Creato da ossimora il 20/10/2004
Juliet Berto: "Bisogna tenere a mente il colore della propria ferita per farlo risplendere al sole"

vignetta del giorno

 

Area personale

 

antonia nella notte

 

blog in inglese

immagine

IL MIO BLOG

IN INGLESE

(più o meno...)

 

Tag

 

Ultime visite al Blog

lusimia2005spagetiansa007archetyponFajrgratiasalavidacostanzatorrelli46Rosecestlaviempt2003merizeta21laboratorioatheneojeanlouis_delislestudiodentisticoestepsico_crazia
 

Ultimi commenti

comprendo che tu sia addolorata, ma in ogni caso il tuo...
Inviato da: Luxxil
il 06/02/2017 alle 18:32
 
MANCHI.
Inviato da: Roberta_dgl8
il 11/01/2017 alle 13:52
 
non commento leggo e comprendo
Inviato da: angiolhgt
il 14/12/2016 alle 23:28
 
le Favole al telefono, qualcuna era infilata nel libro di...
Inviato da: several1
il 06/10/2016 alle 17:29
 
Hai ragione , proprio così, ancora non mi capacito di cosa...
Inviato da: ossimora
il 30/09/2016 alle 20:02
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 313
 

ICONE

 

 

 

 

 

          

          

 

 

 

kill your television

                     

 

 

 

 
 
     Blog counter

    Registra il tuo sito nei motori di ricerca

     Blog Directory

Migliori Siti

 

 

 

     Libertarian Political Blogs Blogs - BlogCatalog Blog Directory

 

Messaggi di Luglio 2014

Blogflorilegio/9

Post n°1994 pubblicato il 26 Luglio 2014 da ossimora
 



Il mare all'Argentario

Pazzo Luglio traditore vestito d’Ottobre

Avevo qualche progetto per oggi ma sono tre ore che tuona e piove a dirotto ed il progetto era molto  molto all’aria aperta  .

Oltre tutto l’umidità è forte ed il senso di appiccicaticcio non danno  tregua, meglio in casa .

Ho sfogliato i miei , ancora numerosi blog salvati ma per il blogflorilegio della settimana alla fine ne ho scelto uno trovato per caso cercando  altro .

 I miei del resto sono quelli…ben scritti possibilmente , intimisti , opinionisti sagaci , diversi di libri , consigli e  recensioni, alcuni di scuola …(che non è tempo ) , giardini , immagini . 

Quello che proporrei oggi invece è lieve ,lieve  mi è piaciuto soprattutto per l’idea , la maniera di proporre la propria storia ,(non nego di averci intravisto dei possibili sviluppi/utilizzi didattici )  ... una giovane donna ...

I brevi post sono proposti come in un negozio…

provate , assaggiate , mettete nel carrello … divertente 

Rebelot 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

stregata dallo Strega /5 ...ultimo

Post n°1993 pubblicato il 24 Luglio 2014 da ossimora
 

Publisher di Alice di Stefano è il quinto ed ultimo libro della cinquina di donne del premio Strega. 

Devo dire che ci ho messo del bel tempo anche perché ho letto altro fra un tomo ed un tomino e l’altro.
E’ la storia dell’editore/guru della Fazi  , appassionato e quasi "fuso " con Keats ,nonché marito della giovane scrittrice ,una biografia scritta con un taglio divertito e divertente (a tratti) nella quale si ripercorre tramite la storia d’amore della coppia , la narrazione della vita ,la  formazione e l'innegabile successo dell’editore stesso .
Qualche giornalista che si è sperticato in lodi per la scrittura ironica l’ha paragonata a Palazzeschi , non esagererei . Si legge bene .
Questo romanzo finale mi ha ( se ce ne fosse stato ancora bisogno ) confermato l’idea che avevo come antico preconcetto sui premi letterari ed anche sullo Strega che dei premi è il più pop .
In linea generale sono le case editrici che fanno e disfanno ,cosa pure normale direi , creando o tentando di farlo personaggi e “stelle nascenti” della letteratura . 
Mi sembra che ci riescano solo in parte ;se si ripercorre la STORIA , dei vincitori ed anche di molti candidati non mancano però di  certo nomi e libri importanti ma spesso si incappa in testi di scarso interesse che si restano addosso l’ ”espace d’un matin”.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Blogflorilegio/9

Post n°1992 pubblicato il 20 Luglio 2014 da ossimora
 

Burri A. "grande rosso"

Sono in ritardo col mio blog della settimana .

Non conto più il tempo e mi piace assai .

L’estate sinuosa se ne va velocemente fra dolce far niente e lotte fratricide con gli insetti che mi trovano assai appetitosa !

Non bastano deterrenti di ogni tipo in casa …ieri l’altro viaggiavo in macchina col braccio poggiato fuori dal finestrino ; ho sentito un“toc” non precisato poco sopra il polso sinistro , non era un sassolino ed undolore acuto me l’ha immediatamente confermato…insomma ancora ho un braccio come un salame al peperoncino , rossissimo , bollente e dolorante , non mi salvo!

Il mio blog di oggi è un altro di quelli che mi piace leggere , nessuna immagine se non quelle evocate dalla scrittura .

Quasi mai punti di vista "soliti" , spesso condivisibili i suoi interventi , ben scritto.


Fabristol

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Soffio

Post n°1991 pubblicato il 16 Luglio 2014 da ossimora
 

Matisse's odalisques

Dormire al mattino , senza orari , sveglie , senza disturbi di sorta è un piacere sottile  ed aristocratico .

La notte  fresca e silente serve ad agire , è più nervosa , piena di idee , i pensieri guizzano rapidi e non posso perderla . Qualcuno mi ha detto in questi giorni…” ah come è bello alzarsi prestissimo in estate !” “ brr , non fa per me( a dire il vero neanche in inverno” ) .

Nelle ore del mattino non mi infastidisce né la luce che penetra ,né qualche vocio esterno , sono profondamente immersa in quel sonno pesante , nel quale si fanno strada anche i sogni che compaiono in brevi immagini spesso difficilmente rintracciabili , sfilaccicati e rapidi. In  questa mattine fresche ho provato una sensazione che non posso non annotare .

Ero sola.

Ho avuto netta la presenza di una persona che mi ha coperto,un gesto /persona , un sussurro pieno di presenza tangibile seppur completamente privo di possibilità descrittiva . Un soffio .

Mi sono appena svegliata un attimo  colpita nel profondo da questa “cosa” .

Un turbamento gioioso che rimugino da due o tre giorni e che mi ha regalato un  denso senso di pace.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Blogflorilegio/8

Post n°1990 pubblicato il 11 Luglio 2014 da ossimora
 

 

Picasso "Ritratto di Jacqueline"

Oggi volevo andare un pò in alto , verso il Monte Nerone  , per vedere le fiorite  ,o meglio  , cosa c'è  rimasto in questo periodo che  in Luglio mai o quasi  ho trascorso in zona  , ma è tutto il pomeriggio che tuona e poi ...giù scrosci e rovesci,  tuoni fragranti e poderosi e fughe del micio , seppur calmierate  dalla sua ormai età avanzata....fughette 

Un disastro , le zanzare per di più si rifugiano in casa  urtate dalla pioggia e mi castigano impietose .

Non parlo più dei miei fiori , non è l'anno giusto decisamente.

Mi sono consolata  leggendo un pò e  con la tappa del Tour  de France , la grande boucle , un occhio alla bellezza della campagna francese ed una allo squalo dello stretto ...


Quanto al blog , propongo :

questo  ; UN TAL LUCAS 

Letture, pensieri, versi: di Luca Massaro 

un altro blog di parole , di lampi , riflessioni , brevi articoli e spigolature  . Abbastanza lontano dal "già sentito" , dall'usurato ; io non scrivo più causticamente ( almeno per il momento ...) ma mi piace leggere chi continua a farlo che poi non fa solo quello...fa pensare e divertire .

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

S /Quattro

Post n°1989 pubblicato il 06 Luglio 2014 da ossimora
 

 

 

Ancora una donna – scrittrice , la mia quarta di questa mia personalissima cinquina  rubata alle selezioni dello Strega (*ormai assegnato a chi di dovere) , Elisa Ruotolo una giovane insegnante di lettere al suo secondo romanzo .

OVUNQUE,PROTEGGICI.

Una candidatura presentata da Dacia Maraini e Marcello Fois .
Un'altra saga familiare , ben tre su quattro…dei libri /di donna letti lo è .

Anche qui un certo sapore di magia, di personaggi improbabili , di inquietudini venate di magia , malinconia un certo sapore scorato .Io mi perdo un po’ in mezzo a tutti i personaggi , le storie , i nomi , fatico sempre un po,faccio disegnini, tento di schematizzare ....

Si apre con una frase di Saramago .

Viene da lontano e promette di non avere fine la guerra fra padri efigli ;l’eredità delle colpe .il rifiuto del sangue ,il sacrificio dell’innocenza.”

L’io narrante fa i conti con un padre rifiutato e non apprezzato “Blacman” , un rude saltimbanco , la madre che lo lascia da piccolo e questa famiglia che gira attorno ad una grande , fatiscente ( quante  vecchie case mi sono saltate  in mente leggendo…) Villa Girosa, piena delle presenze di chi vi ha vissuto , di storie evocate e ricercate fra le sue stanze e la lontana A Merica .

Solo nell’epilogo c’è la ricongiunzione e la riacquisizione mentale del padre che porta il protagonistaa rivalutare  e lavorare sul suo  stesso ruolo che ormaicinquantenne riprende il rapporto trascurato e diradato  con sua figlia.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

blogflorilegio/7

Post n°1988 pubblicato il 04 Luglio 2014 da ossimora
 


Un primo , lento , pomeriggio di caldo.

Mi mancano le mie partenze del primo di Luglio , a volte carica da morire...bicicletta , chincaglierie varie , "perché un mese è lungo dicevamo..."

Ma sono serena , questa casa è luminosissima e ben areata , ogni tanto passo dai miei fiori in terrazza per sbirciare le colline , poi si vedrà, l'estate è giovane anche se bello bello come Luglio...

Per il BLOG del Venerdì mi sono fatta un bel viaggio in quelli salvati e riuniti sotto "miscellanea Bloggherie ", alcuni me li sono rileggiucchiati in qua ed il là, molti sono fermi , altri spariti.

 Poi ci sono quelli di verde , giardini e botanica ,tanti/troppi  di libri , di poesia , di arte ...di scuola, non mi sembra periodo questo per didattica e/ letteratura infantile ,non mi va.

Ho ripercorso però questo blog dei "PICCOLI MAESTRI" un gruppo di scrittori / lettori/ artisti ,

(che si sono ispirati al libro stesso "piccoli maestri", una storia di partigiani  )

che si offrono per" farsi libro "ed andare nelle scuole  medie superiori ( ma non solo ) a raccontare / leggere una storia .

Io l'ho fatto qualche volta per i  bambini  , mi piace ...vedremo di farlo ancora , voce ed energia permettendo permettendo ...


PICCOLI MAESTRI 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

S/QUATTRO

Post n°1987 pubblicato il 01 Luglio 2014 da ossimora
 

 

Micco Spadaro - Napoli

 

Ed ora che ho tempi distesi ...

Il quarto libro letto della sestina delle donne dello Strega

( anche l'unico candidato nella cinquina finale) è  stato:

 "Lisario o il piacere infinito delle donne "

di Antonella Cilento .

Scrittrice napoletana  che non conoscevo e che scopro essere prolifica  di racconti e romanzi, tradotta all'estero , nonché insegnante di scrittura creativa da più di venti anni .

(Sarà che si parla solo della Holden...)

 

LISARIO è una giovane donna , di famiglia spagnola , vive a Napoli fra il cinque / seicento ,città sempre  cosmopolita , colorata , attraversata da epidemie e creatività. Dopo una operazione chirurgica  ,certo improbabile all'epoca , la poveretta resta muta . In un'epoca nella quale le donne non potevano studiare legge appassionatamente e di nascosto soprattutto il "suo" Cervantes" e scrive fogli di diario e lettere  di riflessione e dubbio alla "Signora santissima delle sette spine immacolata assunta e sempre vergine Maria ". Quando la famiglia la vuol dare in sposa lei si addormenta , come nella fiaba , si nutre , respira ma dorme in una totale  assenza apparente .

Il giovane Avicente , spagnolo anche lui , costretto alla professione medica dal padre , pur aborrendo  virulenze , strumenti medici e provandone terror panico , si trova suo malgrado a tentare di svegliare la ragazza e riesce a farlo con una terapia ...prevedibile , illecita e piacevole che oltre ad avere successo,  apre in lui in un sol colpo , la curiosità per il corpo ed il piacere delle donne e la possibilità di sposare la giovane Lisario...

Da qui si apre il romanzo avventuroso e picaresco  fra avventurieri , capipopolo , Masaniello ,la peste ,i  pittori e  i pirati  . Lisario che presa d'amor fou per un giovane artista fiammingo fugge con lui a sua volta inseguito da un precedente amante molto vendicativo  , viene ospitata a Pitigliano , quindi riacciuffata e poi imbarcata e quasi annegata fino a Favignana dove è finalmente felice .

Nell'epilogo  la figlia/ o di Lisario ,dalla voce bellissima  , bacchetta ancora il povero marito che  certo sprizza in parte antipatia ma anche una certa  tenerezza  per la sua  impotente malinconia  di non amato perenne. ( lui che aveva in mente solo un matrimonio ricco e una maturità di pigra inettitudine. ) .

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso