio con "Buona serata ";non mi piace ,lo trovo fuori luogo , è assai televisivo,evoca aperitivi feste e intrattenimento coatto e comunque  niente ha a che vedere con la calma vespertina e la  dolcezza  intima della notte .

"Imperversano "assolutamente si""assolutamente no" questo rinforzare le risposte con gli avverbi mi fa stridere le orecchie (infattamente preferisco l'avverbialità di Cetto Laqualunque semmai !)quasi quanto il diminutivo ..."un attimino ".

Discorso a parte merita "piuttosto che " che è un vero e proprio delirio e pur abusatissimo nell'argomentare seriale ... esprime impropiamente il contrario esatto di quello che si vuole affermare .

Ormai da tanto "Adoro" "Lo adoro" ,hanno fagocitato progressivamente la ricca gamma di aggettivi che possono esprimere il proprio gradimento verso qualcosa .un libro difficilmente sarà eletrizzante,emozionante ,divertente ...ma adorabile (GRRRR)

Poi ci sono gli innominabili ..."e quant'altro (???)","di tutto e di più " ...ai quali tramite intercettazioi  oggi si è aggiunto "ne succedono...ne vedrai   d'ogni"...bleath.

 

post in progress 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

ZED

Post n°1767 pubblicato il 14 Gennaio 2011 da ossimora
 

 

 

Pur avendo firmato e partecipato alle raccolte firme ed agli impegni pro costituzione sono consapevole e convintissima che nulla cambierà nella sicumera ripetitiva autoassolvente del premier ,(detto ormai per la sua fissità ed il suo look pesantemente posticcio …ZED) dopo la bocciatura della corte costituzionale o meglio della sua metà comunista e barricadera…anzi assisteremo al suo profluvio di improperi verso la magistratura rea di perseguitarlo,poverino.

Difficilmente lo vedremo in aula a rispondere di trenta anni di abusi ,concussioni ,società fasulle ,truffe di ogni tipo.

Ormai è vicino alla prescrizione degli ultimi reati e se la caverà come sempre .

Impuniti si diventa e coi quattrini che ha messo in campo può comprarsi quasi  tutti i giornalisti , Bagnasco e compari ...figurarsi qualche togato.

Mi fa parecchio ridere l’aperta contraddizione con la quale sostiene che non gliene frega niente della sentenza ,che anzi gli è totalmente indifferente per poi subito dopo affermare che andrà in tutte le televisioni (sue) a spiegare alla gente (sua) l’insignificanza dei processi (suoi) ...farebbe prima ad andare in aula a dimostrare la (sua) specchiata innocenza ...

Ma davvero c’è ancora  qualcuno , non pagato nè miracolato...(...vedi Brunetta ,Bondi ,Cota ,Gelmini e tanti,troppi altri...) ,che non si accorge di chi è questo losco figuro?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

la figlia dell'insonnia

Post n°1766 pubblicato il 12 Gennaio 2011 da ossimora
 




Alejandra Pizarnik


Chi illumina

Quando mi guardi
i miei occhi sono chiavi,
il muro ha segreti,
il mio timore parole, poesie.
Solo tu fai della mia memoria
una viaggiatrice affascinata,
un fuoco incessante.


Traduzione di Claudio Cinti



Alejandra Pizarnik
La figlia dell’insonnia

a cura di Claudio Cinti
Crocetti Editore 2004


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Quattro giornate

Post n°1765 pubblicato il 11 Gennaio 2011 da ossimora
 

 Come mai ...come mai sempre ...

 

Le giornate per la Costituzione

 

Giustizia e lavoro. La decisione della Consulta sul legittimo impedimento. La Fiat e l’accordo di Mirafiori. Sono i temi all’origine delle Quattro giornate di Milano per la Costituzione. Quattro incontri “per sensibilizzare l’opinione pubblica sul fatto che siamo di fronte ad passaggio estremamente delicato e drammatico per la nostra democrazia”. E per “incoraggiare i giudici della Corte a firmare la palese incostituzionalità del legittimo impedimento e gli operai della Fiat ad abrogare l’accordo separato di Mirafiori”. Appuntamenti fino a giovedì, in attesa della decisione della Corte e dell’esito del referendum a Torino.

In piazza. L’iniziativa ogni pomeriggio in piazza San Babila – è stata pensata e realizzata da gruppi e associazioni, tra cui Il Popolo Viola, Agende Rosse, Articolo 21, Libertà e Giustizia, Giovani Democratici, Adesso Basta.

Tanti gli interventi previsti. Da Salvatore Borsellino a Moni Ovadia. E oltre al caso Fiat e al legittimo impedimento spazio anche ad altri temi. “All’interno delle 4 giornate di presidio oltre ai temi della giustizia e del lavoro, si parlerà anche di immigrazione, diritto allo studio, libertà d’informazione, condizione femminile e non ultimo il tema della corruzione e della mafia”.

In rete. E sul legittimo impedimento tante iniziative anche sul web.

Come la petizione “Corte Costituzionale: difendi la nostra democrazia”, lanciata da Avaaz.org.

Un appello ai giudici della Corte che ha raggiunto 40mila adesioni. “Siamo allarmati dalla crescente pressione politica nei confronti delle vostre responsabilità e vi chiediamo di preservare l’autonomia e l’indipendenza dell’organo costituzionale di cui siete membri, difendendo così anche la nostra democrazia”.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso