Creato da ossimora il 20/10/2004
Juliet Berto: "Bisogna tenere a mente il colore della propria ferita per farlo risplendere al sole"

vignetta del giorno

 

Area personale

 

antonia nella notte

 

blog in inglese

immagine

IL MIO BLOG

IN INGLESE

(più o meno...)

 

Tag

 

Ultime visite al Blog

lusimia2005spagetiansa007archetyponFajrgratiasalavidacostanzatorrelli46Rosecestlaviempt2003merizeta21laboratorioatheneojeanlouis_delislestudiodentisticoestepsico_crazia
 

Ultimi commenti

comprendo che tu sia addolorata, ma in ogni caso il tuo...
Inviato da: Luxxil
il 06/02/2017 alle 18:32
 
MANCHI.
Inviato da: Roberta_dgl8
il 11/01/2017 alle 13:52
 
non commento leggo e comprendo
Inviato da: angiolhgt
il 14/12/2016 alle 23:28
 
le Favole al telefono, qualcuna era infilata nel libro di...
Inviato da: several1
il 06/10/2016 alle 17:29
 
Hai ragione , proprio così, ancora non mi capacito di cosa...
Inviato da: ossimora
il 30/09/2016 alle 20:02
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 313
 

ICONE

 

 

 

 

 

          

          

 

 

 

kill your television

                     

 

 

 

 
 
     Blog counter

    Registra il tuo sito nei motori di ricerca

     Blog Directory

Migliori Siti

 

 

 

     Libertarian Political Blogs Blogs - BlogCatalog Blog Directory

 

Messaggi di Giugno 2012

Fb

Post n°1920 pubblicato il 22 Giugno 2012 da ossimora
 

Stamattina appena sveglia scarrellavo i giornali on line , poi un passaggio su FAcebook , sperando di trovarvi ancora qualcosa di stimolante . Il giochino un po' pomposamente definito "social network" in realtà mi sembra sempre piu' noioso e ripetitivo .

Non mi e' mai piaciuto chi taccia di "inutilità e di negativo " i fenomeni senza provarli e tentare di conoscerli .

Io l' ho trovato divertente , sopratutto in questa interrelazione policentrica che ti fa contattare , in qualche maniera la gente piu sparsa per vari motivi , dalla squadra di calcio per cui simpatizzi all'-associazione di questo o quello , alle immagini da inseguire, i link ad eventi locali e/o vicini ,un bel poutpourri nel quale perdersi ma anche nel quale si e' fin troppo esposti.

Il problema , così come in tutte le cose e' l' uso che in generale va ormai per la maggiore e che me lo sta rendendo sempre meno appetibile e stimolante ...

"Buongiorno...un buon caffè a voi ..."(tazzina fumante e/o con cuoricino annessa)

"che caldo"( immagine di piscine favolose , spiagge incontaminate, iceberg e drink ghiacciati) 

" Stasera esco con le amiche...mi vado a divertire ..." ( di tacchi  vertiginosi , scosciamenti e locali ...) 

Link a video piu' o meno improbabili che tamburellano per giorni e giorni e dei quali se risali all' origine scopri date ormai ben poco attuali .

Scopiazzamenti di link che rimbalzano senza nemmeno la preoccupazione ne ' di verifica minima delle fonti , ne ' di reale dibattito.

Se poi si osserva la comunicazione "politica" allora li e' un vero profluvio di NULLA, l'antipolitica piu ' becera e spettacolare riempie le schermate di satira di terzo ordine , si ripetono come mantra dati ormai vecchi e stantii , il Tuttugualismo la fa da padrone e difficilmente si e ' stimolati a leggere ed ad andare oltre la seconda parola.Un ormai risibile e noioso tutti contro tutti che lascia allibiti per la sua intrinseca stupidita' e dove nemmeno per scherzo c' e ' una proposta di nessun tipo che possa divenire fattiva . 

Ricerca di attenzione e/o solidarietà sempre da verificare e spesso farlocca .

Insomma un mare pieno di troppe cose , poche volte " carine" piu ' spesso insignificanti , poco stimolanti , quasi mai divertenti , appassionanti , arricchenti...

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Meno otto all' estate

Post n°1918 pubblicato il 13 Giugno 2012 da ossimora
 

 

Quando si parla di malattia , quella vera ,importante , molte persone usano dire : " e poi la cosa peggiore e ' che si perde anche la dignita' ...

" Sara ' la mia repulsione per i luoghi comuni e per le frasi fatte ma questa cosa qui non l' ho mai capita e tanto meno accettata .

L' essere umano e' poesia , bellezza, pace e sangue , merda , umori ribelli , vette inaudite e humus ctonio e tutto quanto ha  la stessa identica dignità.

Capita a molti concetti primari e fondamentali ; la dignità e' tanto detta ma poco compresa nella sua quintessenza.

Il latino " dignus" e' un ricalco dal greco "axios " che vuol dire a un tempo degno + assioma.

Fondamentale il passaggio .

L'assioma e' un ' asserzione, una verità evidente ed implicita , che prescinde ogni dimostrazione :così la dignità e' valore intrinseco ed umile che scaturisce soltanto dall' essere UMANI ,uno stato "ontologico" che non dipende ne' da scelte ne' da nessuna qualità .

La dignità e' l'intima ,indimostrabile nobiltà di ogni essere , pilastro postulato su cui si fonda ( o dovrebbe o si aspira) il corpus dei diritti civili , della vita , della cultura/e civile/i , della civiltà intera. 

Chi prova a ripetermi, piu ' o meno contrito,  la storia della malattia che toglie dignità confondendo tutto e spargendo banalità e valore puerilmente estetico , trito , volgare , sull ' essenza del dolore , lo spello , vivo.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Sogno e no

Post n°1917 pubblicato il 06 Giugno 2012 da ossimora
 

Torno li dopo una breve assenza . Trovo tutto bianco , abbandonato, decadente .Tutti i colori sono volatilizzati , i murales e  i poster vivaci che rallegravano i muri sono spariti .Anche i volti delle persone sono sconosciuti e le parole fluttuano prive di significato .Una patina di antico e' scesa su tutto a congelare la scanzonata vivacità e l 'elan vital che contraddistingueva il luogo. La finta leggerezza del disimpegno e del pettegolezzo come "cifra " di relazione evidenzia l' effetto piu saliente ; quello della mancanza di "spessore" di quel frustrante andazzo nel quale si parla per ore di stupidaggini senza senso e si tralasciano con una spallucciata eventi ed accadimenti sui quali sarebbe piu che opportuno soffermarsi a lungo. Per fortuna le grandi finestre affacciate sulle colline e lo splendore neotropicaleggiante di alberi, erbe  , arbusti in grande spolvero  , minimizza il resto.Gli enormi pioppi utilizzati per scandire il tempo , hanno ormai regalato la loro neve sottile e svettano ondulanti lungo il ruscello.Le acacie e il maggio ciondolo profumano di grappoli. Le querce ,pur ultime a rinverdire , giganteggiano nel verde giovane. L' odore della ginestra stordisce sensualmente ed il caprifoglio segreto si arrampica in percorsi impervi ed imprevisti. Le tappezzanti , insistono con i cuscini arrubinati ,rosa e gialli così perfetti e sorprendenti.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso