Blog
Un blog creato da Ganimede.76 il 14/05/2007

Parole non dette...

"la vita è uguale a una scatola di cioccolatini, non sai mai quello che ti capita!" (Forrest Gump)

 
 

PREGHIERA DELL’OMOSESSUALE

di Fr. Angelo (Sud  Italia) 

il discepolo che gesù amava

Padre dell’umanità, come figlio mi rivolgo a te con fiducia: aiutami a sentirmi amato da Te, dalla Tua Chiesa, dalle persone a  me care e da tutti coloro che mi circondano. Non mi facciano sentire un verme, un errore della natura, un mostro da nascondere. Donami la forza di accettarmi  per come mi hai creato, di non vivere da ipocrita, nascondendo a me e agli altri  la mia tendenza sessuale. Aiutami a capire che sono anche io Tuo figlio prediletto, che Gesù è morto in croce anche per me. Metti davanti al mio cammino persone sagge che sappiano consigliarmi, che sappiano aiutarmi ad accettarmi. Molte volte, a causa dei pregiudizi e delle paure, sono tentato di  farla finita su questa terra, ma poi sapendo che “tu ami tutte le cose esistenti  e nulla disprezzi di quanto hai creato; se avessi odiato qualcosa, non l`avresti  neppure creata”(Sapienza 11,24) mi riprendo e vado avanti. Dona ai miei  genitori la rassegnazione e la serenità che sono sempre loro figlio, anche se  non potrò mai dargli la gioia di essere nonni, potrò donargli l’affetto di un figlio  che sa amare e vuole essere amato. Aiutami a non fare scelte sbagliate, matrimonio o vocazione di copertura, ma a fare scelte vere e libere. Se qualche volta ho bisogno di essere abbracciato e amato da uno del mio stesso  sesso…. Stammi vicino e abbracciami forte e fammi sentire la tua infinita misericordia e le tue lacrime che scendono sul mio capo, per dirmi che mi comprendi e mi ami per quello che sono. Ti voglio bene Gesù.

 

BIBBIA E OMOSESSUALITÀ

Nel tentativo di approfondire tale tematica e, soprattutto, di individuare con esattezza i testi della Bibbia ed interpretarne correttamente il contenuto, ho ritenuto opportuno leggere due libri che affrontano l'argomento sul piano esegetico e che hanno come punto di riferimento la Bibbia nella sua interezza.

I libri che ho provveduto a leggere e ai quali mi riferirò nella presente trattazione sono:

- Bibbia e Omosessualità, Ed. Claudiana

- l'Omosessualità nella Bibbia, Ed. San Paolo

bibbia

 Introduzione (>)

I testi nei loro contesti antichi

Antico Testamento:

1) Genesi (>)

I resoconti della Teologia della Creazione

2) Sodoma e Gomorra (>)

C'è Omosessualità in questi racconti?

3) Gionata e Davide (>)

Si può parlare di Omosessualità?

(continua)

 

UN PÒ DI ME...

volto

"Omosessuale e credente"  di Alessandra Del Re:

LiberoBlog/Storie

MI RACCONTO...

"Essere o non essere..."

Una pagina del mio Diario su: Gionata.org

UNA MIA ESPERIENZA...

"Non guaritemi in nome di Cristo"

sul Blog: 1, 2, 3... Liberi tutti dell'Unità di Delia Vaccarello

"Una cristoterapia per guarire dai pregiudizi" su: gaynews

 

LA MIA MAIL:

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

AGEDO

AGEDO

L’A.GE.D.O. è costituita da genitori, parenti e amici di uomini e donne omosessuali, bisessuali e transessuali che si impegnano per l’affermazione dei loro diritti civili e per l’affermazione del diritto alla identità personale.

Vogliamo essere di aiuto e sostegno a quei genitori che hanno saputo dell’omosessualità della propria figlia o figlio e ne soffrono perché per loro è difficile comprendere e accettare. Pensiamo di poter condividere il loro disagio offrendoci come interlocutori per un dialogo su una situazione che noi abbiamo vissuto e superato.

 

DISCLAIMER

Questo Blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Pertanto, non puo' essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001. Gli articoli e le immagini inseriti in questo Blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarmelo e saranno subito rimossi.

 

Visitor Map

 

Web stats powered by www.clubstat.com

 

Registra il tuo sito nei motori di ricerca

 


 

IL MIO BLOG ADERISCE AL PROGETTO:

 

 

« BIBBIA E OMOSESSUALITA'BIBBIA E OMOSESSUALITA' 3 »

BIBBIA E OMOSESSUALITA' 2

Post n°70 pubblicato il 19 Settembre 2007 da Ganimede.76
 

L'Antico Testamento e l'Omosessualità

1) I RESOCONTI DELLA CREAZIONE (Genesi 1,26-28 e 2,24-25)

(di Victor Paul Furnish - tratto dal Libro: Bibbia e Omosessualità - Ed. Claudiana)

Nella Genesi vi sono due racconti che descrivono la creazione: uno più antico, il cosiddetto racconto yahwista, in Genesi 2 e 3, e uno più tardo, il cosiddetto racconto sacerdotale, in Genesi 1. Entrambi sono stati chiamati in causa nel dibattito sull'omosessualità, per ciò che dicono della creazione divina di "maschio e femmina" e del congiungimento sessuale dell'uomo e della donna. Il primo passo che discuteremo è tratto dal racconto più tardo, quello sacerdotale (Genesi 1,26-28), mentre il secondo proviene dal racconto più antico, quello yahwista (Genesi 2,24).

Genesi 1,26-28

Secondo un'interpretazione di questi versetti, l'affermazione sull'essere creati "maschio e femmina" (v. 27b) sarebbe strettamente connessa sia alla precedente affermazione sull'essere creati a immagine e somiglianza di Dio (vv. 26-27a), sia alla benedizione che segue: "Siate fecondi e moltiplicatevi" (v. 28). Se così fosse, sembrerebbe che l'"eterosessualità" è parte di ciò che significa essere fatti "a immagine di Dio", e che qualsiasi tipo di relazione omosessuale sarebbe una violazione di tale immagine divina. Ma leggere il passo in questo modo equivale a fraintenderlo, per diverse ragioni.

PRIMO, Genesi 1 tratta della natura e del genere umano in genere. Qui la parola ebraica adam si riferisce a tutta l'umanità, e la sua traduzione più corretta è "genere umano" (es. NRSV), che viene inteso come comprendente sia il "maschio" che la "femmina". Questo racconto non prende in considerazione la cultura umana (si noti che i termini sociali "uomo" e "donna" non vi compaiono), individui o situazioni particolari, circostanze storiche o questioni etiche. E' specificamente interessato alla creazione da parte di Dio dell'ordine naturale, e pertanto a ciò che è tipico della condizione umana.

SECONDO, questo è un racconto "eziologico", narrato per spiegare perchè le cose sono così come sono, non per prescrivere che cosa le persone dovrebbero fare. In questo racconto, il proposito dei redattori sacerdotali era di spiegare perchè le specie e i generi vengano tenuti opportunamente separati (il fondamento del sistema sacerdotale di purità rituale): perchè furono creati separati. E in particolare a questi redattori premeva mostrare perchè il giorno si Shabbath è separato da tutti gli altri e va perciò mantenuto "santo": perchè il settimo giorno Dio si riposò.

TERZO, l'affermazione riguardo la creazione a immagine e "somiglianza" di Dio intende porre in risalto che l'umanità è separata dal resto della creazione in virtù della relazione particolare che la lega a Dio. Tale relazione è condivisa da tutti i membri della specie umana, maschi e femmine. Nulla viene detto come la specie umana sia a somiglianza di Dio, solo che questa "somiglianza" è ciò che distingue la specie umana dalle altre specie. Quindi, la peculiarità della specie umana non risiede nell'esser stata creata "maschio e femmina" e messa in grado di riprodursi. Proprio sotto questo profilo la specie umana è uguale a ogni altra specie creata, e diversa da Dio. Non s'intende certo dire che la sessualità differenziata e la capacità riproduttiva di cui è stata dotata ogni specie creata siano caratteristiche condivise anche da Dio. Di tutte le divinità dell'antico Vicino Oriente, infatti, solo il Dio d'Israele era considerato asessuato.

Genesi 2,24

"Perciò l'uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie, e saranno una stessa carne". Alcuni interpreti hanno ravvisato in questa affermazione il fondamento di tutti "gli lementi costitutivi del matrimonio", tra cui il suo carattere monogamico, basato su un patto, ed eterosessuale. Ma questa interpretazione legge nel testo assai più di quanto essa in realtà dica, o persino presupponga, e non tiene conto della funzione del racconto in cui esso è inserito.

Come il racconto sacerdotale di Genesi 1, il racconto della creazione di Genesi 2 e 3 si prefigge di spiegare perchè le cose sono come sono e accadono in un certo modo. In questo racconto più antico , però, l'attenzione non è rivolta all'ordine naturale ma alla società. Di conseguenza, qui non viene detto nulla a proposito della creazione di "maschio e femmina" (termini biologici) o della creazione della "donna" dall'"uomo" (termini sociali), affinchè l'uomo possa avere un aiuto adatto a lui; Genesi 3, poi, è quasi interamente dedicato a spiegare perchè l'uomo e la donna hanno ruoli e compiti distinti nella società. La tesi di Genesi 2,23-25 consiste nello spiegare che l'uomo è (tipicamente) attratto dalla donna e gode del congiungimento fisico con lei perchè Dio ha creato la donna traendola dalle ossa e dalla carne dell'uomo.

L'orientamento patriarcale del brano è evidente, e così anche il suo dare per scontato che il desiderio "eterosessuale" sia universale. Non si fa parola dei desideri sessuali della donna, nè si tiene conto di quanti sono incapaci di avere rapporti sessuali, o sono privi di partner, o sono attratti dal loro stesso sesso. Vale la pena notare, comunque, che questo passo non prescrive nè dà presupposta una relazione "monogama" tra uomo e donna, e che non fa commenti sul "matrimonio" in quanto tale. L'obbiettivo di questi versetti è molto più limitato: spiegare perchè, di solito, un uomo è indotto a lasciare i propri consanguinei per unirsi sessualmente a una donna.

TEOLOGIA DELLA CREAZIONE

(di Choon-Leong Seow - tratto dal Libro: Bibbia e Omosessualità - Ed. Claudiana)

Bisogna ammettere che i sette testi biblici - sette in tutta la Bibbia - che menzionano le pratiche omosessuali, o forse vi alludono, sono tutti negativi. In questa negatività, essi riflettono un pregiudizio a favore dell'eterosessualità che nell'antico Oriente era ampiamente diffuso. Le decisioni etiche cristiane non possono però basarsi su questi sette testi, perchè l'applicazione di ciascuno di essi presenta molte difficoltà. E' necessario un diverso orientamento testuale. Se si deve decidere se l'omosessulità sia o meno uno stile di vita accettabile, questa decisione va presa su basi teologiche. E' quindi comprensibile che molti esegeti si siano rivolti alla teologia veterotestamentaria della creazione. Alcuni hanno dedotto dal racconto della creazione di Genesi 1 che i racconti eterosessuali sono normativi: Dio creò gli esseri umani maschi e femmine, e ordinò loro: "siate fecondi e moltiplicatevi" (Genesi 1,28). E' stato però osservato che Genesi 1,26-28 non riguarda le relazioni sociali. Le creature umane non vi sono descritte come "uomo e donna", o "marito e moglie", ma come "maschio e femmina". E' in Genesi 2 che le creature umane sono caratterizzate dai termini sociologici "uomo e donna". Dal punto di vista esegetico è evidente che l'argomento centrale di Genesi 1,26-28 è la biologia e non la sociologia. Inoltre, il testo non tratta di orientamento sessuale; tratta della condizione particolare degli esseri umani rispetto alle creature della terra. A differenza di queste, gli esseri umani sono creati a immagine e somiglianza di Dio; sono innalzati al di sopra di tutte le altre creature e descritti come un riflesso della divinità. A giudicare da quanto sappiamo dagli altri "testi sulla creazione" dell'antico Vicino Oriente, questo significa che agli esseri umani è stata conferita una dignità e una sovranità analoghe a quelle della divinità. Gli esseri umani non sono, come per i popoli vicino a Israele, una classe subalterna, asservita agli dei. Al contrario, sono stati creati a immagine e somiglianza di Dio. Al tempo stesso, il testo fa chiaramente intendere che gli esseri umani sono diversi da Dio nella misura in cui sono biologicamente differenziati, e perciò uguali a tutte le altre creature che popolano la terra; nella loro sessualità essi non sono affatto uguali al Dio d'Israele; sono simili agli animali.

(Si noti che l'esortazione: "Siate fecondi e moltiplicatevi" viene rivolta prima agli animali che agli esseri umani - genesi 1,22)

Il passo, quindi, concerne gli esseri umani in quanto creature biologiche in grado di riprodursi. Infatti, quando il maschio e la femmina furono creati fu loro ordinato: "siate fecondi e moltiplicatevi" - esattamente come gli animali (Genesi 1,22). L'esortazione a procreare è una costante della cosiddetta fonte sacerdotale (Genesi 1,22.28; 8,17; 9,1.7; Es. 1,7). Di tutte le cose dette nel racconto sulla creazione, è questo comando a venire reiterato, nel racconto sacerdotale.

Questa esposizione della realtà è probabilmente una delibera reazione alla teologia di Babilonia, di cui ci resta traccia nell'Epica di Atrahasis (1700 a.e.v.). Mentre nel racconto babilonese gli dèi sono fermamente intenzionati a porre un freno alla crescita della popolazione umana - mediante siccità, pestilnze, carestie, infertilità, diluvi, ecc. - la prospettiva biblica evidenzia che il proposito del Dio d'Israele è esattamente l'opposto: Dio vuole che gli esseri umani siano fecondi e si moltiplichino.

(Secondo l'Epica di Atrahasis, l'umanità si era moltiplicata ed era diventata troppo turbolenta per gli dèi; di quì il desiderio di contenerne lo sviluppo. Cfr. A. Draffkorn Kilmer, The Mesopotamian Concept of Overpopulation and Its Solution as Represented in Mithology, "Orientalia 41, 1972, pp. 160-177, e W.J. MORAN, The Babylonian Story of the Floo, "Biblical" 40, 1971, pp. 51-61.)

L'intento dell'autore di Genesi 1 è dunque dichiarare che la crescita della popolazione umana è un fatto positivo.

(Contrariamente al proposito distruttivo degli dèi nell'Atrahasis, Dio promette ai figli di Israele: "Nel tuo paese non ci sarà donna che abortisca, nè donna sterile" - Esodo 23,26)

Anche da un punto di vista teologico dobbiamo ammettere con la Bibbia che la procreazione è cosa buona e fa parte del progetto creazionale di Dio. Al tempo stesso, però, dobbiamo ammettere che la procreazione non è un elemento essenziale della nostra natura di esseri umani: anche coloro che non hanno figli sono pienamente esseri umani. E neppure l'unione eterosessuale è un elemento indispensabile della natura umana: anche coloro che sono celibi o nubili per scelta o per circostanze indipendenti dalla loro volontà sono pienamente esseri umani. La Genesi, in realtà, non racconta tutta la storia della creazione. Nonostante la chiarezza del testo biblico, noi sappiamo che la procreazione non è un precetto che tutti gli esseri umani possono osservare. Vi sono persone che, per ragioni biologiche, non sono in grado di procreare. E in effetti, in altre parti della Bibbia, il problema della sterilità umana viene preso in considerazione. Nell'orizzonte culturale degli autori della Bibbia la sterilità era considerata una maledizione, e spesso veniva spiegata come conseguenza della collera divina. Ma per molti di noi questa è una spiegazione antiquata, o inadeguata, di una condizione umana. Vi sono poi persone che, per ragioni economiche e pragmatiche, non obbediscono all'imperativo di procreare. Alcune nazioni in epoca moderna hanno ritenuto necessario promulgare apposite leggi per favorire la limitazione delle nascite, imponendo in pratica di contravvenire al precetto biblico. E anche a prescindere da leggi apposite, le realtà sociali ed economiche moderne sono tali da indurre a riconsiderare l'imperativo: "Siate fecondi e moltiplicatevi". Oggi nei paesi occidentali è convinzione comune che una famiglia non molto numerosa costituisca un ambiente migliore in cui crescere i figli, e ono molte le coppie che scelgono di limitare. Questa decisione viene presa in base a considerazioni pragmatiche, non all'autorità di testi inattaccabili. Noi quindi prendiamo sin d'ora queste decisioni prescindendo dal nostro orientamento testuale. I racconti della creazione nella Genesi ci trasmettono ciò che gli autori biblici ritenevano essere tipico: ogni creatura è creata secondo il suo tipo. Non tengono però conto delle eccezioni, che sono anch'esse frutto della creazione.

(CONTINUA)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

no pedofilia

 

IL VANGELO DEL GIORNO

(clicca qui)

vangelo

"Lampada per i miei passi è la tua parola, luce sul mio cammino." (Salmo 118,105)

 

CRISTIANI OMOSESSUALI DI PALERMO

"ho sollevato voi su ali di aquile e vi ho fatti venire fino a me” (Esodo 19,4)

Gruppo"Ali d'Aquila"

 Email: gruppoalidaquila@libero.it

Chiesa San Francesco Saverio

piazza San Francesco Saverio all'Albergheria

PALERMO

Gruppo

Il gruppo "Ali d'Aquila" nasce nel Natale 2008 col desiderio di creare un luogo di accoglienza e di preghiera per le persone omosessuali, per favorire una riconciliazione con se stessi, con Dio e con la Chiesa.

Ci incontriamo nell'ascolto reciproco, nella condivisione delle nostre esperienze, nell'accettazione delle nostre umane diversità, con l'amore dei fratelli, mettendo a frutto quei talenti, doni e carismi che Dio ha donato a ciascuno per la crescita del gruppo.

Poniamo Cristo al centro della nostra stessa esistenza, lasciandoci interrogare dalla Sua Parola per la nostra crescita, umana e spirituale, in una continua e instancabile ricerca della Verità che ci rende liberi.

Vogliamo percorrere un cammino di riconciliazione con la Chiesa, attraverso il dialogo, il confronto e la conoscenza reciproca, nella consapevolezza che la dimensione omoaffettiva è un valore e può ben costituire un percorso di crescita e di approfondimento per vivere, senza pregiudizi, una relazione autentica con l'altro. 

 

AREA PERSONALE

 

SUGAR BABY LOVE

Il video racconta con ironia il percorso sentimentale di un ragazzo diventato uomo, che, dopo aver scoperto di essere Gay, vive la sua identità sessuale benchè vittima di alcune disavventure ... 

 

Criteri di discernimento vocazionale di persone a tendenza omosessuale per l'ammissione al seminario e agli ordini sacri (2005)

Sempre nostri figli Un messaggio pastorale ai genitori di figli omosessuali e suggerimenti ai collaboratori pastorali (1997)

- La Pastorale nei confronti degli omosessuali a Innsbruck (1998)

 

PUBBLICITÀ PROGRESSO

Dio non odia chi è gay

 

DIRITTI NEGATI

bandiera arcobaleno

"Ad ogni individuo spettano tutti i diritti e tutte le libertà, senza distinzione alcuna, per ragioni di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, di opinione politica o di altro genere, di origine nazionale o sociale, di ricchezza, di nascita o di altra condizione." (Art. 2 della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo - 1948)

"Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali." (Art. 3 della Costituzione Italiana - 1948)

 

LIBRI, RIVISTE, OPUSCOLI...

Fede e Omosessualità

Omosessualità e Vangelo 

 

CINEMA, FILM, DVD...

L'altra metà dell'amore

 

no omofobia

 

OMOCAUSTO

omocausto 

"...Considerate se questo è un uomo Che lavora nel fango Che non conosce pace Che lotta per mezzo pane Che muore per un sì o per un no..." (Primo Levi)

 

QUANTI SIAMO A ...

visitor stats

 

ULTIME VISITE AL BLOG

AriannaKirbylo.rattosonia.deangelis11jona2008comeunamarealuigi.musicaroberto_maldiniPippoCroceaitagralupetto750alice010670mazzeocarmenr.magginidoncristian81cninnanannag
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIMI COMMENTI

graziee
Inviato da: diyet
il 10/09/2016 alle 11:24
 
Good blog thank you! diyetler
Inviato da: diyetler
il 07/09/2016 alle 14:08
 
Ciao, la mia storia HIV. Ho scoperto di avere l'HIV un...
Inviato da: jeffery
il 17/12/2015 alle 09:18
 
L'amore non conosce diversità! Video: HollySiz -...
Inviato da: Giles2004
il 18/04/2015 alle 21:04
 
good blog
Inviato da: coloring pages
il 25/12/2014 alle 14:31
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 28
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom