Creato da paolo68123 il 08/09/2006
Il titolo provvisorio è definitivo. Però è provvisorio. Chiaro no?

Free Tibet

passaparola

 

Basta! Parlamento pulito

 

 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

Ultimi commenti

è vero, capita sempre!
Inviato da: Rebuffa17
il 13/06/2012 alle 17:46
 
quanto hai ragione...
Inviato da: Rebuffa17
il 13/06/2012 alle 17:45
 
devo provare assolutamente!
Inviato da: Rebuffa17
il 13/06/2012 alle 17:45
 
mamma mia ankio...
Inviato da: Rebuffa17
il 13/06/2012 alle 17:44
 
Bello!
Inviato da: Rebuffa17
il 13/06/2012 alle 17:44
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

Tag

 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Ultime visite al Blog

stefs123pell.torriat70alessandraartusalcnlcnv_cristina7fario8daniele71ATziogobifalco58dglFrancescoZuRebuffa17tartaglioneannadomenicoconocchiailMagna
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Il maestro di ottimismoCome eliminare il terrorismo »

Ecco fatto, è successo.

Post n°12 pubblicato il 08 Febbraio 2008 da paolo68123
Foto di paolo68123

E' una delle cose che odio di più, compare nel profilo mica per niente. Ed è successo. Sentimenti contrastanti si fanno largo in me mentre cerco di risolvere vicino al luogo del misfatto: folle rabbia, passiva rassegnazione, voglia di piangere, poi di nuovo rabbia e desiderio di vendetta. I sentimenti possono mutare, ma i fatti non cambiano purtroppo: ho pestato una merda.

Il marciapiede di fronte a casa mia è un tappeto di questa immonda sostanza, bisogna sempre tenere gli occhi ben puntati per terra. Ma di notte, se il fondo è anche umido e rimane più scuro, è difficilissimo riuscire ad individuare gli ostacoli di quel colore. E così la scorsa settimana è successo. Ricordavo di averla vista durante il giorno, tornando la sera non sono riuscito proprio a scorgerla, arrivato alla fine del marciapiede, col dubbio che mi perseguitava, ho controllato sotto la luce del lampione ed eccola li, perfettamente attaccata proprio nel mezzo della suola. Ed ovviamente, come ogni volta che capitano questi inconvenienti, potevo forse avere delle scarpe con una suola liscissima che basta una strisciata e via tutto? Ma certo che no!! Suola fatta a minuscoli tacchettini esagonali. Ovviamente la scanalatura fra i tacchetti si è riempita, un vero e proprio labirinto di merda. Che incubo.

La tentazione di togliermi le scarpe e buttarle in un cassonetto è forte. Ma poi demordo, mi rassegno e camminando sul tallone vado verso casa. Qualche vicino potrebbe pensare che ho una gamba di legno, spero non ci fosse nessuno affacciato alla finestra. Del resto poteva andare peggio, poteva succedermi lontano da casa dove non avrei saputo come pulirmi. A casa invece ho trovato un metodo molto efficace. Un vecchio spazzolino da denti, e la suola è tornata come nuova. Ma nonostante questo il responsabile la dovrà pagare per il ribrezzo che ho provato durante l'operazione e la sensazione di essermi schizzato da qualche parte senza essermene accorto. Mi sarò lavato 20 volte.

E ora la vendetta caro il mio colpevole. Perchè d'ora in avanti terrò gli occhi aperti. Se ti vedo passare con un cane controllerò che tu abbia il sacchettino per raccogliere le sue creazioni. E una volta che ti avrò trovato non ti dirò proprio nulla, ma ti seguirò fino a casa per vedere dove abiti. Già, perchè mi sono già attrezzato per trasportare una delle MIE creazioni davanti a casa tua, cammuffata con qualche bella foglia che ti impedirà di individuarla. E riderò, ah quanto riderò.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog